Salta al contenuto

La negazione dell’assistenza umanitaria come reato di diritto internazionale [ Tigray Etiopia ]

Da ormai + di 15 mesi in Tigray e nel resto dell’ Etiopia settentrionale, in Amhara ed Afar, è in atto una catastrofe umanitaria. La guerra è iniziata come la volontà del governo centrale di promuovere una veloce azione di polizia atta a bloccare, fermare ed arrestare ogni singolo membro del TPLF, il partito del Tigray People’s Liberation Front. Si è subito tramutata in guerra combattuta in totale blackout ed isolamento e dai risvolti di repressione etnica e genocidiari.

Stupri come arma da parte sovente degli alleati eritrei occupanti il Tigray e fame come armi di guerra ed arresti di massa sul popolo tigrino. L’alleata dirigenza nazionalista estremista amhara e il dittatore eritreo Isaias Afweriki hanno l’unico obiettivo, dopo più di un anno di repressione, di “cancellare”, annientare, “sradicare” ad ogni costo i “ribelli”. Sono stati ucciso 23 operatori umanitari dall’ inizio del novembre 2020. In alcune aree bombardate con raid aerei e per mezzo drone, hanno ucciso migliaia di civili tigrini e rifugiati eritrei, persone di ogni età, bambini ed anziani.

Chi sono i “ribelli”? I partigiani del TDF – Tigray Denfence Forces diretti dai membri del TPLF. Ribelli e terroristi, per il governo centrale etiope, sono anche i simpatizzanti di questi gruppi, quindi tutti gli etiopi di origine tigrina oggi sono sospettabili e trattati potenzialmente come tali. La narrazione degli attori estremisti che vogliono una rivalsa sul partito del TPLF parla di debellare i terroristi del TPLF, ma la semantica, la retorica e l’uso sapiente delle parole e delle lingue (la lingua nazionale l’amarico, o in altri frangenti l’inglese) veicolano messaggi codificati per cui il TPLF, i ribelli sono solo un sinonimo verso il popolo del Tigray. La comunità internazionale, occidentale è confusa (o vuole esserlo). Questi obiettivi cozzano con le prese di posizione del premier etiope dell’ultimo periodo (liberazione di ex dissidenti politici TPLF ed oromo e discorsi di inclusione per dialoghi di mediazione e risoluzione di pace – la scarcerazione è stata definita un palliativo, un fuoco di paglia e l’inclusività dei dialoghi nazionali hanno escluso diverse fazioni politiche dai tavoli).

ICRC - Tigray Etiopia - La negazione dell'assistenza umanitaria come reato di diritto internazionale
ICRC – Tigray Etiopia – La negazione dell’assistenza umanitaria come reato di diritto internazionale

Intanto, anche se giorni fa è stato dichiarato dalla ICRC che sono atterrati una decina di voli a Mekelle per consegnare materiale sanitario di primo soccorso e medicale, sembra sia una operazione di propaganda visto che tali 10 consegne/voli non sono state forniture massicce, sono avvenuti dopo diversi mesi (da setembre 2021) che il Tigray, o meglio la capitale Mekelle, non riceveva rifornimenti, tra i rifornimenti ci sono medicinali come insulina ed emodialisi che vanno trattati e mantenuti con una catena del freddo: sappiamo che a Mekelle non c’è una situazione stabile in fatto di fornitura elettrica ed il carburante scarseggia quasi totalmente (per mantenere eventuali gruppi elettrogeni attivi). Sono dubbi e domande lecite visto la situazione disumana in cui stanno vivendo gli etiopi in Tigray e che come definito dal Direttore Generale del WHO – World Health Organizations, OMS – Dr. Tedros Adhanom Ghebreyesus, il Tigray è bloccato “de facto” all’ accesso umanitario.

Ecco che riportiamo un documento condiviso dalla ICRC – Commissione Internazionale della Corce Rossa titolato “La negazione dell’assistenza umanitaria come reato di diritto internazionale” e che al suo interno riporta la dfininizione di genocidio e che tratta l’argomento del blocco di aiuti umanitari.

Il report anche se datato 30/09/1999 è di recentissima attualità.

La definizione generalmente accettata del trattato di genocidio è “qualsiasi dei seguenti atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, in quanto tale: (a) uccidere i membri del gruppo; (b) causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo; (c) infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita atte a provocarne la distruzione fisica in tutto o in parte; (d) Imporre misure per prevenire le nascite all’interno del gruppo; (e) Trasferire forzatamente i bambini del gruppo in un altro gruppo” [92] . Non è quindi necessario alcun nesso con un conflitto armato o con un altro crimine. La disposizione della Convenzione sul genocidio è riprodotta negli Statuti dell’ICTY, dell’ICTR e della CPI [93] . Perché la negazione dell’assistenza umanitaria costituisca genocidio, devono quindi essere presenti i seguenti tre elementi: la negazione deve equivalere a uno degli atti enumerati, l’atto in questione deve essere diretto contro uno dei gruppi citati e l’autore deve avere il intenzione di distruggere il gruppo in tutto o in parte.

Riportiamo in maniera integrale la traduzione di tutto il Report.


30-09-1999 Articolo, Rivista internazionale della Croce Rossa, n. 835, di Christa Rottensteiner

Un massacro non è necessariamente commesso solo con i coltelli.  

Un rifugiato del Kosovo  

Christa Rottensteiner ha conseguito un master presso l’Università di Vienna (Austria) e l’Università dell’Essex (Regno Unito). Ha redatto questo articolo mentre lavorava al CICR.  

FONTE: https://www.icrc.org/en/doc/resources/documents/article/other/57jq32.htm

Le immagini che vediamo ogni giorno sui nostri schermi televisivi sono, purtroppo, fin troppo familiari: civili in fuga da un conflitto armato, che lottano per sopravvivere in circostanze difficili. Non hanno cibo, acqua, vestiti e riparo adeguati e non hanno accesso all’assistenza medica. Queste immagini possono provenire dai Balcani, dalla regione dei Grandi Laghi in Africa centrale o da qualsiasi altra parte del mondo, ma il problema principale che le organizzazioni umanitarie devono affrontare in ogni situazione di conflitto rimane lo stesso: come raggiungere le persone bisognose. I combattimenti spesso rendono impossibile l’accesso a un’area, a volte le condizioni del terreno o meteorologiche non consentono il passaggio dei soccorsi, in altri casi non si sa dove si trovino le vittime. Spesso, tuttavia, le difficoltà di accesso a coloro che necessitano di assistenza non sono una questione di circostanze sfortunate ma sono artificiali e intenzionali. Il saccheggio dei soccorsi, gli attacchi ai convogli o il rifiuto di autorizzare l’accesso possono rendere difficile l’arrivo degli aiuti ai beneficiari previsti. Le conseguenze possono essere disastrose, come hanno dimostrato gli eventi in Bia fra, Somalia, Bosnia o nel Sudan meridionale, per citare solo alcuni tragici esempi.

La trattenuta di cibo e altri beni vitali non è un fenomeno nuovo. Nel corso della storia, la fame è stata usata come metodo di guerra. L’obiettivo principale di assedi e blocchi non era quello di infliggere sofferenze alla popolazione civile, vista come un “sottoprodotto” inevitabile, ma di portare alla resa dell’esercito nemico. Nelle guerre odierne, tuttavia, l’assistenza umanitaria viene sempre più negata nell’ambito di una politica deliberata volta a prendere di mira i civili, in particolare durante i conflitti armati interni. Il cambiamento spesso discusso nella natura della guerra potrebbe essere una delle ragioni di questo sviluppo. L’altro motivo potrebbe essere il cambiamento nella natura delle operazioni umanitarie. Negli anni ’90 c’è stata una tendenza crescente a usarli come sostituti di un’efficace azione politica o militare. Inoltre, il numero delle operazioni di soccorso è cresciuto costantemente. Ciò ha portato a una situazione in cui l’assistenza umanitaria è spesso utilizzata come merce di scambio nei rapporti politici ed è quindi regolarmente ostacolata. Poiché i media internazionali stanno prestando maggiore attenzione alla questione, anche la sospensione degli aiuti è diventata più evidente di prima.

Questo articolo cerca di chiarire in quali circostanze il rifiuto di assistenza umanitaria può costituire un crimine ai sensi del diritto internazionale. Esamina tre crimini fondamentali del diritto internazionale: crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. Il documento non suggerisce di creare una nuova categoria di reati, ma piuttosto esamina la questione se la negazione dell’assistenza umanitaria rientri nella definizione di reati esistenti. Lo scopo della copertura di tutti e tre i crimini è quello di ottenere una panoramica delle possibilità di perseguire qualcuno per il rifiuto di aiuti umanitari. Sebbene l’articolo sia limitato alle situazioni di conflitto armato,

Lo studio di questo argomento è di particolare interesse in quanto questi crimini hanno riacquistato rilevanza con il lavoro dei Tribunali ad hoc per l’ex Jugoslavia (ICTY) e per il Ruanda (ICTR) e, soprattutto, con la recente adozione dello Statuto per una Corte penale internazionale (CPI). La futura CPI non solo consentirà che gli autori delle più gravi violazioni del diritto internazionale siano assicurati alla giustizia, ma contribuirà anche alla prevenzione di tali violazioni.

