Salta al contenuto

Tigray : Gli Aiuti Umanitari in Pericolo Grazie a Politica e Propaganda

L’ articolo che segue è una traduzione di quanto ha pubblicato The New Humanitarian recentemente. Il titolo è una mia interpretazione.

E’ da qualche mese, precisamente da inizio maggio, quando il governo etiope ha ufficializzato ed etichettato il TPLF come organizzazione terroristica ed i suoi membri terroristi: in questa maniera ha legittimato il sospetto verso ogni persona di etnia tigrina. Le forze di polizia possono fermare, bloccare, incarcerare e profilare i tigrini in qualunque parte dell’ Etiopia si trovino in nome della sicurezza nazionale. Tutti i tigrini, uomini, donne anziani e bambini subiscono repressione etnica da 8 mesi e da maggio 2021 la politica del governo centrale sta fomentando con le sue comunicazioni tale repressione: conti correnti bloccati, licenziamenti, fermi e deportazione di singoli e di gruppi di tigrini – un esempio confermatomi anche da un mio contatto, i rastrellamenti si erano intensificati durante i giorni in cui il TDF aveva riconquistato Mekelle.

Ad oggi sui social (come dichiarato da una testimonianza all’interno dell’articolo che riporto di seguito) si sono intensificate anche le parole di odio sui social, specialmente su Facebook e Twitter nei confronti dei tigrini (perché orami la narrazione propagandistica non fa capire chi è il nemico – l’ ala armata del TPLF, ovvero il TDF? ..o sono i contadini, i bambini, e le donne che lasciano il lavoro perché vogliono combattere ed arruolarsi con i così detti “ribelli” (ormai denominati così dalla narrazione internazionale)?

Sono tutte analisi ed opinioni personali quindi del tutto opinabili. Per ogni qualunque commento, proposta o dibattito puoi utilizzare il link dei contatti

Davide Tommasin


“Sarebbe già abbastanza grave se una persona a caso lo twittasse, ma questo viene dal governo”.

Le accuse del governo etiope secondo cui le agenzie umanitarie stanno sostenendo le forze ribelli nel Tigray hanno lasciato le organizzazioni internazionali di soccorso preoccupate per la sicurezza del personale in prima linea, anche se il conflitto si intensifica e centinaia di migliaia di persone affrontano la carestia.

In una dichiarazione della scorsa settimana, il funzionario etiope per gli affari esteri Redwan Hussein ha accusato le organizzazioni umanitarie di fornire armi e equipaggiamento a gruppi ribelli e ha affermato che agenzie delle Nazioni Unite senza nome stavano “fabbricando fatti e cifre” in una campagna volta a “mancare di rispetto e diffamare l’Etiopia”. Ha anche minacciato di espellere i membri del personale delle agenzie.

 Gli aiuti alimentari per il Tigray vengono scaricati in un magazzino a Mai Tsebri, 26 giugno 2021. Centinaia di migliaia di persone affrontano la carestia nella regione. (REUTERS)
Gli aiuti alimentari per il Tigray vengono scaricati in un magazzino a Mai Tsebri, 26 giugno 2021. Centinaia di migliaia di persone affrontano la carestia nella regione. (REUTERS)

Il conflitto nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia, ha sradicato circa due milioni di persone, interrotto agricoltura e posti di lavoro e distrutto scuole, punti d’acqua e cliniche. Secondo le Nazioni Unite, quasi tutti i cinque milioni di persone della regione hanno bisogno di un qualche tipo di assistenza umanitaria. Alcuni sono fuggiti nelle regioni limitrofe e in Sudan .

Più di 50 gruppi di aiuto, tra cui agenzie delle Nazioni Unite, ONG e organizzazioni locali, stanno attualmente rispondendo alla crisi. Hanno richiesto collettivamente poco più di 850 milioni di dollari per soddisfare i bisogni umanitari durante l’anno.

