Salta al contenuto

Etiopia, i tigrini hanno bisogno di un percorso verso casa dopo la guerra di Abiy

L’Etiopia può riprendersi moralmente ed economicamente solo accogliendo i profughi.

Dopo due anni di guerra genocida , una fragile pace si sta assestando nella regione settentrionale etiope del Tigray. Le forze locali, guidate dal Tigray People’s Liberation Front (TPLF), hanno consegnato carri armati e razzi all’esercito federale come gesto di buona volontà. Nel frattempo, i combattenti rivali Amhara si stanno ritirando dalla regione. Ma è una ripresa faticosa, che ora richiede che il governo centrale agisca per garantire la sicurezza dei rifugiati di ritorno.

Nel novembre 2022, il Comitato internazionale della Croce Rossa ha consegnato 40 tonnellate di forniture mediche alla capitale del Tigray, Mekelle, ma sono necessarie circa 11.000 tonnellate , secondo il Programma alimentare mondiale. Mekelle è stata ricollegata alla rete elettrica nazionale, ma gran parte del Tigray rimane al buio. Le banche hanno ripreso i servizi in alcune aree, ma alcuni residenti dicono che le banche non hanno soldi da dare. Ethiopian Airlines ha ripreso i voli per Mekelle, ma quasi due settimane dopo la rotta è stata vietata.

E mentre i servizi di Ethio Telecom tornano online, i tigrini all’estero stanno solo ora scoprendo di aver perso i propri cari mesi o addirittura anni fa. Alcune persone non lo sapranno mai. Tuttavia, dopo gli appelli alla pace di oltre due dozzine di organizzazioni della società civile nel paese, i colloqui segreti statunitensi alle Seychelles, un cessate il fuoco umanitario la scorsa estate e i colloqui di pace in Sudafrica e in Kenya, gli aiuti alla regione stanno ancora arrivando e la portata della devastazione sta diventando chiara solo ora.

Si stima che tra i 300.000 e i 600.000 civili siano stati uccisi durante la guerra, rispetto ai 6.952 civili uccisi in Ucraina dal febbraio 2022 al 10 gennaio. È il conflitto armato più sanguinoso da quando la guerra civile siriana era al suo apice, e mentre molti di quelle morti sono attribuibili alla fame o alla mancanza di accesso medico, fino a 60.000 civili sono morti solo a causa di massacri e bombardamenti, secondo una ricerca non ancora pubblicata del professore di geografia fisica dell’Università di Gand Jan Nyssen, che ha trasmesso a Foreign Policy via e-mail.

Questo è quasi il doppio di tutte le vittime di battaglie, violenze contro i civili, esplosioni e rivolte dell’anno scorso in Siria, Afghanistan, Yemen, Somalia e Nigeria messe insieme, secondo i dati dal progetto sulla posizione dei conflitti armati e sui dati sugli eventi. Il conflitto ha anche creato quasi 900.000 rifugiati a settembre 2022, ovvero il 14% dei 7 milioni di persone del Tigray, molti dei quali sono fuggiti nel Sudan orientale attraverso città di confine come Hamdayet o Abdurafi. Inoltre, nel 2022 c’erano 2,75 milioni di sfollati interni, il che significa che un totale del 52% della popolazione del Tigray è fuggito dalla propria casa.

Le vite perdute non possono essere ripristinate. Ma se il primo ministro etiope Abiy Ahmed vuole rendere intero il Tigray, coloro che sono fuggiti devono essere accolti a casa. Questo non solo aiuterà a preservare la cultura del Tigray, ma aiuterà anche Abiy a ripristinare la sua reputazione un tempo forte di pacificatore che stava trasformando la nuova Etiopia. Tutte le parti coinvolte sono state accusate di atrocità, eppure nessuno ha più sangue sulle proprie mani dello stesso Abiy, che ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2019 per i suoi “sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale”.

 La guerra stessa è iniziata con l’ ordine incostituzionale di Abiy nel giugno 2020 di rinviare le elezioni regionali, citando la pandemia, seguito dalla mobilitazione delle truppe e dalle minacce aperte di rimuovere la leadership del Tigray dopo aver comunque tenuto le elezioni. Il TPLF, la milizia regionale che ha governato l’Etiopia dal 1991 al 2018, ha poi attaccato il quartier generale del Comando settentrionale della Forza di difesa nazionale etiope (ENDF) a Mekelle all’inizio di novembre 2020, e Abiy ha annunciato “operazioni delle forze dell’ordine” che includevano l’ingresso di truppe federali da sud e forze alleate eritree che entrano da nord. Il risultato furono due anni di guerra d’assedio che includevano il taglio della regione da energia, internet, banche, cibo e forniture mediche. La carestia era usata come arma di guerra, donne di tutte le età sono diventate vittime di stupri genocidi e i massacri a sfondo etnico erano comuni.

