Salta al contenuto

I dipendenti della Ethiopian Airlines stanno fuggendo dall’ Etiopia

I dipendenti della Ethiopian Airlines stanno fuggendo dal Paese nascondendosi negli aerei su cui lavorano.

Yohannes e Gebremeskel sapevano che avrebbe fatto un freddo gelido all’interno dell’area di carico all’ingrosso dell’aereo Airbus A350 sul lungo volo dalla capitale dell’Etiopia al Belgio. Ma i due tecnici di terra della Ethiopian Airlines , entrambi originari del Tigray, hanno affermato di aver sentito una minaccia da parte delle autorità etiopi che non hanno lasciato loro altra scelta che nascondersi tra le casse di fiori freschi.

Entrambi gli uomini hanno affermato che i membri della famiglia erano stati detenuti in base a leggi di emergenza radicali che hanno preso di mira i tigriani di etnia e che temevano che fosse il loro turno. Le leggi sono state imposte a novembre mentre le truppe governative etiopi combattono le forze della regione settentrionale del Tigray in un aspro conflitto che si trascina ormai da 14 mesi. Il governo nega che le leggi abbiano preso di mira un gruppo in particolare e ha recentemente revocato lo stato di emergenza.

Una veduta di Addis Abeba, in Etiopia, il 27 novembre. Testimoni e la commissione per i diritti umani dell'Etiopia hanno accusato le autorità di aver arrestato persone nella capitale sulla base dell'etnia, utilizzando i poteri più ampi concessi dallo stato di emergenza.
Una veduta di Addis Abeba, in Etiopia, il 27 novembre. Testimoni e la commissione per i diritti umani dell’Etiopia hanno accusato le autorità di aver arrestato persone nella capitale sulla base dell’etnia, utilizzando i poteri più ampi concessi dallo stato di emergenza.

Così, nelle prime ore del 4 dicembre, Yohannes e Gebremeskel, entrambi 25 anni, hanno preso la decisione improvvisa di salire nella sezione di deposito di un aereo cargo convertito della Ethiopian Airlines che era seduto in uno degli hangar di Addis Abeba Bole International. Aeroporto, in attesa del volo mattutino per Bruxelles, Belgio.
Come tecnici di terra con la compagnia aerea commerciale di punta dell’Etiopia negli ultimi cinque anni, hanno avuto accesso al compartimento per scopi di ispezione di routine. Ma se il loro nascondiglio fosse stato scoperto, avrebbero affrontato una dura punizione, hanno detto. La CNN ha cambiato i nomi di entrambi gli uomini su loro richiesta per motivi di sicurezza.

Per più di tre ore prima del decollo, si sono nascosti al freddo tra i bagagli dell’equipaggio di cabina, non lontano dal carico dell’aereo: casse cariche di rose pronte per essere consegnate in Europa.
“Abbiamo corso il rischio. Eravamo — non avevamo scelta, non avevamo scelta, non potevamo vivere ad Addis Abeba, eravamo trattati come terroristi”, ha detto alla CNN Yohannes, che ora ha ottenuto asilo in Belgio. una delle numerose conversazioni telefoniche.

Quattro dei suoi parenti sono stati uccisi, la sua fidanzata è in prigione nella regione etiope di Afar e sua sorella, incinta di circa sette mesi, è stata sequestrata dalla sua casa insieme ai suoi mobili, ha detto. Yohannes ritiene che questi omicidi e detenzioni siano stati motivati ​​dalla loro etnia tigray e siano stati agiti secondo le nuove leggi di emergenza dell’Etiopia. “Non so dove sia attualmente [la sua fidanzata]”, ha aggiunto. La CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente la morte o l’incarcerazione dei parenti di Yohannes.

“Ci siamo presi il rischio. Eravamo — non avevamo scelta, non avevamo scelta, non potevamo vivere ad Addis Abeba, venivamo trattati come terroristi”.

Yohannes

Una portavoce dell’ufficio del primo ministro etiope Abiy Ahmed ha notato in una dichiarazione inviata via e-mail alla CNN che lo stato di emergenza è stato revocato il 26 gennaio 2022.

“Si noti che il Consiglio dei ministri ha deciso oggi di revocare lo stato di emergenza. Le persone arrestate ai sensi del SOE [Stato di emergenza] sono state rilasciate in gran numero, nelle ultime settimane dal settore della sicurezza, a seguito di indagini”, ha affermato la portavoce disse Billene Seyoum Woldeyes.

