Salta al contenuto

Il costo umano della pace nel Tigray // Duke Burbridge per TGHAT

Sono passati due mesi da quando il governo etiope ha promesso accesso umanitario e protezione senza ostacoli al popolo del Tigray come parte dell’accordo di cessazione delle ostilità firmato a Pretoria, in Sudafrica. Per la maggior parte dei tigrini, l’accesso umanitario e la protezione promessi non si sono ancora concretizzati. L’ultimo aggiornamento sulla distribuzione del cibo ha riguardato la settimana terminata il 21 dicembre . Purtroppo, l’area del Tigray bloccata dagli aiuti umanitari è rimasta invariata. Fino a quando il governo etiope non sarà costretto a onorare le sue promesse, la strada per la pace in Etiopia continuerà ad essere fiancheggiata dalle tombe anonime di civili innocenti che stanno ancora morendo nel genocidio del Tigray in corso.

L’area del Tigray che rimane bloccata dagli aiuti ha recentemente ospitato milioni di persone che vivono in comunità pacifiche e piccole città. Ora nessuno sa quanti ne rimangono. Le famiglie nel nord del Tigray avevano bisogno di cibo e medicine l’anno scorso e invece hanno ricevuto legioni d’invasione di soldati nemici scarsamente addestrati. Molti [tigrini] sono stati sfollati più volte. Coloro che non avevano le risorse per sfuggire agli eserciti genocidi o alla carestia sono costretti a sopravvivere senza alcuna assistenza esterna. L’attuale area di divieto di accesso comprende l’intera patria del popolo Irob e quasi tutta la comunità Kunama del Tigray. Se il blocco non viene revocato, l’Irob potrebbe cessare di esistere come cultura e comunità e l’intera popolazione di Kunama sarà intrappolata in Eritrea. Questi gruppi sono stati presi di mira specificamente per la violenza e sono stati intenzionalmente affamati insieme alla popolazione del Tigray.

Le famiglie che rimangono nelle aree rurali ancora bloccate dall’accesso umanitario un tempo costituivano la spina dorsale del sistema alimentare locale. Molti hanno perso tutto negli ultimi due mesi , compreso il bestiame e persino il prossimo raccolto di cui il Tigray ha un disperato bisogno per sopravvivere. Anche se in pochi hanno potuto recuperare quanto era già stato venduto per sopravvivere alla carestia e al successivo blocco; o saccheggiati o distrutti durante la precedente invasione etio-eritrea.

Sfollati con niente

Secondo il Programma Alimentare Mondiale (PAM) c’erano 1,55 milioni di civili nella zona nord-occidentale che avevano bisogno di assistenza alimentare poco prima dell’invasione. Molte di queste persone erano già sfollate e sopravvivevano solo grazie alla generosità delle comunità ospitanti. Tra questa popolazione vi sono numeri estremamente elevati di minori non accompagnati, vittime di traumi, donne e ragazze sopravvissute a orribili violenze sessuali e persone con problemi di salute cronici che non hanno potuto ricevere farmaci o cure per anni. La maggior parte di queste famiglie ha ricevuto un paniere alimentare del WFP per sei settimane solo una o due volte l’anno precedente. Nella maggior parte dei casi la razione è stata notevolmente ridotta. Spesso questo era solo un sacco di grano, che molte famiglie non hanno la possibilità di macinare e devono mangiare bollito.

Come mostrato nella tabella sottostante, alla fine del mese scorso, il WFP ha ridotto di 630.244 unità (-40%) l’obiettivo di distribuzione alimentare nella zona nord-occidentale. Le richieste al WFP su questo cambiamento sono rimaste senza risposta durante le vacanze, ma forse una risposta arriverà presto. Anche la prossima valutazione dell’insicurezza alimentare del WFP è in ritardo e dovrebbe aggiungere chiarezza sulla causa di un cambiamento così drastico. La riduzione è molto probabilmente dovuta allo sfollamento di massa, poiché le popolazioni bisognose sono aumentate altrove nel Tigray. Tuttavia, c’è stato un blocco di tre mesi sull’intera regione del Tigray e molte aree sono ancora bloccate, il che significa che la popolazione target per l’assistenza alimentare dovrebbe essersi spostata in ogni zona.

Fonte: Etiopia Food Security Cluster ( Round 1 ) ( Round 2 )
Fonte: Etiopia Food Security Cluster ( Round 1 ) ( Round 2 )

Al momento non è possibile sapere quante persone siano fuggite dal Nordovest. Gli ultimi dati affidabili sugli spostamenti dal Tigray risalgono a giugno 2021 , da allora tutti gli aggiornamenti della Displacement Tracking Matrix (DTM) dell’OIM hanno escluso il Tigray interamente a causa di “sfide logistiche”.

