Salta al contenuto

Etiopia, Rapimenti & Saccheggi nel Tigray dopo la tregua

Gli alleati dell’esercito federale etiope stanno saccheggiando proprietà e compiendo detenzioni di massa nel Tigray, secondo testimoni oculari e operatori umanitari.

I resoconti sollevano nuove preoccupazioni per le presunte atrocità più di tre settimane dopo che le parti in conflitto hanno firmato una tregua che i diplomatici e altri speravano avrebbe posto fine alle sofferenze nella regione in guerra che ospita oltre 5 milioni di persone.

FILE - Attrezzature mediche e file giacciono danneggiati e saccheggiati dai soldati eritrei in un ospedale che usavano come base, secondo testimoni, ad Hawzen, nella regione del Tigray, nel nord dell'Etiopia, il 7 maggio 2021. Truppe e forze eritree del La regione di Amhara, che ha combattuto a fianco dell'esercito federale etiope nel conflitto del Tigray, ha saccheggiato proprietà e effettuato detenzioni di massa nel Tigray nel novembre 2022, secondo testimoni oculari e operatori umanitari. (Foto AP/Ben Curtis, archivio) 1 di 4 FILE - Attrezzature mediche e file giacciono danneggiati e saccheggiati dai soldati eritrei in un ospedale che usavano come base, secondo testimoni, ad Hawzen, nella regione del Tigray, nel nord dell'Etiopia, il 7 maggio 2021. Truppe e forze eritree del La regione di Amhara, che ha combattuto a fianco dell'esercito federale etiope nel conflitto del Tigray, ha saccheggiato proprietà e effettuato detenzioni di massa nel Tigray nel novembre 2022, secondo testimoni oculari e operatori umanitari. (Foto AP/Ben Curtis, archivio)
FILE – Attrezzature mediche e file giacciono danneggiati e saccheggiati dai soldati eritrei in un ospedale che usavano come base, secondo testimoni, ad Hawzen, nella regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia, il 7 maggio 2021. Truppe e forze eritree del La regione di Amhara, che ha combattuto a fianco dell’esercito federale etiope nel conflitto del Tigray, ha saccheggiato proprietà e effettuato detenzioni di massa nel Tigray nel novembre 2022, secondo testimoni oculari e operatori umanitari. (Foto AP/Ben Curtis, archivio)

Il Tigray è ancora in gran parte tagliato fuori dal resto dell’Etiopia, anche se le consegne di aiuti nella regione sono riprese dopo l’accordo di cessate il fuoco firmato il 2 novembre in Sud Africa. C’è un accesso limitato o nullo nella regione per i ricercatori sui diritti umani, rendendo difficile per giornalisti e altri ottenere informazioni dal Tigray mentre le forze etiopi continuano ad affermare il controllo della regione.

Le truppe eritree e le forze della vicina regione etiope di Amhara – che hanno combattuto a fianco dell’esercito federale etiope nel conflitto del Tigray – hanno saccheggiato aziende, proprietà private, veicoli e cliniche sanitarie a Shire, una città nord-occidentale che è stata catturata da Le forze del Tigray il mese scorso, hanno detto all’Associated Press due operatori umanitari, parlando in condizione di anonimato per motivi di sicurezza.

Diversi giovani sono stati rapiti dalle truppe eritree a Shire

Diversi giovani sono stati rapiti dalle truppe eritree a Shire, hanno detto gli operatori umanitari. Uno ha detto di aver visto “più di 300” giovani radunati dalle truppe federali etiopi in diverse ondate di detenzioni di massa dopo la cattura di Shire, che ospita un gran numero di sfollati interni.

“Ci sono diversi centri di detenzione in giro per la città”, ha detto l’operatore umanitario, che ha anche notato che le truppe federali etiopi stavano arrestando persone ritenute “associate” al Tigray People’s Liberation Front, o TPLF, il partito politico i cui leader guidavano la guerra contro il governo federale.

I civili accusati di aiutare le forze del Tigray sono detenuti nella città meridionale di Alamata, secondo un residente che ha detto che le forze di Amhara hanno arrestato molti dei suoi amici. Un ex funzionario regionale ha detto che le forze di Amhara stanno anche effettuando arresti “di massa” nella città di Korem, a circa 20 chilometri (12 miglia) a nord di Alamata, e nelle aree rurali circostanti.

La continua presenza delle truppe eritree nel Tigray rimane un punto dolente nel processo di pace in corso

Sia il residente di Alamata che l’ex funzionario regionale, come altri che hanno parlato con AP, hanno chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza e per paura di rappresaglie.

La continua presenza delle truppe eritree nel Tigray rimane un punto dolente nel processo di pace in corso, e gli Stati Uniti hanno chiesto il loro ritiro dalla regione.

Il portavoce militare e ministro delle comunicazioni del governo in Etiopia non ha risposto a una richiesta di commento. Anche l’ambasciata dell’Eritrea in Etiopia non ha risposto.