“La SOE non è mai stata emanata per ‘perseguitare’ alcun gruppo di persone in base alla loro identità”, ha detto.
I due non sono gli unici dipendenti delle compagnie aeree a tentare una fuga rischiosa dal loro paese d’origine nelle ultime settimane. Il 1° dicembre, poco prima che Yohannes e Gebremeskel fuggissero in Belgio, altri due tecnici della Ethiopian Airlines si nascondevano in un aereo passeggeri destinato a Washington, DC, ha confermato alla CNN un portavoce della US Customs and Border Protection (CBP) tramite una dichiarazione inviata via e-mail.

 Yohannes e Gebremeskel hanno deciso di fuggire dall'aeroporto internazionale di Addis Abeba Bole dopo aver riferito che la sicurezza era più debole a seguito della sospensione di dozzine di guardie del Tigray.
Yohannes e Gebremeskel hanno deciso di fuggire dall’aeroporto internazionale di Addis Abeba Bole dopo aver riferito che la sicurezza era più debole a seguito della sospensione di dozzine di guardie del Tigray.

Si erano nascosti nello spazio del soffitto sopra i sedili, secondo una fonte di Ethiopian Airlines con conoscenza diretta dell’indagine interna avviata in seguito.

Il loro viaggio sarebbe durato più di 36 ore in totale, poiché l’aereo è volato da Addis Abeba via Lagos, in Nigeria, e Dublino, in Irlanda, prima di atterrare finalmente all’aeroporto internazionale di Dulles a Washington, DC.

All’arrivo negli Stati Uniti, le persone sono state detenute dal Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti prima di essere successivamente trasferite alla US Customs and Border Protection (CBP).

La CNN ha anche parlato con molti altri dipendenti tigrini di Ethiopian Airlines che sono fuggiti dall’Etiopia negli ultimi mesi a causa del loro lavoro come equipaggio di volo. Hanno raccontato storie simili di detenzioni diffuse di tigriani in Etiopia e di molestie etniche mirate dall’interno della compagnia aerea.

Nascosto sopra la cuccetta dell’equipaggio dell’aereo

La CNN non è stata in grado di parlare direttamente con i clandestini che hanno raggiunto Washington, DC, ma la fonte di Ethiopian Airlines ha affermato che entrambi gli uomini erano anche di origine tigriana.

Un portavoce della CBP ha affermato in una dichiarazione alla CNN che dopo un’identificazione e un esame di sicurezza, gli agenti hanno scoperto che i due “possediano carte d’identità dei dipendenti della Ethiopian Airlines e che si sono nascosti con l’intento di chiedere asilo negli Stati Uniti”.

“I due maschi etiopi sono attualmente ospitati in una struttura di detenzione federale in attesa di un’udienza davanti a un giudice dell’immigrazione”, aggiunge la dichiarazione. “Il CBP ha emesso una sanzione civile a Ethiopian Airlines per la violazione della sicurezza ed è stato informato sulle misure che la compagnia aerea sta intraprendendo per migliorare il piano di sicurezza dell’aeromobile della compagnia aerea”.

La CNN ha ottenuto le foto dell’interno del Boeing 777 come appariva durante un’ispezione all’indomani della fuga. In alcune immagini, è possibile vedere la cuccetta dell’equipaggio al centro dell’area salotto dell’aereo, in cui i due uomini sarebbero entrati prima di sollevare un materasso per rivelare un pannello di accesso per la manutenzione.

 Una vista dall'alto del loro nascondiglio nel soffitto dell'aereo.

Una vista dall’alto del loro nascondiglio nel soffitto dell’aereo.
 Il pannello di accesso per la manutenzione che i due uomini hanno ingrandito per strisciare.

Il pannello di accesso per la manutenzione che i due uomini hanno ingrandito per strisciare.

Le immagini indicano che hanno quindi praticato un foro più grande nel pannello per consentire loro di entrare di nascosto attraverso lo spazio vuoto nel soffitto dell’aereo. Si sono nascosti in questo punto, non molto al di sopra dei bagni dell’aereo, per oltre un giorno e mezzo. La CNN ha mostrato a Boeing le fotografie e un rappresentante della Boeing ha rinviato a Ethiopian Airlines per un commento.

La fonte della compagnia aerea ha detto alla CNN di ritenere che il fatto che i clandestini fossero ex tecnici della manutenzione della compagnia aerea consentisse loro di sapere esattamente dove nascondersi all’interno dell’aereo per passare inosservati senza danneggiare la struttura dell’aereo.

