Salta al contenuto

Tigray : L’Onu Denuncia Crimini di Guerra & Sollecita l’Uscita dell’Eritrea

Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres guida la richiesta di lasciare le truppe eritree, ma il Consiglio di sicurezza non riesce a raggiungere il consenso.

Giovedì le Nazioni Unite hanno denunciato possibili crimini contro l’umanità nella regione del Tigray in Etiopia, comprese le truppe eritree, in quanto sollecitavano il ritiro del paese vicino, che nega il coinvolgimento.

L’ONU ha anche avvertito di una fame potenzialmente catastrofica mentre chiedeva un accesso umanitario urgente, ma le divisioni al Consiglio di sicurezza dell’ONU hanno impedito alla comunità internazionale di mostrare un fronte unito.

L'ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani si lamenta di ciò che ha affermato essere continui abusi tra cui violenza sessuale e esecuzioni extragiudiziali nel Tigray [File: Eduardo Soteras / AFP]
L’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani si lamenta di ciò che ha affermato essere continui abusi tra cui violenza sessuale e esecuzioni extragiudiziali nel Tigray [File: Eduardo Soteras / AFP]
Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è unito alle richieste alle truppe eritree di lasciare il Tigray, ha detto giovedì il portavoce Stephane Dujarric, mentre il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite, Michelle Bachelet, sollecita un’indagine sulla situazione.

Una settimana dopo che Amnesty International ha dichiarato che le truppe eritree hanno ucciso centinaia di persone lì, Bachelet ha detto che il suo ufficio aveva confermato le informazioni sugli incidenti, tra cui i bombardamenti indiscriminati nella capitale regionale di Mekelle e nelle città di Humera e Adigrat a novembre, quando l’Etiopia ha lanciato un’offensiva.

Aveva anche verificato “segnalazioni di gravi violazioni e abusi dei diritti umani, comprese uccisioni di massa ad Axum, e a Dengelat, nel Tigray centrale, da parte delle forze armate eritree”.

Un’analisi preliminare delle informazioni ha indicato che “gravi violazioni del diritto internazionale, possibilmente equivalenti a crimini di guerra e crimini contro l’umanità, potrebbero essere state commesse da più attori nel conflitto”, si legge in una nota.

“Senza indagini rapide, imparziali e trasparenti e senza ritenere i responsabili responsabili, temo che le violazioni continueranno ad essere commesse impunemente e la situazione rimarrà instabile per molto tempo a venire”, ha detto.

Violenza sessuale, esecuzioni extragiudiziali

L’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani si è inoltre lamentato di ciò che ha affermato come continui abusi, comprese la violenza sessuale e le esecuzioni extragiudiziali.

Il primo ministro Abiy Ahmed ha ordinato l’offensiva dopo aver accusato il partito al governo della regione, il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF), di aver attaccato i campi dell’esercito federale.

Abiy – che è stata insignito del Premio Nobel per la Pace nel 2019 – ha dichiarato la vittoria dopo che le truppe filo-governative hanno preso Mekelle a fine novembre, sebbene il TPLF avesse promesso di continuare a combattere e gli scontri fossero continuati.

L’Eritrea “deve andarsene”

Le Nazioni Unite per la prima volta hanno anche accusato pubblicamente l’Eritrea, un tempo rivale dell’Etiopia che ha trovato obiettivi condivisi nel Tigray. I governi di Addis Abeba e Asmara hanno negato la presenza delle forze eritree.

“Ora è abbondantemente chiaro a tutti, e apertamente riconosciuto dai funzionari dell’amministrazione governativa del Tigray, che le forze di difesa eritree stanno operando in tutto il Tigray”, ha detto il sottosegretario generale per gli affari umanitari Mark Lowcock alle Nazioni Unite in una sessione del Consiglio di sicurezza il la crisi.

“Innumerevoli rapporti ben confermati suggeriscono la loro colpevolezza per atrocità”, ha detto alla sessione virtuale a porte chiuse in osservazioni viste dall’agenzia di stampa AFP.

“Le forze di difesa eritree devono lasciare l’Etiopia e non devono essere abilitate o autorizzate a continuare la loro campagna di distruzione”.

Lowcock ha chiesto di aumentare “drasticamente” l’assistenza, avvertendo del potenziale di fame “catastrofica” nel Tigray, con 4,5 milioni di persone bisognose di assistenza.

Nonostante un accordo delle Nazioni Unite con l’Etiopia, l’accesso umanitario nel Tigray rimane minimo e le Nazioni Unite affermano che non sono state raggiunte centinaia di migliaia di persone nelle zone rurali della regione.

Le autorità etiopi “forniscono aggiornamenti regolari su ciò che stanno facendo sul fronte umanitario, ma poi :” guarda qui, non c’è niente da vedere”, ha detto un diplomatico in condizione di anonimato.

Mancato raggiungimento del consenso

La sessione del Consiglio di sicurezza convocata dall’Irlanda non è riuscita a raggiungere un consenso su una dichiarazione congiunta, con i diplomatici che hanno affermato che la Russia era il principale oppositore.

La Russia e il collega membro permanente Cina, che ha anche il diritto di veto, hanno visto la mossa come un’interferenza negli affari interni mentre l’India, membro non permanente, anche se a sostegno di una qualche forma di dichiarazione, ha ritenuto che avrebbe dovuto concentrarsi strettamente sulla situazione umanitaria, hanno detto i diplomatici.

Una bozza di dichiarazione vista dall’AFP avrebbe richiesto un’assistenza umanitaria immediata e una sospensione delle ostilità, affermando l’importanza per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Etiopia.

Il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, ha affermato che la crisi “rappresenta una minaccia diretta alla pace e alla sicurezza regionale”.

“Dobbiamo affrontarlo immediatamente”, ha detto. “L’onere di prevenire ulteriori atrocità e sofferenze umane ricade direttamente sulle spalle del governo etiope”.

In un turno, i diplomatici hanno affermato che le tre nazioni africane del Consiglio di sicurezza – Kenya, Niger e Tunisia – avevano sostenuto la dichiarazione.

Le tre nazioni africane erano state riluttanti in una precedente sessione di un mese fa, dicendo che l’Unione Africana avrebbe dovuto prendere l’iniziativa.


FONTE: https://www.aljazeera.com/news/2021/3/5/un-alleges-war-crimes-in-ethiopias-tigray-urges-eritrea-pullout

 

Lascia un commento