Salta al contenuto

Etiopia: l’esercito combatte “su otto fronti” ed ancora in Tigray

Last updated on 5 Aprile 2021

Secondo il primo ministro Abiy Ahmed, l’esercito etiope sta combattendo “su otto fronti” in punti caldi, compresa la regione settentrionale del Tigray, dove gli avversari hanno adottato tattiche di “guerriglia”.

I suoi commenti sabato hanno indicato che gli intensi combattimenti continuano nel Tigray , dove Abiy ha dichiarato la vittoria più di quattro mesi fa.

Il vincitore del Premio Nobel per la pace 2019 ha inviato truppe nel Tigray a novembre per detenere e disarmare i leader del partito al governo regionale, il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF).

Abiy ha detto che la mossa è arrivata in risposta agli attacchi orchestrati dal TPLF ai campi dell’esercito federale.

 In questo file foto scattata il 30 novembre 2020, il premier etiope Abiy Ahmed parla alla Camera dei rappresentanti dei popoli ad Addis Abeba, in Etiopia. (Amanuel Sileshi / AFP)
In questo file foto scattata il 30 novembre 2020, il premier etiope Abiy Ahmed parla alla Camera dei rappresentanti dei popoli ad Addis Abeba, in Etiopia. (Amanuel Sileshi / AFP)

Le forze federali, sostenute dalle truppe dell’Eritrea e della regione dell’Amhara in Etiopia, conquistarono rapidamente città e paesi.

Ma i leader del TPLF rimangono in fuga e i combattimenti sono continuati.

L’International Crisis Group ha avvertito venerdì che il conflitto rischiava di diventare un prolungato stallo.

“La giunta che avevamo eliminato in tre settimane si è ora trasformata in una forza di guerriglia, si è mescolata agli agricoltori e ha iniziato a spostarsi da un posto all’altro”, ha detto sabato Abiy, riferendosi al TPLF.

“Ora, non siamo in grado di eliminarlo entro tre mesi”, ha aggiunto.

“Eliminare un nemico visibile ed eliminare un nemico che si nasconde e opera assimilandosi agli altri non è la stessa cosa. È molto difficile e faticoso. ”

L’esercito etiope sta anche combattendo un gruppo ribelle nella regione dell’Oromia, che il governo ha accusato di molteplici massacri di civili, tra cui uno la scorsa settimana che ha provocato decine di morti.

“Attualmente, le forze di difesa nazionale e le forze federali sono impegnate in una grande battaglia su otto fronti nel nord e nell’ovest contro i nemici che sono anti-agricoltori, anti-civili e causano conflitti tra gli etiopi”, ha detto Abiy.

Nel Tigray, il governo di Abiy ha minimizzato la capacità del TPLF di condurre un’efficace insurrezione.

Il mese scorso ha detto ai legislatori che i combattenti pro-TPLF erano come “farina dispersa dal vento”.

Sabato Abiy ha detto che le forze federali hanno “condotto ampie operazioni negli ultimi tre giorni” causando “gravi danni ai nemici del popolo”, giurando che tali sforzi “saranno rafforzati e continuati”.

Finora le restrizioni di accesso per operatori umanitari, ricercatori e giornalisti hanno reso difficile determinare un bilancio delle vittime dei combattimenti.

Ma sono emerse una miriade di rapporti di massacri, esecuzioni extragiudiziali e violenze sessuali.

Abiy sta affrontando crescenti pressioni per garantire il ritiro dei soldati eritrei dal Tigray, e il ministero degli esteri dell’Etiopia ha detto sabato sera che queste truppe “hanno iniziato a evacuare”.

FONTE: https://english.alarabiya.net/News/world/2021/04/04/Ethiopia-s-PM-Abiy-Ahmed-says-army-fighting-on-eight-fronts-including-Tigray

 

 

Lascia un commento