Salta al contenuto

Etiopia, Internet chiusa, accesso negato // diritto negato

Aggiornato il 30 Giugno 2022

Negazione di accesso, accesso negato alla rete ed ai suoi servizi, oggi è sinonimo di mancata o parziale democrazia, censura di stato, repressione governativa.

Nel febbraio 2019, il Premier etiope Abiy Ahmed Ali ha chiarito che Internet “non è né acqua né aria” e che “finché è ritenuto necessario salvare vite umane e prevenire danni alla proprietà, Internet sarebbe chiuso definitivamente, figuriamoci per una settimana”. Mantenendo la parola data, Abiy Ahmed Ali ha continuato a imporre blackout a Internet.

FONTE: https://omnatigray.org/wp-content/uploads/2022/02/Tigray-Telecommunication-Blackout-Report.pdf

Tra il 2021 e il 2022 gli attacchi informatici verso l’Etiopia sono quadruplicati.

[Work In Progress] Quella che segue vuole essere una timeline che ripercorre negli ultimi anni i blocchi e le chiusure di internet in Etiopia per causa e volontà politiche, di governo: misura adottata per mettere a tacere per esempio l’opposizione, manifestanti, liberi cittadini, media o giornalisti con visione ed opinioni contrarie al regime governante.

Back in the dark: Ethiopia shuts down internet once again
Back in the dark: Ethiopia shuts down internet once again – Credits IMG: https://www.accessnow.org/

11 Giugno 2019

Interruzione Internet totale rilevata in Etiopia per contrastare brogli esami

Internet dell’Etiopia è stato completamente interrotto alle 7:30 UTC di martedì 11 giugno 2019 (durata 4 giorni). L’interruzione segue la parziale restrizione delle app di messaggistica a partire da lunedì e si ritiene che sia una misura per contrastare gli imbrogli durante gli esami finali della scuola secondaria nazionale.

La motivazione della chiusura di internet in contrasto ai brogli su esami di stato non è stata confermata ufficialmente.

La chiusura ha colpito il settore delle imprese: “La chiusura di internet riaffermerà agli investitori che c’è una notevole imprevedibilità nell’ambiente economico, politico e di sicurezza in Etiopia, ma è improbabile che questi problemi, si spera a breve termine, scoraggino in modo significativo il loro interesse per le opportunità di mercato a lungo termine” William Davison, analista International Crisis Group

“Stiamo stimando la perdita economica per il PIL dell’Etiopia a circa $ 17 milioni”, ha detto a Reuters Alp Toker, direttore esecutivo del gruppo di monitoraggio di Internet NetBlocks.

Approfondimenti:

22 Giugno 2019

Presunto tentativo di colpo di stato in la regione dell’Amhara.

Internet dell’Etiopia è stato in gran parte disconnesso a partire dalle 20:15 UTC di sabato 22 giugno 2019 e ha avuto un impatto a livello nazionale alle 21:00 UTC, poiché emergono notizie di un tentativo di spodestare il governo regionale a Bahir Dar, stato di Amhara, a nord della capitale Addis Abeba.

I dati di rete in tempo reale mostrano che la connettività IP nazionale è scesa al 2% dei livelli normali, mentre la segreteria del Primo Ministro è apparsa in diretta sulla televisione etiope per spiegare: “uomini armati hanno cercato di spodestare il governo regionale di Amhara con la forza, ma il loro tentativo è stato sventato. ”

Successivamente sono stati segnalati spari ad Addis Abeba e si ritiene che le operazioni di sicurezza siano in corso. L’interruzione di Internet costituisce una restrizione significativa al flusso di informazioni in entrata e in uscita dall’Etiopia, rendendo difficile valutare la situazione attuale sul campo.

I dati indicano che le interruzioni hanno avuto un impatto a livello nazionale, dopo che le regioni del nord, compreso lo stato di Amhara e le regioni orientali, sono andate offline per la prima volta che la voce del colpo di stato si è diffusa lasciando offline il 98% dell’Etiopia, una situazione che è in corso al momento della stesura.

