Salta al contenuto

Etiopia – 6 milioni messi a tacere: un’interruzione di Internet di due anni in Tigray

Mentre i combattimenti infuriano nella regione del Tigray in Etiopia, dilaniata dalla guerra, uno dei più lunghi arresti delle telecomunicazioni al mondo sta ostacolando le consegne di aiuti, danneggiando gli affari e tenendo separate le famiglie.

  • Chiusura nella regione etiope tra le più lunghe al mondo
  • Il blackout ostacola le consegne di aiuti, rovina le attività
  • Le autorità affermano che le chiusure aiutano a frenare la violenza

Era appena stata incoronata campionessa del mondo , ma la maratoneta etiope Gotytom Gebreslase è scoppiata in lacrime quando gli è stato chiesto se la sua famiglia stesse festeggiando la sua vittoria a casa nel Tigray dilaniato dalla guerra.

“Non parlo con i miei genitori da mesi”, ha detto, asciugandosi gli occhi mentre parlava a una conferenza stampa durante i Campionati mondiali di atletica leggera a Eugene, nello stato nord-occidentale dell’Oregon, negli Stati Uniti, a luglio.

“Vorrei che mio padre e mia madre potessero celebrare il mio successo come lo sono gli altri etiopi”.

Pochi sono stati risparmiati dagli effetti della chiusura di quasi due anni di Internet e telefono nella regione del Tigray settentrionale dell’Etiopia, che è stata interrotta da quando sono scoppiati i combattimenti tra i ribelli del Tigray e le forze governative nel novembre 2020.

Il conflitto è ripreso il mese scorso dopo una tregua umanitaria durata mesi, che ha deluso le speranze di ripristino delle comunicazioni.

Anche il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus, originario del Tigray, ha affermato di non essere stato in grado di raggiungere i suoi parenti a casa, né di inviare loro denaro.

“Non so nemmeno chi è morto o chi è vivo” ha detto il Dr. Tedros in una recente conferenza stampa a Londra.

Mentre i combattimenti continuano nel Tigray e altrove in Etiopia, il governo del primo ministro Abiy Ahmed afferma che le chiusure sono necessarie per frenare la violenza, ma i critici accusano le autorità di utilizzare Internet come arma di guerra.

“L’accesso alle comunicazioni e ad altri servizi di base, e soprattutto l’assistenza umanitaria, è esplicitamente utilizzato come merce di scambio dal governo etiope”, ha affermato Goitom Gebreluel, analista politico specializzato in affari del Corno d’Africa.

“È usato come leva sia contro il Tigray che contro la comunità internazionale”.

Telefoni satellitari e stampa

In tutto il mondo, le interruzioni di Internet sono diventate più sofisticate, durano più a lungo, danneggiano le persone e l’economia e prendono di mira i gruppi vulnerabili in tutto il mondo, secondo il gruppo per i diritti digitali Access Now.

L’anno scorso ha registrato circa 182 interruzioni di Internet in 34 paesi, rispetto alle 159 interruzioni in 29 nazioni dell’anno precedente.

In Etiopia , sporadici blackout di Internet e telefonici sono stati usati come “un’arma per controllare e censurare le informazioni”, ha affermato il gruppo, rendendo difficile per giornalisti e attivisti documentare presunti crimini contro i diritti e fornire aiuti.

Nella capitale regionale del Tigray, Mekelle, soluzioni di emergenza come i telefoni satellitari sono diventati uno strumento vitale per le operazioni delle agenzie umanitarie.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) gestisce anche un servizio di telefonia satellitare per i residenti locali, dando loro un modo per inviare un messaggio ai propri cari.

Finora quest’anno, il CICR ha facilitato circa 116.000 telefonate e messaggi orali “tra membri della famiglia separati da conflitti e violenze”, ha affermato la portavoce Alyona Synenko.

Con quasi la metà dei sei milioni di persone della regione che hanno un grave bisogno di cibo , la chiusura e i blocchi stradali hanno ostacolato le consegne di aiuti umanitari, secondo il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite.

La mancanza di reti di telefonia mobile ha anche “paralizzato sia l’emergenza che i normali sistemi di monitoraggio sanitario”, ha affermato un portavoce dell’OMS in un commento inviato via e-mail.

L’unico modo per comunicare è “tramite relazioni cartacee che devono essere consegnate a mano. Tutti gli incontri devono tenersi di persona”.

Funzionari del governo accusano i ribelli di danneggiare deliberatamente le reti di telecomunicazioni, mentre i rappresentanti del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) affermano che l’amministrazione di Abiy non vuole ripristinare i servizi tagliati.

