Salta al contenuto

Violenza di Genere nel #Tigray Report – 8 Marzo 2021 #WomenInternationalDay

Questa è la traduzione del rapporto di Martin Plaut – corrispondente dal Cornod’ Africa – FONTE: https://martinplaut.com/2021/03/08/gender-based-violence-in-tigray/

Rapporto sulla situazione EEPA HORN

“L’altro ieri, una donna sulla quarantina è stata trovata morta sulla strada per casa sua. È stata trovata con le mani legate, ferita alla testa e aggredita sessualmente. Questo era a Mekelle. Conosco suo figlio. “

Gender Based Violence in Tigray
Gender Based Violence in Tigray

Questo è ciò che ci ha riferito una nostra giornalista (AG), lei stessa una giovane donna.

La portata e la crudeltà delle aggressioni, della violenza sessuale e dello stupro di donne e ragazze di cui l’EEPA ha ricevuto informazioni è semplicemente agghiacciante. Gran parte di ciò non viene segnalato. Non c’è ancora Internet e ai giornalisti è stato impedito di raggiungere la regione per tre mesi. Spesso queste atrocità non vengono riportate, perché i fatti sono semplicemente troppo ripugnanti. Come parli di incidenti così orribili?

Come denuncia l’omicidio di un nonno, di fronte alla sua famiglia, dopo che è stato incaricato di violentare sua nipote sotto la minaccia di una pistola, ma si è rifiutato di farlo? Le menti cancellano queste immagini; rifiutandosi di impegnarsi con la crudeltà totale della violenza di genere (GBV) che è così diffusa nella guerra del Tigray. È paralizzante.

Diecimila donne: questa è la stima prudente del numero di vittime di stupro nel Tigray.

Un inventario di casi confermati da solo una manciata di cliniche sanitarie nel Tigray ha trovato 108 donne che erano state violentate. (Commissione Etiopia sui diritti umani, 11 febbraio 2021) [1] . Solo ad Adigrat, l’ospedale pubblico ha accolto oltre 174 sopravvissuti allo stupro dall’inizio della guerra (Deutsche Welle, 2021) [2] . Secondo i media di Dedebit, 750 donne sono state violentate e ricoverate nel solo ospedale di Ayder a Mekelle (Dedebit, 29 gennaio 2021). [3] Ci sono state più segnalazioni di stupri di gruppo. Un incidente documentato ha coinvolto più di dieci soldati che hanno violentato una singola vittima. Le vittime includono bambine di dieci anni e nonne.

Molti incidenti non vengono denunciati. Come ha affermato un operatore umanitario:

“Ogni volta che una ragazza o una donna arriva e condivide la sua storia, parla per 6, 8 o anche 10 altre donne che sono state violentate nel luogo da cui proviene. È l’unica che è riuscita a venire a farsi curare. Questo ti aiuta a immaginare la portata delle atrocità. Quindi, parlare dei numeri ufficiali sta ridimensionando il problema “.

La segnalazione in molte parti della regione è semplicemente impossibile. La comunicazione con gran parte della regione è stata interrotta o è molto difficile, quindi i numeri sono stati ridotti. Lo stupro e le aggressioni sessuali sono generalmente un argomento profondamente tabù, che fa vergognare la donna e la sua famiglia. Può essere molto costoso per le donne farsi avanti e testimoniare. C’è la tendenza a non denunciare la violenza di genere per evitare le conseguenze, che possono includere diventare un emarginato.

C’è anche la paura. Le donne hanno anche paura di riferire alle cliniche, poiché non credono che i centri o le autorità possano o vogliano proteggerle. Non denunciano queste atrocità perché non credono che ci sarà né sostegno né giustizia. Temono giustamente che se diventeranno pubblici che loro, oi loro familiari, saranno puniti ancora una volta, con ancora più violenza da parte dei soldati.

Solo i casi più gravi tendono a essere segnalati quando le vittime vengono a cercare assistenza medica urgente. Tuttavia, il 90% delle cliniche e degli ospedali sono stati distrutti e non sono più in uso, con gli operatori sanitari che sono fuggiti.

