Salta al contenuto

[REPORT] Etiopia, nella guerra in Tigray, migliaia di tigrini incarcerati illegalmente

Migliaia etiopi di etnia tigrina sono stati detenuti senza processo in prigioni improvvisate mentre il governo etiope combatte un’insurrezione di 19 mesi. Almeno 17 persone sono morte, secondo quanto riportato da Reuters. Circa 9.000 rimangono in detenzione.

Di Dawit Endeshaw e Katharine Hourld – REUTERS 17/06/2022

In una gremita prigione etiope lo scorso novembre, l’operatore di beneficenza Tesfaye Weldemaryam ha gridato in delirio per due settimane. Per fare spazio a Tesfaye per sdraiarsi, disse un compagno di cella, altri prigionieri si rannicchiarono insieme nell’oscurità, le gambe doloranti per la costante posizione in piedi.

Tesfaye, 36 anni, era uno dei quasi 3.000 tigrini stipati in 18 squallide celle nella città meridionale di Mizan Teferi. In tutta l’Etiopia, Reuters ha identificato almeno una dozzina di altri luoghi in cui altre migliaia di Tigray sono stati trattenuti senza processo mentre il governo combatte un’insurrezione di 19 mesi iniziata nella regione del Tigray settentrionale.

Le Nazioni Unite stimano che più di 15.000 civili tigrini siano stati arrestati solo tra novembre e febbraio, quando erano in vigore le leggi di emergenza. I rapporti di Reuters, comprese le interviste con 17 detenuti attuali ed ex e una revisione delle immagini satellitari, indicano che il numero totale di arresti è almeno 3.000 superiore alla stima delle Nazioni Unite. Una figura di spicco dell’opposizione tigrina, Hailu Kebede, ha detto a Reuters che stima che la cifra sia di decine di migliaia.

Il rapporto rivela anche che circa 9.000 tigrini sono ancora in detenzione, contraddicendo le affermazioni del governo secondo cui la maggior parte è stata ora rilasciata.

Erano ammassati in strutture improvvisate, tra cui un vecchio cinema, campus universitari, un’ex fabbrica di polli, un parco industriale, un cantiere edile e una prigione incompiuta destinata a trattenere i criminali condannati, come dimostrano i servizi dell’agenzia di stampa. Tra i detenuti c’erano donne e bambini.

La maggior parte delle strutture erano affollate e sporche, hanno detto gli attuali ed ex detenuti di una dozzina di diversi centri, avvocati e familiari. Le percosse erano comuni. Ad alcuni prigionieri malati sono state negate le cure mediche per settimane, hanno detto queste persone, mentre altri sono stati costretti a corrompere le guardie per ottenere medicine. Reuters ha confermato molti aspetti dei resoconti delle condizioni carcerarie con sacerdoti, operatori sanitari, funzionari locali e attraverso immagini satellitari. Alcune delle persone intervistate hanno rifiutato di essere identificate per paura di ritorsioni.

Un carro armato danneggiato nei combattimenti all'inizio dello scorso anno tra l'esercito etiope e le forze del Tigray vicino alla città di Humera, nella regione del Tigray. REUTERS/Baz Ratner
Un carro armato danneggiato nei combattimenti all’inizio dello scorso anno tra l’esercito etiope e le forze del Tigray vicino alla città di Humera, nella regione del Tigray. REUTERS/Baz Ratner

Almeno 17 detenuti del Tigray sono morti, secondo quanto riportato da Reuters. Tesfaye è uno di loro. Quando ha ricevuto le cure per la malaria e la meningite a dicembre, era troppo malato per rispondere, ha detto un medico che si è preso cura di Tesfaye in ospedale.

Reuters ha inviato domande dettagliate sul numero di prigionieri, le condizioni e le morti alla polizia federale, al ministero della giustizia, all’ufficio del primo ministro e ad altri funzionari del governo nazionale e regionale. Il ministero della Giustizia ha rivolto domande alla polizia, che non ha risposto. Né gli altri.

