Salta al contenuto

Capire un genocidio del 21° secolo: il caso del Tigray

Quadri giuridici per il genocidio

La Convenzione delle Nazioni Unite del 1948 definì il termine genocidio come gli atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso. Le vittime sono prese di mira a causa della loro appartenenza reale o percepita a un gruppo, non a caso. Secondo Gregory H. Stanton (1998), le otto fasi del genocidio sono classificazione, simbolizzazione, disumanizzazione, polarizzazione, organizzazione, preparazione, sterminio e negazione. Storicamente , il mondo ha affrontato diversi livelli di genocidio dall’Olocausto nazista contro gli ebrei, dalla pulizia etnica in Bosnia, dal genocidio ruandese e dal genocidio degli armeni da parte dell’Impero Ottomano.

Lo Statuto di Roma (2002) stabilisce che la giurisdizione della Corte penale internazionale include il reato di genocidio e lo statuto adotta la stessa definizione di reato che si trova nella convenzione sul genocidio. In base allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale (articolo 6), il genocidio comprende l’uccisione, la lesione fisica o mentale grave, l’inflizione deliberata al gruppo di condizioni di vita atte a provocare, in tutto o in parte, la distruzione fisica, l’imposizione di misure volte a prevenire nascite e trasferimento forzato di figli di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso.

Ai sensi del quadro giuridico nazionale, la Costituzione della Repubblica Federale Democratica dell’Etiopia , l’articolo 28 (1) stabilisce che la responsabilità penale delle persone che commettono crimini contro l’umanità, definita dagli accordi internazionali ratificati dallo statuto dell’Etiopia, come il genocidio, le esecuzioni sommarie , le sparizioni forzate o la tortura non sono precluse dalla prescrizione.

Capire un genocidio del 21° secolo: il caso del Tigray
Capire un genocidio del 21° secolo: il caso del Tigray

Sfondo della guerra genocida sul Tigray

All’inizio del 2018, i quattro partiti fratelli che compongono il Fronte democratico rivoluzionario del popolo etiope (EPRDF), la coalizione che all’epoca governava l’Etiopia, hanno indagato sugli inconvenienti del regime e hanno concluso che erano tutti responsabili delle riforme ove necessario. A seguito di ciò, Abiy Ahmed è stata scelto come presidente della coalizione e di conseguenza primo ministro dello Stato nel marzo 2018.

Quasi immediatamente, tuttavia, iniziò a usare le tattiche 4D (Definizione, Diffamazione, Distinzione e Detenzione) impostando la rotta per il genocidio come segue:

  • Il governo ha utilizzato documentari e termini disumanizzanti per definire i tigrini in vari discorsi pubblici come ” Yeken Jib (iena diurna)”, “oratori del Tigrigna”, “cancro”, “erbacce”, “giunta avida”, “Leboch” e “Zerafiwoch” ( saccheggiatori ).
  • È stato deliberatamente propagato che tutta la corruzione, il fallimento e la cattiva amministrazione fossero associati al sistema TPLF e ai Tigrini , diffamando così un gruppo politico ed etnico.
  • Il governo e i suoi alleati hanno lavorato per alienare i tigrini da altri gruppi etnici. Altri etiopi furono condizionati ad accettare qualsiasi azione punitiva contro i Tigrini come legale e normale. Ad esempio, se un tigrino è imprigionato illegalmente, è vittima di crimini di atrocità, licenziato arbitrariamente dal lavoro o gli è stata revocata la licenza commerciale senza motivo, altri etiopi presumevano che i tigrini fossero colpevoli senza alcuna prova e motivazione. In altre parole, i tigrini sono stati criminalizzati semplicemente per essere tigrini.
  • Sebbene i tigriani siano stati detenuti illegalmente e ingiustamente da quando il primo ministro Abiy è salito al potere, questo è aumentato incommensurabilmente dopo l’inizio della guerra sul Tigray nel novembre 2020. Nell’ottobre 2021, lo stato ha dichiarato lo stato di emergenza, che ha perseguitato i tigrini. In tutto il Paese decine di migliaia (dai bambini di 6 mesi agli anziani di 80 anni ) sono stati detenuti e internati in vari campi di concentramento e prigioni. L’unico criterio per la detenzione in questo momento era l’appartenenza all’etnia Tigray. È importante notare che molti giovani, élite e membri del Tigrino delle forze di sicurezza etiopi sono stati giustiziati dalla sicurezza del governo.

Le otto fasi del genocidio del Tigray

Cosa è successo nella guerra del Tigray e chi erano gli obiettivi della guerra? Quella che segue è una descrizione delle caratteristiche del genocidio del Tigray utilizzando l’utile sistema di comprensione delle varie fasi del genocidio sviluppato da Gregory H. Stanton (1998) .

CLASSIFICAZIONE : le classificazioni “loro”, “noi” “loro” sono state ampiamente dispiegate dopo l’ascesa al potere del primo ministro Abiy Ahmed. Le espressioni dell’identità culturale, della musica e delle cerimonie pubbliche dei tigrini che definiscono il popolo del Tigray erano vietate, limitate o diffamate (in particolare per coloro che vivevano al di fuori della regione). Anche i tigrini sono stati esclusi da tutte le posizioni a livello federale.