“Questi [casi] sono solo quelli che hanno accesso a questo ospedale, ma non sappiamo cosa succede nei 18 distretti nella zona orientale [del Tigray] – cosa succede alle madri, cosa succede alle altre comunità [membri] . ” (Deutsche Welle, 6 marzo 2021)

Il dottore ha detto che le donne sono state stuprate di gruppo, drogate e gravemente ferite negli assalti. Una donna è stata tenuta prigioniera per oltre dieci giorni, violentata da 23 soldati eritrei, poi lasciata sul ciglio della strada. I chirurghi hanno dovuto rimuovere pietre e chiodi che erano stati inseriti nei suoi genitali. (Deutsche Welle, 6 marzo 2021).

Ci sono diversi modi in cui lo stupro contro le donne viene impiegato come arma di guerra nel conflitto.

In primo luogo, c’è la paura diffusa che instilla nell’intera popolazione civile. Diventano paralizzati e inattivi. Lo stupro, insieme ad altre forme di crudeltà e tortura, degrada e disumanizza la vittima ei suoi parenti. Il grave trauma associato a tali aggressioni può avere effetti a lungo termine, inducendo in queste vittime uno stato di paralisi. Questo è uno dei rapporti di testimoni oculari ricevuti dall’EEPA:

Una donna in un luogo vicino a Wukro è stata violentata e uccisa da soldati eritrei davanti ai suoi tre figli. È stata lasciata con i figli, a cui non è stato permesso di seppellirla. Il corpo, con le mani strette, è stato lasciato per tre giorni. Ai figli non era permesso spostarlo. (GW 7 marzo 2021)

Il degrado intenzionale delle donne – anche quando sono morte – fa parte di un’umiliazione collettiva. Si può vedere in questa profanazione delle donne negli ordini sacri:

A Wukro, i soldati eritrei hanno violentato collettivamente le suore del monastero. (GW 7 marzo 2021)

Dai rapporti risulta che le donne sono prese di mira come punizione collettiva per la guerra. I soldati usano l’aggressione sessuale e lo stupro per creare uno scudo umano, per far rispettare le loro forze che controllano l’area. Devex ha scoperto che le donne e le ragazze che erano riuscite a fuggire in Sudan:

“Abbiamo anche assistito all’uccisione e alla tortura di persone care e amici, creando un forte bisogno di sostegno psicosociale”.

Allo stesso tempo, ci sono segnalazioni di parenti maschi costretti a compiere stupri sui familiari. Se si sono rifiutati, sono stati minacciati di esecuzione.

Costringono i membri della famiglia a violentare i loro parenti. C’è così tanto da essere un’arma. (AG, 6 marzo 2021)

Ci sono rapporti simili di membri della famiglia, inclusi mariti e figli, costretti a guardare lo stupro:

Denunciata perpetrazione sadica di violenza sessuale. È stato riferito che una ragazza di Abyi Adi è stata colpita 4 volte sulle mani da un soldato che è entrato per la prima volta nella loro casa chiedendo dove sia “woyane” (un termine per le persone nel Tigray). Suo padre, un cieco, ha risposto che non lo sapevano e gli è stato ordinato di violentare suo figlio. È stato portato in un’altra stanza e picchiato da un altro soldato dopo che si era fermamente rifiutato. La ragazza è stata quindi ordinata “lawtash”. (Questo è un termine offensivo ampiamente usato in riferimento a rapporti sessuali nel contesto di violenza o stupro). Quando ha rifiutato, ha sparato un colpo ferendole il mignolo della mano sinistra e poi ha seguito con tre colpi sul suo braccio destro lasciandola ora amputata. (EEPA, 2 febbraio 2021)

Coinvolgere i parenti nello stupro distrugge la dignità di tutte le persone coinvolte, e con essa il tessuto della società. Tali episodi, associati ai perpetratori eritrei, non sono nuovi. Gli attacchi riportati nel Tigray assomigliano agli atti presumibilmente perpetrati da bande di trafficanti di esseri umani che operano all’interno di una catena facilitata dall’Eritrea. Questi hanno elencato i seguenti crimini:

  • Stupro e stupro di gruppo da parte di trafficanti, torturatori e guardie
  • Stupro di fronte a padre, marito, mogli, figlia, figli e altri membri della famiglia (ci sono diversi racconti di figlie, comprese ragazze molto giovani, stupri di gruppo davanti ai genitori o minacce di loro)
  • Stupro ordinato tra ostaggi mentre le guardie guardano (compreso lo stupro di ragazze molto giovani)
  • Altri atti sessuali sadici (The Trauma of Survivors of Sinai Trafficking, 2017: 289)

Anche i trafficanti di esseri umani dell’Eritrea hanno usato la violenza sessuale contro uomini e ragazzi come mezzo per far rispettare la loro sottomissione. Questo è socialmente e culturalmente tabù e non è stato ancora segnalato, per quanto ne sappiamo, nell’attuale guerra nel Tigray.