 L’assistenza umanitaria nel diritto internazionale

Prima di analizzare se la negazione dell’assistenza umanitaria possa essere considerata un reato ai sensi del diritto internazionale, occorre anzitutto definire il tipo di assistenza in discussione e fornire una breve panoramica delle norme che la disciplinano.[1 ]

Ai fini del presente articolo, l’assistenza umanitaria è definita come comprensiva di tutte le azioni di emergenza volte a garantire la sopravvivenza delle persone direttamente interessate da conflitti armati di carattere internazionale o interno. Comprende gli aiuti materiali — cibo, acqua, vestiti, medicinali, carburante, riparo, biancheria da letto, attrezzature ospedaliere, ecc. — ei servizi di personale addestrato. Affinché l’assistenza sia di natura umanitaria, il suo unico scopo deve essere quello di prevenire e alleviare le sofferenze umane [2] . I beneficiari degli aiuti umanitari sono civili bisognosi, compresi gli internati, e prigionieri di guerra. Sarà esclusa l’assistenza fornita durante disordini e tensioni interne (per quanto difficile possa essere a volte la distinzione tra disordini interni e conflitti armati interni) e disastri naturali. Inoltre,

Il principio di sussidiarietà impone che la responsabilità primaria di soddisfare i bisogni della popolazione civile in un conflitto armato ricada sulle parti in conflitto che hanno il controllo effettivo del territorio in cui quella popolazione vive. Solo se tali parti non sono in grado di adempiere ai loro obblighi dovrebbero essere presi provvedimenti di soccorso esterni. In un conflitto armato internazionale, la Terza e la Quarta Convenzione di Ginevra regolano rispettivamente la fornitura di cibo e altri beni ai prigionieri di guerra, alle persone nei territori occupati e agli internati [3] . Il II Protocollo addizionale del 1977 contiene ulteriori norme sulle azioni di soccorso per la popolazione civile [4]. Nei conflitti armati non internazionali, l’articolo 3 comune alle quattro Convenzioni di Ginevra e il II Protocollo aggiuntivo del 1977 prevedono l’assistenza umanitaria per i civili, compresi quelli la cui libertà è stata limitata. [5]

Le organizzazioni umanitarie hanno il diritto di offrire aiuti umanitari agli Stati senza che ciò venga considerato come un’ingerenza nelle questioni interne di uno Stato [6] . Hanno inoltre il diritto di fornire assistenza umanitaria a condizione che ottengano il consenso del governo interessato [7]. Il consenso deve essere dato quando sono soddisfatti i requisiti necessari, cioè che l’operazione di soccorso internazionale è di natura esclusivamente umanitaria e imparziale e condotta senza alcuna distinzione sfavorevole nei confronti dei bisognosi [8] . In pratica, le organizzazioni umanitarie necessitano anche dell’accordo di un non Stato parte in conflitto che è di fatto il controllo del territorio in cui deve essere svolta l’operazione di soccorso. I Commentari del CICR ai Protocolli affermano che il fatto che sia richiesto il consenso non significa che la decisione su un’operazione di soccorso sia lasciata alla discrezionalità delle parti: “Se la sopravvivenza della popolazione è minacciata e un’organizzazione umanitaria che soddisfa le condizioni richieste di imparzialità e non discriminazione è in grado di porre rimedio a questa situazione, devono essere attuate azioni di soccorso (…) [A] rifiuto equivarrebbe a una violazione della norma che vieta l’uso della fame come metodo di combattimento (… )” [9] . Una volta che un’operazione di soccorso è stata accettata in linea di principio, le autorità hanno l’obbligo di collaborare, ad esempio facilitando il transito rapido delle spedizioni di soccorso e garantendo la sicurezza dei convogli [10] . Parti in conflitto, tuttavia, hanno il diritto di controllare l’operazione e di imporre alcune restrizioni, come la disposizione dei transiti secondo un orario e un itinerario precisi e la ricerca di convogli. [11]

 Aspetti della negazione dell’assistenza umanitaria  

La negazione dell’assistenza umanitaria sarà definita in questo documento come segue: una situazione in cui, a causa del comportamento intenzionale di determinate persone, l’assistenza umanitaria non raggiunge i beneficiari previsti. Al fine di far luce su come tale negazione possa verificarsi nella pratica, esamineremo alcuni dei principali fattori individuati nei diversi casi. I modi per impedire gli aiuti sono ovviamente innumerevoli; pertanto l’elenco dei fattori e degli esempi qui riportati non pretende di essere esaustivo.

In primo luogo, vari attori possono essere responsabili di ostacolare l’assistenza, come agenti di un governo, rappresentanti di gruppi non governativi e banditi. A volte, parti della popolazione civile che non sono i destinatari previsti sono implicate nella negazione dell’aiuto a coloro che ne hanno bisogno. In caso di anarchia generale, come è avvenuto in Somalia, l’affiliazione di alcuni attori e lo scopo del loro saccheggio potrebbe essere difficile da accertare.

Ci sono diversi mezziimpedire che gli aiuti raggiungano potenziali beneficiari. Un governo può, ad esempio, impedire alle agenzie umanitarie di entrare nel paese e può quindi assicurarsi che non venga fornita assistenza. Una volta che le organizzazioni umanitarie stanno lavorando nel paese, un governo può utilizzare – o meglio abusare – del suo diritto di cui sopra di supervisionare le spedizioni di soccorso, ad esempio, cercando i convogli per un periodo di tempo eccessivo. Sia le forze governative che quelle non governative possono confiscare i soccorsi o rifiutare il permesso di accedere a una determinata regione. Possono anche impedire che gli aiuti raggiungano le vittime ponendo posti di blocco, chiudendo o bombardando costantemente gli aeroporti, bloccando il mare o assediando una città. A volte vengono imposte condizioni inaccettabili,

Un mezzo molto efficace per ostacolare il lavoro delle organizzazioni umanitarie è semplicemente affermare che la loro sicurezza non può essere garantita. Qualsiasi attore – agenti statali, forze ribelli, altri gruppi non governativi, banditi o civili – potrebbe ostacolare la fornitura di assistenza intimidendo operatori umanitari o conducenti, o attaccando convogli di soccorso, navi o aerei o personale umanitario. In alcuni casi, i cecchini hanno attaccato le persone che stavano andando a raccogliere assistenza umanitaria. In molte occasioni, i combattimenti stessi, tra forze statali, forze governative e non governative, o gruppi non governativi che si combattono tra loro, hanno impedito che gli aiuti raggiungessero le vittime. La posa di mine rende spesso impraticabili le rotte per i veicoli, tagliando così i potenziali beneficiari. Nel caso di campi o prigioni,

La negazione dell’assistenza umanitaria può avere diversi scopi . In un conflitto in cui i civili sono presi di mira, lo sfollamento di parte della popolazione o la loro fame è un tale obiettivo; Ciò potrebbe, ad esempio, favorire una politica di “pulizia etnica”. Lo scopo degli assedi o dei blocchi è quello di porre fine alle ostilità con meno perdite per le forze assedianti, obbligando le forze assediate ad arrendersi. Inoltre, i belligeranti possono confiscare aiuti per fortificare le loro truppe, invece di “sfamare bocche inutili”. Inoltre, banditi o bande criminali possono saccheggiare l’assistenza umanitaria al solo scopo di realizzare profitti. Tuttavia, non è sempre facile tracciare il confine tra le bande criminali e le forze direttamente coinvolte nel conflitto.

La conseguenza del rifiuto dell’assistenza umanitaria è un deterioramento delle condizioni di vita dei civili colpiti. Questo a sua volta può portare alla malnutrizione, alla diffusione di malattie o addirittura alla morte. La mancanza di risorse può anche aggravare le tensioni tra le comunità, soprattutto tra gli sfollati e la popolazione residente.

Coloro che impediscono all’assistenza di raggiungere le persone bisognose normalmente non riveleranno le loro reali intenzioni. Le ragioni addotte possono essere di natura legalistica, ad esempio l’affermazione che tale assistenza costituisce un’ingerenza nel conflitto o l’insistenza sul diritto di controllo. L’urgenza della necessità di un aiuto esterno può non essere riconosciuta. Anche le rappresaglie, sebbene generalmente considerate illegali quando commesse contro i civili, potrebbero servire come giustificazione. Considerazioni militari sono spesso avanzate per giustificare la fame, sulla base del fatto che solo misure così rigorose possono portare le ostilità a una rapida conclusione. Si può anche mettere in discussione la natura civile di una popolazione, con l’idea che i suoi membri appartengano in realtà alle forze ribelli.

 La negazione dell’assistenza umanitaria come reato di diritto internazionale  

Questo capitolo esaminerà la misura in cui la negazione dell’assistenza umanitaria costituisce un reato ai sensi del diritto internazionale. Il primo passo sarà analizzare gli elementi che fanno di un reato di diritto interno un reato di portata internazionale. Il prossimo passo sarà considerare i reati che costituiscono crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio.

 1. Crimini di guerra

Un crimine di guerra è una violazione grave e penalmente punibile del diritto internazionale umanitario [12 ] commessa da qualsiasi persona fisica, non importa se militare o civile [13 ] . Affinché un atto diventi un crimine di guerra, l’esistenza di un conflitto armato è essenziale. La Camera d’Appello dell’ICTY istituita nel Tadiccaso in cui esiste un conflitto armato “ogniqualvolta vi sia un ricorso alla forza armata tra Stati o vi sia una prolungata violenza armata tra autorità governative e gruppi armati organizzati o tra tali gruppi all’interno di uno Stato” [14] . Affinché un reato rientri nella giurisdizione internazionale, non è sufficiente che sia commesso in uno Stato in cui ha luogo un conflitto armato, ma deve essere stabilito un nesso tra il reato e il conflitto armato. Ciò, tuttavia, non significa che il reato debba essere commesso nel momento e nel luogo esatti in cui sono in corso le ostilità attive. “L’unica questione, da stabilire nelle circostanze di ogni singolo caso, è se i reati fossero strettamente collegati al conflitto armato nel suo insieme. ” [15]

Un altro criterio che deve essere soddisfatto è che l’atto deve essere commesso nei confronti di una persona protetta dal diritto internazionale umanitario. In caso di negazione dell’assistenza umanitaria, le vittime di tali atti saranno o civili, compresi individui privati ​​della libertà, o prigionieri di guerra (in un conflitto armato internazionale). Sebbene l’articolo 3 comune alle Convenzioni di Ginevra non menzioni il termine “persona protetta”, la protezione si estende a tutte le “persone che non prendono parte attiva alle ostilità”, che devono essere trattate con umanità [16] . Le persone che prendono parte direttamente alle ostilità perdono il loro status protetto fintanto che sono coinvolte nei combattimenti veri e propri [17]. Per quanto riguarda le violazioni del diritto umanitario internazionale nei conflitti armati non internazionali, è ormai riconosciuto che possono dar luogo a responsabilità penale individuale [18]. La negazione dell’assistenza umanitaria può quindi costituire un crimine di guerra indipendentemente dal fatto che si manifesti in conflitti armati internazionali o non internazionali.

