Salta al contenuto

Etiopia : Più di 20 Civili Uccisi In Due Attacchi Separati in Amhara e SNNPRS

FONTE: Addis Standard

Almeno 21 civili sono stati uccisi in due attacchi separati. 15 passeggeri sono stati uccisi da uomini armati in un autobus che viaggiava dalla città di Bure nella zona di Gojam occidentale, stato regionale di Amhara, alla città di Nekemte, zona di Wollega orientale, stato regionale di Oromia.

Allo stesso modo, 6 civili sono stati uccisi “brutalmente”, anche bruciati vivi, a Danchu Kebelle della zona di Bench Sheko, Nazioni del Sud, Nazionalità e Stato regionale del popolo (SNNPRS).

Entrambi gli omicidi sono avvenuti il ​​30 aprile, giorno festivo del Venerdì Santo per i cristiani etiopi.

Etiopia : Più di 20 Civili Uccisi In Due Attacchi Separati in Amhara e SNNPRS
Etiopia : Più di 20 Civili Uccisi In Due Attacchi Separati in Amhara e SNNPRS

Secondo il comandante Birhanu Yebase, capo della polizia nella zona di Horo Gudru, che ha parlato con l’emittente nazionale , il gruppo armato che ha detto essere membri di “OLF / (Oromo Liberation Front) Shene”, ha montato l’attacco sull’autobus di trasporto in viaggio da Bure a Nekemte quando ha raggiunto Amuru wereda poco dopo che l’autobus “ha attraversato il fiume Abay”. Gli aggressori si sono diretti sull’autobus verso la gola di Abay prima di costringere i passeggeri a scendere dall’autobus, uccidendone 15. Ha detto che c’erano passeggeri feriti che si pensa abbiano lasciato l’area. Il comandante Birhanu ha detto che le vittime erano membri della comunità Amhara e Oromo dell’area, ma ha aggiunto che la sicurezza è stata rafforzata per proteggere i membri della comunità Amhara.

Questo ultimo attacco è avvenuto poco dopo che almeno 20 civili sono stati uccisi la scorsa settimana in un attacco nella zona di Jimma, nello stato regionale di Limmu Kosa Kebelle di Oromia. Getachew Balcha, portavoce dello stato regionale, ha accusato l’attacco di “OLF / Shene”, un nome che i funzionari del governo usano per riferirsi all’Oromo Liberation Army (OLA), un esercito ribelle attualmente impegnato in un conflitto armato con le forze governative nello stato regionale di Oromia.

Approfondimento Reuter

Da Reuter
Gli aggressori uccidono almeno 20 in un attacco nella regione di Oromia in Etiopia, dice il funzionario

NAIROBI, 29 aprile (Reuters) – Uomini armati hanno ucciso almeno 20 persone la scorsa settimana nell’Etiopia occidentale, ha detto giovedì un funzionario del governo regionale, in quello che lui e due residenti hanno descritto come un attacco ai civili del gruppo etnico Amhara.

L’incidente è avvenuto nel distretto di Limmu Kosa, nella zona di Jimma, nella regione di Oromiya.

Almeno 20 civili sono stati uccisi nell’attacco, ha detto a Reuters il portavoce del governo regionale di Oromiya, Getachew Balcha. Ha detto che gli aggressori provenivano dall’OLF-Shane o dall’Oromo Liberation Army (OLA), un gruppo scissionista dell’Oromo Liberation Front (OLF), un gruppo di opposizione precedentemente bandito che è tornato dall’esilio dopo che il primo ministro Abiy Ahmed si è insediato.

Gli Oromo sono il più grande gruppo etnico del paese e gli Amhara sono il secondo più grande. Gli scontri tra le persone dei due gruppi hanno ucciso 18 persone in un’altra parte del paese all’inizio di questo mese.

Le regioni di Amhara e Oromiya condividono un confine e negli ultimi mesi gli attacchi tra i due gruppi etnici nelle aree di confine sono aumentati.