Il rapporto sul Trauma of Survivors of Sinai Trafficking (2017), perpetrato in una catena facilitata dai comandanti eritrei, riporta anche altre forme di tortura che assomigliano molto alle pratiche riportate dal Tigray:

Costringere gli ostaggi a testimoniare del danno arrecato ad altri, in particolare ai familiari

  • La tortura di altri ostaggi
  • L’uccisione di altri ostaggi
  • Lasciando in vista i corpi di ostaggi morti (The Trauma of Survivors of Sinai Trafficking, 2017: 289)

Nel Tigray, le donne e le ragazze sono prese di mira come le (future) madri di bambini che potrebbero (un giorno) prendere le armi contro l’esercito invasore. Sono strategicamente presi di mira per umiliare loro e le loro famiglie come un modo per diminuire la forza del popolo dei Tigrini. Può essere visto come parte di una strategia genocida contro l’intera popolazione. Human Rights Watch HRW) riferisce sul massacro di Axum:

Il massacro ha lasciato gli abitanti della città sconvolti. Un uomo ha fatto visita a una parente che ha perso i suoi figli negli omicidi di casa in casa: “Hanno ucciso i suoi figli e hanno chiuso la porta del complesso dietro di loro, in modo che nessuno potesse entrare all’inizio. È stata lasciata sola con i corpi dei suoi due figli morti per un giorno e mezzo. Quando l’abbiamo vista era insensibile, non rispondeva “. (HRW, 5 marzo 2021)

Le donne che rimangono incinte a seguito dello stupro hanno poche opzioni. Prima del conflitto si poteva abortire negli ospedali, ma le strutture mediche sono state saccheggiate e pochi hanno i medicinali rimasti. I rifugiati che sono riusciti a fuggire in Sudan devono ancora affrontare una situazione difficile, poiché in Sudan l’aborto è difficile da ottenere. Devex ha pubblicato che le donne del Tigray che ora si trovano nei campi profughi stanno ricorrendo ad aborti non sicuri.

Le agenzie umanitarie hanno ripetutamente sollecitato le autorità etiopi ad aprire la regione agli aiuti umanitari. Il capo di UKAid, Christian Rogg, ha dichiarato su Twitter:

In #Mekelle oggi. Ho incontrato persone sfollate a causa della violenza da tutta #Tigray. Ho sentito racconti inquietanti di stupri e omicidi. Famiglie separate, incl. bambini piccoli. Il libero accesso da parte delle agenzie umanitarie è fondamentale. @UKinEthiopia chiede indagini su abusi e violazioni. (Twitter, 5 marzo 2021)

È importante notare che la violenza contro le donne non è perpetrata solo contro la popolazione del Tigray, ma anche contro i rifugiati eritrei, ospitati nel Tigray. In questi casi, la violenza perpetrata dalle truppe eritree sui rifugiati eritrei può essere concepita per costringerli alla sottomissione.

C’è grande paura tra le vittime di stupro per ulteriori ripercussioni e punizioni collettive se denunciano i crimini. L’esperto di Tigray, il Prof.Jan Nysen, riferisce:

Secondo i rapporti ufficiali, tutto il Tigray è felice che il primo ministro Abiy Ahmed abbia ripristinato la legge e l’ordine. Ma questo è tutt’altro che evidente dalla visita del presidente etiope Sahlework Zewdie a Mekelle il 7 febbraio. Diversi contatti in città hanno riferito che non era veramente la benvenuta. Le persone della società civile non si sono presentate. Il volto triste della donna sfollata nella foto la dice lunga. Il presidente ha insistito per visitare i sopravvissuti di violenza sessuale all’ospedale locale. Nonostante fosse stata avvertita dai medici, la prima donna presidente dell’Etiopia, accompagnata da soldati, fece irruzione nella stanza dell’ospedale. Secondo i presenti, c’era un grande panico tra queste donne, che soffrono di stress post-traumatico. (MO Magazine, 5 marzo 2021)