Il fatto che avessero con sé gli strumenti necessari per tagliare i pannelli potrebbe suggerire che la coppia avesse pianificato il tentativo in anticipo, ha aggiunto la fonte della compagnia aerea.

In totale, 16 tecnici della Ethiopian Airlines sembravano essere fuggiti con ogni mezzo possibile, sia imbarcandosi come equipaggio di cabina e allontanandosi o nascondendosi, ha detto. La CNN non è stata in grado di verificare in modo indipendente questo numero.

Per Yohannes e Gebremeskel, la decisione di fuggire è stata improvvisata, hanno detto. Hanno scelto il primo volo di linea per un paese europeo disponibile e hanno dovuto lasciare negli armadietti oggetti, compresi i telefoni cellulari.

Per l’intera durata del loro volo di sette ore per Bruxelles, si sono seduti nell’area di carico dell’Airbus A350 senza cibo, senza acqua, al freddo gelido, all’insaputa degli altri membri dell’equipaggio a bordo.

“Non avevo nemmeno vestiti con me, indossavo l’uniforme per la manutenzione […] La indosso ancora”, ha detto Yohannes.

“Non abbiamo niente con cui cambiarci qui, niente biancheria intima, niente scarpe, nemmeno le scarpe […] abbiamo cercato di coprirci i piedi e le gambe con quello che avevamo, era il turno di notte, nel turno di notte abbiamo la giacca dell’equipaggio della Ethiopian Airlines”, ha detto alla Galileus Web Gebremeskel, che ha ottenuto asilo anche in Belgio.

Non era così che Gebremeskel immaginava che avrebbe vissuto il suo primo viaggio fuori dall’Etiopia. Nonostante abbia lavorato per cinque anni presso Ethiopian Airlines, non si era mai imbarcato su un volo internazionale.

I dipendenti delle compagnie aeree rivendicano la discriminazione contro i tigrini

Molte persone hanno lasciato l’Etiopia via terra dall’inizio del conflitto nel novembre 2020. Secondo i dati delle Nazioni Unite, a metà dicembre 2021, più di 50.000 persone erano fuggite nel vicino Sudan. Al culmine dell’afflusso, “più di 1.000 persone in media arrivavano ogni giorno, sovraccaricando la capacità di fornire aiuti”, afferma un rapporto delle Nazioni Unite.

 Un campo profughi a Um Rakuba, in Sudan, nella foto ad agosto. Secondo le Nazioni Unite, più di 50.000 etiopi sono fuggiti in Sudan dall'inizio del conflitto nel Tigray alla fine del 2020.
UM RAKUBA, SUDAN – AUGUST 17: A general view of the Sudanese village of Um Rakuba, home to over 20,000 people ???on August 17, 2021, in Um Rakuba, Sudan.
Sudan hosts one of the largest refugee populations in Africa, mainly from South Sudan, Eritrea, the Central African Republic, Ethiopia and Chad. The latest influx of refugees saw more than 50,000 people flee into Sudan in search of safety after military confrontations broke out between Ethiopia and the Tigray Peoples’ Liberation Front (TPLF) in late 2020. (Photo by Abdulmonam Eassa/Getty Image

Nel frattempo, i tentativi di lasciare l’Etiopia per via aerea con mezzi legali sono diventati sempre più difficili per i tigrini, secondo i dipendenti di Ethiopian Airlines con cui la CNN ha parlato.

Molti hanno tentato di partire imbarcandosi su aerei dall’aeroporto Bole di Addis Abeba come passeggeri legittimi, ma gli è stato negato l’accesso a causa della loro etnia tigrina, hanno affermato. Un ex dipendente ha detto alla CNN che all’aeroporto c’erano quattro posti di blocco dove i passeggeri facevano controllare i passaporti prima della partenza.
“Controllano il luogo di nascita e il nome”, hanno detto alla CNN, ricordando tre dei loro tentativi falliti di andarsene. Se la persona era nata nel Tigray o aveva un nome tigrano, gli veniva negato l’uscita dall’Etiopia, ha detto l’ex dipendente.

Di conseguenza, diversi dipendenti hanno detto alla CNN di essere fuggiti lavorando a bordo di voli internazionali come equipaggio di volo e di fuggire quando l’aereo è atterrato all’estero, spesso quando la destinazione era in Europa o negli Stati Uniti.