Le detenzioni dei tigrini sono arrivate a ondate. Il primo è iniziato nel novembre 2020 dopo che il Tigray People’s Liberation Front (TPLF), un movimento di guerriglia trasformato in partito politico, ha sequestrato basi militari nel Tigray. Il secondo è iniziato nel luglio 2021, quando le forze del Tigray hanno costretto l’esercito etiope a ritirarsi dal Tigray. Il più recente è arrivato lo scorso novembre dopo che le forze del Tigray hanno invaso due regioni vicine e sono avanzate verso la capitale etiope, Addis Abeba.

I risultati di questo primo resoconto dettagliato delle detenzioni mostrano che il trattamento dei detenuti civili del Tigray è molto al di sotto delle norme internazionali. Secondo alcuni osservatori internazionali, sollevano anche interrogativi sull’uso da parte del governo dei poteri di emergenza durante la sua guerra con il TPLF. Alcuni analisti affermano che gli arresti hanno offuscato l’immagine del primo ministro etiope Abiy Ahmed, il cui impegno per la democrazia quando è salito al potere nel 2018 gli è valso lodi internazionali e ha offerto una rottura con decenni di governo dal pugno di ferro del TPLF.

I tigrini costituiscono solo il 6% della popolazione etiope di 120 milioni, una delle oltre 90 etnie e nazionalità. Ma per quasi tre decenni, fino al 2018, il TPLF ha dominato un governo che ha anche detenuto decine di migliaia di persone senza accusa.

Lo scorso novembre, mentre le forze del TPLF si avvicinavano alla capitale, Abiy ha dichiarato lo stato di emergenza, consentendo ai sospetti di essere trattenuti senza processo. La norma di emergenza è rimasta in vigore fino a metà febbraio.

Una manifestazione filogovernativa ad Addis Abeba nel novembre 2021. REUTERS/Tiksa Negeri
Una manifestazione filogovernativa ad Addis Abeba nel novembre 2021. REUTERS/Tiksa Negeri

Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha affermato che la maggior parte delle detenzioni sembravano essere normali tigrini. A novembre, la Commissione etiope per i diritti umani ha espresso preoccupazione per il fatto che le persone venissero arrestate a causa della loro etnia.

Molti tigrini affermano di essere stati trattenuti dalla polizia dopo aver parlato la loro lingua madre o aver mostrato una carta d’identità con un nome tigrino, come riportato in precedenza da Reuters. In una città chiamata Abala nella regione di Afar, che confina con il Tigray, tre residenti hanno affermato che la popolazione del Tigray è stata arrestata in massa e caricata su camion. Due testimoni stimano che il numero delle persone arrestate sia di circa 12.000. La Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente la cifra.

Il governo e la polizia dell’Etiopia insistono nel prendere di mira solo i sospetti sostenitori del Fronte di liberazione del popolo del Tigray. Hailu, il capo degli affari esteri del partito di opposizione Salsay Weyane Tigray, ha accusato il governo di “aver radunato i tigriani esclusivamente sulla base della loro etnia”, un’opinione condivisa dal TPLF.

Malaria e squallore

Tesfaye era un impiegato della carità cattolica dei Salesiani di Don Bosco ad Addis Abeba prima del suo arresto il 5 novembre, ha detto la sua famiglia. Circa una dozzina di dipendenti tigrini dell’organizzazione benefica sono stati detenuti al lavoro quel giorno, hanno detto due di quelli detenuti. Non è stata fornita alcuna motivazione e alcuni mesi dopo i colleghi di Tesfaye sono stati rilasciati senza accusa. L’ente di beneficenza ha rifiutato di commentare questo articolo.

Dieci giorni dopo il suo arresto, Tesfaye era un passeggero di un convoglio serpeggiante di 60-80 autobus di grandi dimensioni che traghettava i prigionieri da una prigione sovraffollata di cinque isolati ad Addis Abeba a una prigione incompiuta nella città di Mizan Teferi, 560 km a sud-ovest . Ci è voluta quasi tutta la notte per arrivarci, hanno detto cinque prigionieri che hanno viaggiato con Tesfaye.

La prigione di Mizan Teferi aveva le pareti gialle appena dipinte e l’erba appena falciata, oltre a una torre di avvistamento e al perimetro di filo spinato. Era vuoto, in attesa del suo primo trasferimento di criminali condannati, ha detto il capo ad interim della prigione Getnet Befekadu. Invece, ha ricevuto autobus carichi di tigrini, hanno detto gli ex prigionieri.

