Salta al contenuto

Etiopia, Perseguire Crimini Contro l’Umanità: Dov’é La Legge?

Per mantenere la sua promessa di combattere l’impunità, l’Etiopia deve emanare una legislazione che criminalizzi le gravi violazioni dei diritti umani.

Nel giugno 2018, il primo ministro etiope Abiy Ahmed Ali ha dichiarato al Parlamento che il governo post 1991 ha usato torture e uccisioni per terrorizzare il suo popolo. Perpetrate nei centri di detenzione della polizia, nelle segrete e nelle carceri di tutto il paese, le violenze sanzionate dallo stato raccontate dal primo ministro equivalgono a crimini contro l’umanità nel diritto penale internazionale . Cioè, un attacco diffuso o sistematico diretto contro la popolazione civile.

La dichiarazione di Abiy rappresentava un caso eccezionale di un leader del governo etiope in carica che ammetteva pubblicamente il coinvolgimento dello Stato in crimini contro l’umanità. Seguirono promesse di responsabilità. Il (allora) procuratore generale usò esplicitamente l’espressione “crimini contro l’umanità” quando giurò di assicurare alla giustizia i presunti colpevoli.

A differenza delle promesse di responsabilità, le accuse di crimini contro l’umanità in Etiopia non sono nuove. Tali affermazioni sono state recentemente ascoltate da organizzazioni precedentemente silenziose come la Commissione etiope per i diritti umani (EHRC).

Nel 2021, l’EHRC ha concluso che i crimini contro l’umanità sono stati perpetrati in relazione alla violenza seguita all’assassinio del famoso cantante oromo Hachalu Hundessa. L’EHRC e il Joint Investigation Team (JIT) delle Nazioni Unite hanno scoperto nel marzo 2022 che tutte le parti coinvolte nel conflitto nel Tigray avevano perpetrato crimini contro l’umanità.


Approfondimenti:


Per perseguire efficacemente i crimini contro l’umanità, è necessaria una legislazione nazionale

Le conclusioni della SIC sono in fase di revisione da parte della Task Force interministeriale ( IMTF ), istituita dal governo alla fine del 2021 per indagare sulle gravi violazioni dei diritti umani internazionali e delle leggi umanitarie commesse nel conflitto nel nord dell’Etiopia. Il governo ha promesso di consegnare i colpevoli alla giustizia se l’inchiesta condotta dall’IMTF sulla guerra del Tigray confermerà le conclusioni del JIT.

L’Etiopia ha compiuto sforzi per mantenere le sue promesse. Nel dicembre 2020, il ministero della Giustizia ha organizzato un seminario di brainstorming ad Addis Abeba per esaminare le sfide e le prospettive di perseguire i crimini contro l’umanità nei tribunali etiopi. Hanno partecipato diversi funzionari ed esperti delle forze dell’ordine, tra cui l’autore di questo ISS Today .

Il seminario ha ribadito una scoperta già ben nota negli ambienti accademici: il diritto penale etiope non vieta i crimini contro l’umanità. In effetti, l’espressione “crimini contro l’umanità” ai sensi dell’articolo 28 della Costituzione etiope è un termine improprio inteso a denotare crimini internazionali. Il riferimento alla frase di cui all’articolo 44 del codice penale etiope è un altro malinteso che si riferisce agli altri due fondamentali crimini internazionali, genocidio e crimini di guerra.


Approfondimenti:


Sebbene il seminario abbia evidenziato che l’integrazione completa dei crimini contro l’umanità nella legge etiope fosse fondamentale, non c’è stato uno sforzo significativo per farlo. Il ritardo potrebbe essere attribuito alle riserve di alcuni pubblici ministeri e partecipanti al seminario che non erano entusiasti di avere una legge nazionale. Hanno ritenuto che l’Etiopia sarebbe in grado di perseguire i crimini contro l’umanità facendo riferimento al diritto penale internazionale pertinente o concentrandosi sui reati sottostanti/presupposto.

