Salta al contenuto

Report parziale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Etiopia

Più di un anno dopo che il primo ministro Abiy Ahmed ha inviato le truppe etiopiche sostenute dai soldati alleati della vicina Eritrea per estromettere il governo regionale del Tigray del Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF) nel novembre 2020, si crede a migliaia, se non decine di migliaia, di persone di aver perso la vita.

Il devastante conflitto, descritto da un generale etiope come una “guerra molto sporca”, ha visto tutte le fazioni in guerra commettere atrocità raccapriccianti, in gran parte prendendo di mira le popolazioni civili.

Sono stati confermati violenti stupri di gruppo di donne e decine di massacri, in alcuni casi con centinaia di civili uccisi. La pulizia etnica da parte delle forze etiopi ed eritree ha contribuito allo sfollamento di oltre 2,2 milioni di persone.

Report parziale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Etiopia
Report parziale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Etiopia

Per mesi la guerra è stata combattuta sotto un blackout delle comunicazioni, rendendo impossibile per giornalisti e operatori umanitari, esclusi dalla regione del Tigray, verificare resoconti agghiaccianti di atrocità.

Incoraggiato da ciò, Ahmed ha detto al parlamento etiope che nella loro corsa per catturare la capitale del Tigrino, Mekelle, le truppe etiopi non avevano ucciso un solo civile.

Tuttavia, non passò molto tempo prima che le prove aumentassero e le indagini dei media internazionali sollevassero il coperchio sulla natura brutale di un conflitto che ha visto anche lo scoppio di una carestia, lasciando milioni di persone sull’orlo della fame. I combattimenti continuano mentre droni e attacchi aerei prendono regolarmente di mira le aree abitate dai civili. Da allora la guerra si è estesa oltre i confini del Tigray, alle vicine regioni di Afar e Amhara.

La moltitudine di accuse ha portato a condanne diffuse e richieste di responsabilità. Sotto pressione, il governo etiope cedette, a una condizione: consentirebbe a una squadra investigativa delle Nazioni Unite di indagare sui presunti abusi nella regione del Tigray purché si trattasse di uno sforzo congiunto che coinvolgesse l’organismo di controllo dei diritti dell’Etiopia finanziato dallo stato, la Commissione etiope per i diritti umani (EHRC). L’iniziativa congiunta ha iniziato il suo lavoro sul campo nel marzo 2021.

Il team UN-EHRC ha pubblicato il suo rapporto finale a novembre, concludendo che tutte le parti avevano commesso atrocità. Il rapporto sembrava attribuire la colpa allo stesso modo, nonostante i numerosi resoconti dei media secondo cui i soldati eritrei avevano compiuto il peggiore degli omicidi dallo scoppio della guerra.

I critici del rapporto accusano i suoi autori di minimizzare i possibili crimini di guerra commessi dalle truppe etiopi ed eritree.

“[Il rapporto] non si è nemmeno avvicinato a esporre l’intera portata della devastazione vissuta dai Tigrini per mano delle forze governative etiopi e dei loro alleati dallo scorso novembre [2020]”, ha scritto Mehari Taddele, professore di governance transnazionale e politica migratoria presso l’Istituto Universitario Europeo di Firenze.

Altri affermano che il mandato avrebbe dovuto essere esteso poiché il rapporto fornisce dati minimi sulle atrocità perpetrate nelle aree della regione di Amhara attualmente occupate dalle forze del Tigrino.

Ma per i sopravvissuti all’assalto in Tigray, il rapporto sarebbe sempre stato imperfetto. La maggior parte dei Tigray si è opposta con veemenza all’idea che l’EHRC indaghi sugli abusi nel Tigray.

“Non puoi aspettarti che [l’EHRC] indaghi sui crimini dei loro capi”, ha detto Gebre, il cui nome è stato cambiato per motivi di sicurezza. Un commerciante di circa 20 anni, Gebre ha parlato con New Lines a giugno prima che il governo interrompesse le comunicazioni, dopodiché è diventato difficile contattare i residenti nel Tigray. “Non ho fiducia in loro e non mi aspetto che producano qualcosa di vero”, ha detto dal capoluogo regionale di Mekelle.