“Era molto affollato; non potevamo dormire sulle nostre spalle. Abbiamo dormito dalla testa ai piedi come le sardine. Non avevamo materasso, né coperta».

Un ex prigioniero nel carcere di Mizan Teferi

L’interno non era ancora finito; non c’erano impianti idraulici, quindi l’acqua del fiume veniva trattata con pastiglie di purificazione. L’acqua era così scarsa, hanno detto i detenuti, che spesso erano frenetici per la sete. Ai prigionieri venivano concesse due pause bagno di 15 minuti al giorno, ma spesso le code erano così lunghe o i prigionieri così malati che i detenuti si sporcavano durante l’attesa.

Le 18 celle della prigione, ciascuna di circa 5 metri per 6 metri, erano stipate: un prigioniero ha detto a Reuters che c’erano 183 uomini nella sua cella senza finestre; un altro ha detto che ce n’erano 176 nel suo. Una guardia di Mizan Teferi ha detto a Reuters che ogni cella era originariamente progettata per contenere tra le 70 e le 80 persone.

Il Comitato europeo per la prevenzione della tortura e dei trattamenti inumani o degradanti stabilisce uno standard minimo di quattro metri quadrati per detenuto in una cella a più posti. Le celle di Mizan Teferi ospitavano più di 20 persone per quattro metri quadrati.

Getnet, il capo ad interim, ha detto che la struttura ospitava 2.900 prigionieri e che due uffici aggiuntivi sono stati infine utilizzati per i prigionieri affetti da tubercolosi ed epatite.

I prigionieri sono stati tormentati da pidocchi, parassiti e malattie, hanno detto i detenuti. Getnet ha affermato che le autorità hanno fatto del loro meglio per prendersi cura dei detenuti, fornendo “condizioni favorevoli”. Non ha elaborato.

Un impiegato pubblico tigrino, arrestato il 4 novembre, ha descritto la vita in prigione. “Era molto affollato; non potevamo dormire sulle nostre spalle. Abbiamo dormito dalla testa ai piedi come le sardine. Non avevamo materasso, né coperta”, ha detto.

Tesfaye è stata disperatamente malata in prigione per due settimane, ha detto un compagno di prigionia. Quando il personale alla fine lo ha portato – febbricitante e privo di sensi – all’ospedale universitario Mizan Tepi, non poteva essere salvato dalla malaria e dalla meningite che lo avevano ammalato, ha detto il dottor Gizaw Wodajo, direttore medico dell’ospedale.

Reuters ha identificato almeno quattro persone morte dopo essersi ammalate a Mizan Teferi. Getnet, il capo ad interim della prigione, ha indirizzato la Reuters all’ospedale per avere informazioni sui decessi.

OOOOOOOOOOO

Un ex detenuto, un operatore sanitario che è stato liberato alla fine di gennaio, ha detto che ogni volta che i prigionieri morivano i loro compagni di cella gridavano. “Di solito sentivamo delle grida di notte. Li abbiamo sentiti gridare: ‘fratello mio, fratello mio'”. Al mattino, la voce di chi era morto si sarebbe diffusa quando i prigionieri potevano uscire dalle loro celle per raccogliere l’acqua.

La malaria è endemica nell’area in cui si trova la prigione, ha detto Gizaw. Ma per quanto ne sapeva, la struttura non era stata irrorata con insetticidi per uccidere le zanzare che diffondono la malattia. Né i detenuti avevano zanzariere. Le autorità carcerarie non hanno commentato.

Hagos Belay, una guardia di sicurezza della banca, è stato ricoverato in ospedale il 25 dicembre. Due settimane dopo, è morto di malaria e meningite, malattie che possono essere curate con farmaci se diagnosticate precocemente. I prigionieri hanno detto che non c’erano medicine per molti detenuti malati. Gizaw ha detto che i funzionari locali e il Comitato Internazionale della Croce Rossa alla fine hanno trovato i soldi per pagare le cure di alcuni prigionieri. La Croce Rossa ha rifiutato di commentare, dicendo che il loro accesso globale ai prigionieri dipende dalla loro riservatezza. Getnet ha detto che ai prigionieri è stata data tutta l’assistenza possibile.