Approfondimenti:

9 Marzo 2020

Appello HRW – Human Rights Watch : Etiopia: l’interruzione delle comunicazioni ha un pesante tributo

Il governo etiope dovrebbe revocare immediatamente la chiusura delle comunicazioni Internet e telefoniche nella regione dell’Oromia. La chiusura di 3 mesi ha impedito alle famiglie di comunicare, interrotto i servizi di salvataggio e contribuito a un blackout informativo durante le operazioni di controinsurrezione del governo nell’area.

L’appello di HRW arriva dopo che Gammachu Garomsaessere, un giovane ventenne oromo è stato accusato di essere un ribelle.Ccome prigioniero agli arresti sarebbe stato picchiato a morte dalle forze di sicurezza etiopi e il suo corpo gettato nella boscaglia a Yubdo Kebele in Oromia. Il governo distrettuale ha negato la dinamica e ha affermato che è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre tentava di scappare, anche se una foto di lui seduto con le mani legate intorno alla schiena e circondato dalla polizia regionale di Oromia che trasportava dei bastoni è finita sui social media.

Approfondimenti

30 Giugno 2020

Internet tagliato in Etiopia tra i disordini in seguito all’uccisione del cantante.

Il blackout arriva tra le proteste ad Addis Abeba dopo che il cantante e attivista Oromo Haacaaluu Hundeessaa è stato ucciso a colpi di arma da fuoco lunedì notte. Il lavoro del 34enne Haacaaluu è associato al movimento che ha visto la rimozione del precedente primo ministro etiope.

I dati di rete dell’osservatorio Internet NetBlocks confermano che Internet è stato interrotto in gran parte dell’Etiopia da poco dopo le 9:00 ora locale (6:00 UTC) di martedì 30 giugno 2020 tra proteste e disordini.

Le metriche in tempo reale mostrano che il paese è rimasto in gran parte offline fino alla mattina di giovedì 23 luglio 2020, con un impatto su scala nazionale che è durato 23 giorni interi.

I dati mostrano che la connettività con l’unico provider Internet del paese, Ethiopia Telecom (AS24757), gestita dallo stato, è stata disconnessa al momento registrato da NetBlocks. Nessuna dichiarazione pubblica era disponibile al momento della segnalazione.

4 Novembre 2020

Internet interrotto in Etiopia per lo scoppio del conflitto nella regione del Tigray

I dati di rete dell’osservatorio Internet NetBlocks confermano che Internet è stato interrotto a livello regionale in Etiopia dall’01:00 di mercoledì 4 novembre 2020 ora locale. Le metriche corroborano i rapporti diffusi di un blackout di dati e telefonia nella regione settentrionale del Tigray, in corso a partire dalla mezzanotte.

Pochi minuti dopo la registrazione dell’interruzione della rete da parte dell’osservatorio, il primo ministro Abiy Ahmed ha annunciato tramite i suoi account Twitter e Facebook verificati che una “linea rossa” era stata superata e che era stata intrapresa un’azione militare per “salvare il paese” da gruppi irrequieti.

17 Maggio 2021

NetBlocks via Twitter:

Confermato: i dati di rete mostrano Facebook, WhatsApp e Instagram limitati in #Etiopia ; incidente arriva in mezzo alla rinnovata condanna internazionale per il conflitto del #Tigray e il rinvio delle elezioni.


NOTE:

Bio parziale di Abiy Ahmed Ali, attuale premier etiope:

Nel 2001 ha conseguito la prima laurea in Ingegneria Informatica presso il Microlink Information Technology College di Addis Abeba.

Nel 2005 ha completato il suo diploma avanzato post-laurea in Crittologia, Machine Dynamics Cipher-ED Pretoria, RSA (Repubblica del Sud Africa) con (crittografia AES basata su block cipher “il sistema che crittografa e decrittografa una comunicazione di dati tra due parti” ).

Nel 2007 ha fondato l’Ethiopian Information Network Security Agency (INSA) e fino al 2010 è stato direttore fondatore dell’INSA. Durante questo periodo, è stato anche membro del consiglio di diverse agenzie governative che si occupano di informazione e comunicazione, come Ethio Telecom e Ethiopian Television.

