Salta al contenuto

[REPORT] Tigray: Com’è iniziata la guerra?

La guerra dai risvolti genocidi iniziata in Tigray, lo stato regionale settentrionale in Etiopia, è iniziata ad inizio novembre 2020. Quello che segue è il report del team della professoressa Mirjam van Reisen, Klara Smits, Kibrom Berhe. Questa traduzione in italiano è l’analisi che è stata pubblicata da Martin Plaut il 3 novembre 2021.


Della professoressa Mirjam van Reisen, Klara Smits, Kibrom Berhe

Tilburg, 3 novembre 2021

Rapporto della squadra investigativa congiunta

I negoziati e la costruzione della pace segneranno quasi sicuramente le prossime fasi della guerra in Etiopia, mentre il mondo valuta l’equilibrio delle responsabilità per il conflitto che ha infuriato nel paese nell’ultimo anno. È – in ogni caso – la peggiore guerra attualmente in corso nel mondo.

C’è solo un modo per iniziare questo processo. È arrivare a un accordo sui fatti e discuterne le implicazioni.

Un tentativo in tal senso è il rapporto della squadra investigativa congiunta della Commissione etiope per i diritti umani (EHRC) e dell’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite (UNOHCHR), pubblicato oggi.

L’ufficio del primo ministro etiope Abiy ha dichiarato subito dopo la pubblicazione del rapporto: “Il TPLF ha innescato il tragico conflitto”. Al contrario, il governo del Tigray ha affermato che qualunque siano i suoi “risultati”, il rapporto è pieno di problemi.

Quali sono stati gli eventi del 3 novembre 2020?

C’è una questione critica da considerare per iniziare a mettere insieme i fatti su ciò che è accaduto. Come è iniziata la guerra del Tigray e da che parte l’ha iniziata?

La sera del 3 novembre 2020 abbiamo ricevuto una telefonata dal nostro collega dell’Università di Mekelle, nel capoluogo regionale del Tigray.

Stavamo lavorando a un progetto educativo e siamo stati regolarmente in contatto con loro per impostare il nostro lavoro congiunto.

Abbiamo controllato il registro del telefono e gli appunti presi quella sera.

Il professore dell’Università di Mekelle ha telefonato nella tarda serata del 3 novembre. La sparatoria era scoppiata all’aeroporto di Mekelle e poi nei dintorni della città.

Gli studenti ci hanno anche contattato per condividere la loro preoccupazione per i combattimenti scoppiati la sera del 3 novembre.

Nei successivi briefing il professore universitario ha affermato che all’aeroporto di Mekelle erano atterrati due aerei della Ethiopian Airlines. Avevano chiesto il permesso di sbarcare per portare nuove banconote alle banche in un cambio valuta. Invece, gli aerei hanno portato forze speciali.

Gli aerei sono stati successivamente identificati come ET3102, che ha volato sulla rotta ADD-MQX-ADD, AC B789 e coda ETAUR. Questo era un aereo cargo. Questo volo è partito da Addis Abeba il 3 Novembre 2020 a 17:31 ed è arrivato in Mekelle a 18:34 e attese lì fino a 04:20 prima della partenza per Addis Abeba alle 04:21 il 4 ° di novembre.

Il secondo volo è stato ET3100 sulla rotta ADD-MQX-ADD, AC A350 (Airbus) e coda ETATY. Era anche un aereo cargo. Questo volo è partito da Addis Abeba il 3 novembre 2020 alle 21:05 ed è arrivato a Mekelle alle 22:25. E ‘atteso fino 04:06 e partì per Addis Abeba alle 04:07 del 4 ° novembre.

Il vero scopo dell’invio di questi aerei a Mekelle e ciò che è accaduto mentre erano in città, non è mai stato spiegato.

Tigray Etiopia - Diario di bordo dei voli irregolari di Ethiopian Airlines per Asmara e Massaua (Eritrea)
Tigray Etiopia – Diario di bordo dei voli irregolari di Ethiopian Airlines per Asmara e Massaua (Eritrea)

Anche gli spari che hanno sentito molti cittadini di Mekelle la notte del 3 novembre non sono mai stati spiegati.

Gli addetti ai lavori del governo del Tigray ci hanno detto che le forze speciali delle forze di difesa nazionali etiopiche sono state inviate su questi aerei per catturare e arrestare (e uccidere) la leadership del governo regionale del Tigray.

Il governo regionale del Tigray del Tigray era stato avvertito in anticipo dalla sua rete di intelligence di questo piano.

Di conseguenza, quando gli aerei sono atterrati, le forze del governo regionale erano pronte. Hanno incontrato le forze speciali in arrivo da Addis Abeba e sono scoppiate le sparatorie tra le due parti.

Mancato arresto della leadership del governo regionale del Tigray

I commando di Addis Abeba hanno fallito nel loro intento di arrestare il governo regionale del Tigray. Nei giorni che seguirono le autorità del Tigray si ritirarono sulle montagne e si raggrupparono.

Le implicazioni della mancata cattura dei leader del Tigray sono state colossali per il Primo Ministro Abiy.

Se le forze di difesa nazionali etiopi fossero state in grado di assumere la guida del governo regionale il 3 novembre, l’esito dell’operazione “legge e ordine” lanciata dalle autorità etiopi avrebbe potuto essere molto diverso.

Ci si chiede spesso perché il primo ministro Abiy abbia calcolato così male. Gli errori di calcolo possono essere numerosi. L’errore chiave del Primo Ministro potrebbe essere stato la sua sottovalutazione delle informazioni di cui disponeva il governo del Tigray.