La richiesta ai pubblici ministeri di concentrarsi sui reati presupposti è inutile poiché molti sono sconosciuti nella legge etiope

Tuttavia, per perseguire efficacemente i crimini contro l’umanità, è necessaria una legislazione nazionale. In primo luogo, i tribunali etiopi non possono applicare direttamente il diritto penale internazionale consuetudinario, che incarna le norme che disciplinano i crimini contro l’umanità. Possono utilizzare disposizioni penali sancite da convenzioni internazionali di cui l’Etiopia è parte. Ma l’Etiopia non è uno stato parte dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, che include i crimini contro l’umanità. Inoltre, a differenza  del genocidio  e dei crimini di guerra , non esiste una convenzione internazionale sui crimini contro l’umanità.

In secondo luogo, concentrarsi sul perseguimento dei reati presupposto dei crimini contro l’umanità trascura le nozioni fondamentali e l’origine del crimine. Reati presupposti quali omicidio, stupro e lesioni colpose gravi sono “reati ordinari”. I crimini contro l’umanità sono crimini internazionali più gravi in ​​termini di gravità e danno, e portano elementi contestuali unici – come l’attacco diffuso o sistematico – che non sono da imputarsi per nessuno dei suoi reati sopra citati.

Criminalizzando crimini così orrendi, la comunità internazionale cerca di salvaguardare la pace, la sicurezza e il benessere del mondo. Il ruolo del governo nel perseguire i crimini contro l’umanità è, quindi, quello di agire non solo per conto delle vittime ma anche della comunità internazionale. Ciò non può realizzarsi quando il reato è erroneamente qualificato e perseguito come un reato ordinario che porta interessi puramente nazionali.

Contrariamente alle promesse dell’Etiopia, perseguire i crimini contro l’umanità come crimini ordinari difficilmente può essere considerato diverso dall’incapacità o dalla riluttanza a perseguirli. Potrebbe essere visto come un tentativo di proteggere i colpevoli dalla giustizia senza considerare le norme pertinenti su limitazioni legali, immunità, ordini superiori e responsabilità di comando.

Comunque sia, la richiesta ai pubblici ministeri di concentrarsi sui reati presupposti è inutile in quanto molti di essi sono sconosciuti nella legge etiope. L’apartheid, la tortura, la sparizione forzata, lo sfollamento interno, la deportazione, lo sterminio e la persecuzione non sono criminalizzati come reati distinti.

L’assenza del diritto sui crimini contro l’umanità ha portato alla politicizzazione della violenza e dei processi

L’assenza della legge sui crimini contro l’umanità nel Paese non pone solo un problema ipotetico. Ha praticamente portato alla politicizzazione della violenza e dei processi, afferma un alto procuratore che ha parlato con l’Istituto per gli studi sulla sicurezza in condizione di anonimato.

Temesgen Lapiso, ex direttore generale del ministero della Giustizia, concorda. Dice che i potenziali casi di crimini contro l’umanità sono stati spesso descritti erroneamente come crimini contro l’ordine costituzionale e la sicurezza interna dello stato. Ciò include violenze e sfollamenti contro Amharas nella regione di Benishangul-Gumuz (2015), Oromos nella regione somala etiope (2017) e Gedeos nell’Etiopia meridionale (2020).


Approfondimenti:


Allo stesso modo, i casi di crimini contro l’umanità riconosciuti da Abiy nel 2018 sono stati perseguiti come reati ordinari. L’ex capo dell’intelligence Getachew Assefa e diversi imputati sono stati incriminati per corruzione e abuso di potere.

Nonostante i suoi impegni, l’Etiopia non sarà in grado di mantenere le sue promesse a meno che il suo diritto interno non consideri i crimini contro l’umanità. Ciò potrebbe essere fatto in un processo legislativo relativamente semplice, in quanto comporta essenzialmente l’adozione delle definizioni internazionali del reato. Supponendo che esista la volontà politica, una bozza del ministero della Giustizia potrebbe essere approvata dal Consiglio dei ministri e trasmessa senza indugio al Parlamento.


Autore: Tadesse Simie Metekia, ricercatore senior, progetto ENACT, ISS Addis Abeba


FONTE: https://issafrica.org/iss-today/prosecuting-crimes-against-humanity-in-ethiopia-where-is-the-law

Lascia un commento