Nel 2010, Abiy ha lasciato l’INSA per diventare un politico. Ha iniziato la sua carriera politica come membro dell’OPDO (Organizzazione Democratica del Popolo Oromo). Nelle elezioni nazionali del 2010, Abiy ha rappresentato la sua casa wearda di Agaro ed è diventato un membro eletto della Camera dei rappresentanti dei popoli, la camera bassa dell’Assemblea parlamentare federale etiope.

Dal 2010 al 2012 è stato membro del comitato centrale dell’OPDO e membro del congresso del Comitato Esecutivo dell’EPRDF.

NOTA: Capo coalizione dell’EPRDF era il TPLF – Tigray People’s Liberation Front, attuale partito designato “gruppo terroristico” dall’attuale governo di Abiy Ahmed Ali.

Nel 2014, Abiy ha istituito un nuovo GRI (Government Research Institute) chiamato Science and Technology Information Center (STIC) con l’intento di creare un centro di eccellenza in scienza, tecnologia e innovazione. Divenne Direttore Generale di STIC. Nel 2015 è diventato membro esecutivo di OPDO.

Nel 2015 è diventato ministro della scienza e della tecnologia dell’Etiopia mentre un dottorato di ricerca. candidato a studi sulla pace e la sicurezza. Abiy si trasferì e divenne ministro etiope della scienza e della tecnologia (MoST), incarico che lasciò dopo solo pochi mesi per tornare nella sua regione d’origine, l’Oromia, per assumere maggiori responsabilità e doveri.

Dalla fine del 2016 in poi, Abiy ha servito la sua regione natale di Oromia con il grado di vicepresidente della regione di Oromia, rimanendo membro della Camera federale etiope dei rappresentanti dei popoli.

Nel 2018 ha ricoperto il ruolo di capo del Segretariato OPDO e dell’Ufficio per lo sviluppo urbano e abitativo di Oromia con il titolo di vicepresidente della regione di Oromia, una delle nove regioni dell’Etiopia. Nel 2018 è stato Presidente dell’OPDO (Organizzazione Democratica dei Popoli Oromo) e membro eletto del parlamento della FDRE (Repubblica Federale Democratica d’Etiopia) e membro del comitato esecutivo del Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope (EPRDF).

OPDO ha guadagnato la sua voce ed ha espresso solidarietà ai manifestanti di Oromo. Lema Megersa, il dottor Abiy Ahmad e gli altri leader dell’Organizzazione Democratica del Popolo Oromo hanno ottenuto un enorme sostegno non solo dal popolo Oromo ma anche da altri etiopi. Hanno cambiato radicalmente l’immagine e la statura di OPDO da quando ne ha assunto la guida.

A metà febbraio 2018, OPDO ha invitato i membri del partito di opposizione con sede in Etiopia e all’estero a collaborare con l’obiettivo di realizzare un sistema democratico nel paese e nella regione di Oromia. L’invito è stato accolto positivamente da numerosi partiti politici di opposizione.

La coalizione di governo (EPRDF) lo ha votato come suo presidente in una mossa che ha posto le basi affinché Ahmed diventasse il terzo primo ministro del paese in 23 anni. Il partito al governo, Fronte rivoluzionario popolare etiope (EPRDF), ha eletto Abiy in quanto ha esaminato i rapporti dettagliati del suo Comitato esecutivo del Fronte, le prestazioni di ciascun partito nazionale nell’attuazione del programma di rinnovamento approfondito dal 20 marzo 2018.

Abiy è stato eletto come presidente del partito al governo in seguito alle dimissioni del presidente Hailemariam Dessalegn.

Nel 2019 Abiy Ahmed Ali viene insignito del premio Nobel per la Pace, in seguito all’accordo Etiopia Eritrea siglato bilateralmente da lui e dal dittatore Isaias Afwerki, ancora attuale presidente del regime di Eritrea, anche definita la Corea del Nord africana.

NOTA: Nota 33 – L’Etiopia e il conflitto nel Tigrai : “a oltre due anni dall’accordo, la normalizzazione delle relazioni tra Etiopia ed Eritrea, iniziata con il ripristino dei legami diplomatici, l’apertura delle frontiere e la ripresa dei voli tra Addis Abeba e Asmara, non ha ancora portato a una cooperazione effettiva” Senato Repubblica Italiana

Lascia un commento