Salta al contenuto

Tigray : aggiornamenti – Martin Plaut – 01 Luglio 2021

Tigray : La guerra è iniziata prima della guerra (del 4 novembre 2020)

Situazione segnalata in Tigray (per 01 luglio)

  • Dopo i pesanti combattimenti di ieri (30/6) a Endabaguna tra la milizia di Amhara e le forze di difesa del Tigray, il ponte di Tezeke che collega il Tigray occidentale al Tigray è stato distrutto (oggi 1/7). È uno dei principali collegamenti di rifornimento nel Tigray.
Tezeke Bridge Tigray - distrutto
Tezeke Bridge Tigray – distrutto
  • testimoni oculari hanno detto che la milizia di Amhara e i soldati dell’ENDF hanno messo della dinamite e poi si sono allontanati e pochi istanti dopo il ponte è esploso.
  • La distruzione del ponte Tekeze significa un colpo devastante per gli sforzi umanitari che cercano di rispondere alla carestia incombente, a livelli catastrofici e di emergenza per 900.000 persone nella regione.
  • La risoluzione 2417 dell’UNSC, adottata all’unanimità nel 2018, ha riconosciuto il legame tra conflitto e fame e ha condannato l’uso della fame come metodo di guerra e ha stabilito le misure preventive e di responsabilità che possono essere imposte.
  • Il conflitto in Etiopia è il primo vero banco di prova per il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla possibilità di intraprendere azioni tempestive per realizzare gli obiettivi preventivi della risoluzione e ridurre il rischio di fame o carestia indotta dal conflitto.
  • Sono emerse online immagini e filmati di una funzione a Mekelle, alla quale ha partecipato il presidente del Tigray Debretsion Gebremichael, il presidente del governo del Tigray. Il filmato mostra il presidente che canta l’inno del Tigray e il presidente che fa un annuncio.
  • il governo del Tigray, guidato dal presidente Debretsion, ha assunto tutti gli affari amministrativi, incluso nella Contea per quanto riguarda la protezione dei rifugiati.
  • Un NOTAM (Notice To All AirMen) è stato emesso per il Tigray. Nessun aereo può volare sotto i 29 mila piedi. Secondo quanto riferito, il TDF ha ripreso il controllo delle batterie antiaeree nella regione.
  • i prigionieri detenuti in Eritrea prima della guerra sono stati dispiegati con la forza nel Tigray. Le disposizioni per il dispiegamento sembrano essere state prese prima che la guerra nel Tigray iniziasse il 4 novembre.
  • La testimonianza del soldato eritreo recita: “Ho raggiunto il confine etiope il 2 novembre 2020. Era un grande esercito. Prima di allora, ero in prigione. Direttamente dal carcere in Etiopia. Sono venuto con altri 160 prigionieri. Alcuni di noi hanno trascorso 8, 9 o 10 anni in prigione. Tutti noi siamo stati mandati in Etiopia. Alcune persone hanno trascorso 13 anni in quella prigione; li hanno arrestati quando hanno cercato di fuggire in Etiopia”.
  • Il militare eritreo precisa: “Ci hanno rilasciato il 30 ottobre dal carcere e il 2 novembre ero a Sheraro. Il primo punto in cui ci hanno portato si chiamava ‘Sambal’ – tutta l’area è una zona di montagna. Si chiama Sambal, molto vicino a Badme. Poi andiamo direttamente a Sheraro. Non è una grande battaglia, entriamo direttamente nello Sheraro. Ma quando siamo all’interno di Sheraro, ci sono combattimenti, molti combattimenti, per tre giorni”.
  • La testimonianza chiarisce che i soldati eritrei sono stati costretti a combattere: “C’erano persone che si rifiutavano di combattere. Hanno detto ‘perché dovremmo morire in un altro paese’? Ora sono tutti in prigione. La maggior parte di loro si trova a Mai Serwa. Sono in pessime condizioni, come in ogni prigione. Nessuno sa esattamente come possono vivere, non permettono alle loro famiglie di visitarli. Tre di loro erano miei colleghi che conosco personalmente. Anche alcuni leader si sono rifiutati di combattere, quindi il presidente Isaias li ha mandati prima in prigione, poi agli arresti domiciliari in un’area chiusa”.
  • Il soldato eritreo testimonia inoltre che: “All’interno delle città del Tigray, c’era l’esercito etiope. L’esercito eritreo era tutt’intorno alle città. Indossavamo la stessa uniforme degli etiopi. Tutto per noi, è stato come l’esercito etiope, e l’esercito eritreo è stato fino a Mekelle, dal confine eritreo fino a Mekelle. Abbiamo tutto l’equipaggiamento dell’esercito, tutte le auto dell’esercito e persino l’equipaggiamento pesante per i bombardamenti”.
  • Il filmato mostra il comando etiope del nord che consegna armi pesanti meccanizzate ai soldati eritrei sul territorio eritreo nella regione di Gash-Barka vicino a Sheraro. Il filmato è datato 5 novembre.
    Riferito che dal marzo 2021, le forze eritree ed etiopi sono state integrate. Le truppe eritree sono state viste indossare uniformi etiopi. Bloomberg ha riferito già l’8 dicembre 2020.
  • Più recentemente la CNN ha riferito il 13 maggio 2021: “Una squadra della CNN che viaggiava attraverso la zona centrale del Tigray ha visto soldati eritrei, alcuni travestiti con vecchie uniformi militari etiopi, presidiare posti di blocco, ostruire e occupare vie di soccorso critiche, vagare per le sale di uno dei pochi ospedali operativi e minacciando il personale medico”.
  • tutti i conti bancari aperti nella regione del Tigray sono stati congelati. Anche i servizi bancari sono stati sospesi per ordine delle autorità federali. Il Tigray rimane sotto un black-out di comunicazione oggi.

