Salta al contenuto

Regno Unito , i richiedenti asilo & il lungo braccio del regime dell’Eritrea oltre confine.

Il 4 settembre, 16 richiedenti asilo eritrei sono stati arrestati durante una protesta contro la dittatura del loro paese ei suoi sostenitori qui. Da allora, sono state sollevate domande sul fatto che le autorità britanniche stiano facendo abbastanza per proteggere attivisti e richiedenti asilo dal “braccio lungo” del regime di Asmara.

AARON è arrivato in Gran Bretagna come rifugiato dall’Eritrea un anno fa. Il giovane richiedente asilo non ha voluto entrare nei dettagli sul motivo per cui è fuggito dalla sua casa in Africa orientale. Invece, mi racconta in termini generali com’è vivere sotto una delle dittature più dure del mondo.

“In qualsiasi momento, puoi essere rimosso con la forza dalla tua vita, da tutto ciò che conosci… e costretto a diventare un soldato”, dice, parlando attraverso un interprete. Crescendo, Aaron ha visto i suoi amici, vicini e parenti scomparire nel sistema di coscrizione nazionale a tempo indeterminato dell’Eritrea.

“Quando hai una certa età, vedi persone portate con la forza a Sawa”, dice, riferendosi al campo di addestramento militare dove i giovani eritrei vengono portati a trascorrere l’ultimo anno di scuola. “È un posto dove vanno a modellarti per essere uno schiavo… per non ribellarti in alcun modo e non avere il permesso di pensare o fare domande. Vedi molta violenza prima che arrivi a te, ed è così che non dissenti.”

Dalla guerra di confine con l’Etiopia alla fine degli anni ’90, il dittatore eritreo Isaias Afwerki e il Fronte popolare per la democrazia e la giustizia (PFDJ) al potere – l’unico partito autorizzato ad esistere in Eritrea – hanno utilizzato il servizio militare a tempo indeterminato per controllare la sua popolazione. I coscritti sono sottoposti a lavori forzati, ha riferito l’ONU, che “di fatto li abusa, li sfrutta e li rende schiavi per anni”.

Negli ultimi due anni, le reclute sono state inviate oltre confine per combattere nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia, dove una sanguinosa guerra civile ha ucciso oltre mezzo milione di persone. Per mantenere lo sforzo bellico, quest’anno l’Eritrea ha intensificato la sua campagna di reclutamento, con persino bambini e anziani radunati per combattere.


Approfondimento: Etiopia, coinvolgimento dell’Eritrea nel nuovo fronte di guerra in Tigray


Il presidente Afwerki ha governato il piccolo paese nel Corno d’Africa da quando ha ottenuto l’indipendenza dall’Etiopia nel 1993. Senza parlamento, costituzione, magistratura indipendente, elezioni o stampa libera, Afwerki e la sua piccola squadra di consiglieri governano l’Eritrea con potere e controllo completi. Gli oppositori vengono rinchiusi senza accusa né processo, insieme a renitenti alla leva ea coloro che cercano di fuggire.

Molti giovani eritrei come Aaron rischiano il tutto per tutto per scappare. I timori della coscrizione hanno portato l’Eritrea a diventare uno dei maggiori creatori di rifugiati al mondo per abitante, con oltre il 10% della popolazione totale del paese che si pensa viva in esilio. Mentre molti fuggono nei paesi vicini, altri intraprendono il pericoloso viaggio verso l’Europa, rischiando la schiavitù in Libia e la morte nel Mediterraneo.

Dopo aver raggiunto le coste britanniche, il giovane richiedente asilo credeva di aver messo abbastanza distanza tra sé e il regime per garantire la sua libertà e sicurezza

Dopo aver raggiunto le coste britanniche, il giovane richiedente asilo credeva di aver messo abbastanza distanza tra sé e il regime per garantire la sua libertà e sicurezza. Ma con suo sgomento, scoprì che la presa del dittatore si estendeva ben oltre i confini dell’Eritrea.

“Ci sentiamo impotenti”

Il regime di Afwerki è determinato a mantenere il controllo non solo sulla popolazione all’interno dell’Eritrea, ma anche sulla diaspora, dice Aaron. “Molti di noi nella comunità si sentono impotenti”, mi dice l’attivista eritreo-britannica Helen Girmasion, che vive in Gran Bretagna da oltre 30 anni. “Riteniamo che il regime stesso, o il braccio del regime, abbia ancora un effetto sulle persone della diaspora. È ancora molto minaccioso, non puoi davvero parlare apertamente del regime anche se sei nel Regno Unito, a migliaia di chilometri di distanza dall’Eritrea”.

