Salta al contenuto

Tigray : Una Strada Etiope è un’Ancora di Salvezza per Milioni di Persone. Ora è Bloccata.

Gli operatori umanitari affermano che il governo etiope ha effettivamente interrotto la rotta solitaria nella regione del Tigray lacerata dal conflitto, portando al rischio di fame di massa.


FONTE: https://www.nytimes.com/2021/07/29/world/africa/ethiopia-tigray-aid-crisis.html


AFAR, Etiopia — La strada, una striscia di asfalto di 300 miglia che attraversa alcuni dei terreni più inospitali della terra, è l’unico modo per entrare in una regione dilaniata dal conflitto in cui milioni di etiopi affrontano la minaccia della fame di massa.

Ma è un’ancora di salvezza fragile, carica di pericoli che hanno reso il percorso a malapena percorribile per i convogli di aiuti che cercano di portare rifornimenti umanitari nella regione del Tigray, dove i combattenti locali combattono da otto mesi l’esercito etiope.

Gli operatori umanitari affermano che l’ostacolo principale è un blocco non ufficiale del governo etiope, imposto utilizzando tattiche di ostruzione e intimidazione, che ha effettivamente interrotto la strada e ha esacerbato quella che alcuni chiamano la peggiore crisi umanitaria del mondo in un decennio .

Un convoglio di soccorso diretto verso il Tigray è stato preso di mira il 18 luglio sulla strada, costringendolo a fare marcia indietro.

Nell’ultimo mese, solo un convoglio umanitario delle Nazioni Unite di 50 camion è riuscito a percorrere questa rotta. L’ONU afferma che ha bisogno del doppio dei camion, che viaggiano ogni giorno, per evitare la catastrofica carenza di cibo e medicine all’interno del Tigray.

Eppure nulla si muove.

Donne nella città di Gijet nel Tigray il mese scorso.Credito...Finbarr O'Reilly per il New York Times
Donne nella città di Gijet nel Tigray il mese scorso.Credito…Finbarr O’Reilly per il New York Times

Martedì, il Programma alimentare mondiale ha dichiarato che 170 camion carichi di aiuti umanitari sono rimasti bloccati a Semera, la capitale della vicina regione di Afar, in attesa del permesso dell’Etiopia per fare il viaggio nel deserto nel Tigray.

“Questi camion devono essere autorizzati a muoversi ORA”, ha scritto su Twitter il direttore dell’agenzia David Beasley . “La gente muore di fame”.

La crisi arriva sullo sfondo di una guerra sempre più intensa che si sta riversando dal Tigray in altre regioni, aggravando le tensioni etniche e alimentando i timori che l’Etiopia, la seconda nazione più popolosa dell’Africa, si stia facendo a pezzi.

All’interno del Tigray, i bisogni sono terribili e in rapido aumento. Le Nazioni Unite stimano che 400.000 persone vivano in condizioni simili alla carestia e altri 4,8 milioni hanno bisogno di aiuto urgente.

I soldati etiopi e alleati eritrei hanno rubato grano, bruciato raccolti e distrutto attrezzi agricoli, secondo sia i gruppi di aiuto che i testimoni locali intervistati dal New York Times. Ciò ha portato molti agricoltori a perdere la stagione della semina, mettendo in moto una crisi alimentare che dovrebbe raggiungere il picco quando i raccolti falliscono a settembre.

Un combattente della milizia Afar nel 2019. Il governo etiope questo mese ha invitato i civili di Afar a prendere le armi contro i ribelli del vicino Tigray.
Un combattente della milizia Afar nel 2019. Il governo etiope questo mese ha invitato i civili di Afar a prendere le armi contro i ribelli del vicino Tigray.

Il primo ministro etiope, Abiy Ahmed , che ha vinto il Premio Nobel per la pace 2019, ha dichiarato la scorsa settimana che il suo governo stava fornendo “accesso umanitario senza restrizioni” e si impegnava a “consegnare in sicurezza forniture essenziali alla sua popolazione nella regione del Tigray”.