SIMBOLIZZAZIONE : Negli ultimi tre anni e in più, in particolare nei mesi precedenti la guerra, il governo federale ha utilizzato etichette per profilare e disumanizzare i tigrini come yeken Jib (iena diurna), ‘oratori tigrini’, ‘ant-reform’, ‘ erbacce”, “Greedy Junta”, “terroristi”, ecc. sia nei discorsi ufficiali che sui media mainstream e sui social media. In molte istituzioni federali, i tigrini avevano un profilo etnico e venivano banditi dal loro lavoro o addirittura incarcerati. Inoltre, anche le aziende di proprietà di tigrini in tutto il paese hanno dovuto affrontare sfide simili. Migliaia di membri della sicurezza e ufficiali tigrini sono stati arrestati in massa, detenuti e successivamente giustiziati.

DEUMANIZZAZIONE : I media federali e regionali hanno negato l’umanità dei tigrini dichiarandoli malvagi . I tigrini erano anche identificati con “animali” (bestie e iene), erbacce e cancro che doveva essere rimosso, oltre ad essere chiamati ” traditori“.

POLARIZZAZIONE : i principali media nazionali e regionali, i giornali e altri social media hanno costantemente diffuso propaganda diffamando il popolo tigrino, i leader politici e altri personaggi pubblici. Reclami politici e risentimenti intercomunali sono stati alimentati per incitare le comunità e per intimidire e mettere a tacere i tigrini dall’esercitare il loro diritto.

ORGANIZZAZIONE : Lo stato etiope ha mobilitato la sua forza di difesa nazionale, la milizia regionale e le forze speciali di tutte le regioni, oltre a invitare le forze eritree, soldati della Repubblica di Somalia. Il regime ha anche sollecitato e ottenuto droni militari e altri armamenti dagli Emirati Arabi Uniti , dalla Turchia e dall’Iran per attaccare il Tigray e i tigrini in nome delle ” forze dell’ordine ” . Una campagna di propaganda coordinata ha aggravato il senso di vendetta e genocidio sul Tigray. Nel frattempo, la distruzione di siti del patrimonio religioso e culturale, il saccheggio di manufatti e la distruzione di istituzioni pubbliche sono state attuate in modo sistematico.

PREPARAZIONE: In tutto il paese, il governo ha ordinato alla sicurezza di utilizzare carte d’identità per identificare i tigrini che sono stati successivamente detenuti, torturati e uccisi in via extragiudiziale. Questi atti sono stati nascosti sotto eufemismi come “applicazione della legge,” prevenzione del crimine, “antiterrorismo”, ecc. Le case nel Tigray sono state perquisite e le proprietà saccheggiate da funzionari della sicurezza con il pretesto di un “ordine di sicurezza” .

STERMINIO: Secondo indagini ben documentate di organizzazioni internazionali per i diritti umani e rapporti dei media, i civili sono stati vittime di uccisioni di massa ed esecuzioni condotte dalle forze di difesa nazionale etiopi, dalle forze di difesa eritree, dalle milizie Amhara e dai soldati somali con almeno 126 luoghi di massacri noti . Ciò include solo i siti attualmente sotto il controllo delle forze di difesa del Tigray. Prigionieri di guerra eritrei ed etiopi hanno confermato che è stato loro ordinato di uccidere tutti i tigrini sopra i 10 anni. Alle famiglie non era permesso seppellire i corpi o piangere i propri cari. I corpi venivano lasciati all’aperto per essere mangiati dagli animali e gettati dai dirupi o nei fiumi nel tentativo di disumanizzarli ulteriormente e traumatizzare maggiormente i sopravvissuti. I raccolti degli agricoltori, le scorte di cibo e i mangimi per animali furono saccheggiati o distrutti e il bestiame ucciso per orchestrare deliberatamente la fame. L’ex inviato dell’Unione europea Pekka Haavisto sottolinea che sia gli alti funzionari etiopi che quelli eritrei stanno pianificando di “spazzare via” e spingere i Tigrini “indietro a 100 anni”.

NEGAZIONE : Settimane dopo la guerra al Tigray, il Primo Ministro dell’Etiopia ha affermato in un discorso alla Camera dei Rappresentanti che ” Nemmeno un solo civile è stato ucciso a causa della guerra nel Tigray “. Tuttavia, migliaia di persone sono state uccise da allora sia individualmente che in omicidi di massa. esempio uccisione di massa nella città santa Axum , Mariam dengelat , Adigrat , Mahbere-Dego , Debre-Abay ecc. In secondo luogo, il governo ha negato la partecipazione di forze esterne alla guerra, ma ciò è stato immediatamente contraddetto dai fact-checkers e in seguito il governo dovette ammettere il coinvolgimento delle truppe eritree. In terzo luogo, il governo ha affermato, “non ci sono stati sfollamenti a causa della guerra”. Tuttavia, c’è sfollamento interno (> 1,2 milioni di persone) e sfollamento esterno in Sudan (circa 100.000 persone), la maggior parte di loro erano donne, anziani e bambini. In quarto luogo, il governo ha dichiarato che “non c’è carestia nel Tigray e la comunità ha accesso e aiuti sufficienti”. Tuttavia, madri, bambini e anziani stanno morendo per la carenza di cibo e farmaci. Ai media e agli aiuti internazionali è stato negato e impedito più volte di entrare nella regione.

