Salta al contenuto

Rifugiati Eritrei Sotto Attacco Nella Guerra Del Tigray – Etiopia

Uno dei pochi articoli di media internazionali che tratta il problema dei rifugiati eritrei interni al Tigray e riporta testimonianze dirette che denunciano il TPLF e il TDF come autori dei crimini e degli abusi subiti all’interno dei campi di accoglienza.

Personalmente non posso confutare la verità dei fatti riportati, ma lo condivido in nome della trasparenza e libertà di opinione. Dovrà essere una realtà preposta a investigare e giudicare i responsabili ed i colpevoli dei crimini verso i rifugiati e le persone in Tigray.

Il focus di tutto questo è che sono le persone che nulla centrano con questa guerra che stanno subendo le peggiori atrocità: i responsabili, che siano parte del TDF, che siano infiltrati di milizie amhara o soldati dell’ ENDF, dovranno essere presi e giudicati da chi di dovere. Speriamo che il prima possibile tutte queste atrocità possano finire per il bene di tutte le vite in gioco… il bene più prezioso che ognuno di noi ha e che va preservato su tutto e per tutti.

NOTA: magari mi inimicherò qualcuno, qualcuno mi guarderà con occhi dubbiosi perché non capirà la mia posizione. Ripeto quello che ho detto fin dall’ inizio, se devo stare dalla parte di qualcuno, NON sto con una bandiera, NON sto con un territorio, Tigray o Etiopia: mi schiero con le persone che soffrono e a cui serve supporto in mezzo a fame, abusi e massacri, siano loro tigrini o rifugiati eritrei… sto dalla parte di quelle persone.

La guerra (con le bombe, con la propaganda o con le parole di odio verso un’etnia) le lascio ad altri.

Davide Tommasin


NAIROBI, Kenya (AP) – Migliaia di rifugiati eritrei sono sempre più coinvolti nel mezzo del conflitto nella regione etiope del Tigray, dove testimoni e funzionari delle Nazioni Unite affermano che le forze hanno attaccato i loro campi, rapito o ucciso alcuni dei residenti e rubato il loro cibo e possedimenti.

I rifugiati sono tra i gruppi più vulnerabili nel conflitto del Tigray, scoppiato a novembre tra le forze della regione e le truppe federali etiopi. Ha lasciato migliaia di morti.

Rifugiati Eritrei Sotto Attacco Nella Guerra Del Tigray - Etiopia
Rifugiati Eritrei Sotto Attacco Nella Guerra Del Tigray – Etiopia

I rifugiati affermano di essere stati presi di mira da entrambe le parti. Le truppe della loro nativa Eritrea, che hanno inviato forze oltre il confine per sostenere i soldati etiopi, sono state accusate di aver distrutto un campo profughi e di rapimenti. E i rifugiati affermano di essere stati attaccati anche come capri espiatori dai tigrini, che denunciano abusi diffusi da parte dei soldati eritrei.

Prima del conflitto, circa 50.000 rifugiati eritrei – molti dei quali sono fuggiti dal governo autoritario del loro paese e dalla sua politica di servizio militare a tempo indeterminato – erano presenti in quattro campi nel Tigray, secondo le Nazioni Unite. Altri 42.000 sono stati dispersi altrove nella regione e nel resto dell’Etiopia. Due dei campi sono stati distrutti all’inizio della guerra e il destino di migliaia di loro residenti è sconosciuto.

La scorsa settimana, le forze del Tigray hanno catturato i restanti due campi, Mai Aini e Adi Harush, dopo aver lanciato un’offensiva contro le forze della vicina regione di Amhara mentre cercavano di riprendersi più territorio dopo il ritiro delle forze federali eritree ed etiopi dalla regione il mese scorso .

I residenti del campo di Adi Harush hanno riferito all’Associated Press che da allora le forze del Tigray hanno rapito più di una dozzina di rifugiati e hanno fatto irruzione in dozzine di case, rubando telefoni cellulari, cibo e altre forniture. “Ci sono molte rapine quotidiane”, ha detto un residente che, come altri, ha parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie.

La scorsa settimana, la rappresentante dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, Ann Encontre, ha espresso allarme e ha confermato la morte di almeno un rifugiato eritreo. “Decine di migliaia di rifugiati, timorosi per la propria vita, sono attualmente intrappolati e impossibilitati a muoversi a causa dell’insicurezza e del movimento in corso delle truppe”, ha affermato.

L’agenzia per i rifugiati etiope in una dichiarazione di giovedì ha definito “equivale a una situazione di ostaggio”.

I combattimenti continuano a sud dei campi, dove le forze di Amhara si stanno ammassando con l’intenzione di riconquistare l’area. I rifugiati ad Adi Harush hanno detto che le forze del Tigray hanno posizionato le armi nel campo per respingere un attacco.