Comando Nord e coinvolgimento dell’Eritrea nella guerra nel Tigray

In risposta a quello che il governo del Tigray considerava un attacco ostile, le forze di difesa del Tigray del governo regionale cercarono di ottenere il controllo sul Comando settentrionale, che era di stanza attraverso il Tigray e con sede a Mekelle.

A causa delle lunghe tensioni tra Etiopia ed Eritrea, gran parte delle truppe federali etiopi erano di stanza lungo i mille chilometri di confine tra Tigray ed Eritrea. Era responsabile della protezione del confine settentrionale da un’invasione eritrea.

Tuttavia, il ruolo del Comando Nord era cambiato in seguito all’accordo di pace tra Etiopia ed Eritrea, per il quale il primo ministro Abey è stato insignito del Premio Nobel per la pace.

È un fatto indiscutibile, a lungo negato dal governo eritreo ed etiope, che l’Eritrea sia diventata alleata del primo ministro Abiy nella guerra contro lo stato regionale del Tigray.

Le riprese video ottenute dal nostro team mostrano che il 5 novembre, i membri delle Forze di difesa nazionali etiopi (ENDF) nel Comando settentrionale hanno consegnato grandi quantità di equipaggiamento meccanizzato militare, inclusi carri armati, alle truppe eritree di stanza sul territorio eritreo.

Il 6, 7, 8, 9 novembre 2020 i record che abbiamo ottenuto mostrano anche voli irregolari di Ethiopian Airlines per Asmara e Massaua.

Mentre questi voli sarebbero normalmente instradati come voli internazionali tra capitali, gli aerei hanno volato direttamente da Asmara e Massaua a Gondar e Bahirdar, città nella regione di Amhara in Etiopia, vicino al confine con il Tigray.

La CNN ha mostrato prove che i voli della Ethiopian Airlines, in rotta in queste date, trasportavano armi.

Combattenti eritrei nel Tigray

Le interviste che abbiamo effettuato con ex combattenti eritrei fuggiti nei campi profughi sudanesi nel giugno 2021 hanno rivelato che questi combattenti sono stati mobilitati per la guerra nel Tigray anche prima del 3 novembre.

Un ex combattente eritreo ha dichiarato con grande precisione in un’intervista che abbiamo fatto con lui che è stato rilasciato dalla detenzione il 30 ottobre e che successivamente è stato mobilitato per combattere al confine con il Tigray dall’esercito eritreo. Entrò in Tigray come combattente il 2 novembre, a Sheraro.

Il combattente ha spiegato come è iniziata la guerra:

Tutte queste cose accadono solo nella prima settimana, i primi giorni. All’inizio litighiamo. Ma dopo quattro, cinque giorni, tutto è finito. L’esercito del Tigray è riuscito a proteggere l’area dall’esercito di Amhara, l’esercito etiope, fino a quando l’esercito etiope è fuggito in Eritrea. Ma l’esercito eritreo riuscì a combattere contro il Tigray. L’esercito etiope non ha la capacità di combattere contro il Tigray. Ma quando arrivarono gli eritrei, riuscirono a combattere contro di loro.

Ulteriori prove che abbiamo ottenuto mostrano che la mattina del 4 novembre truppe eritree erano già state viste a Gerhusernay, una città vicino al confine tra Etiopia ed Eritrea, dove hanno iniziato a uccidere civili.

Metà della storia

Il 4 novembre 2020 il primo ministro Abiy della Repubblica federale di Etiopia ha dichiarato una breve “operazione di legge e ordine”.

La linea ufficiale del governo di Abiy è che l’operazione era in risposta all’attacco del governo del Tigray alle unità del comando settentrionale delle forze di difesa nazionali etiopiche, di stanza nella regione del Tigray.

Ma questa è, almeno, solo metà della storia.

Il Tigray è sotto assedio da quando è scoppiata questa guerra. È stato quasi impossibile per i giornalisti e le organizzazioni per i diritti umani, così come per gli accademici, indagare su ciò che è accaduto.

Considerando le pretese e le controdeduzioni

In ogni guerra, narrazioni, propaganda e fatti diventano strumenti di guerra e districarli è un processo difficile e doloroso, ma stabilire la verità è una precondizione per andare avanti.

Inevitabilmente, durante una guerra, rivendicazioni e domande riconvenzionali sono associate al vantaggio che queste hanno per le parti in guerra.

Per gli accademici, le guerre sono quindi scomode. Professionalmente, ci piace rimanere obiettivi e fare affidamento sui fatti, piuttosto che diventare strumenti per affermazioni da una parte o dall’altra.

Tuttavia, come accademici abbiamo il dovere e la responsabilità nei confronti della società di contribuire con prospettive fondate su approcci scientifici e metodologici che forniscano trasparenza sulla provenienza delle argomentazioni che sosteniamo.

Il mondo accademico consente quindi un’ulteriore verifica di tali fatti e un dibattito sulle loro implicazioni.

Il dolore di questa guerra è stato sentito da tutte le parti. Le madri di ogni parte hanno perso figli e figlie in battaglia.

Per sviluppare una comprensione dei fatti è necessario che tutti si mettano intorno al tavolo. Le sedie vuote di chi non vuole parlare, o di chi è escluso dai colloqui, vanno riempite.

Oggi è trascorso un anno dall’inizio di questa orribile guerra, il cui costo è già stato troppo alto. È tempo di mettere i fatti sul tavolo. È tempo di negoziati. È tempo di pace.


FONTE: https://martinplaut.com/2021/11/03/who-triggered-the-tigray-war-on-3-november-2020/

Lascia un commento