Ma i ministri di Abiy hanno pubblicamente accusato gli operatori umanitari di aiutare e persino di armare i combattenti del Tigray, ricevendo una ferma smentita da un’agenzia delle Nazioni Unite. E alti funzionari degli aiuti, parlando a condizione di anonimato per evitare di mettere a repentaglio le loro operazioni, hanno affermato che l’impegno dichiarato dal governo di consentire le consegne di aiuti è stato smentito dalle sue azioni sul campo.

Gli operatori umanitari sono stati molestati negli aeroporti o, nel caso di un funzionario del Programma alimentare mondiale lo scorso fine settimana, sono morti all’interno del Tigray per mancanza di cure mediche immediate.

Billene Seyoum Woldeyes, portavoce di Abiy, ha affermato che le forze federali hanno lasciato 44.000 tonnellate di grano e 2,5 milioni di litri di olio commestibile quando si sono ritirate dal Tigray a giugno. Qualsiasi ostacolo all’accesso umanitario veniva “monitorato da vicino” dal governo, ha affermato.

Ma sul campo, le forniture vitali si stanno rapidamente esaurendo: non solo cibo e medicine, ma anche carburante e denaro necessari per distribuire aiuti di emergenza. Molte agenzie umanitarie hanno iniziato a ridimensionare le loro operazioni nel Tigray, citando le condizioni di lavoro impossibili. Il sig. Beasley ha detto che il Programma alimentare mondiale inizierà a finire il cibo venerdì.

I combattimenti infuriano lungo quella che un tempo era stata l’autostrada principale per il Tigray, costringendo i gruppi di soccorso a rivolgersi all’unica alternativa: la strada remota che collega il Tigray all’Afar che attraversa un paesaggio desolato di temperature roventi.

Distribuzione di cibo d'emergenza nella città di Mekelle, nella regione settentrionale del Tigray, il mese scorso.
Distribuzione di cibo d’emergenza nella città di Mekelle, nella regione settentrionale del Tigray, il mese scorso.

Quando ho percorso la rotta il 4 luglio, la guerra nel Tigray aveva appena cambiato drammaticamente direzione.

Giorni prima, i combattenti del Tigray avevano marciato nella capitale regionale, Mekelle , poche ore dopo che i soldati etiopi assediati avevano lasciato la città. L’aeroporto della città era chiuso, quindi l’unica via d’uscita dal Tigray era un lento convoglio delle Nazioni Unite che prendeva lo stesso percorso desolato dei soldati etiopi in fuga.

Abbiamo guidato lungo una scarpata rocciosa su una strada segnata da tracce di carri armati. Mentre scendevamo nelle pianure di Afar, la temperatura è salita rapidamente.

La strada costeggiava il bordo occidentale della depressione della Dancalia, una vasta area che si trova sotto il livello del mare con un vulcano attivo, il lago più salato della terra e formazioni rocciose surreali dai colori vivaci che sono spesso paragonate a un paesaggio ultraterreno.

Sorgenti sulfuree nella regione settentrionale dell'Afar, in Etiopia.
Sorgenti sulfuree nella regione settentrionale dell’Afar, in Etiopia.

Il nostro minivan ha attraversato un campo arido di lava secca che si estendeva per miglia. In alcuni punti la sabbia finiva sulla strada e il tetto del furgone diventava troppo caldo per essere toccato.

Il nostro autista masticava foglie di khat mite narcotico mentre afferrava il volante, spesso guidandoci sul lato sbagliato della strada. Non importava: gli unici veicoli che passavamo erano camion in panne, i loro autisti sudati che studiavano le viscere unte.

Nei pochi paesi che abbiamo attraversato, la gente si riparava dal sole all’interno di edifici ricoperti di lamiere e coperte pesanti. La mia app meteo ha detto che fuori c’erano 115 gradi. Quindi il mio telefono ha emesso un messaggio di avviso che si stava surriscaldando.

Abbiamo superato 13 posti di blocco, i primi presidiati da miliziani e poi quelli presidiati dalle forze governative etiopi. Abbiamo raggiunto Semera dopo 12 ore.

