Salta al contenuto

“Pressioni indebite” contro l’ Etiopia, è “deplorevole”

Questa mattina esce la breaking news che “La polizia ha fatto irruzione in casa sua questa mattina alle 6:00” ed ha arrestato Kibrom Zebib del Congresso Nazionale del Tigray. Politico apertamente contro la guerra in Tigray e critico nei confronti del governo etiope e degli alleati amhara.

Le parole che seguono, pubblicate da Addis Standard sono le dichiarazioni del Ministro degli Esteri etiope che cerca di confutare e rispondere alle accuse e alla pressione da parte della comunità internazionale sulla guerra in Tigray e sulla condotta del governo: al lettore libertà di farsi un’idea.

Dichiarazione alla stampa sulle accuse ingiuste e ingiustificate mosse all’Etiopia

È davvero deplorevole notare in questi giorni che sembra esserci una campagna concertata per esercitare pressioni indebite contro l’Etiopia. Nonostante gli sforzi incessanti del governo etiope per impegnarsi in modo positivo e costruttivo sulle questioni e le preoccupazioni sollevate dai partner, gli viene data una spalla fredda. Questo è il motivo per cui il governo etiope è costretto a mettere in discussione le motivazioni di alcuni dei partner, in particolare alla luce delle dichiarazioni pubbliche e delle dichiarazioni fatte di recente. Sembrano essere a corto di mostrare un genuino desiderio di comprendere e aiutare l’Etiopia a superare le sue attuali sfide; piuttosto, sarebbero solo situazioni controproducenti ed esacerbanti. Quelle dichiarazioni e dichiarazioni così come le fake news e le speculazioni propagate attraverso i media la dicono lunga al riguardo.È in questa relazione che il governo etiope ritiene assolutamente necessario, ancora una volta, rendere inequivocabilmente chiara la propria posizione su alcune delle questioni più importanti e salienti.

Demeke Mekonnen - Etiopia Ministro Affari Esteri
Demeke Mekonnen – Etiopia Ministro Affari Esteri

1. Sulla risposta umanitaria nella regione del Tigray

Il governo etiope non solo ha dimostrato la sua volontà e il suo impegno a lavorare con la comunità internazionale per rispondere alla crisi umanitaria nel Tigray, ma ha anche fornito pieno e senza ostacoli agli attori umanitari per operare in tutte le parti della regione. C’erano effettivamente difficoltà nell’accesso ad alcune aree tascabili a causa di problemi di sicurezza, ma ora è stato risolto. Questo è il motivo per cui è assurdo che alcuni partner continuino a lamentare la mancanza di accesso nonostante la reale situazione sul campo. La sfida a portata di mano è del tutto contraria ed è legata a questioni di capacità e risorse. Questo è ben noto agli attori umanitari che operano nella regione. Pertanto, come il governo etiope ha chiarito più volte,ciò che realmente fa la differenza è che i partner diano una risposta tempestiva ed efficace all’appello internazionale, avvalendosi di maggiori risorse per i soccorsi e non chiedendo ripetutamente l’accesso fino alla nausea.

2. Sulle accuse di violazioni dei diritti umani

In diverse occasioni, il governo etiope ha anche chiarito come prende estremamente sul serio le accuse di violazioni dei diritti umani e crimini. Questo è il motivo per cui ha agito rapidamente per intraprendere le indagini necessarie per verificare tali accuse e assicurare gli autori alla giustizia. È in questo contesto che una squadra composta da rappresentanti del Procuratore generale federale e della Commissione federale di polizia era stata schierata nella regione del Tigray per svolgere questo lavoro investigativo. La scorsa settimana hanno annunciato l’esito delle loro indagini penali e le azioni intraprese fino ad ora per garantire la necessaria responsabilità al riguardo. D’altra parte, la Commissione etiope per i diritti umani ha indagato e riferito su questioni relative ai diritti umani, tra cui il massacro di Mai Kadra, vittime civili, violenza sessuale,e accuse di trattamento discriminatorio. Il risultato di queste indagini consentirà sicuramente al governo di portare gli autori alla giustizia e di affrontare in modo completo le presunte violazioni dei diritti umani e i crimini che si sono verificati nella regione del Tigray. L’EHRC ha già pubblicizzato alcuni dei suoi risultati preliminari e raccomandazioni dalle sue indagini indipendenti. Inoltre, la Commissione etiope per i diritti umani e l’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani hanno deciso di condurre indagini congiunte. Su invito del governo etiope, la Commissione africana per i diritti umani e dei cittadini intraprende il proprio lavoro investigativo. Quindi, lamentandosi continuamente delle violazioni dei diritti umani,mentre il governo etiope ha dimostrato il suo impegno incondizionato ad andare fino in fondo alla questione e ad applicare tutta la forza della legge per garantire responsabilità e giustizia, non ha altro scopo che politicizzare inutilmente la questione ed esercitare pressioni indebite.

3. Sugli appelli al cessate il fuoco e al dialogo nazionale

Il governo etiope ha lavorato consapevolmente per promuovere il dialogo nazionale e costruire il consenso nazionale necessario nel paese per tracciare un percorso migliore. In questa relazione, ha organizzato una serie di discussioni per impegnarsi con sezioni più ampie della società etiope, compresi i partiti politici dell’opposizione, la comunità accademica, le organizzazioni della società civile e vari rappresentanti della società, comprese le donne e i giovani, al fine di promuovere una cultura della pace e della riconciliazione e costruire una cultura politica civica. Il significato di queste discussioni mentre il paese si prepara a tenere le elezioni nazionali non può essere enfatizzato eccessivamente.