L’amministrazione provvisoria provvisoria di Mekelle ha confermato l’elevata incidenza di stupri perpetrati contro donne e ragazze. Il giornalista di Mekelle osserva:

Quando il governo confronta i numeri di prima e di adesso, sono molto diversi (AG, 6 marzo 2021)

Le aggressioni sessuali e gli stupri di donne e ragazze nel Tigray sono state perpetrate dalle forze eritree, dalle forze Amhara e dalle forze di difesa nazionali etiopi. Una prima analisi indica che ci sono diversi modelli associati a tali attacchi da parte delle diverse forze. Sembrerebbe che gli atti più ispirati dall’odio e dalla vendetta siano stati compiuti dalle forze eritree, specialmente nelle aree su cui hanno il controllo esclusivo. Ulteriori dettagli su questi attacchi devono essere studiati:

Una portavoce dell’ufficio di Patten non avrebbe detto quali “elementi militari” fossero coinvolti. I combattenti nel Tigray includono quelli della vicina regione di Amhara e di altre parti dell’Etiopia, nonché i soldati della vicina Eritrea. (AP, 2021)

Il giornalista dell’EEPA di Mekelle afferma che lo stupro dovrebbe essere indagato come arma di guerra:

Lo paragono a quanto descritto in “Il mondo nella guerra”. Questo libro parla del Congo quando ci fu una guerra con il Ruanda. Quando lo stavo leggendo, ho visto la somiglianza con la situazione qui, esattamente ciò che sta accadendo nel nostro paese. La conclusione era chiara: quando lo stupro è usato come arma di guerra, è usato per umiliare la donna e demoralizzare tutto. E questo è molto brutale. Non si tratta solo di stupro, è seguito da uccisioni e abusi molto ostili. C’è così tanto odio. Non si tratta nemmeno di stupro: c’è così tanto da fare. Quando violentano dicono cose così piene di odio. È chiaro. Puoi capire. (AG, 6 marzo 2021).

C’è un urgente bisogno di indagini sulla base di tutti questi presunti crimini. Ciò deve includere l’uso dello stupro come arma di guerra. Deve fermare gli attacchi dilaganti contro cittadini, donne e ragazze innocenti. Alcune giovani donne nel Tigray rimangono combattive:

“Non saremo messi a tacere. Stiamo continuando a sostenere. Adesso siamo attivisti. Questo deve finire! “

Ha detto una giovane donna di Mekelle, quando l’EEPA le ha chiesto cosa significhi per lei l’8 marzo quest’anno.

Panoramica dei rapporti sui crimini commessi contro le donne civili dai rapporti sulla situazione dell’EEPA (confermati il ​​7 marzo 2021)

Rapporto. N. 45

Denuncia di grave violenza contro le donne: “innumerevoli donne” sono vittime di abusi fisici e sessuali e stupri, compreso lo stupro di gruppo. Alcuni di questi atti sono aggravati da altre forme di brutalità come sparare alle vittime o mutilarle con i coltelli. A Mekelle molte donne chiedono una pillola come precauzione per evitare gravidanze indesiderate. È stato riferito che le donne vengono rapite e prese dalle forze armate di diverse parti della regione senza alcuna informazione sulla loro ubicazione.

Rapporto. No 54

È stato rivelato da ETV che le donne sono state violentate a Mekelle nella settimana successiva all’acquisizione da parte dell’ENDF all’inizio di dicembre; lo ha riferito un uomo non identificato in uniforme militare etiope che ha parlato di ripetuti abusi contro le donne.

Rapporto. No 63

Il rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la violenza sessuale nei conflitti e il sottosegretario generale delle Nazioni Unite, Pramila Patten, ha dichiarato: “Sono molto preoccupato per le gravi accuse di violenza sessuale nella regione del Tigray in Etiopia, incluso un numero elevato di presunti stupri in la capitale, Mekelle ”. Pramilla Patten afferma che: “Ci sono anche notizie inquietanti di individui presumibilmente costretti a violentare membri della loro stessa famiglia, sotto minaccia di imminente violenza. Secondo quanto riferito, alcune donne sono state anche costrette da elementi militari a fare sesso in cambio di beni di prima necessità, mentre i centri medici hanno indicato un aumento della domanda di contraccezione di emergenza e test per le infezioni a trasmissione sessuale. Inoltre, ci sono sempre più segnalazioni di violenza sessuale contro donne e ragazze in un certo numero di campi profughi.” Pramilla Patten invita tutte le parti coinvolte nelle ostilità nella regione del Tigray” a impegnarsi in una politica di tolleranza zero per i crimini di violenza sessuale, in linea con i rispettivi obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani “.

