Salta al contenuto

Etiopia, le guardie hanno massacrato decine di prigionieri tigrini, dicono testimoni

Gli omicidi più letali sono avvenuti nel campo di prigionia di Mirab Abaya, dove erano detenuti soldati tigrini in carica e in pensione.

Il profumo di caffè e sigarette aleggiava nell’aria calda del pomeriggio in un campo di prigionia etiope improvvisato, hanno detto i prigionieri, mentre i soldati tigrini detenuti celebravano il giorno sacro di San Michele nel novembre 2021. Alcuni scherzavano con gli amici fuori dagli edifici di lamiera ondulata. Altri hanno pregato silenziosamente di ricongiungersi con le famiglie che non vedevano da un anno, quando è scoppiato il conflitto nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia.

Poi sono iniziate le uccisioni

Al tramonto del giorno successivo, secondo sei sopravvissuti , circa 83 prigionieri erano morti e un altro disperso. Alcuni sono stati uccisi dalle loro guardie, altri uccisi a colpi di arma da fuoco dagli abitanti del villaggio che hanno schernito i soldati sulla loro etnia tigraya, hanno detto i prigionieri. I corpi sono stati gettati in una fossa comune vicino al cancello della prigione, secondo sette testimoni.

“Erano accatastati uno sopra l’altro come legno”, ha raccontato un detenuto che ha affermato di aver visto le conseguenze del massacro.

Il massacro nel campo vicino a Mirab Abaya, che è stato insabbiato e non è stato riportato in precedenza, è stato l’uccisione più mortale di soldati imprigionati dall’inizio della guerra, ma non l’unico

Il massacro nel campo vicino a Mirab Abaya, che è stato insabbiato e non è stato riportato in precedenza, è stato l’uccisione più mortale di soldati imprigionati dall’inizio della guerra, ma non l’unico. Le guardie hanno ucciso soldati imprigionati in almeno altri sette luoghi, secondo testimoni, che erano tra più di due dozzine di persone intervistate per questa storia. Nessuno di questi incidenti è stato segnalato in precedenza.

I morti erano tutti tigrini, membri di un gruppo etnico che ha dominato il governo e l’esercito etiope per quasi tre decenni. La situazione è cambiata dopo che Abiy Ahmed è stato nominato primo ministro dell’Etiopia, la seconda nazione più popolosa dell’Africa, nel 2018. Le relazioni tra Abiy e il Fronte popolare di liberazione del Tigray (TPLF) sono rapidamente crollate. La guerra è scoppiata nel 2020 dopo che i soldati tigrini dell’esercito etiope e altre forze tigrine hanno sequestrato basi militari in tutta la regione del Tigray.

Temendo ulteriori attacchi, il governo ha arrestato migliaia di soldati tigrini in servizio in altre parti del paese. Sono stati detenuti in campi di prigionia per quasi due anni senza accesso alle loro famiglie, telefoni o osservatori dei diritti umani. Altri soldati tigrini sono stati disarmati quando è scoppiata la guerra, ma hanno continuato a svolgere lavori d’ufficio. Molti di loro sono stati arrestati nel novembre 2021 mentre le forze tigrine avanzavano verso la capitale, Addis Abeba.

La maggior parte degli omicidi, compreso il massacro di Mirab Abaya, è avvenuta allora. I prigionieri hanno ipotizzato che gli attacchi potrebbero essere stati innescati dalla paura o dalla vendetta. Nessuno dei soldati uccisi era stato combattente contro gli etiopi e quindi prigioniero di guerra.

In alcune carceri, alti ufficiali militari etiopi hanno ordinato gli omicidi o erano presenti quando sono avvenuti, hanno detto i prigionieri. Altrove, i soldati imprigionati hanno affermato di continuare a essere sorvegliati – e picchiati – da coloro che hanno ucciso i loro compagni.

