Salta al contenuto

Tigray, Etiopia: “Soffriamo Per La Mancanza Di Cure Mediche”

I combattimenti nella regione del Tigray in Etiopia hanno sradicato centinaia di migliaia di persone. All’interno del Tigray, la maggior parte degli sfollati rimane con la comunità ospitante, mentre decine di migliaia vivono in luoghi informali o si nascondono ancora nella boscaglia o in montagna. Medici Senza Frontiere (MSF) è profondamente preoccupato per la situazione umanitaria di centinaia di migliaia di persone che sono state private di cure mediche per mesi e hanno ricevuto poca assistenza umanitaria

Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia
Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia

La trentenne Aster * siede nell’area di attesa della clinica primaria di MSF in un sito per sfollati a Shire. È incinta di otto mesi ed è venuta per un controllo prenatale. È fuggita con suo marito e due bambini piccoli da un villaggio nel Tigray occidentale quando sono scoppiati i combattimenti a novembre e ora vive con una famiglia locale. Dice che si sente stressata. “Non ho ricevuto alcun aiuto alimentare. Stiamo ricevendo del cibo dalle persone con cui stiamo, ma non è sufficiente “, afferma Aster. “A volte esco a chiedere l’elemosina. Se non mi danno niente, a volte dormiamo senza aver mangiato. È difficile essere dipendenti. Mi rende vuota dentro. Prima i bambini consumavano pasti regolari ”.

Decine di migliaia di persone sono arrivate a Shire, una grande città nel nord-ovest del Tigray, da quando sono scoppiati i combattimenti a novembre. La maggior parte proviene dal Tigray occidentale. La maggior parte rimane nella comunità ospitante, ma quasi 20.000 persone vivono in luoghi informali. Dormono in condizioni anguste e spesso antigieniche nelle aule di diverse scuole, così come nel campus della Shire University.

Rischio di una crisi nutrizionale

Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia
Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia

La preoccupazione numero uno delle persone è la mancanza di cibo. Ci sono state diverse distribuzioni di cibo – e con l’arrivo di più organizzazioni umanitarie di recente, i numeri stanno aumentando – ma la gente dice che non è abbastanza e che le distribuzioni sono spesso ingiuste, lasciando alcune persone con meno di altre o addirittura niente. Nessuno è formalmente responsabile dei siti e gli sfollati nominano rappresentanti della comunità dalle loro aree di residenza per organizzare le distribuzioni e altre questioni. Alcune persone vendono donazioni di cibo per acquistare coperte o altre cose di cui hanno bisogno.

Tutto il cibo che è stato donato finora sono sacchi di grano e un po ‘di olio da cucina. Ciò significa che ciò che la maggior parte delle persone nei siti mangia ogni giorno è solo pane, che non è abbastanza nutriente, soprattutto per i bambini, le madri incinte e le persone malate.

Demsas *, 60 anni, ha il diabete di tipo 2 per il quale ha recentemente ricevuto compresse dall’ospedale di Shire. “Il medico mi ha consigliato di mangiare una varietà di cibo – carne di capra, latte, injera – ma non posso permettermelo. Prima ero un contadino e un macellaio e mangiavo bene, ma quando sono arrivato qui, abbiamo appena ricevuto del grano “.

La maggior parte dei negozi ora sono aperti a Shire e c’è del cibo disponibile sul mercato, ma la maggior parte delle persone non ha soldi per comprarlo. I dipendenti pubblici della città hanno ricevuto solo di recente il loro primo stipendio dall’inizio dei combattimenti, e anche coloro che hanno soldi in banca non possono accedervi perché la maggior parte delle banche è ancora chiusa. Il prezzo del cibo e di altri prodotti è aumentato e molti degli sfollati non hanno portato denaro.

MSF ha condotto un’indagine nutrizionale con i bambini sotto i cinque anni nei siti e ha scoperto che, sebbene la situazione sia preoccupante, non è ancora al livello di emergenza. “Quello che abbiamo visto è che il tasso globale di malnutrizione globale nei siti era di circa l’11%. C’era il 9% di malnutrizione moderata e il 2% grave, che è al di sotto della soglia di emergenza. C’è instabilità alimentare e c’è sicuramente il rischio che diventi una crisi nutrizionale. Dobbiamo tenerlo d’occhio ”, afferma Juniper Gordon, leader del team medico di MSF.