Gebre, che era tra le dozzine che sono fuggite dalla città di Mahbere Dego, nel Tigray centrale, teatro di uno dei massacri più documentati della guerra, ha parlato a lungo di ciò a cui ha assistito nel Tigray rurale.

“I soldati etiopi sono corsi in città e hanno rapito tutti gli uomini e i ragazzi che sono riusciti a trovare”, ha detto, ricordando gli eventi del gennaio 2021. “Nessuno che hanno catturato è stato coinvolto in combattimenti. Non riuscivano nemmeno a trovare armi nelle case di nessuno durante le perquisizioni. Non avevamo idea di cosa fosse successo alle vittime del rapimento finché non abbiamo visto il video”.

Gebre si riferiva a filmati di telefoni cellulari emersi online all’inizio di marzo, due mesi dopo i rapimenti e il massacro. I video mostrano truppe etiopi in uniforme che parlano in amarico, la lingua franca dell’Etiopia, sparando a uomini e ragazzi con fucili d’assalto automatici prima di gettare i loro corpi da una scogliera vicina.

Il raccapricciante filmato, girato da commilitoni etiopi, mostra anche soldati che sorridono e parlano casualmente poco prima degli omicidi, mentre i loro prigionieri sedevano nelle vicinanze. Dopo che alcuni estratti del filmato sono diventati virali, i canali televisivi satellitari locali hanno trasmesso le immagini, portando la notizia del massacro alle famiglie tigriane, molte delle quali non hanno accesso a Internet.

Le redazioni di tutto il mondo hanno esaminato il filmato per determinarne l’autenticità. Un’analisi approfondita del filmato da parte della BBC, della CNN e di un consorzio di altri media ha stabilito che le atrocità filmate erano reali e sono state perpetrate da membri dell’esercito etiope.

Le immagini satellitari di un convoglio di veicoli di livello militare vicino al luogo dell’esecuzione hanno ulteriormente rafforzato questi risultati. A quel tempo, solo le truppe etiopi oi soldati eritrei alleati requisivano tali veicoli.

Ma nonostante l’ampio resoconto e la notorietà della tragedia, l’indagine congiunta UN-EHRC non ha indagato sul massacro di Mahbere Dego né l’ha citato nel rapporto finale di 156 pagine. È tra una sfilza di atrocità ben documentate che non sono state incluse nell’inchiesta.

La squadra investigativa congiunta non ha visitato la città di Axum, dove a fine novembre 2020, in un’altra atrocità, le truppe eritree hanno ucciso centinaia di uomini e ragazzi disarmati, molti dopo averli trascinati fuori dalle loro case per essere fucilati in strada.

Tre mesi dopo, Amnesty International ha pubblicato prove di fosse comuni in due cortili di chiese ad Axum, che secondo loro contenevano probabilmente i resti di centinaia di vittime.

Dall’indagine delle Nazioni Unite sono stati anche omessi il massacro di Dengelat di almeno 80 civili in un complesso della chiesa l’anno scorso, oggetto di un’indagine della CNN, e il massacro di Debre Abay, in cui il video ottenuto da The Telegraph mostrava le truppe etiopiche che camminavano tra i corpi di circa 40 abitanti del villaggio che avevano appena ucciso a colpi di arma da fuoco.

In una dichiarazione, l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, che ha supervisionato le indagini, ha riconosciuto che il team non è stato in grado di raggiungere parti del Tigray a causa di “sfide di sicurezza, operative e amministrative”.

Ma l’indagine congiunta è anche accusata di minimizzare gli incidenti su cui ha esaminato, compreso un massacro l’8 gennaio 2021, da parte delle truppe etiopi nella città di Bora, nel Tigray meridionale, che, secondo un’indagine del Los Angeles Times, ha lasciato oltre 160 uomini e ragazzi morti. L’indagine UN-EHRC ha dichiarato che il bilancio delle vittime era più vicino a 70.