 Reati particolari

(a) Uccisione o omicidio volontario

“L’omicidio è un reato chiaramente compreso e ben definito nel diritto nazionale di ogni Stato”. [19] L’omicidio è un crimine di guerra nei conflitti armati sia internazionali che non internazionali [20] . Le Convenzioni di Ginevra e i loro Protocolli addizionali impiegano il termine “omicidio volontario” nel contesto di un conflitto armato internazionale, dove questo è considerato una grave violazione [21], e “omicidio” nel contesto di un conflitto armato interno [22] . Per quanto riguarda una differenza tra i due termini, l’ICTY ha rilevato che “non può esserci alcuna linea di demarcazione tra ‘omicidio volontario’ e ‘omicidio’ che ne influisca sul contenuto” [23] . Gli elementi dell’omicidio che costituiscono un crimine di guerra sono che causano la morte di una persona protetta, che la morte derivi da un atto o un’omissione contraria al diritto dei conflitti armati e che l’autore abbia agito volontariamente. [24]

Il reato di omicidio volontario può essere commesso sia per atto che per omissione; ciò è stato confermato dall’ICTY e dall’ICTR [25]. Se i civili muoiono come risultato evidente della negazione illegale dell’assistenza umanitaria, ad esempio se una regione è completamente bloccata dal mondo esterno per un lungo periodo, allora è discutibile che la negazione costituisca un omicidio se le altre condizioni sono soddisfatte. Questo potrebbe verificarsi anche quando i detenuti sono illecitamente privati ​​dei beni più essenziali. Nel suo commento sul divieto di uccisione intenzionale, il Commento pubblicato dal CICR afferma che “sembra, quindi, che le persone che hanno dato istruzioni affinché le razioni di cibo degli internati civili fossero ridotte a tal punto che malattie da carenza che causavano la morte si verificassero tra i detenuti sarebbero ritenuti responsabili” [26 ] . Inoltre, lo Statuto israeliano sui crimini contro l’umanità, ad esempio, afferma che la morte per fame equivale a un’uccisione deliberata; [27 ] e un commentatore ha espressamente affermato che “la riduzione delle razioni per i prigionieri di guerra con conseguente morte per fame rientra nella categoria dell’omicidio volontario”. [28]

Affinché si applichi l’elemento di illegittimità, il responsabile dell’impedimento alla consegna dei soccorsi deve violare almeno una delle disposizioni in materia di assistenza umanitaria sopra citate. La condizione che lo Stato debba dare il proprio consenso e abbia il diritto di imporre determinate restrizioni rende talvolta difficile l’accertamento di tale illegittimità. Tuttavia, come affermato in precedenza, se è minacciata la sopravvivenza di civili o prigionieri di guerra, deve essere consentita un’operazione di soccorso.

Con il termine “intenzionale” si intende l'”intenzione” e l'”avventatezza”, ma escludendo la colpa ordinaria. Ciò è affermato nel Commento del CICR alle Convenzioni di Ginevra [29] , ed è stato confermato da varie decisioni emesse dai Tribunali ad hoc per l’ex Jugoslavia e per il Ruanda. Nel caso Delalic , ad esempio, l’ICTY ha ritenuto che “l’intento necessario (…) richiesto per stabilire i reati di omicidio volontario e omicidio (…) è presente laddove sia dimostrata l’intenzione da parte dell’imputato uccidere, o infliggere gravi lesioni in sconsiderato disprezzo della vita umana” [30] . Nel caso di omicidio volontario commesso per omissione, si può dedurre l’intento se la morte è la prevedibile conseguenza di tale omissione. [31]

Sembrerebbe quindi che la negazione dell’esenzione possa, in determinate circostanze, essere considerata un omicidio volontario. Tuttavia, la recente giurisprudenza internazionale fornisce pochi precedenti per questa interpretazione. In tre casi attualmente all’esame dell’ICTY, la privazione dei detenuti del cibo e di altri servizi vitali nei centri di detenzione costituisce la base per le accuse di crimini di guerra e crimini contro l’umanità; questi, tuttavia, vengono ricondotti alle voci “che provocano volontariamente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute”, “trattamenti crudeli” e “atti disumani” [32] . Gli atti che hanno portato a incriminazioni per omicidio o omicidio volontario erano omicidi con fucilazione, mutilazioni con conseguente morte e simili.

(b) Tortura, trattamento inumano, che provoca intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute

“Tortura o trattamento inumano” e “causare volontariamente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute” sono gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra. Nei conflitti armati interni comune l’articolo 3, par. 1(a), e Protocollo II, Articolo 4, par. 2(a), vieta il “trattamento crudele” e la “tortura”. Il reato di tortura nel contesto di un conflitto armato internazionale ha lo stesso significato che nel contesto di un conflitto armato non internazionale; lo stesso vale per il trattamento inumano e il trattamento crudele. [34]

La tortura è penalmente punibile nei conflitti armati sia internazionali che non internazionali [35] . È stato definito dalla Convenzione sulla tortura del 1984 come “qualsiasi atto mediante il quale un forte dolore o sofferenza, fisica o mentale, è intenzionalmente inflitto a una persona allo scopo di ottenere da essa o da una terza persona informazioni o una confessione, punindola per un atto che lui o un terzo ha commesso o è sospettato di aver commesso, intimidatorio o coartato lui o un terzo, o per qualsiasi motivo basato su discriminazioni di qualsiasi genere, quando dolore o sofferenza sono inflitti da o su istigazione di o con il consenso o l’acquiescenza di un pubblico ufficiale o di altro soggetto che agisca in veste ufficiale. Non include dolore o sofferenza derivanti solo da, inerenti o accessorie a sanzioni legali” [36] . Questa definizione è stata considerata dall’ICTY e dall’ICTR come rappresentante del diritto internazionale consuetudinario, anche nel diritto internazionale umanitario. [37]

Se si applica la definizione della Convenzione sulla tortura, la negazione dell’assistenza umanitaria può costituire tortura solo se provoca forti dolori o sofferenze, ad esempio a causa di una grave carenza di beni essenziali per la sopravvivenza della popolazione civile. Inoltre, il requisito della “scopo” deve essere soddisfatto. La trattenuta di cibo ai prigionieri, ad esempio, potrebbe essere commessa per tutti gli scopi enumerati. L’elenco delle finalità non è, tuttavia, esaustivo, e la finalità vietata deve essere semplicemente parte della motivazione alla base della condotta e non deve essere la finalità predominante o unica [38] . È importante sottolineare che l’ICTY ha affermato che la condizione che “la sofferenza sia inflitta da o su istigazione o con il consenso o l’acquiescenza di un pubblico ufficiale o altra persona che agisca in veste ufficiale” deve essere interpretata nel senso che include i funzionari di non statali parti di un conflitto [39] . Ha anche riscontrato che la tortura si estende ai funzionari che “assumono un atteggiamento passivo o chiudono gli occhi alla tortura” [40] . In quanto omicidio volontario, la tortura può essere commessa sia per atto che per omissione [41] . Il relatore speciale sulla tortura ha menzionato la prolungata negazione del cibo come una tortura in uno dei suoi rapporti. [42] la tortura può essere commessa sia per atto che per omissione [41]. Il relatore speciale sulla tortura ha menzionato la prolungata negazione del cibo come una tortura in uno dei suoi rapporti. [42] la tortura può essere commessa sia per atto che per omissione [41]. Il relatore speciale sulla tortura ha menzionato la prolungata negazione del cibo come una tortura in uno dei suoi rapporti. [42]

Potrebbe essere più facile provare che ostacolare l’erogazione dei soccorsi equivale a un trattamento disumano piuttosto che stabilire che si tratti di tortura, poiché la soglia per il precedente reato è inferiore. Il trattamento inumano, in quanto grave violazione ai sensi delle Convenzioni di Ginevra, comporta atti od omissioni che causano gravi sofferenze o lesioni fisiche o mentali o costituiscono un grave attacco alla dignità umana [43] . La soglia è più bassa anche per il reato di “causare volontariamente grandi sofferenze o gravi lesioni all’organismo o alla salute” [44] . A differenza del caso della tortura, lo scopo di un atto non è un elemento del reato; la definizione può, ad esempio, essere considerata anche per coprire la sofferenza psichica. [45]

L’ICTY ha stabilito che anche tutti gli atti o le omissioni ritenuti costituire tortura o causare intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute costituirebbero un trattamento disumano, ma che quest’ultimo non si limita a quegli atti già incorporati nei primi due. Invece, il trattamento inumano si estende ulteriormente agli atti che “violano il principio fondamentale del trattamento umano, in particolare il rispetto della dignità umana” [46] . Privare dei soccorsi civili o prigionieri di guerra sarà in molti casi contrario al principio di umanità e costituirà quindi un trattamento disumano. Nel caso Delalic la Camera di primo grado ha ritenuto che la “creazione e mantenimento di un clima di terrore nel campo di prigionia di Celebici, di per sé e a fortiori, insieme alla privazione di cibo, acqua, servizi igienici e cure mediche adeguate, costituisce reato di trattamento crudele ai sensi dell’articolo 3 dello Statuto, e di arrecare intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni all’organismo o alla salute ai sensi dell’articolo 2 dello Statuto ”. [47]

La negazione dell’assistenza potrebbe anche o costituire un “oltraggio alla dignità personale, in particolare trattamenti umilianti e degradanti”, atto proibito dalle Convenzioni di Ginevra e dai loro Protocolli [48 ] , e un crimine internazionale anche nei conflitti armati interni, come gli Statuti di l’ICTR e l’ICC ora confermano chiaramente. [49]