Il coprifuoco è un ostacolo importante per le donne incinte

Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia
Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia

Le condizioni di vita nei siti sono difficili. Decine di persone dormono in ognuna delle ex aule delle scuole locali, tra banchi e sedie. Alcuni hanno ricevuto materassi e coperte dalla comunità, mentre molti altri dormono semplicemente sul pavimento o su teli di plastica. Con l’insicurezza ancora in corso, le persone continuano ad arrivare in gran numero. Molti dei nuovi arrivati ​​non hanno altra scelta che dormire fuori o in rifugi improvvisati nei siti. La maggior parte è fuggita con pochi beni, molti solo con i vestiti sulla schiena. Alcuni indossano ancora gli stessi vestiti in cui hanno lasciato le loro case, più di tre mesi dopo. Alcune donne dicono di aver dovuto strappare alcuni dei loro vestiti per fare assorbenti, il che è motivo di umiliazione.

Nel campus universitario di Shire, centinaia di persone alloggiano in ex dormitori studenteschi, dormendo in letti a castello. Chi non ha trovato posto nei dormitori resta in un edificio incompiuto del campus. Con i mattoni posizionati intorno alle loro zone notte, le famiglie stanno cercando di creare una somiglianza di privacy. Solo alcune persone hanno materassi o letti, la maggior parte dorme sul pavimento di cemento. Non ci sono muri per proteggerli dal freddo notturno. C’è fumo dai camini ovunque e il suono sempre presente delle persone che tossiscono.

Nelle cliniche che MSF gestisce nei siti di IDP da gennaio, le infezioni delle vie respiratorie sono la principale morbilità che i nostri team stanno vedendo. È COVID-19? Nessuno lo sa per certo. Non ci sono test disponibili e non c’è modo per le persone di mantenere una distanza di sicurezza l’uno dall’altro nei siti sovraffollati, nessun modo per acquistare maschere o lavarsi le mani frequentemente. Rispetto ai molti altri problemi che le persone devono affrontare, COVID-19 è in basso nell’elenco delle preoccupazioni delle persone.

La diarrea è il secondo problema medico più grande, a causa della mancanza di acqua potabile e servizi igienici puliti e delle condizioni di vita antigieniche. MSF ha costruito latrine in un sito per sfollati interni in una scuola elementare e svolge regolarmente autotrasporto di acqua. I nostri team hanno anche riabilitato un grande edificio con servizi igienici e docce nel campus universitario. L’approvvigionamento idrico non è solo un problema nei siti degli sfollati interni, ma in tutta la città di Shire.

Sono preoccupato di cosa succederà se il bambino nasce di notte, dopo il coprifuoco. Allora non so come arrivare all’ospedale.

Le condizioni di vita sono particolarmente dure per le donne incinte. LA ventiseienne Adiam * è fuggita da un villaggio vicino a Humera e ora vive nel sito dell’università. È incinta di otto mesi del suo primo figlio.

“Partorire un bambino in queste circostanze sarà difficile, ma sono contenta di essere qui con la mia famiglia. Molte altre famiglie sono state separate. Voglio partorire in ospedale ma sono preoccupata di cosa succederà se il bambino nascerà di notte, dopo il coprifuoco. Allora non so come raggiungere l’ospedale. “

Dopo le 18.30, le persone non possono lasciare le loro case e mentre le ambulanze sono in teoria autorizzate a operare, nessuna è disponibile. Fino a poco tempo fa, non c’era personale in ospedale dopo il tramonto, lasciando i pazienti da soli durante la notte. MSF sta fornendo alle future mamme kit per il parto sicuro nei siti di sfollati interni nel caso in cui entrino in travaglio dopo il tramonto.

Adonay *, un professionista sanitario del Tigray occidentale che vive nella sede dell’università, dice di aver contribuito a far nascere tre bambini lì. “Li ho partoriti all’interno dei dormitori, nei letti delle donne. C’erano molte persone in giro. Non c’era privacy. Fortunatamente, tutte le consegne sono andate bene. A quel tempo, nessun centro sanitario era aperto o dotato di personale. Siamo diversi operatori sanitari che vivono in questo sito e siamo stati in grado di aiutare le persone prima dell’arrivo di MSF e di altre organizzazioni “.

