Salta al contenuto

Etiopia, “Sei Con Noi o Con Loro?”

La politica estera dell’Etiopia sotto esame.

Due mesi dopo che il governo federale e il Tigray People’s Liberation Front (TPLF) hanno concordato di porre fine a una guerra brutale durata due anni che potrebbe aver provocato la morte di oltre 600.000 persone, l’Etiopia è tornata al lavoro per riparare le sue relazioni diplomatiche estere danneggiate. Durante la guerra, le relazioni diplomatiche tra l’occidente e la nazione del Corno d’Africa erano ai minimi storici. L’incertezza nelle relazioni diplomatiche è servita da deterrente agli investimenti esteri diretti e alla cooperazione politica ed economica.

“Molti hanno investito in questa guerra, investitori locali e stranieri. Dopo che abbiamo risolto pacificamente il conflitto nel nord, ora si stanno spostando verso il conflitto in Oromia”, ha dichiarato Redwan Hussein (Amb.), Consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro, durante la sua discussione con i leader dei partiti politici presso l’African Leadership Academy la scorsa settimana a Sululta . “Siamo in un conflitto sponsorizzato”.

Solo negli ultimi due anni, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) si è riunito 15 volte per affrontare l’attuale situazione dell’Etiopia. In ogni singola votazione e discussione che ha avuto luogo all’interno del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Cina e Russia hanno mantenuto il loro incrollabile sostegno all’Etiopia, mentre Stati Uniti ed Europa hanno preso posizione contraria. L’ultima votazione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha mostrato lo stesso schema.

 

 

Settantuno paesi, principalmente occidentali, hanno votato contro la mozione dell’Etiopia per porre fine al finanziamento della Commissione internazionale di esperti in diritti umani in Etiopia (ICHREE). La Cina, la Russia e alcuni paesi del Medio Oriente hanno fatto eco alle precedenti dichiarazioni di sostegno all’appello dell’Etiopia di porre fine ai finanziamenti per l’ICHREE.


Approfondimento:


Dieci nuovi membri che non serviranno a tempo indeterminato sono stati aggiunti al Consiglio di sicurezza.

Ma il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è già nel bel mezzo di un profondo cambiamento. Dieci nuovi membri che non serviranno a tempo indeterminato sono stati aggiunti al Consiglio di sicurezza. Molti paesi hanno lasciato il gruppo, tra cui Finlandia e Irlanda, paesi che hanno esercitato pressioni sull’Etiopia.


Approfondimenti:


I nuovi membri, invece, vanno piuttosto d’accordo con l’Etiopia. Nel 2023, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite accoglierà un nuovo gruppo di membri non permanenti Emirati Arabi Uniti, Ghana, Gabon, Mozambico, Giappone, Brasile, Svizzera, Ecuador e Albania sono stati selezionati come prossimi membri non permanenti del Consiglio servire per un periodo di due anni.


“L’Iran ha consegnato almeno 2 Mohajer-6 nell’agosto 2021, la Cina, da cui l’Etiopia ha ricevuto 3 Wing Loong I nel settembre 2021, e gli Emirati Arabi Uniti, che hanno schierato almeno 6 dei propri Wing Loong nella base aerea Harar di Meda nel novembre 2021.”

Etiopia, attacchi aerei droni con centinaia di morti tra i civili in Tigray

Etiopia: droni dell’Iran in violazione ONU per la guerra in Tigray, un genocidio ignorato


L’Etiopia tira un sospiro di sollievo per il rimpasto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, poiché ora è meno probabile che l’organizzazione consideri il suo caso, secondo gli esperti. Ma gli avvenimenti accaduti nell’anno che si è appena concluso impongono ancora la necessità di una revisione della politica estera del Paese, che va rettificata alla luce dell’immagine offuscata che il Paese ha in occidente.

Durante il governo del Fronte democratico rivoluzionario popolare etiope (EPRDF – capo coalizione era il TPLF), la Cina e altre potenze orientali hanno influenzato il modello di stato di sviluppo dell’Etiopia. Quando il primo ministro Abiy Ahmed è salito al potere nel 2018, ha invertito una tendenza che si stava sviluppando da oltre 15 anni. Le prime politiche di Abiy erano più liberali, coinvolgendo la deregolamentazione, la privatizzazione e la liberalizzazione.

L’Etiopia sta impiegando una diversa strategia diplomatica per annullare i danni causati dalla guerra nella diplomazia post-guerra del Tigray. La nuova strategia adottata dall’Etiopia è inclusiva. In sostanza, non aderisce a un gruppo alla volta, ma piuttosto fa spazio a tutti e coglie le possibilità a vantaggio dello Stato etiope.

“Il mondo in cui viviamo attualmente non è un mondo diviso in due. Adesso è un sistema multipolare. I superpoteri stanno emergendo qua e là. A questo punto, l’Etiopia deve attenersi solo al suo interesse nazionale “, ha detto a The Reporter Dina Mufti (Amb.), membro della commissione permanente per le relazioni estere del Parlamento .

L’Ambasciatore ha affermato che fintanto che serve gli interessi nazionali, le relazioni possono essere sviluppate con chiunque. “È un approccio obsoleto rimanere con l’occidente ed evitare il campo orientale, o viceversa. L’attuale scenario globale non consente un simile approccio. Un tale approccio influisce anche sul nostro interesse nazionale”.