Un terzo prigioniero, il 17enne Anwar Siraj, è morto prima di raggiungere l’ospedale, ha detto Gizaw, aggiungendo che la causa della morte non era chiara. Anwar non era tigrino ma Oromo, disse un compagno di prigionia. Oromos è stato anche coinvolto nella repressione del governo dopo che un gruppo ribelle Oromo ha annunciato un’alleanza con il TPLF lo scorso agosto.

Un quarto uomo, Gebregziabher Gebremeskel, 24 anni, è morto poche settimane dopo il suo rilascio da Mizan Teferi. Un parente lo ha descritto come un giovane tranquillo che vendeva cellulari per le strade della capitale. Gebregziabher si ammalò di malaria mentre era in prigione, ma non ricevette cure mediche, ha detto il parente.

Gebregziabher Gebremeskel, 24 anni, è morto poche settimane dopo il suo rilascio dalla prigione di Mizan Teferi a sud-ovest di Addis Abeba. Album di famiglia/Dispensa tramite REUTERS
Gebregziabher Gebremeskel, 24 anni, è morto poche settimane dopo il suo rilascio dalla prigione di Mizan Teferi a sud-ovest di Addis Abeba. Album di famiglia/Dispensa tramite REUTERS

La Reuters ha parlato con un medico che si è preso cura di Gebregziabher in un ospedale di Addis Abeba. Il medico ha detto che il giovane era gravemente malato di malaria cerebrale quando è arrivato in ospedale due settimane dopo il suo rilascio dal carcere. Morì 10 giorni dopo. Il medico, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto che Gebregziabher deve essere stato contagiato in carcere poiché la malattia non è presente nella capitale e impiega tra una settimana e un mese per incubare.

Il medico ha detto di aver curato altri tre prigionieri di Mizan Teferi per la stessa malattia. Tutti e tre dissero al dottore che l’unico modo per procurarsi le medicine in prigione era pagarle.

Imad Abdulfetah, un direttore della Commissione etiope per i diritti umani nominata dallo stato, ha detto a Reuters che la commissione ha ripetutamente tentato senza successo di accedere alla prigione di Mizan Teferi. Alla domanda su questo, Getnet non ha risposto.

Prigioni improvvisate

Mizan Teferi non è stata l’unica struttura in cui sono morti i prigionieri. Né era l’unica struttura mal preparata ad accogliere folle di detenuti del Tigray.

Per circa otto mesi, i tigrini sono stati trattenuti in una struttura agricola dell’Università Wachemo, nella città di Shone, 220 km a sud della capitale. Un portavoce del distretto di Shone, Alemyehu Bakera, ha detto a Reuters che c’erano 1.200 tigrini nel campus. Ha negato che fossero detenuti, descrivendo la struttura come “più un rifugio in cui soggiornare”.

Tutti i tigrini erano migranti rimpatriati dall’Arabia Saudita nel 2021, ha detto Alemyehu, in base a un accordo bilaterale tra i paesi. L’Arabia Saudita non ha risposto alle richieste di commento sulle detenzioni. I Tigrini detenuti all’università sono stati trasferiti da Shone ad Addis Abeba all’inizio di aprile e rilasciati, secondo Alemyehu.

Chiesa ortodossa di Salite Mehret dove è sepolto Hagos Belay. Hagos è stato detenuto nella prigione di Mizan Teferi. REUTERS/Tiksa Negeri
Chiesa ortodossa di Salite Mehret dove è sepolto Hagos Belay. Hagos è stato detenuto nella prigione di Mizan Teferi. REUTERS/Tiksa Negeri

Un ex detenuto della Wachemo University ha detto a Reuters che la struttura aveva cibo e acqua a sufficienza e che le persone potevano muoversi liberamente. Ma i prigionieri dovevano acquistare le proprie medicine, spesso mettendo insieme i soldi per farlo.