I pazienti con malattie croniche sono senza farmaci

Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia
Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia

I pazienti con malattie croniche come il diabete o l’ipertensione devono affrontare alcune delle sfide più grandi. Non ricevono farmaci da mesi. “I pazienti diabetici non assumono insulina da tre mesi, il che è molto pericoloso”, afferma Juniper Gordon. “Nei campi, anche alcuni pazienti affetti da tubercolosi e HIV non assumono farmaci da mesi. Ora, il consiglio della farmacia centrale di Shire è attivo e funzionante e stanno cercando di portare i farmaci alle strutture. Per alcuni farmaci come l’insulina che necessita di una catena del freddo è una grande sfida: non c’è stata elettricità fino all’inizio di febbraio a Shire e non è ancora affidabile. Nella maggior parte delle regioni al di fuori di Shire non c’è ancora elettricità “.

Il dottor Berhane Tesfamichael è il direttore medico dell’ospedale Shire. Dice che la mancanza di insulina ha avuto un grave impatto su molti dei suoi pazienti nel periodo successivo all’inizio dei combattimenti.

“Cinque pazienti sono morti in ospedale a causa della mancanza di insulina. Abbiamo mandato gli assistenti dei pazienti agli ospedali di Adwa e Aksum. Sono andati a piedi, hanno rischiato per salvare la vita dei loro parenti. Sfortunatamente, neanche lì era disponibile l’insulina. Lo abbiamo segnalato alle autorità sanitarie regionali, ma il problema erano i trasporti e la sicurezza “. Anche se l’insulina è arrivata di recente nella farmacia centrale di Shire, non è ancora possibile distribuirla alle strutture sanitarie e ai pazienti bisognosi nelle zone rurali.

L’ospedale di Shire serve una popolazione di oltre un milione di persone nella zona. Dopo lo scoppio dei combattimenti in città, molti membri del personale non sono tornati a lavorare per molto tempo, alcuni per paura della loro incolumità, altri per mancanza di motivazione perché non ricevevano alcuno stipendio. Sia il personale che i pazienti non avevano cibo all’inizio e quando MSF è arrivata, abbiamo fornito cibo alla cucina dell’ospedale e pulito la struttura poiché non c’erano addetti alle pulizie da settimane. L’ospedale non è stato saccheggiato gravemente, ma negli ultimi mesi ci sono state molte rapine notturne a causa della mancanza di personale. MSF sta supportando il reparto pediatrico, il centro di alimentazione terapeutica ricoverata e le attività di gestione dell’acqua e dei rifiuti presso l’ospedale.

La maggior parte del personale è tornato e l’ospedale di Shire è quasi completamente funzionante. Tuttavia, rimangono molti problemi, come la mancanza di forniture, interruzioni di corrente e problemi di sicurezza per i pazienti, soprattutto di notte. A parte il pronto soccorso, i reparti non sono occupati. A differenza di prima della crisi, ora arrivano pochi pazienti dalle zone rurali. Il sistema di rinvio è crollato e senza ambulanze, insicurezza in molte zone e molte persone che non possono permettersi i costi di trasporto per la città, molti trovano impossibile raggiungere l’ospedale.

Stigma sulla violenza sessuale

Uno dei problemi di cui il dottor Berhane è più preoccupato è che non molte sopravvissute alla violenza sessuale cercano aiuto.

“Molte donne vengono violentate ma non cercano aiuto. Si stanno nascondendo a casa. Le donne vogliono andare in ospedale, ma la cultura, lo stigma, le norme sociali glielo impediscono. Abbiamo contraccettivi d’emergenza, profilassi – il problema è che non possiamo avere i pazienti. Dobbiamo aumentare l’educazione sanitaria, la mobilitazione della comunità e le visite a domicilio “.

Inizialmente MSF stava affrontando una situazione simile nelle nostre cliniche nei siti. Il nostro staff ascolta molte storie sulla violenza sessuale dalla comunità, ma non molte donne venivano a chiedere assistenza. Il numero di sopravvissuti in cerca di cure è in aumento, forse perché più persone ora conoscono e si fidano dei servizi di MSF. Tra il 15 e il 22 febbraio, dieci sopravvissute alla violenza sessuale hanno ricevuto cure e sostegno psicosociale.

MSF offre sessioni di consulenza e psicoeducazione nei siti degli sfollati. Molte persone sono state profondamente traumatizzate dalla violenza che hanno subito, dal loro spostamento e dalle cattive condizioni di vita, nonché dall’essere separate dai membri della famiglia, spesso senza sapere dove si trovassero.

