Salta al contenuto

#Tigray: Milizia Brutale Ha Attaccato I #Rifugiati a Mai Ayni

Il 27 ° febbraio gli uomini armati sono entrati campo profughi di Mai Aini e terrorizzato gli abitanti per tutta la notte.

2 ° marzo 2021

Verso l’ 1: 20 del mattino. Il 27 ° Febbraio 2021, uomini armati sono entrati nel campo profughi di Mai Aini in Tigray e terrorizzavano i rifugiati con colpi di pistola. La milizia ha molestato, aggredito, derubato e ferito i rifugiati. Le dita di un rifugiato sono state tagliate con un’ascia e cellulari, vestiti e altri effetti personali dei rifugiati sono stati rubati. I loro aggressori sono andati di porta in porta, costringendo i rifugiati ad aprire le loro porte e usando le forze per entrare quando l’ingresso è stato rifiutato. Hanno ordinato ad alcuni rifugiati di sdraiarsi sul pavimento, hanno minacciato di sparare loro e hanno danneggiato fisicamente altri. Gli uomini armati hanno terrorizzato il campo fino alle 5:30 del mattino

I rifugiati hanno cercato di chiamare la polizia federale etiope per chiedere aiuto, ma la polizia non è arrivata fino a quando gli aggressori se ne erano andati. I rifugiati sono estremamente preoccupati e hanno paura delle loro vite. I campi chiaramente non sono sicuri, poiché le autorità etiopi non forniscono alcuna protezione costante.

Secondo il primo ministro dell’Etiopia, la guerra nel Tigray è terminata nel 2020 (fine novembre – n.d.r.) e senza vittime civili. Tuttavia, questo è ora noto per essere completamente falso. Il Tigray è ancora estremamente pericoloso, soprattutto per i civili. È ormai ampiamente riconosciuto che le forze armate eritree sono state nel Tigray dall’inizio del conflitto e sono state coinvolte in alcune orribili violazioni, inclusi i massacri di centinaia di civili indifesi e la deportazione di massa forzata sotto la minaccia delle armi di circa 20.000 rifugiati eritrei, dai campi profughi di Shimelba e Hitsats, ora distrutti, allo stesso paese da cui sono fuggiti. L’HRCE ha ricevuto informazioni credibili da coloro che sono stati rimpatriati con la forza in Eritrea, i quali hanno affermato di essere stati costretti a firmare un documento in cui si dichiarava di essere stati volontariamente rimpatriati in Eritrea.

La sicurezza dei rifugiati nel Tigray è di diretta responsabilità del governo etiope, che ha lasciato i campi nel sud del Tigray senza protezione e sembra non avere alcun controllo sulle forze eritree e sulle milizie armate che operano nel sud del Tigray.

Human Rights Concern-Eritrea raccomanda pertanto quanto segue: –

  • È fondamentale che il governo dell’Etiopia e l’UNHCR forniscano con urgenza protezione ai rifugiati eritrei nei campi profughi di Mai Aini e Adi Harush e assicurino che non possano verificarsi ulteriori danni agli abitanti.
  • La comunità internazionale deve fare pressione sul governo dell’Etiopia per garantire la sicurezza di tutti i rifugiati nei suoi territori, sia nel Tigray che nel resto dell’Etiopia.
  • È molto importante che la pressione internazionale, comprese le Nazioni Unite e altri organismi come l’Unione africana, sia esercitata sul governo dell’Eritrea affinché ritiri immediatamente tutte le sue forze militari dal Tigray.
  • Occorre ora avviare senza indugio un’indagine internazionale indipendente e imparziale sui crimini commessi nel Tigray da tutte le forze.

FONTE: https://eritreahub.org/tigray-brutal-militia-attacked-refugees-in-mai-ayni

 

Lascia un commento