In un minaccioso segno della sua volontà di affrontare le questioni dei rifugiati, Abiy ha dichiarato in un briefing ai membri del parlamento alla fine di novembre 2020, settimane dopo l’inizio della guerra, che “non ci sono donne o bambini tra i rifugiati in Sudan”. Questo nonostante l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati riferisse che più di 7.000 rifugiati – donne, bambini e uomini – erano fuggiti dal Tigray verso il Sudan solo nei primi due giorni di guerra.


Approfondimento:

  • Stesso tipo di dichiarazione di negazione dei fatti da parte del Premier Abiy il giorno delle elezioni nazionali, giugno 2021 “Non c’è fame in Tigray”

Anche se ha cambiato idea, non è sufficiente che Abiy deponga semplicemente i fucili e lasci la porta aperta, dal momento che molti tigrini non hanno più una casa in cui tornare. Non solo le case sono state letteralmente ridotte in polvere, ma gran parte del Tigray è ora inospitale con poco cibo o accesso medico. Secondo il Programma Alimentare Mondiale, attualmente 13 milioni di persone in tutta l’Etiopia settentrionale hanno bisogno di aiuti alimentari. Gli ospedali hanno dovuto espellere le persone e, da metà dicembre 2020 a inizio marzo 2021, quasi il 70% delle strutture mediche è stato saccheggiato. Inoltre, molte proprietà nel Tigray occidentale da allora sono state rilevate da profughi di Metekel nell’Etiopia nordoccidentale o di al-Fashaga, in Sudan, a seguito di massacri e dispute sui confini in quelle aree.

Se Abiy vuole garantire la sicurezza dei rimpatriati, ciò sarà ostacolato dall’assoluta mancanza di fiducia che ora i tigrini hanno giustamente nei confronti delle forze dell’ENDF, alcune delle quali hanno commesso atrocità nella regione. Né Abiy vorrà autorizzare il TPLF a garantire risorse alimentari o simili. Invece, dovrebbe fare affidamento sul Programma alimentare mondiale, che sta già collaborando con il Programma operativo congiunto di emergenza dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale per fornire una distribuzione alimentare di emergenza nel Tigray, nell’Amhara e nell’Oromia. Ma tali gruppi operano su invito del governo federale.

L’urgenza qui non è solo umanitaria ma economica. L’Etiopia è una delle nazioni più povere del mondo, con un reddito nazionale lordo pro capite di 960 dollari , circa due terzi di quello di Haiti. Eppure la sua profonda povertà nasconde un vasto potenziale. Rimane una delle più grandi economie dell’Africa, nonché la sua seconda nazione più popolosa dopo la Nigeria. Nel 2019, il tasso di crescita del PIL della nazione è stato di quasi il 9% , il quinto più alto al mondo. Grazie alla guerra, tuttavia, si prevedeva che questo raggiungesse il 4,8% nel 2022. Il rating creditizio dell’Etiopia è stato declassato allo stato di spazzatura, rendendo praticamente impossibile prendere in prestito finanziamenti per i progetti di infrastrutture pubbliche che hanno contribuito a guidare la sua precedente crescita.

Abiy può pagare i debiti della nazione attraverso la privatizzazione in corso, come la vendita di imprese dello zucchero o licenze di esercizio delle telecomunicazioni, oltre a qualsiasi prestito che può ottenere dalla Banca mondiale e dalla Banca africana di sviluppo, ma anche se l’Etiopia può adempiere ai suoi obblighi di debito, la sua economia non è su un terreno stabile. Nel 2022, il paese ha visto l’inflazione raggiungere il massimo da 10 anni , ha subito la siccità più grave degli ultimi 40 anni e la pandemia di COVID-19 in corso e l’invasione russa dell’Ucraina continuano ad avere effetti economici duraturi. Tutto questo, unito alla guerra nel Tigray, ha distrutto le catene di approvvigionamento interne e fatto salire alle stelle il costo del cibo. L’inflazione alimentare è stata in media del 17% nell’ultimo decennio. Nel maggio 2022, ha raggiunto il massimo storico del 44% .. Numeri del genere potrebbero scatenare un’altra guerra.