In privato, molte delle agenzie umanitarie contattate da The New Humanitarian negano le accuse del governo, ma nessuna è disposta a commentare pubblicamente, citando una situazione politica e di sicurezza tesa nel paese.

Gli osservatori affermano che le affermazioni del governo, insieme a voci, disinformazione online e copertura critica dei media locali, aumentano i rischi per le operazioni di soccorso.

“Una volta associate le ONG al nemico, si rimuove qualsiasi ostacolo morale all’attacco”, ha affermato Abby Stoddard, del gruppo di consulenza Humanitarian Outcomes , che fornisce consulenza politica e di ricerca per le agenzie di aiuto.

Quasi un mese fa, tre operatori umanitari con sede nel Tigray di Medici Senza Frontiere sono stati assassinati , tra i 12 operatori umanitari uccisi dall’inizio del conflitto nel novembre 2020.

Stoddard ha detto a The New Humanitarian che mentre i governi spesso si lamentano delle agenzie umanitarie nelle guerre civili, questa è stata l’accusa più pubblica e diretta che potesse ricordare negli ultimi anni e potrebbe alimentare ulteriori attacchi contro gli operatori umanitari.

“Sarebbe già abbastanza brutto se una persona a caso lo twittasse, ma questo viene dal governo”, ha detto Stoddard, che ha scritto un libro sulla sicurezza degli operatori umanitari nelle zone di guerra.

Un alto funzionario degli aiuti che ha familiarità con l’operazione di soccorso in Etiopia ha aggiunto che l’annuncio porterebbe a “un’atmosfera di maggiore ostilità” contro i gruppi umanitari e sarebbe utilizzato per giustificare un continuo blocco degli aiuti al Tigray.

Altri operatori umanitari affermano che è difficile comprendere le accuse di comportamento scorretto delle agenzie umanitarie quando il governo non ha fornito i dettagli delle sue affermazioni.

Stefan De Keersmaecker, un portavoce dell’UE – che finanzia le agenzie di aiuto nel Tigray – non ha commentato le accuse specifiche, ma ha affermato che le agenzie sono sottoposte a una valutazione di due diligence prima dell’erogazione dei fondi e devono affrontare “controlli regolari” durante l’attuazione del progetto.

Un portavoce dell’USAID – un altro importante donatore dell’operazione di soccorso – ha affermato che l’agenzia prende “sul serio” qualsiasi accusa di assistenza deviata, ma ha aggiunto:

“Questo tipo di dichiarazioni può aumentare il pericolo per gli umanitari che stanno rischiando la vita per aiutare gli altri. Tutto ciò che impedisce ulteriormente agli umanitari di fare il loro lavoro salvando vite è profondamente preoccupante e non farà altro che esacerbare una situazione già disastrosa”.

Vincoli di accesso

I commenti di Hussein giungono nel mezzo di un peggioramento nel conflitto di otto mesi, che contrappone il governo centrale etiope alle Forze di difesa del Tigray (TDF), una propaggine armata del partito di governo regionale: il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF).

La TDF ha ampliato le sue operazioni negli ultimi giorni, anche nelle regioni vicine, e il governo ha iniziato a reclutare milizie provenienti da tutte le regioni etniche dell’Etiopia per aiutare a combattere il gruppo.

Mohamed Kheir Omer, un analista politico che ha seguito il conflitto, ha affermato che è probabile che le milizie lottino contro il TDF, ma che la ricaduta civile sarà alta.

“Penso che sarà catastrofico in termini di sofferenza umana”, ha detto a The New Humanitarian.

Le operazioni militari per sedare la ribellione del TPLF sono state accompagnate da numerosi massacri di civili, saccheggi e altre violazioni dei diritti umani in un contesto alimentare in peggioramento.

Dopo pesanti combattimenti con i ribelli, il 28 giugno il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ritirato l’esercito nazionale ed è subentrato il TPLF. Il governo centrale ha dichiarato un cessate il fuoco umanitario, ma ha in gran parte tagliato il Tigray da elettricità, telecomunicazioni, banche e commercio, limitando al contempo l’accesso stradale delle organizzazioni umanitarie.