Rapporto. N. 64

Pramilla Patten, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla violenza sessuale nei conflitti, afferma che ci sono sempre più segnalazioni di violenza sessuale contro donne e ragazze in un certo numero di campi profughi.

Rapporto. N. 67

Gli operatori umanitari riferiscono di violenza sadica usata contro i civili, compreso lo stupro: a una giovane donna separata dai parenti è stata data la possibilità di essere uccisa o violentata. Reuters riferisce che gli operatori umanitari riportano molteplici di queste storie perpetrate presumibilmente da combattenti della milizia della regione dell’Amhara in Etiopia e soldati eritrei, entrambi alleati delle truppe di Abiy. Ci sono state molte segnalazioni di questo tipo di soldati che si impongono ai civili o chiedono sesso in cambio di rifornimenti di base.

I rifugiati eritrei sono ad alto rischio. Secondo Reuters, i centri medici della zona sono sotto pressione per la contraccezione d’emergenza e i test per le malattie sessualmente trasmissibili.

Rapporto. No 69

Gli Stati Uniti hanno chiarito la loro posizione secondo cui tutte le truppe eritree devono lasciare il Tigray immediatamente citando che “rapporti credibili” erano emersi sul loro coinvolgimento in violazioni dei diritti umani, aggressioni nei campi profughi, violenze sessuali e saccheggi. La dichiarazione dice che ci sono “prove di soldati eritrei che rimpatriano forzatamente i rifugiati eritrei dal Tigray all’Eritrea”.

Rapporto. N. 72

Riferito da una fonte a Mekelle che le giovani donne che lavorano nei luoghi di ristoro, mense, ristoranti e bar sono vulnerabili agli abusi, a causa del coprifuoco alle 18:00, lasciando i posti aperti solo per i soldati. Le ragazze non hanno nessuno che le protegga.

Rapporto. No 73

È stato riferito che sei giovani ragazze sono state violentate dai soldati dell’ENDF nella città di Mekelle e minacciate di non denunciarlo a nessuno e nemmeno di cercare assistenza medica. Ma una di loro è venuta per ottenere assistenza medica ed è fuggita dopo aver sentito che la stavano cercando al suo bar (un piccolo bar come un posto dove bere il caffè tradizionale) senza interrompere il suo trattamento. Ha detto: “Quando abbiamo chiesto loro perché ci violentavano, mentre siamo tutti etiopi, fratelli e sorelle, hanno detto che tuo padre è il dottor Debretsion e il nostro è il dottor Abiy. Non siamo tutti uguali.” Riferire che le donne che lavoravano nel mulino sono state violentate a Mekelle, kebelle 17. I soldati dell’ENDF sono entrati nello stabilimento, hanno spaventato gli uomini e hanno violentato le donne mentre erano al lavoro. Riferisci che a Mekelle, sotto città “Ayder”,donne di 18 e 20 anni sono state violentate dalle forze di difesa etiopi in pieno giorno. Un medico ad Axum ha riferito che le persone hanno paura di assistere e aiutare le vittime di stupro. I soldati eritrei e dell’ENDF hanno sparato alle persone che cercano di assistere quando le donne piangono e cercano di sfuggire ai soldati stupratori. Non solo le persone che cercano di aiutare, ma anche le persone che vedono per sbaglio la scena dello stupro vengono uccise. Per questo motivo, ad Adwa e ad Axum è diventata un’usanza non dare aiuto anche quando si sentono le donne gridare ad alta voce per chiedere aiuto in tempo di stupro e pericolo.