Anche dove ci sono sacche di progresso, il vantaggio non è uniforme. Nelle aree in cui sono stati consegnati cibo e medicine, semplicemente non è sufficiente all’urgente bisogno delle numerose persone. Le famiglie vengono allontanate dai siti di distribuzione o se ne vanno con molto meno del normale paniere alimentare del WFP. Coloro che sono abbastanza fortunati da ricevere cibo generalmente ricevono solo una piccola quantità di grano e gli ospedali ricevono farmaci e forniture mediche solo per alcuni giorni per volta . Nelle città del Tigray settentrionale, dove è migliorato l’accesso ai servizi di base come elettricità e acqua, servizi igienici e igiene (WASH), non vi è alcuna indicazione che il beneficio stia raggiungendo le popolazioni sfollate, che potrebbero essere molto più numerose della comunità ospitante di ciascuna città.

È imperativo che il WFP e l’IPC possano condurre immediatamente valutazioni sull’insicurezza alimentare nel Tigray senza alcun ostacolo o influenza da parte del governo etiope. Questa non è scienza missilistica. Questo tipo di valutazioni sono state condotte nel Tigray per decenni.

Difetti evidenti e fallimento prevedibile

Il processo di pace si è mosso a un ritmo glaciale per ragioni apparentemente prevedibili. L’accordo di Pretoria è stato un’estensione di questa tendenza. Firmandolo, il governo etiope si è legalmente impegnato a proteggere il popolo del Tigray e a consentire un accesso umanitario senza ostacoli. Eppure, due mesi dopo, la fame armata è ancora utilizzata per affamare i civili del Tigray e i soldati eritrei e il gruppo estremista di Fano occupano ancora vasti territori all’interno del Tigray. 

L’esercito eritreo è noto per essere stato nel Tigray dal 2020. L’accordo di Pretoria non ha nominato l’esercito eritreo ma ha incluso un vago impegno da parte del governo etiope a rimuovere questo nemico straniero che è stato credibilmente accusato di atrocità di massa tra cui massacri di civili, e violenza a base sessuale (G/SBV) e il saccheggio e la distruzione di massa. Ci sono diversi resoconti di testimoni oculari di quello che sembra essere uno sforzo per “spopolare” il cuore di Irob di giovani maschi. Secondo i rapporti della maggior parte delle principali organizzazioni per i diritti umani focalizzate sul Corno d’Africa, questo massacro si è ripetuto in tutto il Tigray. Com’era prevedibile, i civili tigrini in tutto il Tigray settentrionale, compreso il distretto di Irob, rimangono sotto l’occupazione eritrea e vulnerabili a una minaccia quotidiana di violenze e abusi.


Approfondimenti:


Lo scorso settembre, una commissione su mandato delle Nazioni Unite ha confermato che l’Etiopia sta deliberatamente affamando i civili del Tigray. Nel 2022, gli aiuti sono stati completamente bloccati per sei mesi all’anno mentre il WFP segnalava costantemente un’insicurezza alimentare dilagante e grave. Quando è stato firmato l’accordo di Pretoria, nessun convoglio di aiuti era entrato nel Tigray per più di due mesi. A settembre, la fame armata era già stata accettata come condizione preliminare per la partecipazione del governo etiope ai negoziati di pace. Com’era prevedibile, due mesi dopo l’accordo di Pretoria, dopo che è trascorso un tempo più che sufficiente per un giro completo di distribuzione di cibo per i 5,4 milioni di tigrini attualmente identificati dal WFP come bisognosi urgenti.

Dopo l’accordo di Pretoria, non dovrebbe sorprendere che il blocco che non poteva essere riconosciuto non sia stato revocato; l’esercito che non poteva essere riconosciuto, non ha lasciato il Tigray; e il genocidio che l’intera comunità internazionale ha rifiutato di riconoscere, non è finito. Ciò che sta accadendo in questo momento nel Tigray è il prevedibile risultato della pacificazione. Le persone che sono sopravvissute a più di due anni di inferno rischiano di morire di fame in Etiopia per evitare che il processo di pace diventi troppo scomodo per le parti interessate dell’élite. Questo non costruisce la pace. Crea sofferenza umana e alimenta la guerra. Il costo umano della pace nel Tigray è troppo alto per essere sostenuto.


Autore: Duke Burbridge è stato Senior Research Associate presso l’International Center for Religion & Diplomacy (ICRD) per quindici anni, dove ha fornito supporto alla ricerca per programmi di costruzione della pace basati sulla comunità in paesi colpiti da conflitti come Pakistan, Yemen e Colombia. Durante la sua permanenza all’ICRD, Burbridge ha anche condotto ricerche sul ruolo dell’istruzione nella radicalizzazione e nel reclutamento in gruppi estremisti violenti in Arabia Saudita e Pakistan e sul ruolo dei leader religiosi conservatori nel contrastare l’estremismo violento nello Yemen e nell’Africa settentrionale e orientale. Ha lasciato il campo nel 2021 per scrivere un libro sulla riforma della costruzione della pace guidata dall’esterno. Ha sospeso il libro per aumentare la consapevolezza del genocidio in atto nel Tigray.


FONTE: https://tghat.com/2022/12/31/the-human-cost-of-peace-in-tigray/

Lascia un commento