L’Eritrea, che confina con il Tigray, non è stata menzionata nel testo dell’accordo di cessate il fuoco. L’assenza dell’Eritrea dai negoziati per il cessate il fuoco aveva sollevato dubbi sul fatto che il governo repressivo di quel paese, che ha a lungo considerato le autorità del Tigray una minaccia, avrebbe rispettato l’accordo.

Un successivo accordo di attuazione, firmato dai comandanti militari in Kenya, afferma che le forze del Tigray scioglieranno le loro armi pesanti “contemporaneamente al ritiro delle forze straniere e non (federali) dalla regione”.

Un successivo accordo di attuazione, firmato dai comandanti militari in Kenya, afferma che le forze del Tigray scioglieranno le loro armi pesanti “contemporaneamente al ritiro delle forze straniere e non (federali) dalla regione”.


APPROFONDIMENTO: Etiopia, secondo incontro per la pace in Tigray tra le alte cariche militari etiopie tigrine.


Eppure funzionari umanitari, diplomatici e altri all’interno del Tigray affermano che le forze eritree sono ancora attive in diverse aree del Tigray, danneggiando il processo di pace. Le truppe eritree sono state accusate di alcuni dei peggiori abusi del conflitto, compresi gli stupri di gruppo.

Tigrai Television, un’emittente regionale con sede nella capitale del Tigray Mekele, ha riferito il 19 novembre che i soldati eritrei hanno ucciso 63 civili, tra cui 10 bambini, in un’area chiamata Egela nel Tigray centrale. Quel rapporto citava testimoni, tra cui uno che affermava che alle comunità colpite era stato impedito di seppellire i loro morti.


APPROFONDIMENTO: Etiopia, continuano violenze e abusi dell’Eritrea in Tigray nonostante l’accordo di Pretoria


Il primo ministro etiope Abiy Ahmed e il segretario di Stato americano Antony Blinken hanno discusso l’importanza di attuare l’accordo di pace, “compreso il ritiro di tutte le forze straniere e il simultaneo disarmo delle forze del Tigray” in una telefonata lunedì, secondo il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Prezzo.


APPROFONDIMENTO: Etiopia, la lenta agonia dell’accesso umanitario in Tigray


Quattro giovani sono stati uccisi dalle forze eritree nella città di Axum, nel nord-ovest del Tigray, il 17 novembre

Quattro giovani sono stati uccisi dalle forze eritree nella città di Axum, nel nord-ovest del Tigray, il 17 novembre, ha detto ad AP un operatore umanitario. “Gli omicidi non si sono fermati nonostante l’accordo di pace… e sono stati compiuti ad Axum esclusivamente dalle forze eritree”, ha detto l’operatore umanitario.

Una dichiarazione dell’ufficio di comunicazione del Tigray la scorsa settimana ha affermato che l’esercito dell’Eritrea “continua a commettere orribili atrocità nel Tigray”. Quella dichiarazione affermava che il presidente eritreo Isaias Afwerki “sta portando più unità nel Tigray sebbene (dovrebbe) ritirare le sue truppe” in seguito all’accordo di cessate il fuoco.

I brutali combattimenti, che lo scorso anno si sono estesi nelle regioni di Amhara e Afar quando le forze del Tigray si sono spinte verso la capitale federale, sono ripresi ad agosto nel Tigray dopo mesi di tregua.

Il Tigray è in preda a una terribile crisi umanitaria dopo due anni di restrizioni agli aiuti. Queste restrizioni hanno indotto un gruppo di esperti delle Nazioni Unite a concludere che il governo etiope abbia probabilmente usato “la fame come metodo di guerra” contro la regione.

Le autorità etiopi hanno a lungo negato di aver preso di mira i civili nel Tigray

Le autorità etiopi hanno a lungo negato di aver preso di mira i civili nel Tigray, affermando che il loro obiettivo è catturare i leader ribelli della regione.

Nonostante il cessate il fuoco guidato dall’Unione africana, i servizi di base come telefono, elettricità e banche sono ancora disattivati ​​nella maggior parte del Tigray. Gli Stati Uniti stimano che centinaia di migliaia di persone avrebbero potuto essere uccise nella guerra segnata da abusi da tutte le parti.

L’accordo di cessate il fuoco richiede alle autorità federali di facilitare “l’accesso umanitario senza ostacoli” al Tigray. Il Programma alimentare mondiale ha dichiarato venerdì di aver inviato 96 camion di cibo e carburante nel Tigray dall’accordo, sebbene l’accesso a parti del Tigray centrale e orientale rimanga “limitato”.

L’accesso senza ostacoli al Tigray non è stato ancora concesso nonostante il numero di camion che entrano nella regione

L’accesso senza ostacoli al Tigray non è stato ancora concesso nonostante il numero di camion che entrano nella regione, con diverse restrizioni ancora in vigore, ha detto venerdì un operatore umanitario. Ci sono limiti alla quantità di denaro che le organizzazioni umanitarie possono portare nel Tigray, mentre posti di blocco e comandanti militari impediscono i movimenti degli operatori umanitari all’interno della regione, ha affermato l’operatore umanitario.


FONTE: https://apnews.com/article/africa-ethiopia-eritrea-uganda-4142726b6924505dd33d4a1c09136ee1

Lascia un commento