Salta al contenuto

La Guerra del Tigray in Etiopia Sta Alimentando l’Espansionismo di Amhara

Abiy Ahmed dipende dal sostegno dei leader e delle milizie etniche amhara il cui obiettivo è riconquistare quelli che considerano territori perduti, dal Tigray al Sudan.

La guerra nel Tigray, la regione più settentrionale dell’Etiopia, riguarda apparentemente il controllo politico. L’obiettivo dichiarato del governo federale è arrestare la leadership politica e militare del governo regionale estromesso (TPLF) in quella che ancora si riferisce a un’operazione di contrasto. Ma tra l’élite politica etnica Amhara, questa “azione di polizia” è vista come una guerra per riconquistare i territori persi nel 1991. Essendo il secondo gruppo etnico più numeroso del paese, la milizia e le forze speciali di Amhara sono state fondamentali nella campagna di guerra. Le parti occidentali e meridionali del Tigray sono quindi attualmente incorporate sotto l’amministrazione e il controllo di Amhara, nonostante le proteste del governo regionale ad interim del Tigray.

I membri della milizia Amhara si trovano in una strada mentre un soldato cammina davanti a una bandiera imperiale etiope, a Mai Kadra, in Etiopia, il 21 novembre 2020
I membri della milizia Amhara si trovano in una strada mentre un soldato cammina davanti a una bandiera imperiale etiope, a Mai Kadra, in Etiopia, il 21 novembre 2020

L’accesso e il controllo della terra è essenziale in qualsiasi società agricola di sussistenza, e questo è particolarmente vero in parti dell’Etiopia dove la terra è stata coltivata per millenni. La vita nell’Etiopia rurale ruota intorno alla terra; definisce chi sei, dove appartieni e il tuo status nella società. I terreni agricoli rurali sono di proprietà dello Stato e i diritti a coltivarli sono tradizionalmente dati sulla base di un legame tra sangue e suolo: in altre parole, una discendenza provata dalla comunità garantisce l’accesso alla terra.

I confini amministrativi delle province sono stati alterati durante tutti i cambi di regime in Etiopia e sono spesso usati come mezzo per il governo centrale per dividere e governare mantenendo il controllo politico sulla nobiltà locale e sulle élite politiche che aspirano al potere centrale. L’ultima riprogettazione di questo tipo è avvenuta dopo che il Fronte democratico rivoluzionario popolare etiope (EPRDF) ha assunto il potere nel 1991.

Quando l’Etiopia è stata trasformata da uno stato unitario a uno federale, nove nuovi stati regionali sono stati progettati secondo l’articolo 46 della costituzione del 1995 sulla base di “modelli di insediamento, lingua, identità e consenso delle persone”. I confini dei nuovi stati regionali incrociavano le precedenti delimitazioni amministrative e venivano semplicemente imposti senza il consenso popolare attraverso un referendum o un’elezione. Le rivendicazioni territoriali di Amhara per le aree attualmente considerate parte dello stato regionale del Tigray si basano quindi su una comprensione pre-1991 di regioni amministrative prevalentemente di lingua amarica. Prima del 1991 non esisteva una regione chiamata Amhara; gli Amhara furono divisi tra diverse regioni amministrative.

Il nuovo stato regionale del Tigray cedette territori a est al nuovo stato di Afar mentre guadagnava terreno a ovest incorporando il distretto di Welkait e le fertili pianure di Setit-Humera, che facevano parte dell’ex regione amministrativa di Gondar. Le zone di pianura sono la fonte principale del raccolto di sesamo in Etiopia e, all’epoca, erano abitate da un misto di agricoltori dell’Amhara e del Tigray, senza alcun censimento verificabile su chi fosse la maggioranza. Dal 1991, decine di migliaia di Tigrigni dagli altopiani ed ex rifugiati sono stati reinsediati nell’area, assegnando alla popolazione una netta maggioranza di Tigrigni.

Nel 2016 sono scoppiate proteste nel Tigray occidentale, organizzate dal Welkait Amhara Identity Committee (o Welkait Identity and Self-Determination Committee), chiedendo un riallineamento dello stato amministrativo della zona sotto lo stato regionale dell’Amhara. Le proteste nel Tigray sono state rapidamente represse e il capo del Comitato Welkait, il colonnello Demeke Zewdu e altri, sono stati arrestati. Ciò ha scatenato massicce manifestazioni e proteste in tutto lo stato di Amhara, provocando la morte di dozzine di persone.