Allo stesso modo, si sta sviluppando una nuova politica estera che, una volta che terrà conto delle mutevoli circostanze globali, verrà attuata.

“Quindi il nostro standard è l’uguaglianza, il rispetto per la nostra sovranità e il rispetto per i nostri valori politici, economici e culturali. Rafforzeremo il nostro rapporto con chiunque fintanto che questi saranno protetti. Questa è la direzione del nostro approccio di politica estera ora”, ha affermato Dina, aggiungendo che l’obiettivo e l’approccio ora sono di massimizzare i benefici del vertice USA-Africa, del vertice Cina-Africa, del vertice Russia-Africa e di altre piattaforme.

Le relazioni internazionali sono dinamiche, dice Dina, aggiungendo che l’unica cosa permanente è l’interesse nazionale.

L’Etiopia e il Sudan hanno vissuto uno dei più efficaci aggiustamenti politici post-accordo di Pretoria. “Abbiamo raggiunto un accordo con il Sudan per quanto riguarda GERD”, ha detto Redwan. “Quindi, il Sudan non si preoccuperà dei nostri progetti su Abay”.

Un cambiamento significativo rispetto all’accordo di Pretoria è stato l’invito di Abiy da parte degli Stati Uniti all’incontro USA-Africa poche settimane fa.

Redwan è preoccupato che la mutevole geopolitica del mondo imporrà una stretta fedeltà piuttosto che una cooperazione.

“Ci sono segni di un cambiamento dell’ordine mondiale globale e, di conseguenza, alcune superpotenze globali sono nel panico. Ci stanno chiedendo: ‘Sei con noi o con loro?’ Dobbiamo testimoniare ogni giorno. Dobbiamo dimostrare la nostra fedeltà o verremo colpiti. Altrimenti, ci verrà negata la valuta forte dalla Banca mondiale o dal Fondo monetario internazionale”, ha affermato Redwan.

Crede che l’Etiopia sia attualmente l’unico paese che sta perseguendo la propria politica estera in modo indipendente. “La maggior parte dei paesi africani non è ancora libera, anche dopo la fine del colonialismo molto tempo fa. Questo è neo-patrimonialismo. Solo l’Etiopia non ha padrone.

Tuttavia, gli esperti sostengono che l’Etiopia non è in grado di sostenere un rapporto equo ed equilibrato tra i campi occidentale e orientale.

L’Etiopia e l’Africa in generale sono sotto l’influenza degli Stati Uniti. Tutti i leader africani fanno ciò che dicono gli Stati Uniti. Tutti i leader africani sono accorsi a Washington poche settimane fa per il vertice USA-Africa. Anche Abiy, che ha denunciato gli Stati Uniti, non ha esitato a incontrare Biden”, ha detto un analista politico che ha parlato con The Reporter a condizione di anonimato.

Secondo l’esperto, è ovvio chi si occupa dell’Africa, e in particolare dell’Etiopia, sta intraprendendo diverse azioni vantaggiose per l’Occidente. “La liberalizzazione economica, le principali privatizzazioni e le deregolamentazioni favoriscono l’Occidente”.

Durante il conflitto, l’Etiopia è stata aiutata da una serie di paesi che ora chiedono favori all’Etiopia, secondo l’analista. “Gli Stati Uniti sono anche dietro non solo l’accordo di pace di Pretoria, ma anche la guerra nel nord dell’Etiopia. In vari momenti, gli Stati Uniti e l’Europa hanno fornito dati satellitari per l’intelligence militare sulle parti in guerra, compresi i droni” ha affermato.

L’analista afferma che le informazioni satellitari decidono chi vince la guerra. “Ma alla fine, hanno cambiato rotta perché la guerra dell’Etiopia settentrionale stava diventando una guerra regionale perché il Sudan doveva iniziare ad acquisire informazioni satellitari dalla Russia. Gli Stati Uniti hanno costretto la guerra a finire prima che potesse espandersi in un conflitto regionale. Quindi, non possiamo dire che un paese possa gestire allo stesso modo le superpotenze”, ha affermato l’analista.


Approfondimento:


Tuttavia, l’analista concorda sul fatto che ci vorrà del tempo prima che l’Etiopia ripari le barriere e ritorni sulla strada di una diplomazia costruttiva e produttiva.

La firma dell’accordo di pace* e la fine della guerra non significano automaticamente che le cose torneranno alla normalità, ha affermato un diplomatico che ha parlato con The Reporter a condizione di anonimato.

* = [L’ accordo di Pretoria è definito “accordo di cessazione delle ostilità” che è più vicino alla definizione di tregua, stato di “non guera” più che di stato di vera pace, mia nota]

“Ora l’occidente chiede che indaghiamo sui crimini di guerra. Tuttavia, hanno questo come precondizione. Il diplomatico afferma che gli Stati Uniti e l’Europa vogliono ancora portare avanti l’ICHREE e che i legami con l’Etiopia non sono ancora del tutto tornati alla normalità. “Inoltre, l’Occidente è ancora preoccupato per la crisi dell’Europa orientale. E l’Occidente ora preferisce solo i paesi che sono dalla parte dell’Ucraina. Ma ci sono opportunità per la diplomazia estera dell’Etiopia”, ha concluso il diplomatico.


FONTE: https://www.thereporterethiopia.com/29509/

Lascia un commento