Giorni dopo, un secondo convoglio delle Nazioni Unite partito dal Tigray non è stato così fortunato.

Secondo un operatore umanitario del convoglio, la polizia federale etiope ha sottoposto gli operatori umanitari occidentali a lunghe perquisizioni lungo la strada e in seguito ha arrestato durante la notte sette conducenti del Tigray dopo aver sequestrato i loro veicoli. I conducenti e i veicoli sono stati rilasciati dopo due giorni.

Il 18 luglio, un convoglio delle Nazioni Unite di 10 veicoli che trasportava cibo nel Tigray è stato attaccato a 60 miglia a nord di Semera quando uomini armati non identificati hanno aperto il fuoco e hanno saccheggiato diversi camion, secondo il Programma alimentare mondiale. Il convoglio si è girato e da allora tutte le consegne di aiuti lungo il percorso sono state sospese.

In una dichiarazione, l’ufficio del signor Abiy ha accusato l’attacco al Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray, l’ex partito di governo della regione del Tigray che le forze del governo nazionale hanno combattuto.

Ma due alti funzionari delle Nazioni Unite, parlando a condizione di anonimato per evitare di peggiorare i rapporti con le autorità etiopi, hanno affermato di ritenere che l’attacco sia stato compiuto da una milizia filo-governativa per volere delle forze di sicurezza etiopi.

Un raro volo umanitario nel Tigray quattro giorni dopo ha confermato i timori tra gli operatori umanitari che le autorità etiopi stessero perseguendo una strategia per consentire ufficialmente l’accesso umanitario mentre in pratica lavoravano per frustrarlo.

Nell’aeroporto principale di Addis Abeba, 30 operatori umanitari che si sono imbarcati sul primo volo delle Nazioni Unite per Mekelle in più di un mese sono stati sottoposti a intense perquisizioni e molestie, hanno affermato diverse persone a bordo. Funzionari etiopi hanno proibito agli operatori umanitari di trasportare denaro contante superiore all’equivalente di $ 250, telefoni satellitari e farmaci personali: l’ultima restrizione ha portato un funzionario di Medici Senza Frontiere a dover scendere dal volo. Con sei ore di ritardo, il volo è decollato.

Il Programma alimentare mondiale ha pubblicizzato il volo ma non ha fatto menzione dei ritardi o delle molestie, un’omissione che ha fatto arrabbiare privatamente diversi funzionari delle Nazioni Unite e altri operatori umanitari che hanno affermato che seguiva un modello di agenzie delle Nazioni Unite che non erano disposte a criticare pubblicamente le autorità etiopi.

Complicare ulteriormente lo sforzo di aiuto: la guerra si sta ora riversando in Afar.

La scorsa settimana le forze del Tigray si sono spinte nella regione. In risposta, il signor Abiy ha mobilitato le milizie etniche di altre regioni per contrastare l’offensiva.

Il signor Abiy ha anche fatto ricorso a un linguaggio sempre più provocatorio – riferendosi ai leader del Tigray come “cancro” e “erbacce” da rimuovere – che i funzionari stranieri considerano una possibile esca per una nuova ondata di violenza etnica in tutto il paese.

La signora Billene, la sua portavoce, ha liquidato quei timori definendoli “allarmisti”. Il leader etiope “si riferiva chiaramente a un’organizzazione terroristica e non al popolo del Tigray”, ha detto.

All’interno del Tigray, la priorità più urgente è riaprire la strada per l’Afar.

“Questa è una situazione disperata e disperata”, ha affermato Lorraine Sweeney della Support Africa Foundation, un’organizzazione benefica che dà rifugio a circa 100 donne incinte sfollate a causa dei combattimenti nella città di Adigrat, nel Tigrino.

La signora Sweeney, che vive in Irlanda, ha affermato di aver ricevuto chiamate da membri del personale in preda al panico che chiedevano aiuto per nutrire le donne, tutte incinte da almeno otto mesi.

“Mi riporta ai tempi della carestia in Irlanda”, ha detto la signora Sweeney. “Questa è roba pazzesca di questi tempi”.

Lascia un commento