Separatamente, il capo delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi ha condannato gli arresti nelle ultime settimane di “centinaia” di rifugiati a Shire, una città sotto il controllo delle forze del Tigray, e ha citato “rapporti credibili e corroborati di rappresaglie, rapimenti, arresti e violenze contro gli eritrei rifugiati per la loro presunta affiliazione a una parte o all’altra” dall’inizio del conflitto a novembre.

Le forze del Tigray hanno negato di prendere di mira i rifugiati eritrei e in una dichiarazione giovedì hanno affermato di essere “gravemente preoccupate” per le notizie di attacchi. Non è stato possibile raggiungere il portavoce delle forze armate, Getachew Reda, per ulteriori commenti.

Nel frattempo, secondo le Nazioni Unite, i combattimenti sono scoppiati a Hitsats a novembre quando le truppe eritree hanno catturato l’area circostante dalle forze del Tigray.

Gli eritrei in seguito si ritirarono dal campo e le forze del Tigray reclamarono l’area. Diversi rifugiati hanno affermato che le forze del Tigray hanno compiuto attacchi di rappresaglia contro di loro, uccidendo 10 persone fuori dalla chiesa del campo.

“Avevamo tutti paura, quindi abbiamo lasciato il campo, ma le milizie del Tigray ci hanno seguito”, ha detto un residente di Hitsats. “Quando ci hanno preso, hanno lanciato granate. Molte persone che conoscevo sono morte quel giorno. …Penso che volessero vendetta perché il governo eritreo li ha attaccati”.

Altri rifugiati eritrei hanno raccontato simili resoconti di attacchi da parte delle forze del Tigray dopo essere fuggiti da Hitsats. Uno ha detto che 40 delle 60 persone con cui viaggiava sono state uccise vicino all’insediamento di Zban Gedena.

Un altro rifugiato ha detto che decine di persone con cui era fuggito sono state uccise nella stessa zona. “Non ho mai avuto paura come quel giorno”, ha detto.

Molti dei residenti del campo furono radunati dalle forze del Tigray e riportati a Hitsats.

“È stato allora che sono iniziati i tempi difficili”, ha detto un rifugiato che è stato arrestato. “Per un mese non c’era niente da mangiare o da bere. Stavamo mangiando foglie ed erba per sopravvivere”.

Diversi residenti hanno affermato che le forze del Tigray hanno picchiato i residenti del campo e hanno rubato il loro cibo mentre controllavano Hitsats a dicembre. I rifugiati eritrei hanno descritto difficoltà simili nel campo di Shimelba e hanno affermato che 16 rifugiati sono stati uccisi lì a gennaio durante i combattimenti delle forze del Tigray e delle truppe eritree.

Una valutazione interna delle Nazioni Unite vista dall’AP ha confermato che morti, rapimenti e saccheggi si sono verificati a Shimelba e Hitsats, ma ha concluso che gli autori erano “gruppi armati sconosciuti”.

A gennaio, le forze eritree hanno ripreso il campo di Hitsats e hanno ordinato ai restanti residenti di andarsene, hanno detto all’AP diversi rifugiati che ne erano testimoni.

“Le truppe eritree hanno ordinato a tutti i rifugiati di tornare in Eritrea via Sheraro”, ha detto un residente di Hitsats. “A Sheraro ci hanno ordinato di salire su grossi camion, ma sono riuscito a scappare nascondendomi in una casa”.

Altri rifugiati hanno affermato che le truppe eritree hanno costretto migliaia di rifugiati a camminare verso il confine, ma hanno suggerito che, anche se potrebbero affrontare ulteriori persecuzioni da parte del governo autoritario in Eritrea, alcuni potrebbero essere tornati volontariamente per sfuggire alle violenze in Tigray. Il ministero dell’Informazione dell’Eritrea non ha risposto alle domande.

Un rifugiato ora nella capitale dell’Etiopia, Addis Abeba, ha detto di aver visto soldati eritrei cospargere di benzina gli edifici del campo di Hitsats e dar loro fuoco subito dopo che ai rifugiati era stato ordinato di andarsene. I rifugiati intervistati hanno anche affermato che le truppe avevano precedentemente rapito i residenti di Hitsats e Shimelba.

L’ONU stima che 7.300 rifugiati eritrei da Shimelba e Hitsats siano arrivati ​​a Mai Aini e Adi Harush. Ora, mesi dopo, mentre le forze del Tigray espandono la loro offensiva, i rifugiati temono di essere nuovamente coinvolti nelle ostilità.

In un messaggio di testo, un residente di Adi Harush ha descritto una situazione disperata senza accesso agli aiuti e continue vessazioni da parte delle forze del Tigray. “Per Dio, per favore aiutaci”, ha detto.

Articolo di CARA ANNA

FONTE: https://www.westport-news.com/news/article/Eritrean-refugees-under-attack-in-Ethiopia-s-16334448.php#photo-21269094

Lascia un commento