Sebbene ci siano pochi segni che le uccisioni siano state coordinate a livello centrale, ci sono prove di una diffusa impunità. Solo a Mirab Abaya gli agenti sono intervenuti per fermare l’uccisione.
Questi dettagli appena rivelati arrivano mentre entrambe le parti in conflitto stanno elaborando i dettagli di un cessate il fuoco, annunciato il mese scorso, che è stato accolto con sospetto tra la popolazione su una serie di questioni, tra cui se ci sarà responsabilità per crimini di guerra e altre atrocità. Il modo in cui il governo risponde alle rivelazioni sugli omicidi in carcere potrebbe suggerire come tratterà altri abusi presumibilmente commessi dalle forze di sicurezza.

I resoconti dei testimoni illuminano anche come le divisioni etniche che lacerano la società etiope stiano anche erodendo i suoi militari, un tempo ampiamente rispettati come uno dei più professionali della regione e ancora spesso invocati dai vicini dell’Etiopia per aiutare a mantenere la pace. Molte delle persone uccise nelle carceri erano tra le migliaia di soldati etiopi che hanno prestato servizio in missioni internazionali di mantenimento della pace sotto le Nazioni Unite o l’Unione Africana.

Il resoconto di questo articolo del salasso si basa su 26 interviste con prigionieri, personale medico, funzionari, residenti locali e parenti e su una revisione di immagini satellitari, post sui social media e cartelle cliniche. Due elenchi di morti sono stati forniti separatamente al Washington Post ed entrambi includevano gli stessi 83 nomi. Le identità di 16 vittime sono state verificate durante i colloqui con i detenuti. Tutti i testimoni hanno parlato a condizione di anonimato per paura di rappresaglie.

Alla domanda su questi resoconti, il colonnello Getnet Adane, un portavoce dell’esercito etiope, ha detto di essere troppo impegnato per commentare. Un portavoce del governo e la portavoce del primo ministro non hanno risposto alle richieste di commento. Il capo nominato dallo stato della Commissione etiope per i diritti umani, Daniel Bekele, ha affermato che il gruppo era a conoscenza dell’incidente e aveva indagato su di esso.

Proiettili e machete

Circa 2.000-2.500 soldati tigrini in servizio o in pensione, sia uomini che donne, erano detenuti nel nuovo campo di prigionia a circa mezz’ora di cammino a nord della città di Mirab Abaya, in un’area scarsamente popolata punteggiata da piantagioni di banane e vicino a un grande, lago infestato dai coccodrilli. Alcuni edifici erano così nuovi che non avevano nemmeno le porte. Ma il campo aveva torri di guardia e confini delimitati. Le guardie hanno detto ai prigionieri che sarebbero stati fucilati se avessero oltrepassato il limite.

A metà novembre 2021, un nuovo prigioniero – un maggiore appena sposato che lavorava nella divisione di costruzione della difesa dell’esercito – è stato gravemente ferito dalle guardie quando è uscito di notte dalla sua cella per urinare, hanno detto altri sei detenuti. È stato picchiato duramente. Alcuni hanno detto che è stato colpito allo stomaco. Le guardie in seguito hanno detto ai prigionieri che era morto mentre si recava in ospedale.

Nei giorni successivi, le tensioni hanno continuato a crescere con notizie – successivamente confermate da attivisti per i diritti – secondo cui i combattenti tigrini nella regione settentrionale dell’Amhara in Etiopia stavano uccidendo e stuprando mentre avanzavano verso la capitale.

Ma il 21 novembre, il campo di Mirab Abaya sembrava calmo, hanno detto i prigionieri. Molti si stavano crogiolando al sole del tardo pomeriggio quando tra le 16 e le 18 guardie hanno aperto il fuoco.

Un prigioniero ha detto di essere stato vicino a due donne quando sono state colpite da colpi di arma da fuoco nella toilette.

“Una donna è morta immediatamente e l’altra gridava: ‘Figlio mio, figlio mio!’ Poi hanno sparato un altro proiettile e lei è morta”, ha detto. “Loro [le guardie] volevano uccidere tutti lì”.

Una delle donne era un maggiore delle forze di terra etiopi. Aveva circa 50 anni, aveva prestato servizio come pacificatore in Sudan e aveva un figlio e una figlia, secondo il testimone. Altri detenuti hanno detto che la seconda donna aveva lavorato al Ministero della Difesa.