Rapporto 74

Denunciata perpetrazione sadica di violenza sessuale. È stato riferito che una ragazza di Abyi Adi è stata colpita 4 volte sulle mani da un soldato che è entrato per la prima volta nella loro casa chiedendo dove sia “woyane” (un termine per le persone nel Tigray). Suo padre, un cieco, ha risposto che non lo sapevano e gli è stato ordinato di violentare suo figlio. È stato portato in un’altra stanza e picchiato da un altro soldato dopo che si era fermamente rifiutato. La ragazza è stata quindi ordinata “lawtash”. (Questo è un termine offensivo ampiamente usato in riferimento a rapporti sessuali nel contesto di violenza o stupro). Quando ha rifiutato, ha sparato un colpo ferendole il mignolo della mano sinistra e poi ha seguito con tre colpi sul suo braccio destro lasciandola ora amputata.È stato riferito che una ragazza di Abyi Adi è stata presentata al pronto soccorso dell’Ayder Hospital dopo essere stata violentata e poi colpita più volte alle cosce dai soldati dell’ENDF. Rapporto ricevuto su un’altra ragazza di Abyi Adi che è stata violentata da un soldato dell’ENDF. Le ha chiesto di andare a comprargli le sigarette. Mentre andava, lui la seguì e le disse di fare sesso con lui usando il termine “lawtash”. Quando lei ha rifiutato, l’ha picchiata lasciandola dietro inconsciamente. È stato riferito che “ha avuto la fortuna di essere portata ad Ayder e di ricevere cure, a differenza di molte altre ragazze.È stato riferito che “ha avuto la fortuna di essere portata ad Ayder e di ricevere cure, a differenza di molte altre ragazze.È stato riferito che “ha avuto la fortuna di essere portata ad Ayder e fornita di cure, a differenza di molte altre ragazze.

Rapporto 75

E’ stato riferito che a Humera, una giovane ragazza di 13 anni è stata violentata dalla milizia Amhara mentre era a casa sua dopo essere stata separata dai suoi genitori. Dopo essere stati scoperti dalla sua famiglia e diretti all’ospedale, sono stati tutti uccisi prima che potessero raggiungere l’ospedale.

Rapporto 77

FANA, l’emittente governativa etiope, ha annunciato che il governo ha istituito una task force per indagare sulle accuse di violenza sessuale nel Tigray. La task force sarà composta da membri del ministero della Salute, del ministero delle Donne, dei bambini e della gioventù (MoWCYA), del ministero della Difesa e del procuratore generale federale. La task force è arrivata a Mekelle per iniziare le indagini.

Rapporto 78

è stato riferito che alcuni genitori nel Tigray stanno radendo i capelli delle loro figlie e le stanno vestendo da ragazzi per proteggerle dallo stupro. Il ministro etiope per le donne, Filsan Abdullahi, ha confermato che ci sono casi di stupro nel Tigray. Lo ha confermato una task force schierata nella regione. La task force è stata tuttavia in grado di operare solo a Mekelle e dintorni, quindi il numero di casi di stupro aumenterà.

Rapporto 85

Weyni Abraha, del gruppo per i diritti umani Yikono, afferma che lo stupro fa parte di una strategia per spezzare la gente del Tigray. È un’arma da guerra: “Molte donne sono state violentate a Mekelle. Questo viene fatto apposta per rompere il morale delle persone, minacciarle e farle rinunciare alla lotta “.

Il capo dell’ENDF ha negato le accuse di stupro alla BBC e il governo ad interim ha affermato che i numeri sono grossolanamente esagerati. Altri episodi di stupro sono riportati nel Tigray. Alcuni sono stati perpetrati su minori. Secondo un medico, 4 casi hanno coinvolto bambini di 10 anni.

Rapporto 85

Devex ha riferito delle condizioni in cui si trovano molte donne violentate del Tigray dopo essere arrivate nei campi in Sudan. Molte delle donne hanno chiesto di abortire la gravidanza, tuttavia a causa della legislazione sudanese, ciò è stato reso difficile. Il Sudan consente l’aborto per 90 giorni dopo l’inizio della gravidanza, ma solo se è stato presentato un rapporto della polizia e un giudice ha stabilito che si è verificato. Questi ostacoli hanno portato molti a cercare aborti illegali, che sono significativamente più pericolosi per la salute di queste donne.

Rapporto 95

Secondo fonti, studentesse dell’Ayder Referral Hospital College of Health Sciences di Mekelle sono state violentate ieri dalle truppe etiopi mentre viaggiavano dalla biblioteca ai loro dormitori. Le vittime violentate del Collegio stanno attualmente ricevendo cure presso l’Ayder Referral Hospital.


FONTE: https://martinplaut.com/2021/03/08/gender-based-violence-in-tigray/

 

Lascia un commento