(c) La fame

Il divieto di far morire di fame i civili come “metodo di guerra” è incluso nell’articolo 54 del Protocollo I e nell’articolo 14 del Protocollo II. “Usare la fame come metodo di guerra significherebbe provocarla deliberatamente, facendo soffrire la fame la popolazione, in particolare privandola delle sue fonti di cibo o di rifornimenti”. [50 ] La fame non è specificamente menzionata come una grave violazione nel Protocollo I. Tuttavia, la Camera d’appello dell’ICTY ha confermato nel caso Tadic che, anche se le Convenzioni e i Protocolli di Ginevra non stabiliscono esplicitamente che un atto proibito costituisce un crimine, esso è ancora possibile stabilire la responsabilità penale per un atto del genere. [51]

Lo Statuto della CPI menziona esplicitamente la negazione dell’assistenza umanitaria come esempio di un atto che può portare alla fame. Secondo la disposizione in materia, “[i] l’uso intenzionale della fame dei civili come metodo di guerra privandoli di oggetti indispensabili alla loro sopravvivenza, compreso l’impedimento intenzionale ai soccorsi come previsto dalle Convenzioni di Ginevra” costituisce una grave violazione delle leggi e costumi di guerra [52] . Tuttavia, la fame è stata inclusa nella giurisdizione della CPI solo in relazione ai conflitti armati internazionali, sebbene vi sia stata una notevole quantità di pressioni per la sua inclusione nell’elenco dei crimini commessi anche nei conflitti armati non internazionali. Ciò è deplorevole poiché il divieto di morire di fame è menzionato anche nel Protocollo II [53] . In conformità con l’articolo 10 dello Statuto della CPI, questa omissione non cambierà, tuttavia, lo stato consuetudinario della norma [54] . Secondo l’attuale diritto internazionale consuetudinario, la fame può costituire un crimine di guerra indipendentemente dal tipo di conflitto in cui si verifica. [55]

In alcuni casi, potrebbe essere difficile dimostrare l’intento specifico di utilizzare la fame come metodo di guerra, cioè come “un’arma per annientare o indebolire la popolazione” [56] . Tuttavia, se l’esito dell’impedimento all’assistenza umanitaria è evidente secondo il normale corso degli eventi, l’intenzione può essere dedotta. La necessità militare non può servire da giustificazione, poiché anche durante gli assedi o i blocchi devono essere consentite operazioni di soccorso. [57]

(d) Pene collettive

L’articolo 33 della Quarta Convenzione di Ginevra e l’articolo 4, par. 2, lettera b), del Protocollo II vietano le pene collettive, che sono definite come “le pene di qualsiasi natura inflitte a persone o a interi gruppi di persone in violazione dei più elementari principi di umanità, per atti che queste persone non hanno commesso” [58 ] . Il Commento al Protocollo II pubblicato dal CICR sottolinea il fatto che il termine “punizioni collettive” va inteso nella sua accezione più ampia e comprendente ogni tipo di sanzione [59] . Le punizioni collettive sono state, tra l’altro , qualificate come crimini di guerra dallo Statuto dell’ICTR [60] così come dai Draft Codes of Crimes dell’ILC del 1991 e del 1996 [61] . Poiché questi atti sono punibili se commessi in conflitti armati non internazionali, si può argomentare che dovrebbero aa fortiori essere punibile nei conflitti armati internazionali. Se l’assistenza umanitaria è ostacolata per punire determinate persone, ciò potrebbe costituire una punizione collettiva. A seconda del risultato, gli atti in questione potrebbero al contempo costituire omicidio, trattamento inumano o altri reati.

 2. Crimini contro l’umanità  

La recente giurisprudenza internazionale e l’adozione dello Statuto della CPI hanno contribuito a chiarire la definizione di crimini contro l’umanità, oggetto di controversia sin dalla Carta di Norimberga. È ormai ampiamente riconosciuto che devono essere soddisfatte le seguenti condizioni: gli atti devono essere commessi contro qualsiasi popolazione civile e in modo diffuso o sistematico e devono essere basati su una politica di uno Stato, un’organizzazione o un gruppo [62 ] . Non è più necessario un collegamento a un conflitto armato e la maggior parte delle fonti indica che non è richiesto un intento discriminatorio dietro ogni atto. [63]

Il requisito che un atto sia commesso contro qualsiasi popolazione civile sarà generalmente soddisfatto, nel caso dell’assistenza umanitaria. Il termine “maniera diffusa” è normalmente interpretato nel senso che gli atti devono essere diretti contro una molteplicità di vittime. “Esclude quindi un atto disumano isolato commesso da un autore che agisce di propria iniziativa e diretto contro una singola vittima”. [64 ] Il concetto di “sistematico” è stato definito come “completamente organizzato e secondo uno schema regolare sulla base di una politica comune che coinvolge ingenti risorse pubbliche o private. Non vi è alcun obbligo che questa politica debba essere adottata formalmente come la politica di uno Stato” [65] . Inoltre, i reati commessi dovrebbero “fare parte di un sistema basato sul terrore o costituire un collegamento in una politica consapevolmente perseguita diretta contro particolari gruppi di persone” [66] . Mentre alcuni commentatori ritengono che questa politica debba essere quella di uno Stato, l’opinione più recente è che gli atti possono essere istigati o diretti non solo da un governo ma anche da qualsiasi organizzazione o gruppo [67] . In merito al livello di formalizzazione della polizza, la Camera di primo grado ha affermato nell’artDecisione Tadic che una polizza “non ha bisogno di essere formalizzata e si deduce dal modo in cui si realizzano gli atti. In particolare, se gli atti si verificano su base diffusa o sistematica che dimostri una politica per commettere tali atti, formalizzati o meno”. [68]

Affinché la negazione dell’assistenza umanitaria diventi un crimine contro l’umanità, dovrebbe quindi essere sistematica o diffusa e basata su una politica. Ciò esclude atti casuali di impedimento degli aiuti umanitari che non sono commessi nell’ambito di un piano o di una politica più ampia. Esempi potrebbero essere il saccheggio spontaneo di un magazzino contenente beni di prima necessità da parte di civili o soldati, o gli attacchi spontanei a convogli di soccorso da parte di un gruppo di soldati ubriachi. La condotta criminale isolata che determina il blocco dei soccorsi non è un crimine contro l’umanità, per quanto tragiche possano essere le sue conseguenze [69] . Gli atti di impedimento all’aiuto dopo un generale collasso della legge e dell’ordine non si qualificano normalmente come crimini contro l’umanità. Tuttavia, il crollo potrebbe essere stato orchestrato per nascondere la natura dei crimini: atti apparentemente spontanei sono spesso il risultato di un’attenta pianificazione. Anche se il numero delle vittime è esiguo, un crimine contro l’umanità può essere ancora in atto fintanto che la condizione “sistematica” è soddisfatta. Si può sostenere che la commissione di un singolo atto che ferisce una vittima può rientrare nella definizione se vi è l’intenzione in tal modo di agire contro o prendere di mira altri civili [70]. Ad esempio, un solo operatore umanitario dovrebbe essere ucciso per far ritirare tutte le agenzie dalla regione, lasciando così la popolazione senza assistenza. Questo potrebbe essere interpretato come un crimine contro l’umanità, a seconda delle conseguenze dell’atto per la popolazione.Caso dell’ospedale di Vukovar. [71]

In merito all’intento richiesto affinché il diniego dell’assistenza umanitaria costituisca un crimine contro l’umanità, la sentenza Tadic ha confermato che, oltre all’intento di commettere il reato sottostante, l’autore del reato deve conoscere il contesto più ampio in cui si verifica il suo atto. La Camera di primo grado ha fatto riferimento all’approccio adottato dalla maggioranza nella causa R. v. Finta della Corte Suprema canadese, che ha stabilito che “l’elemento mentale necessario per dimostrare che costituisce un crimine contro l’umanità è che l’imputato fosse consapevole o intenzionalmente cieco a fatti o circostanze che conducano i suoi atti a crimini contro l’umanità” [72 ] . Non è necessario, tuttavia, stabilire che l’imputato sapesse che le sue azioni erano disumane [73] o che sapesse esattamente cosa sarebbe successo alle vittime. [74]

 Reati particolari  

I seguenti reati che costituiscono crimini contro l’umanità potrebbero essere interpretati come un rifiuto dell’assistenza umanitaria: omicidio, sterminio, tortura, persecuzione e altri atti disumani. L’omicidio è già stato discusso nel capitolo sui crimini di guerra e quindi non verrà più menzionato.

(a) sterminio

Lo sterminio è normalmente interpretato come omicidio su larga scala. La Commissione di diritto internazionale delle Nazioni Unite ha spiegato la differenza tra omicidio e sterminio come segue: “Lo sterminio è un crimine che per sua stessa natura è diretto contro un gruppo di individui. Inoltre, l’atto di sterminio comporta un elemento di distruzione di massa che non è richiesto per l’omicidio”. [75] A differenza del genocidio, lo sterminio si applica anche alle situazioni in cui alcuni membri di un gruppo vengono uccisi mentre altri vengono risparmiati.

Un passo importante per considerare la negazione dell’assistenza umanitaria come un crimine contro l’umanità è stato compiuto nella definizione di sterminio nello Statuto della CPI, che afferma che lo sterminio “comprende l’inflizione intenzionale di condizioni di vita, tra l’altrola privazione dell’accesso al cibo e alle medicine, intesa a portare alla distruzione di parte di una popolazione” [76] . Poiché non tutti i reati sono definiti nello Statuto e vengono forniti ancor meno esempi, il fatto che questi atti siano gli unici esempi espliciti di sterminio è notevole e mostra l’importanza del divieto di tali condotte. Se le circostanze del diniego dell’assistenza umanitaria sono tali da poter essere considerato “calcolato per provocare la distruzione di parte di una popolazione”, allora le condizioni per lo sterminio sembrano soddisfatte.