Un alto ufficiale del Tigray ha detto che era nella sua cella quando ha sentito degli spari. Ha infilato vestiti e cose in una borsa. Decise di scappare se poteva.

“Stavo pensando: ‘Vedrò mai i miei figli? Li vedi avere successo a scuola e avere le cose belle della vita?’ ” Egli ha detto. Se non poteva correre, avrebbe combattuto, ha detto. Lui ei suoi compagni di cella cercavano un bastone o qualsiasi altra cosa da usare come arma.

Un terzo prigioniero ha detto di aver iniziato a pregare.

Non tutte le guardie hanno preso parte all’uccisione.

Un quarto prigioniero ha descritto una guardia che ha preso posizione fuori dalle celle e ha detto agli aggressori che avrebbe sparato loro se fossero venuti a prendere i detenuti all’interno. Quella guardia piangeva, disse il prigioniero, e rimase inconsolabile per giorni. Un altro prigioniero ha detto che alcune guardie avevano cercato di disarmare gli aggressori.

Ancora un altro prigioniero ha detto che stava prendendo un caffè fuori quando sono esplosi degli spari. Come molti altri, è corso nella boscaglia circostante. I soldati etiopi hanno inseguito il suo piccolo gruppo, ha detto. Dopo aver corso più di un’ora, ha detto, hanno visto alcuni locali. I prigionieri hanno sbottato che erano stati colpiti e hanno chiesto aiuto.

“Hanno detto… ‘Ti mostreremo ciò che meriti.’ E poi ci hanno attaccato”, ha detto.

Una folla di circa 150-200 persone ha fatto a pezzi e picchiato i fuggitivi con machete, bastoni e pietre, ha ricordato.

La maggior parte è stata uccisa mentre implorava pietà, ha detto, aggiungendo che è stato ferito gravemente e lasciato per morto. Durante l’attacco, ha detto, ha visto altri prigionieri correre nel lago per sfuggire alla folla.

Altri detenuti hanno confermato che ci sono stati attacchi di machete contro coloro che sono fuggiti dalla prigione. Hanno detto che i residenti hanno urlato insulti ai fuggitivi e che gli era stato detto erroneamente che erano prigionieri di guerra e da incolpare per la morte di uomini locali nell’esercito. Due prigionieri hanno detto che gli attacchi sono continuati fino al giorno successivo.

La sparatoria nella prigione è cessata un’ora o due dopo l’inizio, quando è arrivato il colonnello Girma Ayele del comando meridionale. A quel punto, dissero i prigionieri, il campo era disseminato di corpi di morti e la terra era chiazzata di sangue. Non è stato possibile raggiungere Girma per un commento.

La divisione Dejen

Il massacro all’interno della prigione è stato commesso da circa 18 guardie, tra cui una donna, hanno detto i sei prigionieri di Mirab Abaya che sono stati intervistati. Queste guardie e poco più di un terzo delle vittime provenivano dalla stessa unità: la divisione dell’esercito Dejen, precedentemente nota come 17a divisione. È di stanza ad Addis Abeba.

Molti soldati tigrini hanno ipotizzato durante le interviste che l’attacco fosse motivato dalla vendetta. La maggior parte delle guardie che hanno ucciso provenivano dalla regione di Amhara, che le forze tigrine avevano invaso mentre si spingevano verso la capitale.

Girma ha detto ai prigionieri che queste guardie non erano sotto il suo diretto controllo ed erano state arrestate, hanno detto i detenuti. Non è stato possibile confermare lo stato delle guardie. I prigionieri non li videro mai più.
Il giorno dopo l’uccisione, un escavatore ha scavato una fossa comune appena fuori dalla torre di guardia principale al cancello d’ingresso, forse a 200 metri dalla strada, secondo i sei prigionieri.