“non puoi davvero parlare apertamente del regime anche se sei nel Regno Unito, a migliaia di chilometri di distanza dall’Eritrea”

L’uso da parte dell’Eritrea delle sue ambasciate e dei suoi sostenitori all’estero per reprimere i critici è stato a lungo documentato dai gruppi per i diritti umani. Un rapporto di Amnesty International nel 2019 (trad. it.) ha accusato il partito al governo di Afwerki di aver compiuto “minacce di morte, aggressioni fisiche e diffusione di bugie” per mettere a tacere i critici della diaspora.

I ricercatori hanno scoperto casi di attivisti eritrei in Europa perseguitati, bombardati da chiamate minacciose da numeri sconosciuti e sottoposti a campagne diffamatorie online. I sostenitori del partito PFDJ al potere in Eritrea e della sua ala giovanile YPFDJ sono in prima linea in questi attacchi in Europa, osserva il rapporto, anche in Gran Bretagna. Come spiega Aaron: “Il sostegno al regime è così forte [nel Regno Unito] che ti sembra di essere ancora in prigione”.


Approfondimento: The Eritrean regime trains its young people in Rome


“Vengo attaccata verbalmente tutto il tempo”, mi dice Elizabeth Chyrum, fondatrice e direttrice del gruppo britannico Human Rights Concern Eritrea (HRCE). “Quando ero incinta di sette mesi, quattro donne hanno minacciato di farmi del male fisicamente, ma sono riuscita a scappare. Da allora, sono molto attento [sui] miei movimenti e impegni.

I critici del regime possono anche trovarsi esclusi dalle aree chiave di sostegno della loro comunità, come spiega Chyrum:

“Il regime eritreo ha il controllo della maggior parte delle chiese della diaspora. Le chiese raccolgono una decima dalle loro congregazioni e la inviano al governo eritreo”.

La repressione degli eritrei all’estero è stata condannata dal Parlamento europeo, che, in una risoluzione del 2016, ha accusato il PFDJ di estendere una “presa totalitaria” sulla diaspora eritrea, attraverso lo spionaggio dei civili, prendendo di mira le loro famiglie in Eritrea e imponendo un 2% come tassa al centesimo.

Questa “tassa sulla diaspora” è una forma più discreta di come il regime esercita il controllo sulla diaspora, ma non meno sinistra. Riscossa su tutti gli eritrei che vivono all’estero, compresi quelli beneficiari di sussidi, il mancato pagamento può comportare l’impossibilità di accedere ai servizi consolari e all’aiuto dello Stato, come ottenere il passaporto, vendere proprietà in Eritrea, esaudire le volontà morenti di parenti o addirittura far rimpatriare il tuo corpo a casa. In questo modo, le persone che non sostengono il regime si trovano sotto pressione per contribuire ad esso attraverso la tassa del 2%.

Mentre il governo eritreo afferma che il prelievo è utilizzato per finanziare progetti di sviluppo, un recente rapporto dei parlamentari britannici ha sollevato timori che il denaro sia stato utilizzato per aiutare a finanziare la guerra nel Tigray, dove le truppe eritree sono state accusate di stupro di gruppo, omicidio e saccheggio, prima il mese scorso è stato raggiunto un accordo di pace tra Etiopia e ribelli del Tigray. Il rapporto, del collega interpartitico Lord David Alton, co-presidente dell’APPG sull’Eritrea, chiede un’indagine urgente sulla tassa.

Resistenza nella diaspora

Il sostegno ad Afwerki e al PFDJ al potere tra la diaspora è complicato. Dopo aver sopportato oltre 100 anni di colonizzazione sotto varie potenze e 30 anni di guerra per l’indipendenza, molti eritrei continuano a provare un forte senso di orgoglio nazionale per la loro piccola patria e per la sua lotta di liberazione.

I timori alimentati dalla propaganda del governo che la nazione relativamente giovane possa cadere ancora una volta nelle mani di una potenza straniera, genera sostegno al regime, indipendentemente dal trattamento riservato ai suoi cittadini.

Come spiega Helen, “Molte persone hanno un attaccamento emotivo al loro paese, soprattutto come è successo con [la] guerra dei 30 anni. Ogni eritreo, almeno uno o due della sua famiglia, è morto per questo Paese”.

Ma negli ultimi anni le voci di opposizione nella diaspora si sono rafforzate, soprattutto tra i giovani eritrei. La scorsa estate, gruppi di opposizione in tutto il mondo hanno lanciato una posizione senza precedenti contro i sostenitori del PFDJ, chiudendo una serie di festival politici sponsorizzati dal regime in Svizzera, Germania, Norvegia, Paesi Bassi, Stati Uniti e Gran Bretagna.

