Salta al contenuto

Etiopia: 300 milioni di dollari potrebbero far deragliare la pace?

Secondo la Commissione europea , l’approvazione da parte del consiglio di amministrazione della Banca mondiale di una sovvenzione di 300 milioni di dollari all’Etiopia per sostenere le persone colpite dal conflitto nel paese potrebbe potenzialmente interrompere la pace ancora fragile tra il governo e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray.

La Commissione europea, che non è azionista della banca, ha cercato di posticipare l’approvazione della sovvenzione nella speranza di far sì che la banca si prendesse più tempo per valutare la situazione nel Paese, riferiscono fonti vicine alla questione ai miei colleghi Vince Chadwick e Shabtai Gold .

Etiopia: 300 milioni di dollari potrebbero far deragliare la pace?
Etiopia: 300 milioni di dollari potrebbero far deragliare la pace?

“Per noi, la pace è ancora troppo fragile per iniziare a finanziare la ricostruzione nell’Etiopia settentrionale”, ha detto mercoledì un portavoce della Commissione in una e-mail a Devex. “A questo proposito, la sovvenzione di 300 milioni di dollari della Banca Mondiale per la ricostruzione decisa nella riunione del Consiglio il 12 aprile è prematura e potrebbe essere controproducente nel contesto dell’attuale stallo politico”.

Tuttavia, la Banca Mondiale ha deciso di portare avanti un piano per utilizzare i fondi dell’International Development Association per i paesi a più basso reddito del mondo. Ha affermato che parte del denaro sarebbe stato messo da parte per fornire ai sopravvissuti alla violenza di genere “un migliore accesso ai servizi e un’assistenza completa necessaria per riprendersi dagli impatti della violenza che hanno subito”. Il finanziamento sarà implementato direttamente dal Ministero delle Finanze dell’Etiopia.

Valutazione dell’uguaglianza

Nel frattempo, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, di etnia tigrano, ha criticato la comunità globale per non essere stata reattiva alla crisi etiope come lo è alla guerra in Ucraina. Il Guardian riporta che Tedros si è chiesto se il mondo presti davvero uguale attenzione alle vite dei bianchi e dei neri dato che le emergenze in corso in Etiopia, Yemen, Afghanistan e Siria avevano raccolto solo una “frazione” della preoccupazione per l’Ucraina.

Effetto domino

Parlando di Ucraina, l’invasione russa dell’Ucraina si fa sentire in tutto il mondo, dall’Africa all’Asia. La Banca mondiale ha declassato di un intero punto percentuale le sue previsioni di crescita per il sud-est asiatico, prevedendo un’espansione dell’economia della regione del 6,6% quest’anno.

La regione stava già combattendo l’aumento dei prezzi delle materie prime e le interruzioni della catena di approvvigionamento anche prima dell’inizio del conflitto a febbraio. La guerra dovrebbe “amplificare queste sfide”.

Ciò significa più inflazione e più deficit. Ciò aumenterà l’onere del debito, con la banca e altre istituzioni internazionali sempre più allarmate da livelli insostenibili di indebitamento con l’aumento dei tassi di interesse.

“Gli alti prezzi del petrolio e dei generi alimentari causati dalla guerra in Ucraina avranno un forte impatto negativo sui redditi reali delle persone”, afferma Hartwig Schafer, vicepresidente della Banca mondiale per l’Asia meridionale.

Controllo di frontiera

“Quando i team di MSF hanno lavorato sull’isola di Nauru, dove il governo australiano ha attuato una politica simile, hanno assistito ad alcune delle peggiori sofferenze registrate nei 50 anni di esistenza di MSF”.
— Sophie McCann, advocacy officer di MSF UK

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato giovedì un piano per utilizzare i militari per trasferire i richiedenti asilo maschi nel Regno Unito in Ruanda per l’elaborazione. Le Nazioni Unite erano diffidenti nei confronti del progetto , che si dice sia accompagnato da una “partenariato per lo sviluppo economico”, secondo una dichiarazione di Downing Street che annunciava la politica, segnalando potenzialmente l’uso del budget degli aiuti per facilitarlo. Il ministro dell’Interno Priti Patel è in Ruanda e terrà una conferenza stampa oggi.

L’anno scorso, la Danimarca ha suscitato indignazione modificando le sue leggi per consentire un simile esternalizzazione, poco dopo aver firmato un protocollo d’ intesa con il Ruanda che ha sollevato preoccupazioni sul fatto che avrebbe inviato lì i richiedenti asilo.

In risposta alla politica del Regno Unito, McCann ha affermato che la Gran Bretagna ha “la responsabilità di elaborare le richieste di asilo di coloro che arrivano qui e non deve trasferirla in un altro paese, dove la sofferenza umana è nascosta alla vista del pubblico”.


FONTE: https://www.devex.com/news/devex-newswire-could-300-million-derail-peace-in-ethiopia-103045

Lascia un commento