(b) Tortura

La definizione di tortura come crimine contro l’umanità sembra differire dalla sua definizione di crimine di guerra. Lo Statuto della CPI contiene la seguente definizione: “Tortura significa l’inflizione intenzionale di grave dolore o sofferenza, fisica o mentale, a una persona detenuta o sotto il controllo dell’imputato; tranne per il fatto che la tortura non deve includere dolore o sofferenza derivanti solo da, inerenti o accessorie a sanzioni legali”. [77] La ​​sentenza Akayesu, tuttavia, ha utilizzato la stessa definizione della Convenzione sulla tortura [78] . Non è quindi chiaro se la definizione della CCI che elimina i requisiti di scopo e una certa acquiescenza ufficiale costituisca consuetudine o se la consuetudine si stia solo muovendo in questa direzione. [79]

Se si applica la definizione dello Statuto della CPI, allora è più facile sostenere che la negazione dell’aiuto costituisce tortura. “Sotto il controllo” potrebbe essere interpretato come una limitazione del reato ad agire in situazione di detenzione. In questo caso, la definizione si applicherebbe solo alle persone in un campo di prigionia o in un’altra struttura di detenzione a cui sono negati beni e servizi vitali. D’altra parte, si potrebbe anche interpretare “sotto il controllo” in un’accezione più ampia. Ad esempio, se un determinato territorio è completamente circondato da truppe nemiche, come è avvenuto in alcune cosiddette “aree sicure” in Bosnia, o durante un’occupazione da parte di uno Stato nemico, allora l’accesso all’assistenza per le persone nelle o le aree occupate sono completamente nelle mani delle forze occupanti o assedianti. In tali casi,

(c) Persecuzione

Sebbene il termine persecuzione non sia mai stato chiaramente definito nel diritto penale internazionale [80 ] , normalmente copre qualsiasi privazione grave e intenzionale dei diritti fondamentali dei membri di un gruppo identificabile. Lo Statuto della CPI definisce la persecuzione come la “privazione intenzionale e grave di diritti fondamentali contrari al diritto internazionale a causa dell’identità del gruppo o della collettività”, [81 ] su “politica, razziale, nazionale, etnica, culturale, religiosa, di genere ( …) o altri motivi universalmente riconosciuti come inammissibili dal diritto internazionale” [82] . Il diritto internazionale consuetudinario non richiede motivi definiti per la persecuzione; una serie di motivi diversi sono stati elencati in strumenti internazionali [83] . Uno di questi motivi è sufficiente perché l’atto possa costituire persecuzione [84].

Il TadicLa sentenza ha confermato l’opinione che la persecuzione sia un crimine di per sé e non debba fare riferimento ad altri crimini: “Poiché il ‘tipo di persecuzione’ è separato dal ‘tipo di omicidio’ dei crimini contro l’umanità, non è necessario avere un atto separato di natura disumana per costituire persecuzione; la stessa discriminazione rende l’atto disumano. [85] Il reato di persecuzione comprende quindi atti di varia gravità, da atti che sono menzionati sotto altri reati di per sé disumani, ad atti che diventano disumani a causa della discriminazione che vi sta dietro. Oltre alla responsabilità penale che attiene a determinati atti disumani, vi è un ulteriore elemento di colpevolezza quando sono commessi con intento discriminatorio; questo è stato affermato come diritto internazionale consuetudinario dalla Camera di primo grado del TadicAstuccio. [86]

A parte i reati che potrebbero essere interpretati come il diniego dell’assistenza umanitaria e che costituirebbero anche persecuzione se commessi per motivi discriminatori, si può sostenere che qualsiasi rifiuto dell’assistenza basato sulla discriminazione costituisce persecuzione, indipendentemente dalle conseguenze della negazione . La Camera di primo grado nella causa Tadic ha rilevato, ad esempio, che misure economiche di tipo personale, come la privazione del cibo, possono costituire atti persecutori. [87]

(d) Altri atti disumani

La categoria degli “altri atti disumani” assicura che le nuove forme di crimini contro l’umanità non sfuggano alla responsabilità penale internazionale. La nozione di altri atti disumani è circoscritta da due requisiti. In primo luogo, secondo l’ ejusdem generisprincipio di interpretazione, altri atti disumani includono solo atti di natura simile a quelli elencati in precedenza, come l’omicidio, lo sterminio, la riduzione in schiavitù, la deportazione e la tortura. In secondo luogo, gli atti devono infatti arrecare danno all’essere umano in termini di integrità fisica o psichica, salute o dignità umana. Nello Statuto della CPI, altri atti disumani sono menzionati alla fine dell’elenco dei crimini contro l’umanità: “[o] altri atti disumani di carattere simile che causano intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute mentale o fisica”. [88]

La privazione dell’assistenza può essere un esempio di atto disumano, se provoca intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni all’organismo o alla salute mentale o fisica. È importante sottolineare che il Segretario generale delle Nazioni Unite nella sua analisi della sentenza di Norimberga ha suggerito che privare parte della popolazione civile dei propri mezzi di sussistenza potrebbe essere un esempio di tale “altro atto disumano”. [89 ] Nell’atto di accusa Nikolic , il procuratore dell’ICTY ha affermato: “Nikolic (…) ha commesso un crimine contro l’umanità partecipando ad atti disumani contro più di 500 civili (…) mettendo in pericolo la salute e il benessere dei detenuti fornendo cibo inadeguato, mettendo in pericolo la salute e il benessere dei detenuti fornendo condizioni di vita che non soddisfano gli standard minimi di base (…).” [90]

 3. Genocidio  

Il genocidio è spesso considerato il crimine internazionale più atroce. Si dovrebbe quindi stare molto attenti a preservare il suo status speciale ea non annacquare la sua definizione a nessun caso di uccisione di massa. Il genocidio è l’unico crimine contro l’umanità che è stato autorevolmente codificato in uno strumento internazionale, la Convenzione sul genocidio del 1948 [91] . La definizione generalmente accettata del trattato di genocidio è “qualsiasi dei seguenti atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, in quanto tale: (a) uccidere i membri del gruppo; (b) causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo; (c) infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita atte a provocarne la distruzione fisica in tutto o in parte; (d) Imporre misure per prevenire le nascite all’interno del gruppo; (e) Trasferire forzatamente i bambini del gruppo in un altro gruppo” [92] . Non è quindi necessario alcun nesso con un conflitto armato o con un altro crimine. La disposizione della Convenzione sul genocidio è riprodotta negli Statuti dell’ICTY, dell’ICTR e della CPI [93] . Perché la negazione dell’assistenza umanitaria costituisca genocidio, devono quindi essere presenti i seguenti tre elementi: la negazione deve equivalere a uno degli atti enumerati, l’atto in questione deve essere diretto contro uno dei gruppi citati e l’autore deve avere il intenzione di distruggere il gruppo in tutto o in parte.

Gli attributi che definiscono i gruppi protetti non sono trattati dalla Convenzione sul genocidio. In particolare, risultano problematiche la definizione di nazionalità e la differenza tra gruppo etnico e razziale. La Camera di primo grado di Akayesu ha ritenuto che “un gruppo nazionale è definito come un insieme di persone che si percepisce come condividere un vincolo giuridico basato sulla cittadinanza comune, unita alla reciprocità di diritti e doveri” [94] . “Un gruppo etnico è generalmente definito come un gruppo i cui membri condividono una lingua o una cultura comune. La definizione convenzionale di gruppo razziale si basa sui tratti fisici ereditari spesso identificati con una regione geografica, indipendentemente da fattori linguistici, culturali, nazionali o religiosi. Il gruppo religioso è quello i cui membri condividono la stessa religione, denominazione o modalità di culto”. [95]

Un’altra questione aperta è se il gruppo preso di mira debba essere separato dal gruppo dell’autore del reato. È chiaro che la definizione non richiede l’annientamento completo di un gruppo, ma non quanto grande debba essere la parte del gruppo preso di mira perché l’atto possa costituire un genocidio. Questo deve essere deciso caso per caso, a seconda della natura delle vittime e della proporzione che rappresentano rispetto all’intera popolazione del gruppo. Come nel caso dei crimini contro l’umanità, se si prende di mira la leadership di un gruppo, il numero delle vittime potrebbe essere inferiore ma l’impatto sarà più forte. Contrariamente ai crimini di guerra e ai crimini contro l’umanità, in caso di genocidio è punibile anche l’istigazione diretta e pubblica a commettere il crimine [96] . 

L’intento è l’elemento più difficile da provare del genocidio. In assenza di una confessione, l’intento può essere dedotto solo da determinate circostanze di fatto. Nel caso di negazione dell’assistenza umanitaria ciò potrebbe essere particolarmente difficile: è già complicato stabilire un nesso tra l’atto di impedimento e il risultato, ma ancor di più provare che il risultato voluto del diniego è la distruzione di un determinato gruppo . L’ICTY ha ritenuto che l’intento specifico “può essere dedotto da una serie di fatti come la dottrina politica generale che ha dato origine agli atti di cui all’articolo 4 [dello Statuto dell’ICTY], o la ripetizione di atti distruttivi e discriminatori. L’intento può essere dedotto anche dalla commissione di atti che violano, o che gli stessi autori ritengono violare il fondamento stesso del gruppo – atti che di per sé non rientrano nell’elenco di cui all’articolo 4, paragrafo 2, ma che sono commessi nell’ambito dello stesso modello di condotta” [97] . I giudici delIl caso Akayesu ha affermato che il “contesto generale della commissione di altri atti colpevoli diretti sistematicamente contro quello stesso gruppo, indipendentemente dal fatto che questi atti siano stati commessi dallo stesso delinquente o da altri (…)” [98] deve essere preso in considerazione. Anche se è possibile stabilire un intento di genocidio generale, tale intento deve essere imputato ai singoli autori per condannarli. Più un individuo è associato a un’organizzazione con intenti genocidi, più facile sarà dimostrarlo.

 Reati particolari  

La negazione dell’assistenza umanitaria potrebbe rientrare nelle categorie di “uccidere membri del gruppo”, “causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo” e “infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita calcolate per provocarne la distruzione fisica in tutto o in parte”, a condizione che siano soddisfatti i presupposti per il genocidio. Quanto detto per l’omicidio come crimine di guerra è applicabile, mutatis mutandis , anche al genocidio.