Almeno due prigionieri sono morti lì quest’anno – un uomo e una donna – hanno detto quattro persone con conoscenza diretta. Queste fonti includevano un funzionario universitario e Melak Mihret Aba Teklemichael, capo della vicina chiesa di San Giorgio, dove furono sepolti.

Alemyehu, il portavoce del distretto di Shone ha detto: “Non sappiamo notizie di morte”.

Un avvocato che stava lavorando per cercare di liberare i detenuti ha detto a Reuters che, in base alle sue conversazioni con le persone nella struttura, 100 donne e 10 bambini erano detenuti lì. La Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente le cifre dell’avvocato. Melak, il capo della chiesa, ha detto che diverse donne avevano partorito nella struttura.

9.000 Tigrini ancora in detenzione

Migliaia di tigrini di Abala, la città al confine tra le regioni del Tigray e dell’Afar, sono stati radunati da una forza regionale Afar a dicembre, caricati su camion e portati al Soloda College nella vicina città di Semera, hanno detto i testimoni.

Una fonte informata sulla questione ha detto che da 7.000 a 12.000 persone sono ancora detenute al college. La Croce Rossa ha twittato il mese scorso di aver fornito aiuti a 9.000 sfollati a Semera. Ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli quando è stato contattato da Reuters. Due prigionieri hanno confermato alla Reuters di aver ricevuto aiuti dall’agenzia.

Jean Bosco Ngomoni dell’ufficio Semera dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha detto a Reuters che “la fornitura di servizi limitata unita alla sovrappopolazione non consentono condizioni di vita dignitose”.

Gli uomini sono stati picchiati quando sono stati arrestati per la prima volta, hanno detto tre prigionieri. Uomini e donne sono separati da una recinzione e molte famiglie vivono sotto un telone nel cortile.

Una serie di immagini satellitari scattate da Planet Labs PBC mostra strutture improvvisate che appaiono al Soloda College da dicembre 2021.
Una serie di immagini satellitari scattate da Planet Labs PBC mostra strutture improvvisate che appaiono al Soloda College da dicembre 2021.

Un prigioniero ha detto a Reuters che 63 detenuti del college erano morti, inclusi 11 bambini. Ha condiviso con Reuters un elenco di coloro che erano morti, compilato dai detenuti. Nelle interviste, altri prigionieri hanno confermato tre dei nomi.

Laddove nell’elenco mancavano i nomi, i detenuti inserivano tutti gli altri dettagli in loro possesso, come “lavorare al mulino” o “figli gemelli”.

Un sacerdote della vicina chiesa di Afar Semera St. John ha detto di aver partecipato alla sepoltura di sette o otto persone del campo. La Reuters non è stata in grado di determinare se quelle morti fossero incluse nell’elenco.

Le immagini satellitari della struttura sembrano mostrare il suo complesso affollato di rettangoli di plastica blu e bianchi coerenti con le descrizioni dei prigionieri di vivere sotto teloni di plastica.

Il governo regionale di Afar non ha risposto alle richieste di commento.

Massima sicurezza

Molti tigrini che sono stati arrestati ad Addis Abeba sono stati trattenuti per giorni o settimane nel carcere di massima sicurezza Aba Samuel della capitale prima di essere trasportati in autobus a sud verso altre strutture.

Un detenuto tigrino ha stimato che c’erano circa 1.500 civili tigrini lì quando è stato trattenuto nei primi giorni di novembre.

Il numero è poi cresciuto, hanno detto altri quattro prigionieri.

Uno di loro, un uomo di 28 anni, ha detto di essere stato trattenuto con altri 36 tigrini in una cella di 70 metri quadrati, il doppio del numero di prigionieri consentito secondo lo standard minimo del Consiglio d’Europa. Ha detto che il numero di detenuti aveva raggiunto circa 3.100 presso la struttura quando è arrivato il 27 novembre. Ha condiviso note scritte a mano con Reuters che tabulavano i numeri, che ha detto di aver registrato sulla base di conversazioni con altri prigionieri.