Una foto non datata del maggiore Meles Belay Gidey. (Foto di famiglia)
Una foto non datata del maggiore Meles Belay Gidey. (Foto di famiglia)

Tra le persone sepolte c’era il maggiore Meles Belay Gidey, un ingegnere appassionato del suo lavoro di insegnante presso il Defense Engineering College. Quando Meles prestava servizio come peacekeeper delle Nazioni Unite ad Abyei, un’area contesa tra Sudan e Sud Sudan, ha videochiamato ogni sera i suoi due figli adolescenti e la sua figliastra per parlare con loro della scuola, ha detto un parente.

Un residente locale che passava davanti al campo di prigionia il giorno successivo ha detto che i militari hanno avvertito i passanti di non fotografare la tomba.

Nella città di Mirab Abaya, i funzionari hanno utilizzato altoparlanti montati sulle auto per avvertire la popolazione locale che i fuggitivi dovevano essere uccisi. Il residente locale ha detto di aver visto tre o quattro persone aggredite vicino a un bananeto e una dozzina di corpi sanguinanti per le strade, alcuni sparsi vicino alla chiesa di San Gabriele. I soldati etiopi nelle vicinanze non sono intervenuti, ha detto.

Il residente ha anche detto di aver visto un uomo sui 25 anni picchiato da una folla. Entrambe le sue mani erano state tagliate e le sue gambe sanguinavano. L’uomo ha implorato di essere ucciso mentre veniva trascinato su e giù per la strada, ha detto il residente. Gli aggressori hanno detto all’uomo che lo avrebbero ucciso il più lentamente possibile. Alla fine, è stato trascinato al cancello del campo e fucilato. Un altro corpo veniva trascinato dietro una moto, ha detto il residente.

“Non potevo fare nulla perché temevo per la mia vita”, ha detto.

I soldati etiopi conquistano una città strategica nel Tigray durante l’esodo dei civili

I tigrini feriti sono stati portati in tre ospedali, hanno detto i sopravvissuti: l’Arba Minch General Hospital, il Soddo Christian Hospital e un altro ospedale a Soddo. Due professionisti medici dell’Arba Minch General Hospital hanno descritto un afflusso di pazienti intorno alle 21:00 del 21 novembre. Un operatore ha condiviso cartelle cliniche che mostrano che 19 pazienti sono stati ricoverati con ferite da arma da fuoco e che 15 sono stati dimessi il giorno successivo. Due sono morti in ospedale e quattro sono morti all’arrivo, hanno detto i due operatori sanitari.

Il libretto delle ammissioni fornito da un operatore sanitario dell'Arba Minch General Hospital. (Ottenuto dal Washington Post)
Il libretto delle ammissioni fornito da un operatore sanitario dell’Arba Minch General Hospital. (Ottenuto dal Washington Post)
Il registro delle ammissioni mostra un improvviso afflusso di pazienti con ferite da arma da fuoco, con date scritte utilizzando il calendario etiope. (Foto ottenuta dal Washington Post)
Il registro delle ammissioni mostra un improvviso afflusso di pazienti con ferite da arma da fuoco, con date scritte utilizzando il calendario etiope. (Foto ottenuta dal Washington Post)

La maggior parte dei pazienti è stata trattenuta solo per poche ore nonostante le ferite mortali, hanno detto i due. I pazienti sono stati tenuti sotto sorveglianza della polizia, hanno detto entrambi i professionisti medici, e hanno descritto infermieri e altro personale medico che deridevano i feriti sulla loro etnia.

Uccisioni in altre carceri

Mirab Abaya non era l’unica prigione in cui venivano uccisi i soldati imprigionati. Prigionieri attuali ed ex hanno affermato nelle interviste di aver assistito alle guardie che uccidevano prigionieri nel centro di addestramento di Garbassa e nel quartier generale della 13a divisione nella città orientale di Jigjiga; nelle carceri di Wondotika e Toga vicino alla città meridionale di Hawassa; nella zona sud di Didessa; e presso il centro di formazione Bilate nel sud. Molte delle vittime avevano prestato servizio come forze di pace nelle missioni delle Nazioni Unite in Sudan, Abyei o Sud Sudan o come parte di una forza dell’Unione africana in Somalia.