(a) Causando gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo

L’ICTR ha ritenuto nella sentenza Akayesu che non è necessario che il danno causato sia permanente e irrimediabile [99]. In essa si affermava che “la Camera considera gravi lesioni fisiche o mentali, senza limitarsi a ciò, per intendere atti di tortura, siano essi fisici o mentali, trattamenti disumani o degradanti, persecuzioni” [100] . Questa definizione includerebbe una gamma molto ampia di atti che comprendono certamente l’impedimento intenzionale di rilievo. Questo punto di vista è stato confermato dalla Corte israeliana nel caso Eichmann , che ha ritenuto i seguenti atti come infliggere un grave danno fisico o mentale: “dalla riduzione in schiavitù, dalla fame, deportazione e persecuzione (…) e dalla loro detenzione in ghetti, campi di transito e campi di concentramento in condizioni destinate a causarne il degrado, la privazione dei loro diritti come esseri umani, e per reprimerli e causare loro sofferenze e torture disumane ”. [101]

(b) Infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita atte a provocarne la distruzione fisica in tutto o in parte

Includendo questo atto, la Convenzione sul genocidio ha ampliato la definizione di omicidio e sterminio come crimini internazionali. Nel caso Eichmann si riteneva che «l’infliggere deliberatamente al gruppo condizioni di vita atte a provocarne la distruzione fisica totale o parziale» includeva atti commessi con l’intenzione di uccidere, anche se le vittime restavano in vita [102] . L’ICTR ha concluso che il crimine “dovrebbe essere interpretato come i metodi di distruzione con cui l’autore non uccide immediatamente i membri del gruppo, ma che, in ultima analisi, cercano la loro distruzione fisica”. Fa l’esempio di sottoporre un gruppo di persone a una dieta di sussistenza e la riduzione dei servizi medici essenziali al di sotto dei requisiti minimi. [103]

Finché il requisito dell’intento è soddisfatto, l’impedimento al sollievo potrebbe rientrare nella definizione del presente atto. In un autorevole commento alla Convenzione sul genocidio, vengono forniti i seguenti esempi di “condizioni di vita”: porre un gruppo a dieta di sussistenza, ridurre i servizi medici al di sotto di un certo livello minimo e negare un alloggio sufficiente. [104]

Conclusione

La trattazione del capitolo precedente mostra chiaramente che la trattenuta del provvedimento può costituire uno qualsiasi dei tre reati considerati, purché ne sussistano i requisiti specifici. Sarà più facile provare che la negazione dell’assistenza umanitaria è un crimine di guerra, poiché la sua soglia è più bassa [105] . D’altra parte, i crimini contro l’umanità e il genocidio non devono essere commessi durante un conflitto armato; inoltre, sarà possibile perseguirli una volta costituita la CPI, mentre in caso di crimini di guerra lo Statuto prevede un “opting out” per un periodo di sette anni [106] . Per quanto riguarda i crimini di guerra, ma non il crimine di genocidio o crimini contro l’umanità, la CPI prevede anche che gli ordini superiori possano, in condizioni rigorose, costituire una difesa. [107]

Una difficoltà comune alla maggior parte dei casi di rifiuto dell’assistenza umanitaria è dimostrare che l’assistenza è stata sospesa intenzionalmente. D’altra parte, come accennato, l’intenzione di commettere determinati atti può spesso essere dedotta dal modo in cui viene effettivamente impedito l’aiuto e dal generale comportamento delle ostilità. Questi fattori possono anche essere determinanti per la politica alla base degli atti richiesti per crimini contro l’umanità e l’intento speciale di genocidio. Un ulteriore problema è la questione della causalità: come si può provare che c’era un legame diretto tra l’atto di negazione e un determinato risultato, ad esempio la morte di una persona? Inoltre, in alcuni casi potrebbe essere difficile attribuire un atto a una persona specifica. Nel caso di una prigione o di una città assediata la causalità può essere stabilita più facilmente che in un ambiente più complesso.

Un’altra questione che si pone nel contesto dell’assistenza umanitaria è se le parti siano obbligate a sospendere i combattimenti per consentire la consegna dei soccorsi e se il loro rifiuto costituisca reato. Non esiste una risposta facile a questa domanda. Sebbene le organizzazioni umanitarie non debbano ostacolare le operazioni militari, l’idea che le parti in conflitto debbano condurre le ostilità in modo tale da consentire l’accesso alla popolazione civile sta guadagnando sempre più terreno [108] . Tuttavia, il problema rimane come dimostrare un intento o una politica dietro i combattimenti.

Avendo stabilito che in determinate circostanze il diniego di aiuto può costituire un reato di diritto internazionale, dobbiamo chiederci che differenza farà nella realtà. Come per il diritto internazionale umanitario in generale, il punto cruciale è se la legge verrà applicata. Poiché gli Stati sono generalmente riluttanti a rispettare i loro obblighi di reprimere le violazioni del diritto umanitario, l’ottimismo non è appropriato. Sebbene la creazione della CPI rappresenti un grande passo avanti, resta da vedere quanto sarà efficace. È auspicabile che la Corte consideri l’impedimento intenzionale ai soccorsi non solo come l’inedia, che è espressamente richiamata dallo Statuto, ma anche come gli altri reati di cui al presente articolo, se ricorrono i presupposti.

È indubbiamente essenziale mostrare cautela quando si dichiara un crimine ai sensi del diritto internazionale, in particolare quando si tratta di crimini contro l’umanità o di genocidio. Tuttavia, non va dimenticato che – anche se non sempre così ovvio o facile da provare nella realtà dei conflitti armati – l’impatto della negazione dell’assistenza umanitaria può essere altrettanto forte dei massacri “commessi con i coltelli”.

Appunti

 1. Cfr., ad esempio, Denise Plattner, “Assistance to the civil population: The development and present state of international umanitari law”, IRRC, n. 288, maggio-giugno 1992, pp. 249-263; UNESCO (a cura di), Le droit à l’assistance humanitaire , Actes du Colloque international organisé par UNESCO, Parigi, 1995; Commissione Europea (a cura di), Law in Humanitarian Crises , Volume II, Bruxelles/Lussemburgo, 1995.

 2. Vedi anche la dichiarazione nella sentenza Nicaragua della Corte internazionale di giustizia: attività militari e paramilitari in e contro il Nicaragua , ICJ Reports 1986, pars 97 and 242-243.

 3. Convenzione di Ginevra relativa al trattamento dei prigionieri di guerra (Terza Convenzione di Ginevra), artt. 26-32 e 72-75; Convenzione di Ginevra relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra (quarta Convenzione di Ginevra), artt. 23, 55-63 e 108-111.

 4. Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949, e relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali (Protocollo I), artt. 69-71 e 81 (sulle attività del CICR).

 5. Protocollo aggiuntivo alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 e relativo alla protezione delle vittime di conflitti armati non internazionali (Protocollo II), articoli 5.1(b) e (c) e 18.2.

 6. Art. 3 comune alle quattro Convenzioni di Ginevra; Protocollo I, art. 70.1. Le attività del CICR sono citate anche negli articoli 9/9/9/10 delle Convenzioni.

 7. Prima Convenzione di Ginevra, art. 27; Protocollo I, artt. 64, 70.1 e 81.1; Protocollo II, art. 18.2.

 8. Protocollo I, art. 70.1; Protocollo II, art. 18.2.

 9. Y. Sandoz, C. Swinarski, B. Zimmermann (a cura di), Commentary on the Additional Protocols dell’8 giugno 1977 alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949 , CICR, Ginevra, 1987. Sul Protocollo II, art. 18.2, vedi par. 4885, pag. 1479, e sul Protocollo I, art. 70.1, vedi par. 2808, pag. 820.

 10. Per i conflitti armati internazionali, cfr. Quarta Convenzione di Ginevra, artt. 59-61 e 108; Protocollo I, art. 70.2 e 70.3.

 11. Prima Convenzione di Ginevra, art. 27; Quarta Convenzione di Ginevra, artt. 59-63, 108 e 109; Protocollo I, artt. 64 e 70.3.

 12. Si vedano le disposizioni sulle “gravi violazioni” delle Convenzioni di Ginevra, artt. 50/51/130/147. Inoltre: Statuti del Tribunale di Norimberga, art. 6(b); Statuti dei due Tribunali ad hoc : ICTY, artt. 2 e 3, e ICTR, art. 4; e Statuto della CCI, art. 8.

 13. Cfr. Convenzioni di Ginevra, artt. 49/50/129/146, che parlano solo di atti commessi da “persone”. Inoltre: Statuti del Tribunale di Norimberga, art. 6, e del Tribunale di Tokyo, art. 5; Statuti dell’ICTY, artt. 6 e 7, e dell’ICTR, artt. 5 e 6; e Statuto della CPI, art. 25.

 14. ICTY, Procuratore v. Dusko Tadic alias “Dule”: Decisione sulla Mozione di Difesa per Appello Interlocutorio sulla Giurisdizione , 2 ottobre 1995, Caso n. IT-94-1-AR72, par. 70. Vedi art. 2 comune alle Convenzioni di Ginevra, Protocollo I, art. 1.4, e Protocollo II, art. 1.

 15. ICTY, Prosecutor v. Dusko Tadic alias “Dule”: Opinion and Judgment, 7 maggio 1997, Caso n. IT-94-1-AR72, par. 573 (grassetto aggiunto).

 16. Art. 3.l. comune alle Convenzioni di Ginevra. Le garanzie fondamentali sono contenute anche nel Protocollo II, art. 4.

 17. Cfr. Protocollo I, art. 51.3, e Protocollo II, art. 13.3. Il fatto che i civili possano includere coloro che un tempo portavano armi è stato confermato, tra l’altro , nella decisione Vukovar dell’ICTY: The Prosecutor v. Mrksic, Radic, Sljavancanin and Dokmanovic: Rule 61 Decision , 3 April 1996, IT9513R61, par . 29.