Dopo le dimissioni annunciate del primo ministro Hailemariam Desalegn nel febbraio 2018, Demeke, insieme a migliaia di altri prigionieri, è stato rilasciato, dopodiché ha promesso di continuare la lotta per riportare i distretti di Welkait, Setit-Humera e Tsegede sotto il controllo di Amhara. Questa posizione è stata successivamente adottata dal governo regionale del Partito Democratico Amhara (allora un componente dell’EPRDF – Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope).

A Raya, nel Tigray meridionale, un comitato simile è stato istituito nel 2018 con l’obiettivo di ottenere il riconoscimento dell’identità di Raya per stabilire una zona amministrativa autonoma, ma era stato soffocato dal governo regionale in Tigray, allora guidato dal Tigray People’s Liberation Front (TPLF ). I Raya sono bilingue e si dividono tra sottogruppi di tendenza amhara e Tigray. La parte di lingua amarica ha espresso il desiderio di restituire l’area sotto l’amministrazione di Amhara.

Quando l’offensiva militare contro il Tigray è stata lanciata il 4 novembre 2020, quando il TPLF ha eseguito un attacco contro le forze federali nel comando settentrionale, le forze speciali regionali e le milizie dell’Amhara erano state preparate per la guerra da molto tempo. L’offensiva sulla linea del fronte occidentale Welkait è stata costituita principalmente dalle forze Amhara, agitate dalla causa per reclamare i territori perduti dei tre distretti di Welkait, Tsegede e Setit-Humera. In una recente cerimonia di commemorazione dell’offensiva, il presidente regionale di Amhara, Agegnehu Teshager , ha affermato che “il popolo di Amhara è stato liberato e non tornerà mai più in schiavitù” e ha chiesto il reinsediamento di Amhara nei territori bonificati.

Decine di migliaia di Tigrini sono stati cacciati dalla terra dall’inizio della guerra, in quella che il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha definito pulizia etnica , un’accusa che il governo etiope respinge . Allo stesso tempo, i funzionari dello stato di Amhara hanno ripetutamente affermato che l’area appartiene a loro e che la terra “è stata presa con la forza e ora è stata restituita con la forza”. Il portavoce dello stato regionale di Amhara afferma inoltre che il primo ministro Abiy Ahmed ha approvato la reincorporazione dei territori contesi in Amhara, nonostante le proteste dei suoi colleghi nel governo ad interim del Prosperity Party nel Tigray .

Gli operatori umanitari internazionali e altri che hanno recentemente viaggiato nel Tigray occidentale – e desiderano rimanere anonimi per motivi di sicurezza – confermano che i vecchi nomi e segni del Tigrino sono stati sradicati e sostituiti con i segni dell’Amhara, cosa che sta accadendo anche nelle aree di Raya . I pochi tigrini rimasti sono costretti a “tornare a casa”, cioè a est, attraverso il fiume Tekeze, o a “cambiare identità” e proclamare lealtà ad Amhara, poiché viene detto loro che ” questo è Amhara “. Un’altra manifestazione del controllo Amhara dell’area è il processo segnalato di distruzione di tutte le vecchie carte d’identità Tigrayan e la loro sostituzione con nuove ID Amhara.

Sebbene Abiy personalmente non possa approvare con la forza questo riallineamento territoriale, non sembra essere nella posizione di affrontare l’élite politica di Amhara su questo tema, poiché dipende completamente dal loro sostegno per rimanere al potere. Dopo essere stato portato alla premiership grazie allo slancio generato dal movimento di protesta di Qeerroo su un biglietto nazionalista Oromo, Abiy ha presto abbandonato la propria base etnica e si è spostato su una politica nazionalista etiope . Con l’obiettivo di ricentralizzare il potere politico in un sistema federale riformato, la visione di Abiy si allinea con gli interessi dei nazionalisti amhara, che finora gli hanno dato un sostegno condizionale.

Ma le ambizioni territoriali delle élite di Amhara stanno creando problemi ad Abiy sia a livello nazionale che internazionale.

Gli avversari a Benishangul-Gumuz e nella zona speciale Oromo della regione di Amhara sostengono che i conflitti nelle loro aree sono guidati da ambizioni territoriali espansionistiche di Amhara.

Inoltre, il governo del Sudan incolpa il conflitto di confine nel triangolo di Fashqa sui coloni dell’Amhara che espandono le loro attività agricole su un territorio che secondo Khartoum è sudanese secondo il trattato di confine del 1902. Il ministero degli Esteri etiope – guidato dal ministro degli Esteri Demeke Mekonnen, che è un importante politico amhara – rifiuta la proprietà territoriale sudanese e ha accusato Sudan di “invasione di territori [etiopi], saccheggi e sfollamenti di civili e percussioni di tamburi di guerra per occupare ancora più terre”.

Ad aggravare le sfide di Abiy sono i recenti disordini nella regione di Amhara .