Caratteristiche specifiche e straordinarie del genocidio del Tigray

Retorica dell’odio : discorsi e retorica pericolosa sono stati inoltrati da diversi organi governativi sul Tigrayan. Il consigliere speciale del PM Abiy Daniel Kibret ha dichiarato :

Dovrebbero essere cancellati e scomparire dai documenti storici. Una persona che vuole studiarli non dovrebbe trovare nulla su di loro. Forse può scoprirli scavando nel terreno. Tutto ciò che li commemora dovrebbe scomparire.

DANIEL KIBRET

Ha anche aggiunto: “Come sapete, dopo la caduta di Satana, non c’è stato niente come Satana che è stato creato… Satana era l’ultimo della sua specie. E loro (il TPLF) devono rimanere anche gli ultimi della loro specie”. Questa è una retorica pericolosa , che potrebbe essere il piano/passo finale per annientare i Tigrini non solo dalla loro base sociale, ma anche dalla storia e dalla mente di tutti per una volta e per sempre.

Tempistica: la guerra condotta nel Tigray è stata ben progettata e programmata con attenzione. In primo luogo, la guerra fu dichiarata durante la stagione del raccolto. Questo è stato intenzionalmente orchestrato per creare una fame deliberata. In secondo luogo, il 3 novembre 2020, le elezioni presidenziali sono state programmate negli Stati Uniti d’America. In altre parole, la guerra genocida è iniziata all’ombra delle elezioni americane.

Informazioni distorte e blocco umanitario : i media regionali che si confrontano con il governo, tra cui Tigray TV, Dimtsi Weyane Tigray e Oromo Media Network, sono stati banditi dal satellite non appena la guerra era iniziata. Pertanto, le uniche informazioni provenivano dai media di proprietà e controllati dal governo federale. Queste piattaforme hanno diffuso disinformazione e disinformazione, nonché retorica che incitava alla guerra e alla violenza. Ad esempio, il massacro di tigrini commesso a Mai-Khadara dalla milizia Amhara, dai vigili gruppi di Fano e dalle forze di difesa etiopi è stato denunciato in modo inverso e il governo non ha consentito indagini indipendenti. Successivamente, molti tigrini furono attaccati per punizione e nell’intera regione fu attuata  una pulizia etnica su larga scala .

Fame di armi: secondo il rapporto del WFP del gennaio 2022 , oltre il 40% delle persone del Tigray soffre di un’estrema mancanza di cibo. Attualmente, circa l’83% del Tigray è insicuro a livello alimentare. Tuttavia, il blocco /assedio e la guerra nella regione continuano. Secondo il rapporto Hagos Godefay (2022) , che è il capo dell’Ufficio sanitario regionale del Tigray, il 90% delle infrastrutture sanitarie del Tigray sono state distrutte e richiedono 20 anni per il loro ripristino. Se l’assedio continua, non c’è dubbio che il numero dei morti aumenterà in modo esponenziale e le condizioni di vita peggioreranno. Ciò significa che il genocidio sarà in corso, a tempo indeterminato.

In generale, da quando è stata dichiarata la guerra nel Tigray, il governo centrale e le sue forze alleate stanno terrorizzando i civili e hanno commesso terribili attacchi aerei e indiscriminati contro la popolazione del Tigray e le infrastrutture pubbliche. Tutti i parametri del genocidio tra cui classificazione, simbolizzazione, disumanizzazione, polarizzazione, organizzazione, preparazione, sterminio e negazione sono stati osservati nella guerra del Tigray e continuano. Oltre alle caratteristiche e alle fasi del genocidio di cui sopra, il governo etiope ha utilizzato tempismo, alleanze per vendetta, blocco umanitario e distorsioni delle informazioni come vantaggio per commettere il genocidio del Tigray.

L’impegno del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite il 18 dicembre 2021 a condurre un’indagine indipendente sul crimine commesso nel Tigray è un passo positivo verso l’identificazione e la responsabilità adeguate del genocidio del Tigray. Si spera che questo porti i genocidi davanti alla giustizia e garantisca che vengano prese misure per mitigare le atrocità attuali e future. Anche con questo meccanismo in atto, sottolineo la necessità che la comunità internazionale e altri organismi interessati mostrino maggiore iniziativa per porre fine e indagare sul genocidio del Tigray.

Girmay (PhD) è un accademico e ricercatore che per ora vuole usare questo nome per motivi di sicurezza.


FONTE: https://tghat.com/2022/03/21/understanding-a-21st-century-genocide-the-case-of-tigray/

Lascia un commento