 18. La prima volta che la criminalità di tali violazioni è stata fatta valere da un tribunale internazionale è stata la Decisione sull’Appello sulla giurisdizione nel caso Tadic , op. cit. (nota 14). Ulteriore evidenza a sostegno di tale tesi è fornita dallo Statuto dell’ICTR, che attribuisce competenza alla Corte in ordine a gravi violazioni del comune art. 3 e Protocollo II, art. 4, e dallo Statuto della CPI, art. 8.2(c) ed (e).

 19. 1996 Progetto di Codice dei crimini contro la pace e la sicurezza dell’umanità, Rapporto della Commissione di diritto internazionale sui lavori della sua quarantottesima sessione 6 maggio–26 luglio 1996, 51 UN GAOR Supp. (n. 10), UN Doc. A/51/10, pag. 96.

 20. L’omicidio nei conflitti armati interni è riconosciuto come crimine di guerra, tra l’altro , dagli Statuti dell’ICTR, art. 4(a), e della CPI, art. 8.2(c)(i), nonché nella giurisprudenza dell’ICTY e dell’ICTR.

 21. Convenzioni di Ginevra, artt. 50/51/130/147.

 22. Art. 3.l(a) comune alle Convenzioni di Ginevra e al Protocollo II, art. 4.2(a).

 23. ICTY, The Prosecutor v. Zejnil Delalic, Zdravko Mucic alias “Pavo”, Hazim Delic, Esad Landzo alias “Zenga” , Sentenza, 16 novembre 1998, Caso n. IT-96-21-T, par. 422.

 24. Si veda, ad esempio, Documento preparato dal CICR sull’articolo 8, paragrafo 2(a), dello Statuto di Roma della CPI , Commissione preparatoria per la CPI, 19 febbraio 1999, PCNICC/1999/WGEC/INF.1 (con riferimenti giurisprudenziali).

 25. Cfr., ad esempio, Sentenza Delalic , op. cit. (nota 23), par. 424, e ICTR, The Prosecutor v. Jean Paul Akayesu , Sentenza, 2 settembre 1998, Caso n. ICTR-96-4-T, par. 589 (considerando l’omicidio come un crimine contro l’umanità).

 26. Jean S. Pictet (a cura di), Commento, IV, Convenzione di Ginevra relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra, CICR, Ginevra, 1958, ad art. 147, pag. 597.

 27. “Legge sui collaboratori nazisti e nazisti (punizione), 5710/1950, Sezione I (b)”, in E. Lauterpacht (a cura di), Rapporti di diritto internazionale , vol. 36, Butterworths, Londra, 1968, pag. 7.

 28. Rüdiger Wolfrum, “Enforcement of international umanitari law”, in Dieter Fleck (a cura di), Handbook of Humanitarian Law in Armed Conflict , Oxford University Press, 1995, p. 532.

 29. Vedi, ad esempio, Commento del CICR al Protocollo I, op. cit. (nota 9), art. 85, par. 3474, pag. 994.

 30. Sentenza  Delalic , op. cit. (nota 23), par. 439.

 31. Commento del CICR alla Quarta Convenzione di Ginevra, op. cit. (nota 26), art. 147, pag. 597.

 32. ICTY, The Prosecutor v. Dragan Nikolic, alias “Jenki” Nikolic , atto d’accusa, 4 novembre 1994, caso n. IT-94-2; ICTY, The Prosecutor v. Milorad Krnojelac, alias “Mico” , atto d’accusa, 6 giugno 1997, caso n. IT-97-25-I; Sentenza Delalica , op. cit. (nota 23).

 33. Si vedano, ad esempio, le varie relazioni del relatore speciale della Commissione sui diritti umani per l’ex Jugoslavia, in particolare: Sesta relazione periodica sulla situazione dei diritti umani nel territorio dell’ex Jugoslavia , presentata dal sig. Tadeusz Mazowiecki, Relatore speciale della Commissione per i diritti umani, ai sensi del paragrafo 32 della risoluzione della Commissione 1993/7 del

23 febbraio 1993. UN Doc. E/CN.4/1994/110 (21 febbraio 1994), Capitolo II: Questioni relative ai diritti umani derivanti dall’interferenza con gli aiuti umanitari, pp. 12-14. 

 34. Cfr., ad esempio, Sentenza Delalic , op. cit. (nota 23), par. 443.

 35. Il fatto che la tortura costituisca un crimine di guerra anche nei conflitti armati non internazionali è riconosciuto, inter alia , negli Statuti dell’ICTR, all’art. 4(a), e della CPI, art. 8.2(c)(i), nonché nella giurisprudenza dell’ICTY e dell’ICTR.

 36. Convenzione del 1984 contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani e degradanti. Arte. 1(2) della presente Convenzione prevede che il termine “tortura” possa avere un’applicazione più ampia sotto altri strumenti internazionali.

 37. Sentenza  Delalic , op. cit. (nota 23), par. 459; ICTY, The Prosecutor v. Furundzija , Sentenza, 10 dicembre 1998, Caso

n. IT-95-17/1-PT, par. 160; Sentenza Akayesu , op. cit. (nota 25), par. 593. Esiste, tuttavia, qualche controversia sul fatto che lo scopo specifico e una capacità o connivenza ufficiale siano ancora necessari per il reato di tortura. La definizione della tortura come crimine contro l’umanità nello Statuto della CPI ha eliminato questi due requisiti (articolo 7.2(e)) e le discussioni in corso tra gli Stati sugli elementi dei crimini di guerra ai sensi dello Statuto della CPI danno un’indicazione che almeno il requisito “ufficiale” può essere eliminato dalla definizione. Cfr. documento di discussione proposto dal Coordinatore della Commissione Preparatoria per la CPI , Gruppo di lavoro sugli elementi dei crimini, 25 febbraio 1999, PCNICC/1999/WGEC/RT.2, p. 2.

 38. Ciò è stato confermato nella sentenza Delalic , op. cit. (nota 23), par. 470.

 39.  Ibid ., par. 473.

 40.  Ibidem .

 41.  Ibid ., par. 468.

 42.  Relazione del Relatore Speciale, Sig. P. Kooijmans, nominato ai sensi della Commissione per i Diritti Umani , UN Doc. ris. 1995/33, E/CN.4/1986/15, 19 febbraio 1986, par. 119.

 43. Sentenza  Delalic , op. cit. (nota 23), par. 442.

 44. “Causa intenzionalmente grandi sofferenze o gravi lesioni al corpo o alla salute” è stato definito dall’ICTY come “un atto od omissione intenzionale, essendo un atto che, oggettivamente giudicato, è intenzionale e non accidentale, che provoca gravi danni psichici o fisici sofferenza o ferita. Copre quegli atti che non soddisfano i requisiti intenzionali per il reato di tortura, sebbene chiaramente anche tutti gli atti che costituiscono tortura potrebbero rientrare nell’ambito di questo reato. Sentenza Furundzija , op. cit. (nota 37), par. 511. Cfr. anche Sentenza Delalic , op. cit. (nota 23), par. 442.

 45. Si veda, ad esempio, Commento del CICR alla Quarta Convenzione di Ginevra, op. cit. (nota 26), ad art. 147, pag. 599; Sentenza Delalica , op. cit. (nota 23), par. 509.

 46.  Ibidem . Vedi anche Sentenza Furundzija , op. cit. (nota 37), parr. 542-544.

 47. Sentenza  Delalic , op. cit. (nota 23), par. 1119.

 48. Art. Comune. 3.1(c), Protocollo I, art. 75.2(b), e Protocollo II, art. 4.2(e).

 49. Statuto ICTR, art. 4(e), Statuto CPI, art. 8(2)(b)(xxi) e (c)(ii). Cfr. anche Bozza ILC del 1996 del Codice dei crimini, op. cit. (nota 19), art. 20(c) e (f).

 50. Commento del CICR al Protocollo I, op. cit. (nota 9), ad art. 54, par. 2089, pag. 653. «Con il termine ‘fame’ si intende l’azione di sottoporre le persone alla carestia, cioè all’estrema e generalizzata scarsità di cibo». Commento del CICR al Protocollo II, op. cit. (nota 9), ad art. 14, par. 4791, pag. 1456.

 51. Appello  Tadic sulla giurisdizione, op. cit. (nota 14), par. 128. Il Commento del CICR alle Convenzioni afferma che l’elenco delle gravi violazioni non deve essere considerato esaustivo e che la criminalità può in ogni caso estendersi oltre le gravi violazioni. Operazione. cit. (nota 26), ad

Arte. 50, pag. 371.

 52. Statuto della CPI, art. 8.2(b)(xxv).

 53. Protocollo II, art. 14.

 54. Art. 10 dello Statuto della CPI: “Niente in questa Parte può essere interpretato come limitante o pregiudicante in alcun modo le norme di diritto internazionale esistenti o in via di sviluppo per scopi diversi dal presente Statuto”.

 55.L’impedimento deliberato alla consegna di cibo e forniture mediche alla popolazione civile nei conflitti armati interni è stato più volte condannato dal Consiglio di sicurezza come violazione del diritto umanitario. È stato inoltre sottolineato che “coloro che commettono o ordinano la commissione di tali atti saranno ritenuti individualmente responsabili rispetto a tali atti” (S/RES/794 (1992), par. 5, sulla Somalia). Si veda anche S/RES/787 (1992), par. 7, sulla Bosnia-Erzegovina. In merito alle enclavi bosniache, il Presidente del Consiglio di Sicurezza ha dichiarato che “l’impedimento deliberato alla consegna di generi alimentari e aiuti umanitari essenziali per la sopravvivenza della popolazione civile costituisce una violazione della Convenzione di Ginevra del 1949 e il Consiglio si impegna a garantire che i responsabili di tali atti siano assicurati alla giustizia» (S/25334, 25 febbraio 1993). Inoltre, l’Assemblea Generale e una Commissione Indipendente di Esperti hanno chiesto che i responsabili dell’impedimento dell’assistenza umanitaria in Sudan e della fame in Ruanda, rispettivamente, siano “assicurati alla giustizia” (UNGA res. 52/140 (1997), par. 2; Rapporto intermedio della Commissione di esperti sulle prove di gravi violazioni del diritto internazionale umanitario in Ruanda, S/1994/1125, par. 107 e 150).