Un magazzino ad Addis Abeba che fungeva da centro di detenzione per i tigrini di etnia. Foto scattata il 17 febbraio 2022. REUTERS/Stringer
Un magazzino ad Addis Abeba che fungeva da centro di detenzione per i tigrini di etnia. Foto scattata il 17 febbraio 2022. REUTERS/Stringer

Una settimana dopo il suo arrivo, ha detto, altri 140 tigrini sono arrivati ​​da un centro di detenzione nella città di Awash Arba, nella regione di Afar, così magri da “sembrare vittime della carestia”. A quel punto erano già stati trattenuti ad Awash Arba per cinque mesi, ha detto.

I pestaggi delle guardie erano frequenti, ha detto quest’uomo. Quando i suoi compagni di cella pensavano che le guardie potessero arrivare, si sono ammucchiati su tutti i vestiti in più per cercare di attutire i colpi.

Ha condiviso un video con Reuters che mostrava un cortile affollato ad Aba Samuel a gennaio. Le immagini satellitari fornite da Maxar Technologies e riviste da Reuters corrispondevano alla disposizione della prigione, alla configurazione delle scale, a uno scarico e ai segni sul pavimento di cemento.

Lui e un altro uomo – intervistati separatamente – hanno entrambi affermato di aver assistito a un incidente in cui una guardia ha picchiato i prigionieri con un pezzo di impalcatura così forte che si è rotto a metà.

Un ex prigioniero ha condiviso questa foto con Reuters. Ha detto che mostra i detenuti del Tigrino nella prigione di Aba Samuel ad Addis Abeba. Dispensa tramite REUTERS
Un ex prigioniero ha condiviso questa foto con Reuters. Ha detto che mostra i detenuti del Tigrino nella prigione di Aba Samuel ad Addis Abeba. Dispensa tramite REUTERS

Un altro ex prigioniero, un uomo d’affari, ha fornito foto di se stesso prima della reclusione, in forma, in salute e magro e smunto dopo il rilascio. Il cibo scarseggiava – a volte un pezzo di pane al giorno – disse.

Altri due prigionieri detenuti lì a gennaio hanno detto a Reuters che in seguito anche i prigionieri Oromo sono stati detenuti ad Aba Samuel.

Altrove nella capitale, altri tigrini sono stati trattenuti per mesi in stazioni di polizia gremite o in luoghi di fortuna. Un avvocato che ha visitato sei centri di detenzione ha detto di aver visto persone trattenute in stazioni di polizia sovraffollate, due magazzini privati ​​e un’ex fabbrica di polli, dove ha detto che il fetore era insopportabile.

Un 34enne ha detto di essere stato trattenuto per 38 giorni in un centro di detenzione con una torre di guardia chiamata Gotera Condominium complex ad Addis Abeba, precedentemente utilizzata per ospitare tossicodipendenti e senzatetto. I numeri oscillavano tra le 800 e le 2.000 persone, hanno detto lui e un altro prigioniero.

La tomba di Tesfaye Weldemaryam in un cimitero ad Addis Abeba. Foto scattata il 21 febbraio 2022. REUTERS/Tiksa Negeri
La tomba di Tesfaye Weldemaryam in un cimitero ad Addis Abeba. Foto scattata il 21 febbraio 2022. REUTERS/Tiksa Negeri

I giornalisti di Reuters hanno assistito a centinaia di familiari in fila fuori dalla struttura a dicembre, in attesa di portare cibo ai propri cari. A metà febbraio il complesso era deserto. I venditori ambulanti hanno detto che i prigionieri erano stati tutti rilasciati di recente. La Reuters ha parlato con tre prigionieri che erano stati detenuti lì e ha detto che erano stati liberati.

In tutta l’Etiopia, la maggior parte dei tigrini è stata rilasciata silenziosamente a gennaio o febbraio, dopo che le forze del Tigray si sono ritirate nella loro regione. Altri sono stati liberati a marzo o aprile.

Ma migliaia rimangono in detenzione ad Afar.

Dopo un cessate il fuoco dichiarato a marzo, la guerra è arrivata a una situazione di stallo. I militari non sono in grado di trattenere il Tigray; Le forze del Tigrino non possono mantenere il territorio che hanno sequestrato al di fuori di esso. Abiy ha detto che questa settimana il suo governo sta valutando i colloqui con il TPLF.


FONTE: https://www.reuters.com/investigates/special-report/ethiopia-conflict-prisoners

Lascia un commento