Un portavoce di Abiy ha affermato che non c’era un “pulsante o interruttore di accensione e spegnimento singolo” per il ripristino di Internet.

Non c’era un “pulsante o interruttore di accensione e spegnimento singolo” per il ripristino di Internet.

“Le disposizioni di sicurezza e amministrative all’interno della regione del Tigray devono essere autorizzate… per facilitare i lavori di riparazione tecnica”, ha detto il portavoce ai giornalisti il ​​mese scorso.

Il consigliere del TPLF Fesseha Tessema lo ha contestato.

“La questione è politica, poiché Addis Abeba non vuole revocare l’assedio e ripristinare i servizi”, ha detto alla Thomson Reuters Foundation.

Un membro del personale della Croce Rossa Internazionale (CICR) osserva un residente che parla alla famiglia su un telefono satellitare nel Tigray, in Etiopia. Comitato Internazionale della Croce Rossa/Dispensa tramite Thomson Reuters Foundation
Un membro del personale della Croce Rossa Internazionale (CICR) osserva un residente che parla alla famiglia su un telefono satellitare nel Tigray, in Etiopia. Comitato Internazionale della Croce Rossa/Dispensa tramite Thomson Reuters Foundation

“Lo lasciano a Dio”

Quando il popolare cantante e attivista Oromo Hachalu Hundessa è stato ucciso nel giugno 2020 in un sobborgo della capitale, Addis Abeba, il governo ha staccato la spina da Internet dell’intero paese mentre rivolte e omicidi si diffondevano in Oromia e ad Addis Abeba.

Secondo NetBlocks, una società di monitoraggio di Internet, una repressione della polizia ha provocato centinaia di morti e un’interruzione di Internet durata 23 giorni è costata all’economia più di 100 milioni di dollari.

Frehiwot Tamiru, amministratore delegato dell’unico fornitore di telecomunicazioni – Ethio Telecom, di proprietà del governo, ha affermato che la chiusura a livello nazionale è necessaria per impedire che Internet venga utilizzato dai criminali per “uccidere e sfollare, creare caos e distruggere il paese”.

I gruppi per i diritti umani hanno anche criticato il governo etiope per la chiusura dei social media e dei servizi di messaggistica tra cui Facebook e WhatsApp nell’ultimo anno.

Le autorità etiopi non hanno commentato queste chiusure, ma hanno affermato l’anno scorso che stavano sviluppando una piattaforma di social media interna per “sostituire” Facebook, Twitter e WhatsApp.

Molti comuni etiopi lamentano le frequenti interruzioni della loro vita quotidiana.

Come ogni quindicenne, a Tolessa piaceva cercare i risultati di calcio online e inviare messaggi ai suoi amici sul telefono, fino a quando le frequenti interruzioni di Internet nella sua città natale a Oromia lo rendevano quasi impossibile.

Con l’intensificarsi della guerra tra le forze etiopi e i ribelli dell’Esercito di liberazione di Oromo nel 2019 e nel 2020, i residenti hanno usato i loro telefoni quando potevano per avvisarsi a vicenda dell’avvicinarsi dei combattimenti, fino alla chiusura della banda larga e di Internet mobile.

“Ora è tutto un azzardo – lo lasciano a Dio”, ha detto Tolessa, che ha chiesto di usare uno pseudonimo per proteggere la sua identità.

Temendo per la sua incolumità, la famiglia di Tolessa lo ha mandato a vivere con i parenti ad Addis Abeba a circa 300 km (185 miglia) di distanza, dove ora va a scuola e spera di diventare ingegnere. È una lotta per rimanere in contatto.

“Posso contattare solo alcuni parenti per telefono, la maggior parte di loro non è online da mesi”, ha detto.

In Tigray, Eyassu Gebreanenia, 24 anni, residente a Mekelle, ha affermato di essere in grado di collegarsi online una o due volte al mese, utilizzando il Wi-Fi presso l’ufficio di un’organizzazione no profit internazionale in cui lavora il suo amico.

La città era un tempo il vivace centro degli affari della regione, ma Gebreanenia ha detto che ospedali, hotel e ristoranti sono chiusi e le persone che un tempo possedevano attività fiorenti ora lottano per sfamare le loro famiglie.

“È come se avessero riportato indietro l’orologio di 30 anni”, ha detto in una e-mail. “Le persone stanno soffrendo, ma potresti non saperlo perché siamo tagliati fuori dal mondo. È piuttosto deprimente”.

(Segnalazione di Zecharias Zelalem. Montaggio di Rina Chandran e Helen Popper.)


FONTE: https://www.context.news/digital-rights/six-million-people-in-the-dark-tigrays-two-year-internet-outage

Lascia un commento