La violenza politica ed etnica è una sfida importante per Abiy, le cui riforme politiche hanno anche incoraggiato gli agenti di potere regionali che cercano di costruire basi di potere etnico dopo quasi tre decenni di governo dal pugno di ferro.

Due residenti hanno anche detto a Reuters che uomini armati hanno preso di mira i residenti di Amhara nell’attacco della scorsa settimana.

“Ero fuori quando gli uomini armati sono venuti nel nostro villaggio e hanno iniziato a uccidere i residenti e incendiare le case”, ha detto uno dei residenti, che ha parlato in condizione di anonimato per paura di rappresaglie.

Ha detto che lui e i vicini hanno seppellito 29 persone, per lo più uccise da colpi di arma da fuoco, e alcune da ferite da machete.

Quel residente ha anche identificato gli aggressori come provenienti da OLF-Shane.

Un portavoce dell’OLA, Odaa Tarbii, ha negato l’accusa in un commento via e-mail e ha accusato le forze regionali della regione di Oromiya di essere responsabili dell’attacco.

Ha detto che le forze di sicurezza dello stato hanno lasciato l’area, consentendo ai “miliziani affiliati al governo” che non erano l’OLA di prendere d’assalto l’area e prendere di mira e uccidere Amharas.

L’altro residente ha detto che le forze di sicurezza locali non hanno fatto nulla per fermare le uccisioni, poiché uomini armati andavano di casa in casa uccidendo i residenti. Ha anche detto che alcuni degli aggressori indossavano un’uniforme simile a quelle usate dalle truppe federali.

La commissione statale per i diritti umani dell’Etiopia ha detto sabato che sta monitorando le notizie di un attacco da parte di gruppi armati nell’area di Limmu Kosa e che “sono già state segnalate vittime civili”. (Segnalazione della redazione di Nairobi Modifica di Maggie Fick e Frances Kerry)

Tuttavia, OLA nega ripetutamente le accuse e ha chiesto indagini indipendenti su tutti gli attacchi ai civili nella regione. Incolpa anche questi attacchi di miliziani paralleli armati dallo stesso governo.

Attacco in Bench Sheko

In uno sviluppo simile, in un attacco lo stesso giorno organizzato da un “gruppo armato illegale”, sei civili sono stati uccisi “brutalmente” a Danchu Kebelle della zona di Bench Sheko nello SNNPRS. Le vittime includevano civili che sono stati bruciati vivi nella loro casa. In un incontro che le autorità locali hanno tenuto con la comunità a Danchu Kebelle, i membri della comunità hanno parlato con amarezza della mancanza di protezione da parte delle forze di sicurezza governative quando continuano ad affrontare ripetuti attacchi negli ultimi mesi.

Nel settembre dello scorso anno, i Consigli di cinque zone e uno speciale wereda avevano approvato l’integrazione in un nuovo stato regionale in SNNPRS. Sono: Bench-Shako Zone, Kaffa Zone, Dawro Zone, Sheka Zone, West Omo Zone e Konta Special Woreda, la decisione è stata approvata dalla House of Federation (HoF) successivamente aprendo la strada a un referendum per il nuovo regionale stato chiamato “Etiopia sud-occidentale”.

Nel novembre 2020, 12 civili sono stati uccisi e 5 sono rimaste ferite da “gruppo armato non identificato” in Gura Farda Wereda di Bench Sheko Zone, ma seguito da un altro attacco simile nel marzo di quest’anno nella stessa Wereda in cui almeno civili 10 sono stati uccisi.

Tuttavia, non è chiaro se il picco di questi attacchi contro i civili da parte di gruppi armati che devono ancora essere identificati dalle autorità sia correlato al nuovo accordo amministrativo.

Secondo il National Electoral Board of Ethiopia (NEBE), il referendum sud-ovest si svolgerà il 5 giugno, lo stesso giorno del 6° giorno delle elezioni generali.

 

 

 

 

Lascia un commento