Inoltre, il governo etiope ha anche mostrato la sua disponibilità a impegnarsi con partiti legali di opposizione, membri della società civile, settore privato, anziani, studiosi, personalità di spicco e altri nella regione del Tigray per promuovere il dialogo. L’impegno ad alto livello è già stato avviato sulla base di una tabella di marcia elaborata dalle autorità etiopi competenti. Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che la spinta dei partner a coinvolgere il TPLF in questo processo di dialogo nazionale è inaccettabile. Il TPLF è un gruppo fuorilegge, che ha messo in pericolo la sovranità del paese e il suo ordine costituzionale. Il parlamento etiope ha recentemente approvato una decisione che la definisce un’organizzazione terroristica. Questo è il motivo per cui il governo etiope rifiuta completamente il ripetuto appello dei partner a cessare le ostilità e negoziare con il TPLF.

4. Sulle accuse di repressione del dissenso

Le accuse ingiustificate e infondate sulla repressione del dissenso e sulla repressione dei giornalisti che alcuni media propagano in questi giorni, mentre il paese si prepara a tenere le elezioni nazionali, non hanno altro scopo che offuscare l’immagine del governo e minare il processo elettorale. Niente può essere più lontano dalla verità. Questo è davvero un governo, che ha salvato il paese dall’abisso e ha aperto lo spazio politico per salvaguardare maggiore pace, libertà e democrazia. Le sue credenziali di riforma sono state anche ben riconosciute non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale.

Detto questo, il governo etiope è il primo a riconoscere che i suoi sforzi di riforma non sono stati privi di sfide. Ma è determinato a raddoppiare questi sforzi con tutto il vigore necessario. Questo è il motivo per cui sta facendo tutto il possibile per garantire che le prossime elezioni si svolgano in modo pacifico, trasparente e credibile. L’aspettativa è che questo introdurrà una nuova era di dispensazione democratica per soddisfare le speranze e le aspirazioni del popolo etiope per una pace, una libertà e una democrazia durature. Una cosa è certa, anche se costruire e coltivare una democrazia e una cultura politica a tutti gli effetti è essenzialmente un processo interno e non può essere raggiunto attraverso pressioni esterne. La base fondamentale per la promozione della democrazia è infatti il ​​rispetto della costituzionalità e dello Stato di diritto.E la responsabilità primaria di garantire il necessario rispetto a questo proposito spetta certamente al governo.

Ciò che deve essere chiarito qui è che il governo etiope non ha alcun desiderio di reprimere il dissenso. Altrimenti, non avrebbe invitato la maggior parte dei gruppi di opposizione e dei politici, nonché giornalisti, attivisti e altri che erano in esilio a tornare nel loro paese e ad operare liberamente. Sa benissimo che questo approccio è stato provato e testato in passato ma fallito. Il governo non crede che ci siano giornalisti o politici incarcerati a causa delle loro opinioni e opinioni politiche. Chi sta dietro al bancone è accusato di aver violato la legge. Pertanto, avranno la loro giornata in tribunale e la legge li renderà liberi se non saranno ritenuti colpevoli. Per quanto riguarda i giornalisti stranieri,il governo ritiene che non sia troppo chiedere loro di attenersi rigorosamente alla legge del paese nello svolgimento del loro lavoro giornalistico. Chi lo fa ha operato senza alcuna difficoltà. Ma dovrebbe essere chiaro che il governo ha il dovere di intraprendere le azioni legali necessarie nei confronti di coloro che non sono disposti e pronti a rispettare la legge.

5. Sui tentativi di intromettersi negli affari interni dell’Etiopia

Ci sono stati anche ripetuti tentativi di rilasciare dichiarazioni ingiustificate sugli affari interni dell’Etiopia, in particolare in relazione alle forze regionali dell’Amhara. L’Etiopia è una nazione sovrana e non può accettare alcun dettame dall’esterno su come gestire i propri affari interni. Il governo etiope vuole chiarire ancora una volta che è di sua esclusiva responsabilità dispiegare le necessarie strutture di sicurezza e i mezzi disponibili per garantire lo stato di diritto in tutti gli angoli dei suoi confini. È incaricato dalla Costituzione di garantire la pace e la sicurezza contro qualsiasi minaccia all’ordine costituzionale del paese. È in questo contesto che il governo federale ha intrapreso le operazioni sullo stato di diritto nel Tigray.

Sebbene sia desiderio del governo etiope rimanere sempre pronto e aperto a impegnarsi con i partner su questioni di reciproco interesse e preoccupazione, sarà costretto a rivalutare i suoi rapporti se questi tentativi di interferire nei suoi affari interni continueranno senza sosta. È davvero un peccato che alcuni partner abbiano scelto di soffermarsi su questioni interne dell’Etiopia. Non si può essere indifferenti quando l’Etiopia viene flagrantemente invasa mentre si pretende di avere troppe preoccupazioni e si cerca di approfondire indebitamente le sue questioni internazionali; perché farlo porta semplicemente alla doppiezza. Questo è il motivo per cui il governo etiope respinge quelle dichiarazioni, che non solo sono inappropriate ma anche del tutto inaccettabili.

FONTE: https://addisstandard.com/just-in-ethiopia-says-campaign-to-exert-undue-pressure-against-it-regrettable-push-by-partners-to-involve-the-tplf-in-national-dialogue-unacceptable/

Lascia un commento