“Abbiamo tutti problemi a dormire”, dice Tesfaye * di 43 anni, che vive nel sito della High School con la sua famiglia. “Stiamo tutti pensando alle nostre case, alle nostre attività, ai nostri figli che non vanno a scuola. Mia figlia maggiore, che ha 14 anni, era una delle migliori studentesse della sua classe. Non va a scuola da circa un anno, prima a causa del COVID-19, poi a causa dei combattimenti. È molto turbata. ”

Molti sfollati sono anche preoccupati per il loro futuro, se un giorno potranno tornare a casa. Si sono anche preoccupati di sapere se saranno in grado di rimanere nei siti.

Il sistema sanitario nelle zone rurali è crollato

Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia
Shire Tigray Medici Senza Frontiere Etiopia

Mentre la situazione per gli sfollati a Shire è difficile, è molto peggiore per le persone che vivono in aree al di fuori delle principali città del Tigray.

Birhane * è un contadino di 58 anni che è seduto nell’area di attesa della clinica primaria di MSF presso il sito IDP dell’università. Con la sua faccia segnata dalle intemperie, il tradizionale velo bianco e il corpo sottile e curvo appollaiato su un bastone da passeggio, sembra molto più vecchio. Dice di aver camminato per 2 ore e mezza dal suo villaggio per ricevere cure mediche. Birhane dice che il centro sanitario che serviva la sua comunità agricola di 2.500 persone è stato chiuso da novembre e che tutti e sei i dipendenti se ne sono andati. “Stiamo soffrendo per la mancanza di cure mediche. Non abbiamo farmaci; sono state prese le due ambulanze del villaggio. Molte persone sono ammalate. Tre donne incinte sono morte durante il parto negli ultimi tre mesi “, dice l’agricoltore. “Non c’è cibo nel villaggio. I nostri campi sono stati saccheggiati. Alcune delle nostre donne sono state violentate.Siamo rimasti per due mesi nella foresta e abbiamo ancora paura “.

Dalla fine di gennaio, MSF sta inviando équipe mediche mobili per fornire assistenza sanitaria di base ai pazienti nei villaggi e nelle città a nord, est e sud-est di Shire. Stiamo anche supportando alcune strutture sanitarie con forniture mediche e abbiamo appena aperto una base nella città nord-occidentale di Sheraro, da dove stiamo supportando il bacino di utenza rurale della città.

La maggior parte delle strutture sanitarie visitate dai nostri team non sono funzionanti. Molti sono stati vandalizzati e saccheggiati e nella maggior parte delle strutture il personale se n’è andato. La maggior parte delle persone non ha ricevuto cure mediche da novembre.

Berhe *, un professionista sanitario che lavora con MSF, afferma che la regione aveva un sistema sanitario ben funzionante prima che iniziassero i combattimenti. I villaggi avevano postazioni sanitarie e c’erano centri sanitari nelle città più piccole e ospedali nelle città più grandi. C’erano operatori sanitari che visitavano le comunità e un sistema di riferimento con ambulanze. “Ora, la struttura sanitaria è completamente distrutta. Quando visitiamo le zone rurali, le madri dicono: “Mio figlio ha tre mesi. Non è stato ancora vaccinato. La salute materna e infantile è molto difficile ora. Durante una delle nostre cliniche mobili, abbiamo sentito che una madre che partoriva è morta perché non poteva ottenere assistenza da professionisti della salute. Nelle zone rurali non ci sono strutture sanitarie, né ambulanze “.

Poiché l’accesso alle città e ai villaggi lungo le strade principali nel nord del Tigray sta diventando più facile, ora stiamo cercando di raggiungere le persone che vivono nella boscaglia, afferma Juniper Gordon.

“Queste sono le persone che davvero non possono accedere a nessun tipo di assistenza sanitaria. Cerchiamo di arrivarci e dare il minimo indispensabile di assistenza sanitaria e vedere le loro condizioni. Abbiamo sentito di persone che sono state nella boscaglia per mesi e ancora non si sentono abbastanza sicure per andare in clinica.


FONTE: https://msf.or.ke/en/magazine/tigray-ethiopia-we-are-suffering-lack-medical-care

 

Lascia un commento