Gebremariam Estifanos, visto nel marzo 2019 ad Abyei. (Foto ottenuta dal Washington Post)
Gebremariam Estifanos, visto nel marzo 2019 ad Abyei. (Foto ottenuta dal Washington Post)

A Wondotika, un detenuto ha detto che le guardie hanno ucciso cinque prigionieri in una struttura che detiene centinaia di soldati che sono per lo più forze speciali o commando. Le vittime includevano Gebremariam Estifanos, un veterano di una missione di mantenimento della pace ad Abyei e di una missione dell’Unione africana in Somalia, che è stato picchiato a morte l’8 novembre 2021, alla presenza di un colonnello e tenente colonnello della 103a divisione, ha detto un prigioniero . Il più grande desiderio di Gebremariam era quello di comprare una casa alla sua famiglia e un bue a suo padre, ha detto il prigioniero. Altri due detenuti hanno confermato il resoconto, dicendo che le guardie spesso schernivano i prigionieri per l’incidente.

Entrambi hanno affermato che le guardie avevano spesso costretto i prigionieri a scavarsi la fossa, dicendo loro che presto sarebbero stati uccisi. Gli altri quattro soldati sono stati uccisi più tardi a novembre, colpiti così tante volte che i loro corpi sono stati fatti a pezzi dai proiettili, ha detto il primo prigioniero.

“Siamo picchiati e minacciati. Abbiamo servito il nostro paese con onore e dignità”, ha detto quel prigioniero. “Mi pento del mio servizio.”

Nella prigione di Toga, le guardie hanno picchiato e poi sparato a due soldati tigrini il 4 novembre, ha detto un detenuto. Un secondo prigioniero detenuto a Toga, un ex peacekeeper che ha prestato servizio in Somalia, ha confermato due omicidi. A Garbassa, due prigionieri hanno detto che sei detenuti sono stati uccisi e altri feriti così gravemente da aver perso l’uso degli arti e degli occhi.

“Ho visto i corpi trascinati fuori dalle loro stanze”, ha detto un detenuto lì.

Tre prigionieri – uno della guardia presidenziale e due dei commando di Agazi – sono stati uccisi nel luglio 2021 nel centro di addestramento di Bilate dopo che le guardie li avevano accusati di aver tentato di fuggire, ha detto un testimone precedentemente detenuto lì. Ha descritto i soldati che sparavano ai loro corpi molto tempo dopo che erano morti e che gettavano i cadaveri fuori per le iene. E in un centro di detenzione vicino a Didessa, vicino alla città di Nekemte, almeno cinque soldati sono stati uccisi e altri 30 portati via e mai più visti, ha detto un prigioniero precedentemente detenuto lì.

Si è rotto mentre elencava i nomi che riusciva a ricordare. “Mi dispiace tanto, erano miei amici”, ha detto.

Un attacco aereo su un asilo e la fine della precaria pace in Etiopia

Anche due soldati imprigionati, accusati di avere telefoni cellulari, sono stati uccisi dalle guardie in un centro di detenzione nell’Etiopia orientale tra Harar e Dire Dawa, ha detto un testimone.

I soldati tigrini imprigionati intervistati da The Post affermano che nessuno di loro ha avuto accesso al Comitato internazionale della Croce Rossa. Fino a pochi giorni fa, le loro famiglie non avevano idea di cosa ne fosse stato di loro. Alla fine di ottobre, le famiglie di alcuni soldati uccisi a Mirab Abaya sono state informate della loro morte. A diversi parenti è stato detto che i loro cari erano morti onorevolmente nell’esercizio del loro dovere. Non sono stati forniti altri dettagli.

Alcuni dei sopravvissuti al massacro di Mirab Abaya che sono ancora detenuti lì hanno detto di temere un’altra esplosione di violenza.

“Ho un libro di preghiere”, ha detto un prigioniero lì. “Ogni giorno prego Maria di rivedere la mia famiglia”.


FONTE: https://www.washingtonpost.com/world/2022/12/05/ethiopia-tigray-massacre-killing-prisoners/

Lascia un commento