In altre parole, Abiy ha commesso lo stesso errore di altri dittatori come il presidente cinese Xi Jinping o il leader nordcoreano Kim Jong Un, sperperando un profondo potenziale economico per modesti guadagni di controllo politico. Ad Abiy potrebbe piacere pensare che l’Etiopia possa sempre rivolgersi alla Cina come alternativa, ma il commercio con gli Stati Uniti rimane fondamentale per l’economia etiope e ulteriori sanzioni statunitensi sarebbero rovinose. In effetti, alcuni esperti affermano che ha concluso l’accordo di pace per nessun altro motivo se non quello di evitare ulteriori sanzioni e migliorare l’ammissibilità del prestito estero della nazione. Ciò ha senso, soprattutto perché il governo federale stima che ci vorranno 20 miliardi di dollari per ricostruire il Tigray e altre regioni dilaniate dalla guerra, che rappresentano un enorme 18% dell’intero PIL del paese .

Questo è il motivo per cui dare il benvenuto agli sfollati tigrini è più di una semplice causa morale. Ricostruire l’economia, a livello regionale e nazionale, ha bisogno di capitale umano. Fortunatamente, l’infrastruttura che contribuirà a creare spazio per il ritorno delle persone stabilirà anche il tipo di stabilità che è ottimo per le economie locali. Ciò include la costruzione di ospedali e scuole, nonché la creazione di percorsi occupazionali per i rimpatriati e reti di supporto per aiutare le persone a stabilirsi e contribuire alla crescita della nazione. Ciò includerebbe misure come aiuti per il trasporto, sovvenzioni per l’alloggio, formazione professionale – compresi gli sforzi per costruire una forza lavoro composta da etnie miste per incoraggiare la cooperazione etnica – e la terapia.

Si tratta però di soluzioni di medio periodo, incentrate sulle ultime tre delle cosiddette quattro R del ritorno dei profughi (rimpatrio, reintegrazione, riabilitazione e ricostruzione). Il primo passo, il rimpatrio, richiederà assistenza di emergenza, come pacchetti di aiuti, sovvenzioni in denaro e la consegna di attrezzi agricoli. Anche prima, i rifugiati torneranno volontariamente solo dopo che il governo federale avrà stabilito determinate condizioni di sicurezza, che includono non solo la cessazione dei combattimenti, ma anche il ripristino delle forze di polizia, l’emanazione della legislazione per difendere i diritti di proprietà e affrontare gli abusi dei diritti, la ricostruzione di strade e sgombero di macerie e la riparazione di sistemi idrici e fognari. Senza queste misure, molti rifugiati non possono letteralmente tornare.

Questi sforzi dovrebbero includere la partecipazione e la guida dei leader della comunità in collaborazione con organizzazioni umanitarie stabilite invece che con gruppi ad hoc. Vale a dire, partnership con il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, la Banca mondiale, l’UNICEF e il Programma alimentare mondiale.

Per rimettere insieme l’Etiopia ci vorranno decenni e il tempo stringe. Come dimostrano numerosi studi , i rifugiati hanno meno probabilità di tornare a casa con il passare del tempo, in particolare i più giovani che sono i più vitali per il futuro di un’economia. Sfortunatamente, niente di tutto questo sembra essere ciò che Abiy ha in mente. Le truppe eritree e le forze della regione etiope di Amhara rimangono nell’area. Potrebbero essersi ritirati dalla Shire, ma le forze di Amhara controllano ancora l’ovest, tutto Tselemti, Dima e alcuni woreda intorno ad Alamata nel sud. L’accesso a cibo e cure mediche rimane scarso. In alcune zone, i residenti sono ancora in pericolo. Ciò potrebbe essere previsto, poiché Abiy usa una pace formale per evitare sanzioni consentendo alle forze eritree di fare il lavoro sporco senza lasciare le sue impronte digitali su tutta la scena del crimine.


Approfondimento:


Se è seriamente intenzionato a porre fine alla guerra, Abiy deve effettivamente lavorare per costruire la pace che ha accettato sulla carta. E anche se tutto ciò che vuole è il potere, dovrebbe pensare seriamente alle conseguenze di mantenerlo in un ambiente fragile come quello che ha creato.


FONTE: https://foreignpolicy.com/2023/01/18/tigray-ethiopia-refugees-abiy/

Lascia un commento