Salta al contenuto

Mappa delle Vittime Civili Nella Guerra del Tigray

“Riguardo ai danni ai civili, è stata presa la massima cautela. In sole 3 settimane di combattimenti, in qualsiasi distretto, a Humera, Adi Goshu,… Aksum,…, Edaga Hamus,…. Le forze di difesa non hanno mai ucciso un solo civile in una singola città. Nessun soldato di nessun paese potrebbe mostrare una migliore competenza “. Queste le parole del primo ministro etiope Abiy Ahmed nel suo discorso di vittoria per il parlamento federale il 30 novembre. Ha sottolineato: “Non è stato ucciso un solo civile”. La vittoria è stata contraffatta, così come la dichiarazione sull’assenza di vittime civili, purtroppo. Tra i combattimenti in corso, il numero di soldati uccisi sta aumentando rapidamente, così come il numero di civili uccisi in guerra. Proprio oggi i massacri di Aksum e Edaga Hamus sono i titoli dei media internazionali. I nomi dei civili che hanno perso la vita a causa della guerra emergono lentamente.Il blackout delle comunicazioni e il blocco della regione rendono molto difficile ottenere informazioni verificate, quindi il numero effettivo di morti è probabilmente molto più alto del campione che abbiamo raccolto finora.

map-of-civilian-casualties-in-tigray-war-4Attraverso Twitter ( @tvbempt ), abbiamo raccolto le identità verificate delle vittime civili della guerra al Tigray. L’elenco è composto da un mix di fonti, che vanno da post sui social media, rapporti sui media, elenchi di gruppi di difesa e rapporti diretti. I post sui social media provengono principalmente da familiari e amici che piangono la morte dei loro cari, di cui hanno appreso per telefono. Ognuno è stato contattato per cercare di ottenere una verifica delle circostanze. Anche diversi gruppi di difesa si stanno documentando. Si segnala comunque che ci sono famiglie che, per vari motivi, non segnalano la perdita di parenti sui social media, riducendo il campione di vittime pienamente documentate. Tra le famiglie che hanno denunciato l’uccisione dei loro cari, il 14% ha fornito anche una fotografia.

Le vittime dei massacri di Hitsats (ovest di Shire) e Debre Abbay (SSW di Shire) sono scarsamente rappresentate nel nostro campione, che è probabilmente correlato, nel primo caso alla lontananza del luogo, e nel secondo caso perché le vittime sono non gente del posto ma rifugiati eritrei. Entrambi i massacri sono rappresentati da un simbolo speciale sulla mappa.

Sebbene non esistano numeri per il numero totale di vittime civili, casi ben documentati di 1164 morti (entro il 21 febbraio) indicano che: il 7% dei morti sono donne e il 93% sono uomini, in linea con un’intenzione frequentemente diffusa di ” sradicare i combattenti del Tigray, così come la futura generazione di combattenti ”. Tra gli uomini, il 7% sono sacerdoti e diaconi, tradizionalmente persone con autorità nella propria comunità. Tra le vittime sono rappresentate tutte le fasce di età, in linea con la piramide della popolazione. Le vittime sono prevalentemente (27%) vittime di massacri o folli omicidi; 7% di esecuzioni a bruciapelo, perquisizioni domiciliari, rastrellamenti di civili o dopo l’arresto (compreso il giornalista Dawit Kebede). Sebbene impressionante nelle riprese video, solo il 3% delle vittime conosciute è stato ucciso durante bombardamenti e attacchi aerei.Il 54% viene ucciso da violenze che non sono state ulteriormente dettagliate – la maggior parte di loro può essere classificata nelle categorie massacri ed esecuzioni. Per le donne, le vittime decedute di violenza sessuale potrebbero non essere ben documentate.

Gli autori comprendevano milizie amhara (7%), eritrei (49%) e soldati etiopi (11%) – con un ulteriore 10% che menzionava “soldati etiopi o eritrei, hanno eseguito insieme le uccisioni”. Nel 23% dei casi non è stata fornita l’affiliazione dell’autore del reato.

Raccolta dati, interviste e mappatura a cura di: Sofie Annys, Tim Vanden Bempt, Emnet Negash, Jan Nyssen.

FONTE: https://emnetnegash.wordpress.com/2021/02/26/map-of-civilian-victims-in-the-tigray-war/

 

Lascia un commento