Salta al contenuto

Report Corno d’Africa, Etiopia Tigray – EEPA n. 343 – 2 gennaio 2023

Negoziati di pace (per 02 gennaio)

  • Il meccanismo di monitoraggio, verifica e conformità dell’UA (MVCM) è stato lanciato ufficialmente a Mekelle, nel Tigray, giovedì 29 dicembre, guidato dal maggiore generale keniota Stephen Radina, insieme al colonnello Rufai Umar Mairiga della Nigeria e al colonnello Teffo Sekole del Sudafrica.
  • Secondo l’ufficio dell’ex presidente Uhuru Kenyatta e mediatore dell’accordo sulla cessazione delle ostilità (CoH), “la missione di tre membri formata dall’Unione africana ha il compito di monitorare, verificare e far rispettare l’accordo di pace di novembre”.
  • Kenyatta ha detto che i lavori dovrebbero essere completati entro il 7 gennaio, nel Natale ortodosso.
  • Il MVCM è composto da dieci esperti militari provenienti da diversi paesi africani.
  • Radina ha detto che l’MVCM ha fatto progressi: “Ho visitato una guarnigione di meccanizzazione ad Agula, dove ho visto un assortimento di armi pesanti e la volontà di consegnare e continuare il processo di pace”.
  • Il capo negoziatore dell’accordo CoH per lo stato del Tigray, Getachew Reda, ha confermato che un battaglione di ENDF era arrivato a Mekelle “per prendere in consegna le armi”, come da accordo.
  • Il Ethiopian reporter afferma che quando il disarmo sarà completamente attuato, le forze eritree e amhara si ritireranno dalla regione del Tigray, secondo i funzionari del governo federale.
  • Ethio360 afferma che il primo ministro Abiy ha dichiarato in un incontro con il Prosperity Party: “Stiamo entrando in un chiaro conflitto con l’Eritrea. Ciò è dovuto ai problemi dell’Eritrea.”
  • Abiy ha detto che l’Etiopia avrebbe utilizzato il porto eritreo di Assab. Un paese del Medio Oriente doveva ricostruire il porto ma Isayas non sta rispettando questo accordo. L’Etiopia doveva fornire energia elettrica all’Eritrea, ma Isayas rifiutò. Abyi ha detto che l’Eritrea sta addestrando la milizia Amhara, Afar e OLF – Oromo Liberation Front, che mina il governo etiope.
  • Rivolgendosi a 50 partiti di opposizione ad Addis Abeba presso l’African Leadership Excellence Academy il 28 dicembre, Amb Redwan, capo negoziatore del CoH per l’Etiopia, ha parlato della questione del Tigray occidentale.
  • Il Tigray occidentale, o Wolkait, è controllato dalle truppe eritree e dalla milizia Amhara.
  • Redwan ha affermato che la questione di Wolkait sarà affrontata attraverso un meccanismo proposto dal Consiglio della Federazione, inteso nel senso che la questione sarà decisa attraverso un referendum.
  • Redwan ha sottolineato che il governo federale non ha intenzione di riorganizzare i confini.
  • Redwan ha affermato che, “a differenza di alcune forze”, il governo federale non aveva intenzione di distruggere il TPLF.
  • Redwan ha chiarito che nel Tigray sarà formato un governo ad interim, composto dal TPLF, dal governo federale e dai partiti di opposizione nel Tigray.
  • L’ex diplomatico eritreo e attuale giornalista Fathi Osman afferma in RFI che è improbabile che l’Eritrea si ritiri dal Tigray, affermando che l’Eritrea sta addestrando militari a Gondar, la capitale dello stato regionale di Amhara e ha un’influenza politica in Etiopia a cui non vorrà rinunciare .
  • L’Autorità federale etiope per la ricerca e la conservazione del patrimonio culturale ha annunciato di aver istituito una task force per indagare sull’impatto della guerra sul patrimonio nel Tigray e in Etiopia.
  • A seguito dell’accordo CoH, la task force sta indagando su come il patrimonio è influenzato nelle regioni di Tigray, Amhara e Afar, tra cui il sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO di Aksum, le chiese scavate nella roccia e una delle prime moschee in Africa (Moschea Al-Nejashi), nel Tigray, tutti colpiti dalla guerra.
  • La dichiarazione afferma che la task force esamina anche “tesori culturali meno visibili, inclusi manoscritti, dipinti, tradizioni orali e manufatti detenuti da chiese e monasteri sparsi nelle aree rurali del Tigray nonostante la loro natura non documentata”.

Situazione nel Tigray (al 02 gennaio)

  • Ci sono più segnalazioni da varie fonti che indicano che c’è ancora una presenza significativa di truppe eritree ad Aksum, Shire, Adwa e nei villaggi vicini, mentre altre mostrano truppe in partenza.
  • Ethiopian Airlines ha ripreso i suoi voli regolari oggi 02 gennaio, da Addis Abeba a Shire come parte dell’attuazione dell’accordo CoH, afferma il Tigray Communication Affairs Bureau.
  • Haftom Gebregziabher, direttore della Wegagen Bank Mekelle Branch, ha dichiarato a Tigray Television che la banca riprenderà i suoi servizi in città il 2 gennaio dopo 18 mesi.

Situazione in Eritrea (per 02 gennaio)

  • Nella sua dichiarazione per il nuovo anno, il presidente Isayas Afeworki ha affermato che sebbene i focolai di Covid siano stati relativamente bassi nel 2022, c’è stata una “crisi economica e di sicurezza” causata dalle futili minacce del “dominio della giungla dei “signori” che stanno rivitalizzando il loro campo unipolare nell’anno in uscita.
  • Ha affermato che nella regione i “signori” stanno promuovendo la loro agenda e creando una crisi attraverso i loro interventi cospiratori. Stanno rinvigorendo la loro “isteria” di un conflitto ostile contro l’Eritrea.
  • Isaias ha affermato che nonostante tutte queste situazioni internazionali e regionali, il popolo eritreo, nazionale ed estero, ha resistito consapevolmente, tenacemente, unitamente, di cui dovrebbe essere orgoglioso.
  • Isaias ha affermato che le forze di difesa eritree (EDF) hanno condotto storiche controffensive e hanno sventato i tentativi delle forze che minacciavano l’Eritrea. Ha aggiunto di essere orgoglioso del risultato di EDF, “oltre le parole”.
  • Isayas ha affermato che sembra che “i poteri dominanti, i loro messaggeri e le loro azioni cospirative” non si fermeranno nel 2023 e gli eritrei dovranno fare solidi preparativi per la resistenza.
  • Ha sottolineato la necessità di rafforzare gli sforzi di sviluppo dell’Eritrea nel nuovo anno. Ha detto che l’Eritrea ne uscirà vittoriosa, perché sta facendo scelte giuste e indipendenti.
  • È stato annunciato che il presidente Isaias rilascerà un’intervista questa settimana ai media locali.

Situazione internazionale (per 02 gennaio)

  • Non è stata adottata una risoluzione per revocare i finanziamenti alla Commissione internazionale delle Nazioni Unite di esperti in diritti umani sull’Etiopia, istituita per indagare sulle violazioni dei diritti umani in Etiopia.

Link di approfondimento:


FONTE: https://martinplaut.com/2023/01/03/eepa-situation-report-horn-of-africa-no-343-02-january-2023/

Lascia un commento