Questi eventi, che presentano cantanti e artisti eritrei, raccolgono donazioni per il regime e diffondono propaganda, dicono i critici. Essendo uno dei paesi più poveri del mondo, si dice che l’Eritrea dipenda in modo massiccio dai contributi dei suoi cittadini all’estero attraverso una tassa del 2% e donazioni.

“È un regime che non esisterebbe se non fosse per la diaspora”, spiega Helen, motivo per cui prendere di mira i festival è un modo efficace con cui gli attivisti possono resistere alla dittatura in patria.

Quest’anno, i festival sono diventati un campo di battaglia chiave tra i sostenitori pro e antigovernativi della diaspora.

Ciò è stato visto a Londra il 4 settembre 2022, dopo che una campagna di attivisti per i diritti umani ha portato alla cancellazione di un festival, che si sarebbe tenuto nel distretto di Lambeth, da parte del consiglio locale e della polizia metropolitana.

Arrabbiati per l’annullamento del festival, i sostenitori del PFDJ hanno deciso di tenere un raduno filogovernativo, con circa 70 partecipanti, fuori dall’ambasciata eritrea a Islington, a nord di Londra, più tardi quel pomeriggio. Allertati dell’evento dell’ultimo minuto dai post sui social media, gli attivisti che avevano lottato duramente per annullare il primo evento hanno indetto una contro-manifestazione.

Manifestanti fuori dall'ambasciata eritrea a Islington, a nord di Londra, il 4 settembre 2022
Manifestanti fuori dall’ambasciata eritrea a Islington, a nord di Londra, il 4 settembre 2022

Molti dei manifestanti, circa 40, erano giovani richiedenti asilo eritrei – tra loro c’erano coscritti costretti a combattere nel Tigray che avevano sperimentato in prima persona la brutalità del regime eritreo. Per loro, i festival sono un crudele promemoria del fatto che il regime non è mai troppo lontano.

Aaron era fortemente convinto di unirsi alla protesta quel giorno: “Quei sostenitori hanno le mani sporche di sangue. I sostenitori qui conoscono molto bene le torture, le sparizioni, l’esercito a tempo indeterminato, sono ben consapevoli di ciò che sta accadendo e lo sostengono”.

Durante la protesta, il gruppo filogovernativo ha sventolato bandiere eritree, cantato canzoni patriottiche e canti guidati descritti dagli attivisti come “incitamento all’odio”. La tensione era alta e scoppiarono tafferugli. Ma molti hanno protestato pacificamente con i giovani eritrei seduti per strada, mi racconta Helen, che quel giorno era alla manifestazione.

La polizia ha permesso che l’evento filogovernativo continuasse, nonostante le obiezioni dei contromanifestanti. “Dicevamo, o finisce tutto o ci dai uno spazio per protestare”, dice Helen. “E la polizia ha detto: ‘No, solo le persone fuori dall’ambasciata possono protestare”.

Alla fine, è stata chiamata la polizia antisommossa che ha disperso con la forza i manifestanti antigovernativi. Ventuno persone sono state arrestate. Di questi, 16 erano giovani richiedenti asilo eritrei, di età compresa tra i 18 ei 25 anni.

Helen ha descritto la risposta della polizia come “brutale” e accusa gli agenti di negare loro un luogo per protestare. I video mostrano agenti che estraggono manganelli e trascinano fuori dalla strada i manifestanti. Gli eventi hanno attirato l’attenzione della stampa di destra, con articoli sul Daily Mail e sul Sun che descrivono i manifestanti come “folle” e “rivoltosi”.

I sostenitori del regime hanno avuto un ruolo nel diffondere alla stampa disinformazione sull’incidente, afferma Helen, taggando il Daily Mail, il Sun e il Telegraph quando pubblicano i video della protesta sui social media. L’ambasciata eritrea a Londra ha affermato che i manifestanti antigovernativi erano “terroristi tigrini”.

Helen afferma che l’uso di tale linguaggio è una tipica tattica usata dal regime e dai suoi sostenitori per “cancellare le identità” degli eritrei critici nei confronti del regime. (L’ambasciata eritrea non ha risposto a una richiesta di commento.)

Aaron prova un forte senso di ingiustizia per il modo in cui la protesta è stata gestita dalla polizia e riportata dalla stampa britannica. Ora si sente messo a tacere non solo dal regime oppressivo da cui è fuggito, ma anche dalle autorità britanniche che sperava lo avrebbero protetto.

“È stato triste vedere un paese che pensavamo rispettasse i diritti umani e la nostra sicurezza ci trattasse in quel modo”, dice. “Finché non stiamo interrompendo … il paese che ci ha dato sicurezza, allora è nel nostro diritto continuare a opporci al regime, a difendere i nostri diritti”.