Solo poche dozzine di camion di aiuti internazionali hanno raggiunto la regione dal cambio di controllo. Il secondo dei due voli passeggeri delle Nazioni Unite era previsto oggi in Tigray. Dopo l’arrivo riuscito di circa 50 camion in prima linea all’inizio di questo mese, un secondo convoglio di aiuti è stato attaccato da forze sconosciute il 18 luglio e non ha raggiunto il Tigray.

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, o Wfp, afferma che sono necessari circa 100 camion al giorno per fornire cibo, carburante e altri generi di soccorso in prima linea a un massimo di cinque milioni di persone.

Addis Abeba nega l’accusa di ostacolare le consegne dei soccorsi come forma di punizione collettiva, ribattendo che il TPLF sta perseguendo obiettivi militari piuttosto che occuparsi dei bisogni umanitari. In una nuova richiesta odierna , il governo ha anche affermato che il TPLF impedirà alle famiglie di ricevere assistenza a meno che “non mandino i propri figli a combattere”.

Affermazioni amplificate dai social media

L’accusa di Hussein, il funzionario governativo, non è la prima volta che le agenzie vengono accusate di favorire il TDF durante il conflitto: Abiy in precedenza aveva insinuato che gli aiuti fornissero un vantaggio strategico ai ribelli.

Il primo ministro ha affermato che i soccorsi hanno rafforzato e finanziato il TPLF e consentito l’acquisto di armi quando ha combattuto il governo centrale negli anni ’80 – affermazioni supportate da un’indagine della BBC del 2010 .

Il governo ha ripetutamente affermato che la pressione diplomatica straniera – da parte degli Stati Uniti, dell’UE e dell’ONU – e la copertura mediatica internazionale sono state unilaterali e hanno minimizzato il ruolo del TPLF nell’innescare il conflitto e le successive violazioni dei diritti umani.

Il WFP, nel frattempo, ha emesso una confutazione pubblica la scorsa settimana dopo che un rapporto del servizio di notizie indipendente filo-governativo ESAT ha accusato l’agenzia di sostenere i ribelli. L’agenzia delle Nazioni Unite per gli aiuti alimentari ha rifiutato la richiesta di The New Humanitarian di discutere le accuse e le segnalazioni fatte contro di essa.

Una foto di un membro dello staff del WFP accanto a un funzionario del TPLF che parla su un telefono satellitare è stata ampiamente diffusa online come presunta prova del supporto tecnico ai ribelli. La dichiarazione del WFP ha affermato che è obbligato a parlare con tutte le parti in conflitto .

Le organizzazioni umanitarie stanno anche affrontando una “retorica negativa continua e sistematica” sui social media, secondo un funzionario di una ONG che monitora la crisi.

The New Humanitarian ha raccolto dozzine di esempi di account sui social media che chiedono l’espulsione delle ONG dal paese e fanno accuse infondate secondo cui le Nazioni Unite e le ONG straniere stanno aiutando il TPLF.

Gli operatori umanitari sono regolarmente chiamati spie e terroristi, accusati di avere “agende nascoste”, di diffondere “fake news” e di essere “colonizzatori”. I paesi donatori non vengono risparmiati: un tweet mostra un’immagine ritoccata del capo dell’USAID Samantha Power che sembra brandire un fucile AK-47.

Con l’aumentare delle tensioni, Stoddard, di Humanitarian Outcomes, ha affermato che i governi donatori dovrebbero unirsi per denunciare le accuse e “riaffermare la neutralità e l’imparzialità delle operazioni di aiuto internazionale”.

pk/bp/ag

FONTE: https://www.thenewhumanitarian.org/news/2021/7/22/Ethiopian-government-accuses-aid-Tigray-rebels-disinformation

Lascia un commento