 56. Commento del CICR al Protocollo I, op. cit. (nota 9), art. 54, par. 2090, pag. 653.

 57. «Inoltre, se risultasse impossibile inviare aiuti sufficienti a quella parte della popolazione di una zona assediata o accerchiata che è particolarmente debole, il principio del divieto di inedia dovrebbe d’ora in poi dettare l’evacuazione di tali persone». Commento del CICR al Protocollo I, op. cit. (nota 9), ad art. 54.1, par. 2096, pag. 654.

 58. Commento del CICR alla Quarta Convenzione di Ginevra, op. cit. (nota 26), ad art. 33, pag. 225.

 59. Commento del CICR al Protocollo II, op. cit. (nota 9), ad art. 4.2, par. 4536, pag. 1374.

 60. Art. 4(b).

 61. Art. 22.2(a); Arte. 20(f)(ii).

 62. Vedi, ad esempio, Statuti dell’ICTY, art. 5, dell’ICTR, art. 3, e della CPI, art. 7.1 e 7.2(a). Si veda anche la Bozza del Codice dei Reati ILC del 1996, op. cit. (nota 19), art. 18, e la giurisprudenza dell’ICTY e dell’ICTR.

 63. Benché previsto dalla Carta di Norimberga, tale collegamento a un conflitto armato non è più ritenuto necessario. Gli Statuti ICTR e ICC non prevedono tale requisito. È stato, tuttavia, reintrodotto nello Statuto dell’ICTY, ma la Camera d’appello dell’ICTY ha confermato nel caso Tadic che il reato era stato definito in modo più restrittivo del necessario: “(…) il diritto internazionale consuetudinario non richiede più alcun nesso tra crimini contro l’umanità e conflitto armato (…)”. ( Appello Tadic sulla giurisdizione, op. cit.(nota 14), par. 78). Per quanto riguarda l’intento discriminatorio, sussiste ancora una controversia sulla questione se un autore del reato debba avere un motivo legato a qualche tratto caratteriale della vittima e, in particolare, se questo motivo di commissione sia rilevante per tutti i crimini contro l’umanità o solo per la categoria di persecuzioni. Sebbene la Camera di primo grado nel caso Tadic abbia adottato il requisito dell’intento discriminatorio per tutti i crimini contro l’umanità, ha confermato che ciò non era necessario ai sensi del diritto internazionale consuetudinario (punti 652 e 716). Inoltre, la maggior parte degli Stati ha deciso che l’omicidio e altri crimini sono così gravi che il motivo per la commissione è irrilevante ed ha escluso questo requisito dallo Statuto della CPI. 

 64. Si veda, ad esempio, Bozza del Codice dei Crimini ILC del 1996, op. cit. (nota 19), pp. 94-95. La Commissione di diritto internazionale ha utilizzato il termine “grande scala” anziché “diffuso” per chiarire che non è necessaria un’estensione territoriale degli atti.

 65.  Ibid ., p. 94. L’espressione “contro ogni popolazione civile” inclusa nella maggior parte delle definizioni di crimini contro l’umanità è stata talvolta interpretata come una richiesta di un’azione sistematica e diffusa. Tuttavia, la decisione nella causa Tadic stabiliva che “(…) è ormai assodato che il requisito che gli atti siano diretti contro una “popolazione” civile può essere soddisfatto se gli atti si verificano o su base diffusa o in un maniera sistematica. Uno di questi due è sufficiente per escludere atti isolati o casuali”. Sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 653. Inoltre, lo Statuto della CPI include la consueta formulazione “diffusa o sistematica” nel suo articolo 7(1).

 66.  Pubblico ministero c. Menten, Paesi Bassi. Rapporti di diritto internazionale , op. cit. (nota 27), vol. 75, pp. 362-363.

 67. 1996 ILC Draft Code of Crimes, op. cit. (nota 19), art. 18. Né l’ICTY né lo Statuto dell’ICTR fanno alcun riferimento alla politica del governo. La Camera di primo grado dell’ICTY ha confermato che una politica statale non è più necessaria ( sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 654). Inoltre, gli Stati hanno recentemente adottato la formulazione “a seguito oa sostegno di una politica statale o organizzativa” per l’art. 7.2(a) dello Statuto della CPI.

 68.   Sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 653.

 69. Sebbene possano essere presenti motivi personali per atti che portano all’assistenza che non raggiunge persone bisognose, non dovrebbero, tuttavia, essere l’unica motivazione per l’atto. Cfr., ad es., Sentenza Tadic , ibid ., par. 658, dove vengono citati diversi casi tedeschi derivanti dalla seconda guerra mondiale.

 70. Jordan Paust, “Minacce alla responsabilità dopo Norimberga: crimini contro l’umanità, responsabilità dei leader e forum nazionali”, New York Law School Journal of Human Rights , vol. 12, 1995, pag. 60.

 71.   Decisione Vukovar , op. cit. (nota 17), par. 30. Ciò è stato confermato nella sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 649.

 72.   Sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 657.

 73.  Ibid .

 74.  Ibidem .

 75. 1996 ILC Draft Code of Crimes, op. cit. (nota 19), pag. 97.

 76. Art. 7.2(b).

 77. Art. 7.2(e).

 78. Sentenza Akayesu, op. cit. (nota 25), par. 593. Si vedano anche le definizioni di tortura come crimine di guerra nelle Sentenze Delalic e Furundzija , nota 37.

 79. Vedi art. 10 dello Statuto CPI.

 80. Cfr. M. Cherif Bassiouni, Crimes against Humanity in International Criminal Law , Nijhoff Publishers, Dordrecht, 1992, p. 318.

 81. Art. 7.2(g).

 82. Art. 7.1(h).

 83. Cfr., ad esempio, Sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 711.

 84. Anche se lo Statuto dell’ICTY contiene il congiuntivo “e” (l’art. 5, lettera h), menziona “persecuzioni per motivi politici, razziali e religiosi”), la Camera di primo grado ha stabilito che le basi discriminatorie dovrebbero essere lette indipendentemente l’una dall’altra. Sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 713.

 85.  Ibid ., par. 697. L’ultima bozza dello Statuto della CPI prima della Conferenza di Roma includeva l’opzione che tutti i crimini dovessero essere basati su motivi discriminatori e che le persecuzioni dovessero essere commesse in connessione con altri crimini rientranti nella giurisdizione della Corte. Purtroppo, invece di escludere entrambe le possibilità in quanto non conformi al diritto internazionale consuetudinario, si è trovato un consenso che ha mantenuto un collegamento con altri reati o atti: “Persecuzione (…) in connessione con qualsiasi atto di cui al presente paragrafo o qualsiasi reato di competenza della Corte”. Statuto CPI Art. 7.1(h). Tuttavia, questo in pratica non farà una grande differenza, poiché nella maggior parte dei casi ci sarà un collegamento a un altro atto.

 86.  Ibid ., par. 699.

 87. La Camera di primo grado si è riferita a diverse cause del Tribunale di Norimberga. Vedi sentenza Tadic , op. cit. (nota 15), par. 707.

 88. Art. 7.1(k).

 89.   La Carta e la sentenza del Tribunale di Norimberga: Storia e analisi, Memorandum presentato dal Segretario generale, Vendite delle Nazioni Unite n. 1949.V.7, 1949, p. 67.

 90.   Accusa Nikolic , op. cit. (nota 32), par. 24.1. Si vedano anche altri casi citati alla nota 32.

 91. Il parere consultivo dell’ICJ sulle riserve alla Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, del 28 maggio 1951, ha confermato che il divieto di genocidio fa parte del diritto internazionale consuetudinario. Rapporti ICJ 1951, p. 12. 

 92. Convenzione sulla prevenzione e la repressione del reato di genocidio, del 9 dicembre 1948, art. 2.

 93. Rispettivamente artt. 4/2/6.

 94.   Sentenza Akayesu , op. cit. (nota 25), par. 512.

 95.  Ibid ., parr. 513-515.

 96. Vedi art. 3(c) della Convenzione sul Genocidio.

 97. ICTY, The Prosecutor v. Radovan Karadzic e Ratko Mladic: Review of Indictment ai sensi dell’articolo 61 , 11 luglio 1996, Casi

n. IT-95-5-R61 e n. IT-95-18-R61, par. 94.

 98.   Sentenza Akayesu , op. cit. (nota 25), par. 523.

 99.  Ibid ., par. 502.

 100.  Ibid ., par. 504.

 101.   Caso Eichmann , Rapporti di diritto internazionale, op. cit. (nota 27), pag. 238 (grassetto aggiunto).

 102.  Ibid ., pp. 235-236.

 103.   Sentenza Akayesu , op. cit. (nota 25), par. 506.

 104. Nehemiah Robinson, The Genocide Convention: A Commentary , Institute of Jewish Affairs, New York, 1960, pp. 63-64.

 105. Lo Statuto della CPI include una soglia per i crimini di guerra nel suo art. 8.1. “La Corte ha giurisdizione in relazione ai crimini di guerra, in particolare quando commessi nell’ambito di un piano o di una politica o come parte di una commissione su larga scala di tali crimini”. Ciò, tuttavia, non dovrebbe introdurre una nuova soglia per i crimini di guerra, ma dovrebbe essere interpretato come un consiglio alla Procura di concentrarsi sui crimini più gravi.

 106. Statuto CPI, art. 124. Questo articolo consente a uno Stato di dichiarare di non accettare la giurisdizione della Corte per un periodo di sette anni in relazione a crimini di guerra quando si presume siano stati commessi da suoi cittadini o sul suo territorio. Tuttavia, in base al principio della giurisdizione universale, gli Stati hanno già l’obbligo di perseguire o estradare i colpevoli indipendentemente dalla loro nazionalità o dal luogo in cui è stato commesso il reato.

 107. Art. 33.1.

 108. Nel caso della Somalia, ad esempio, il Consiglio di Sicurezza ha chiesto un cessate il fuoco in tutto il Paese per “promuovere il processo di distribuzione dei soccorsi”. SC ris. 794 (1992), 3 dicembre 1992, par. 1.

Lascia un commento