A seguito dei loro arresti, Aaron e gli altri manifestanti ora affrontano un futuro incerto. Una condanna penale potrebbe esporre le loro richieste di asilo a grave rischio di rifiuto.

La risposta della polizia alla protesta ha suscitato preoccupazioni anche da parte delle organizzazioni per i diritti umani e di un parlamentare. In una dichiarazione in risposta alla protesta dell’epoca, il dottor Khataza Gondwe del gruppo britannico Christian Solidarity Worldwide ha dichiarato:

I contro-manifestanti sono veri rifugiati e richiedenti asilo. È profondamente deplorevole che in una società libera e democratica siano stati loro a essere dispersi e arrestati con la forza, mentre coloro che hanno iniziato la violenza sono stati in grado di continuare il loro incitamento all’odio”.

Jeremy Corbyn, deputato di Islington North, il collegio elettorale vicino all’ambasciata, si è detto allarmato nel sentire degli arresti.

“Protestare è un diritto democratico, un diritto che si estende a coloro che protestano contro gli atti dei governi in patria e all’estero”, ha continuato l’ex leader laburista, che è stato un sostenitore della pace nel Tigray.

“Molti di questi manifestanti erano essi stessi giovani richiedenti asilo eritrei, che denunciavano le violazioni dei diritti umani e la guerra nel Tigray. Questa repressione è un esempio fin troppo sconvolgente della demonizzazione su vasta scala sia dei richiedenti asilo che di coloro che sostengono la loro situazione”.

Il Met non ha affrontato le preoccupazioni sollevate in merito alla sua risposta alla protesta in una richiesta di commento, ma ha affermato in una dichiarazione che i suoi ufficiali erano stati chiamati il ​​4 settembre per segnalazioni di “combattimenti” nelle vicinanze dell’ambasciata. “Gli ufficiali locali hanno partecipato e hanno trovato un certo numero di gruppi coinvolti in uno scontro”, dice. “Anche ufficiali specializzati sono stati chiamati ad assistere. Ventuno persone sono state arrestate per reati tra cui l’ordine pubblico e l’ostruzione volontaria dell’autostrada. Un’indagine è ancora in corso”.

‘Nessuno è dalla nostra parte’

Gli eventi di quel giorno riflettono una crescente sensazione tra i membri della diaspora eritrea che le autorità britanniche non stiano facendo abbastanza per affrontare la minaccia rappresentata dal “braccio lungo” del regime in Gran Bretagna.

Mentre la Gran Bretagna riconosce i pericoli affrontati dagli eritrei, dimostrati dall’elevato numero di richiedenti asilo provenienti dal paese a cui è stato concesso lo status di rifugiato (97%), alcuni membri ritengono che lo stato non stia prendendo in considerazione le loro preoccupazioni per le molestie, le minacce e il l’influenza del regime eritreo nelle istituzioni britanniche seriamente.

Come dice Helen:

“Ad essere onesti, in quanto eritrea britannica, personalmente non mi sento al sicuro e al sicuro in terra d’Inghilterra. Non mi sento di poter esprimere ciò che penso su ciò che sta accadendo in Eritrea senza conseguenze per la mia famiglia a casa e qui. Il governo britannico deve iniziare a prendere molto sul serio le preoccupazioni degli anglo-eritrei… e la loro sicurezza».

Questi sentimenti sono stati ripresi nelle testimonianze rese al rapporto di Lord Alton sulla tassa sulla diaspora, che citava un eritreo britannico che diceva: “Vorrei che il nostro governo, intendendo il governo britannico, avesse più voce in capitolo nella protezione degli anglo-eritrei qui”.

Sebbene le autorità britanniche abbiano espresso preoccupazione per la tassa con l’Eritrea, i membri della diaspora affermano di essere ancora effettivamente costretti a pagarla. In risposta a un’interrogazione parlamentare sulla tassa, il governo ha dichiarato: “Esortiamo chiunque abbia prove che la coercizione è stata utilizzata per ottenere il pagamento della tassa sulla diaspora eritrea a denunciarlo alla polizia”.

Dopo la protesta di settembre, Aaron afferma di non sentirsi più al sicuro: “Siamo venuti qui per sentirci al sicuro e prosperare qui. Ora non sento di avere un governo che possa proteggermi… non sento nessuno dalla nostra parte. Non abbiamo mai saputo che il Regno Unito potesse trattare persone innocenti come colpevoli e persone colpevoli come innocenti”.

Alcuni nomi sono stati cambiati per proteggere le identità.

Bethany Rielly è la giornalista di affari interni del Morning Star. Seguila su Twitter — @bethrielly.


FONTE: https://morningstaronline.co.uk/article/f/i-thought-i-was-safe-uk-brutal-eritrean-regime-i-fled-here-too

Lascia un commento