Ciò indica un crescente scisma tra le élite politiche di Amhara, che potrebbe anche destabilizzare le basi politiche del governo federale di Abiy. Il popolare partito di opposizione Amhara National Movement of Amhara (NAMA) sta organizzando manifestazioni a livello regionale per mettere in dubbio le azioni e la lealtà di Abiy alla causa Amhara e accusarlo di provocare deliberatamente disordini e ordinare l’uccisione di Amhara. Il governo regionale, guidato dall’Amhara Prosperity Party, ha respinto queste accuse , rispondendo a NAMA ed etichettandolo come un nemico anti-prosperità.


Leggi il mio articolo sulle proteste Amhara su Focus On Africa


La discordia intra-Amhara, così come i conflitti tra i vari capitoli regionali del Partito della prosperità al governo, stanno gravemente indebolendo il governo e destabilizzando il Paese. Il Consiglio di sicurezza nazionale dell’Etiopia ha recentemente avvertito che le controversie sui confini regionali venivano utilizzate e guidate da nemici esterni e interni e persino da persone “incorporate nel governo” per “uccidere e spostare” i civili, il che minaccia l ‘”esistenza del paese”.

Le lotte intestine del partito sono una continuazione della lotta per il potere che ha distrutto la precedente coalizione di governo dell’EPRDF nel 2018; il Prosperity Party è semplicemente un nuovo nome associato alle vecchie strutture del partito EPRDF, meno il TPLF, uscito nel 2019. Abiy ha in larga misura alienato il collegio elettorale di Oromo che lo ha portato al potere, e attualmente sembra che stia perdendo a anche una parte minima della sua base di supporto Amhara.

La domanda è per quanto tempo Abiy riuscirà a mantenere la calma sulle differenze interne al partito e bilanciare le varie fazioni ai ferri corti tra loro; il risultato potrebbe portare alla sua fine politica. Sebbene sia altamente probabile che il Prosperity Party vinca in maniera schiacciante alle elezioni nazionali di giugno, dal momento che i principali partiti di opposizione si sono ritirati dal processo a causa di un presunto campo di gioco irregolare, il primo ministro potrebbe essere sfidato dall’interno del partito dall’Amhara fazione.

Il colonnello Demeke, il leader del Welkait Amhara Identity Committee, è stato fedele alla sua promessa di continuare la lotta fino a quando Amhara ha ripreso il controllo dei suoi cosiddetti territori perduti. Demeke è stato premiato per la sua dedizione ed è attualmente il vice amministratore capo e capo della sicurezza della nuova zona Amhara di Welkait, Tsegede e Setit-Humera. La nuova zona è finora riconosciuta solo dallo stesso stato regionale dell’Amhara, e la sua energica incorporazione è oggetto di proteste da parte di altre fazioni nel Partito della prosperità del PM Abiy.

Abiy avrebbe bisogno di formalizzare il processo di riallineamento della terra dell’Amhara, tramite un’approvazione nella camera alta del parlamento etiope (che è completamente controllato dal partito di governo) o attraverso una decisione della Commissione per i confini amministrativi e le questioni di identità nominata dal governo . Per legittimare il processo si potrebbe indire un referendum sull’appartenenza alla nuova popolazione del dopoguerra dell’area. Inizialmente, il Comitato Welkait era contrario a un referendum , ma a quanto pare dopo la pulizia etnica dei Tigray non ha nulla da obiettare.

Inizialmente, il Comitato Welkait era contrario a un referendum , ma a quanto pare dopo la pulizia etnica dei Tigray non ha nulla da obiettare.

Tuttavia, un’incorporazione formale dei territori sotto il controllo di Amhara non porrà fine al conflitto; lo prolungherà solamente. Su un collegamento satellitare dal campo di battaglia, il presidente della regione del Tigray e capo del TPLF, Debretsion Gebremichael, estromesso, mi ha detto che non ci saranno né pace né negoziati prima che tutte le forze nemiche si siano ritirate dal suolo del Tigray, comprese le forze regionali dell’Amhara che attualmente occupano il Tigray occidentale.

“Stiamo lottando per la nostra identità. Stiamo combattendo per i nostri diritti “, ha detto. “Stiamo combattendo contro tutti gli invasori fino alla fine.”


L’Autore: Kjetil Tronvoll è un antropologo e professore al Bjorknes University College di Oslo. Ha condotto ricerche in Etiopia ed Eritrea dal 1991. Twitter: @KjetilTronvoll


FONTE: https://foreignpolicy.com/2021/04/28/ethiopia-tigray-war-amhara-abiy-ahmed-expansionism/

Lascia un commento