La CNN ha ottenuto documenti d’identità che confermano l’identità di tutti e quattro gli uomini che si sono nascosti. Anche le traiettorie di volo dei due voli – quello per Bruxelles e quello da Addis all’aeroporto di Dulles attraverso Dublino – sono state verificate in modo incrociato su FlightRadar24.
Ethiopian Airlines non ha risposto alla richiesta di commento della CNN in merito ai viaggi dei clandestini o alle accuse di discriminazione contro i tigrini.

Questa non è la prima volta che Ethiopian Airlines fa notizia durante il conflitto in Etiopia. Nell’ottobre dello scorso anno la CNN ha rivelato che la compagnia aerea aveva trasportato armi tra l’Etiopia e l’Eritrea all’inizio del conflitto nel novembre 2020, un atto condannato dalla comunità internazionale come una potenziale violazione del diritto dell’aviazione.

L’indagine della CNN ha innescato richieste da parte dei legislatori statunitensi di sanzioni e indagini sull’idoneità dell’Etiopia a un redditizio programma commerciale statunitense . L’Etiopia è stata espulsa dal programma per le violazioni dei diritti umani all’inizio del 2022.

La compagnia aerea ha emesso molteplici smentite sul trasporto di armi.

‘Stavamo tremando’

Dopo che l’aereo che trasportava Yohannes e Gebremeskel è atterrato a Bruxelles, i due hanno atteso l’occasione per raggiungere l’edificio del terminal.

“C’erano due ragazzi che lavoravano sull’aereo. Uno stava scaricando il carico e l’altro stava arrivando con una torcia attorno all’aereo”, ha detto Yohannes. “Quindi, quando il primo stava scaricando i fiori, siamo saltati a terra – io e il mio amico – siamo saltati e siamo corsi al terminal”.

All’interno, i dipendenti hanno dato loro acqua e qualcosa da mangiare, ma Yohannes e Gebremeskel erano ancora sotto shock. “Temevamo che ci rimandassero indietro […] Le guardie ci hanno portato il tè, ma eravamo inginocchiati a terra, tremavamo”, ha aggiunto Yohannes.

Lentamente provarono un senso di sollievo, forse per la prima volta da quando erano decollati da Addis Abeba.

La loro decisione di fuggire era stata in parte motivata dalle notizie secondo cui 38 guardie di sicurezza del Tigrino erano state recentemente sospese all’aeroporto di Bole, il che significa che la sicurezza era più debole del solito, hanno detto.

“Avevamo paura, certo… Per fortuna non siamo stati trovati. Se fossimo stati trovati, la punizione sarebbe stata dura”.

Gebremeskel

Ma il NISS, il servizio di sicurezza nazionale dell’Etiopia, stava ancora perquisindo ogni parte dell’aereo prima della partenza, ha spiegato Gebremeskel, al fine di prevenire le fughe. Il portavoce del primo ministro etiope, Billene Seyoum, non ha commentato queste accuse.

Ethiopian Airlines non ha risposto alla richiesta della CNN di commentare la situazione della sicurezza all’aeroporto di Bole

“Avevamo alcuni strumenti con noi, temevamo che ci prendessero perché controllano: il ragazzo del servizio di sicurezza dell’intelligence nazionale controlla ogni volo prima della partenza”, ha detto Gebremeskel.

“Naturalmente avevamo paura. Eravamo seduti con alcuni strumenti con noi. Forse verranno a controllare che ci stiamo lavorando. Per fortuna non siamo stati trovati. Se fossimo stati trovati, la punizione sarebbe stata dura. ”
Yohannes spera che in Belgio troverà un paese che “rispetterà le mie richieste, il diritto alla vita”.

Pieter-Jan De Block, il loro avvocato, ha confermato in una dichiarazione alla CNN che entrambi i suoi clienti avevano “ottenuto protezione internazionale in Belgio” e che erano stati rilasciati dal centro in cui alloggiavano.

Per Gebremeskel, il quadro è agrodolce. Con la sua famiglia ancora lontana – i suoi genitori sono in un campo profughi in Sudan – e senza soldi o lavoro in Belgio, la vita non è facile. Sebbene ora abbia un alloggio, le sue prime due notti dopo aver ottenuto l’asilo le trascorse dormendo in una stazione ferroviaria.

Ha detto alla CNN che sperava un giorno di tornare in Etiopia, ma che fino a quando il paese non sarà un luogo in cui “le persone non vengono trattate in modo diverso per la loro etnia”, quella speranza sembra molto remota.


FONTE : https://edition.cnn.com/2022/01/31/africa/ethiopia-airlines-tigray-stowaways-cmd-intl/index.html

Lascia un commento