Salta al contenuto

La Crisi del Tigray Intacca l’Immagine Emergente dell’Etiopia

I combattimenti continuano in Etiopia, nonostante il premier etiope Abiy Ahmed abbia dichiarato la vittoria sui ribelli del Tigray nel novembre 2020. Con le elezioni all’orizzonte, la guerra in Tigray ha fatto più danni all’unità dell’Etiopia?

La Crisi del Tigray Intacca l'Immagine Emergente dell'Etiopia
La Crisi del Tigray Intacca l’Immagine Emergente dell’Etiopia

I commenti schietti del Segretario di Stato americano Antony Blinken sul peggioramento della crisi umanitaria e dei diritti umani in Etiopia, e i suoi riferimenti a un imminente “disastro” nel Tigray sono un brusco risveglio per il governo del primo ministro Abiy Ahmed.

Ahmed ha dichiarato la vittoria sul Fronte di liberazione popolare del Tigrayan (TPLF) alla fine di novembre 2020. Ma sei mesi dopo, il conflitto è ancora in corso, con il TPLF che, secondo quanto riferito, si è trincerato e ha trasformato il conflitto in una guerriglia. Le truppe eritree, che Abiy ha ammesso tardivamente, operavano sul suolo etiope e, secondo quanto riferito, a volte indossavano uniformi dell’esercito etiope, non hanno ancora lasciato il Tigray. L’ ONU dice che non c’è traccia nemmeno che se ne stiano andando.

I commenti di Blinken mordono

Il massimo diplomatico americano che preme apertamente ad Ahmed per porre fine al conflitto nel Tigray e chiede il ritiro delle truppe eritree dal Tigray “immediatamente, in modo completo e verificabile” è significativo.

L’Etiopia è un alleato americano di lunga data e la stabilità nel secondo paese più popoloso dell’Africa è la chiave per ancorare la regione del Corno d’Africa.

“Biden vuole sottolineare che gli Stati Uniti stanno tornando a una politica estera ibrida che include dichiarazioni più forti sui valori, i diritti umani e la governance in particolare”, afferma Alex Vines, capo del Programma Africa alla Chatham House, Londra.

Per enfasi, la Casa Bianca ha nominato il diplomatico veterano Jeffrey Feltman come inviato speciale per il Corno d’Africa.

“Questa enfasi non è solo la preoccupazione di Washington nella regione, ma anche altre questioni come il Sudan e la questione della Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD), che è molto importante per gli Stati Uniti”, aggiunge.

Anche gli alleati degli Stati Uniti, Sudan ed Egitto, sono coinvolti nella disputa GERD, dove è in gioco il controllo delle acque del fiume Nilo.

Tuttavia, più a lungo il conflitto continua, i casi di violazioni dei diritti umani aumentano e una crescente carestia ha puntato i riflettori sgraditi sulla leadership di Abiy Ahmed.

Tigray - I profughi del Tigray si sono riversati nel vicino Sudan
Tigray – I profughi del Tigray si sono riversati nel vicino Sudan

“Il conflitto ha sicuramente dato la priorità all’Etiopia per molti paesi”, afferma Alex Vines.

L’Etiopia era stata precedentemente vista come una storia di successo di crescita economica e di sollevamento di un gran numero di persone dalla povertà estrema. “Ora l’Etiopia è diventata una questione di sicurezza e geopolitica”, ha detto Vines a DW.

Con le elezioni in Etiopia previste per il 5 giugno, garantire la stabilità non sembra più un dato di fatto.

Elezioni interne in bilico

Abiy è salito al potere nel 2018 dopo diversi anni di proteste antigovernative organizzate dai giovani Amhara e Oromo. Nonostante abbia vinto il premio Nobel per la pace l’anno successivo per aver aperto l’Etiopia e aver fatto aperture pacifiche al nemico di lunga data dell’Eritrea, il mandato di Abiy è stato rovinato dalla violenza etnica, coronata dalla guerra nel Tigray esplosa alla fine del 2020.

Gli analisti avvertono che le elezioni nazionali tanto attese potrebbero portare a maggiore insicurezza. Organizzare il voto si sta già rivelando difficile.

Birtukan Medeksa, capo del National Election Board of Ethiopia (NEBE), ha precedentemente avvertito che l’insicurezza ha temporaneamente interrotto la registrazione degli elettori in diverse località.

La NEBE non ha ancora risposto alla richiesta di commento di DW.

Per l’analista politico etiope Deyam Dalemo è ampiamente accettato che la pace sia una condizione preliminare per l’elezione. “Il governo sta lavorando per portare la pace. Tuttavia, ci sono stati conflitti nel recente passato e nuovi conflitti potrebbero verificarsi in futuro”, ha detto Dalemo a DW. Aggiunge che le possibilità che le elezioni abbiano effettivamente luogo dipendono in gran parte dalla capacità del governo di controllare gli scontri tra gruppi etnici rivali.

“Annullare le elezioni può ritorcersi contro. Può creare una crisi di legittimità per il governo”, ha detto Dalemo. “Anche se è difficile, credo che le elezioni dovrebbero essere condotte”.

Secondo Yilkal Getnet dell’Hibir Ethiopia Democratic Party, un membro della coalizione del partito di opposizione più piccolo, un’elezione non è un inizio.

“In breve l’Etiopia non è in condizione di tenere un’elezione. Qualcuno deve fermare le elezioni, o almeno metterle un freno”, ha detto a DW, aggiungendo che l’attuale governo deve prima dimostrare di essere un “organo legittimo”. lavorare per il popolo etiope.

“C’è una guerra su vasta scala in corso nel Tigray. Il Sudan ha anche invaso circa 40-50 km (25-31 miglia) del nostro confine. C’è anche la crisi della Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD) con l’Egitto”.

La questione dell’Eritrea

La richiesta di Blinken per il ritiro delle truppe eritree è un problema per il primo ministro Ahmed, che ha visto la cooperazione con i vicini come un modo per aumentare l’influenza regionale etiope.

“Questo sarà davvero difficile sul filo del rasoio per Ahmed, e questa non è affatto una buona notizia per l’Etiopia”, dice Vines.

L’atto di trovare un equilibrio è diventato più difficile, poiché sono emersi rapporti di soldati eritrei che bloccano e saccheggiano gli aiuti alimentari nel Tigray, supportati da documenti del governo etiope. Da allora l’UE ha ritirato aiuti allo sviluppo per l’Eritrea per un valore di oltre 100 milioni di euro, originariamente destinati all’Eritrea dopo il suo riavvicinamento all’Etiopia del 2018.


FONTE: https://www.dw.com/en/tigray-crisis-dents-ethiopias-emerging-image/a-57353459

 

Lascia un commento