Cessate il fuoco e secessione (per il 01 luglio)

  • Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha parlato con il principe ereditario Mohammed bin Zayed di Abu Dhabi della risoluzione e della promozione di un cessate il fuoco per il conflitto in Etiopia.
  • In un articolo per Responsible Statecraft, Alex de Waal ha sostenuto che gli Stati Uniti dovrebbero inviare una delegazione a Mekelle per negoziare con i Tigrini e ascoltare le loro richieste.
  • Ha anche affermato che un “cessate il fuoco umanitario deve specificare come il governo consentirà alle operazioni di aiuto di raggiungere le aree controllate da TDF, che hanno una popolazione di oltre cinque milioni di persone che necessitano di aiuti di emergenza”. Ha sottolineato che proprio la scorsa settimana il primo ministro Abiy Ahmed ha accusato le organizzazioni umanitarie di lavorare con la TDF. Il giorno seguente tre operatori di MSF sono stati uccisi.
  • Ha anche esortato gli osservatori internazionali a essere inviati nel Tigray per verificare che le truppe di Amhara e dell’Eritrea si stiano ritirando. Sottolinea che è nel migliore interesse di tutti poiché la TDF ha minacciato di invadere l’Eritrea o l’Amhara se ciò non dovesse accadere.
  • Inoltre, ha proposto un divieto per gli aerei militari di sorvolare il Tigray, i prigionieri di guerra, e un meccanismo di reclamo deve essere discusso affinché un cessate il fuoco possa durare.
  • De Waal ha anche affermato che “il cessate il fuoco dovrebbe essere un passo verso i negoziati politici che mirano alla pace. Spesso, un accordo di cessate il fuoco include l’impegno a porre fine alla retorica ostile. Non sta succedendo. La dichiarazione etiope indica l’intento opposto. Si riferisce ai leader politici del Tigray come “la cricca criminale”. Reda descrive abitualmente il governo come ‘fascista’”.
  • Bahar Oumer, un attivista etiope per i diritti umani, interpreta una conferenza stampa come dire che il governo etiope ha abdicato la responsabilità per gli affari in Tigray.

Sviluppi in Etiopia (al 01 luglio)

  • la profilazione e l’arresto di etnia tigrina ad Addis Abeba si sono intensificati negli ultimi giorni.
    Aree residenziali come 22, Bole e Teklehayamnot sono state prese di mira dalle forze di sicurezza etiopi per dare la caccia ai tigrini nella capitale.

Sviluppi internazionali (al 01 luglio)

  • Alla tavola rotonda di alto livello USA-UE sull’emergenza umanitaria nel Tigray del 10 giugno, Mark Lowcock, sottosegretario delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ha riferito che l’ONU ha documentato almeno 130 casi di violazioni dell’accesso umanitario: 50 casi che coinvolgono soldati eritrei; 54 casi che coinvolgono soldati etiopi; 21 casi che coinvolgono la milizia di Amhara; 4 casi riguardanti soldati etiopi/eritrei; 1 caso che coinvolge soldati del Tigray.
  • Il Regno Unito dichiara di essere pronto a collaborare con il governo etiope, le autorità del Tigray, le Nazioni Unite e altri partner internazionali per accelerare la fornitura di assistenza umanitaria: “È fondamentale che ci sia un processo politico per tutte le parti per trovare una risoluzione a lungo termine del conflitto nel Tigray”.

FONTE: https://martinplaut.com/2021/07/02/situation-report-eepa-horn-no-179-02-july-2021/

Lascia un commento