“I metodi di indagine del rapporto sono stati gravemente vincolati dal suo partner EHRC, che è un agente di una delle parti coinvolte”, ha affermato Mukesh Kapila, ex funzionario delle Nazioni Unite e professore emerito di salute globale e affari umanitari presso l’Università di Manchester in Inghilterra. “Non era né pubblico né trasparente riguardo alle sue indagini e alla raccolta di prove. Purtroppo, è stata una parodia di un’indagine che ha aggiunto la beffa al danno per le vittime, incoraggiando al contempo i colpevoli”.

A screditare ulteriormente il rapporto, secondo Mukesh, è il fatto che i risultati del rapporto non avrebbero alcun peso in nessun tribunale internazionale perché l’indagine non è stata sanzionata direttamente dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Prima della chiusura dei servizi telefonici nel Tigray il 28 giugno, stavo raccogliendo testimonianze per mettere insieme ciò che è successo prima del massacro di Mahbere Dego.

Come parte dello sforzo, sono stati documentati i resoconti dei testimoni oculari e dei cari delle vittime. Ulteriori colloqui previsti per luglio sono stati posticipati prima temporaneamente, poi a tempo indeterminato quando è diventato chiaro che i servizi telefonici in Tigray sarebbero stati interrotti per il prossimo futuro.

Tra coloro con cui ho parlato c’erano i familiari delle vittime e due residenti della città, tra cui uno che ha visto alcune delle vittime nel video trascinate verso la morte. I nomi delle persone sono stati sostituiti con pseudonimi per proteggere loro e le loro famiglie nella regione instabile.

Tutti hanno detto che il filmato che ritrae gli ultimi momenti dei loro cari ha complicato il loro processo di lutto.

“Immagina di vedere i membri della famiglia essere uccisi più e più volte”, ha detto Birikti, che è nata e cresciuta a Mahbere Dego, ma ora vive in Europa. È riuscita a identificare due parenti tra gli uomini e i ragazzi condannati visti nei video dell’esecuzione.

Birikti ha affermato che lo scherno delle vittime da parte dei soldati etiopi mentre sparavano alla schiena delle vittime rimane impresso nella sua memoria.

“Non ho potuto lavorare, mangiare o lavorare normalmente per giorni. Rimango una persona distrutta”.

Mahbere Dego aveva assistito a aspri combattimenti poco prima del massacro in cui le truppe etiopi ed eritree si sono scontrate con combattenti fedeli al TPLF sulle colline e nei villaggi che circondano la città.

In risposta alla raffica di resoconti dei media sui video delle esecuzioni, l’esercito etiope ha negato che i suoi soldati fossero quelli visti nel video e ha accusato i combattenti del Tigri di aver usato attori per produrre il filmato.

“Hanno usato uniformi dell’esercito etiope rubate da noi”, ha detto il portavoce dell’esercito, il Mag. Gen. Mohammed Tessema, in una conferenza stampa ad aprile. “Erano attori. Quelli visti cadere nel video erano combattenti che sono caduti al momento giusto mentre i proiettili venivano sparati lontano da loro. Nessuno è morto. Questo è stato utilizzato per manipolare la comunità internazionale”.

Ma a giugno gli abitanti della città hanno tenuto un corteo funebre per le vittime e il filmato della cerimonia è stato ottenuto dalla CNN.

“La negazione dell’ovvio da parte dell’esercito [etiope] mi ha lasciato senza parole”, ha detto Biniam, anche lui di Mahbere Dego ma attualmente residente in Canada. “Sto ancora piangendo per la perdita di tre amici nel massacro, erano come fratelli per me. Quel senso di perdita non andrà via. Ed è tutto ciò di cui ricorderemo l’esercito.

La testimonianza di Birikti, basata sugli scambi con i parenti che si trovavano in paese nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa delle vittime, riecheggia in larga parte quella di altri tre residenti, tra cui Gebre che solo di poco è riuscito a sfuggire all’assalto per l’allora relativa incolumità dei vicini città di Axum.

Gebre ha detto di essere a Mahbere Dego a metà gennaio quando un contingente di soldati etiopi si è recato in città. Secondo lui, i suoni dei bombardamenti in lontananza potevano essere uditi dalla città, ma poiché i combattimenti erano rimasti concentrati nelle montagne circostanti fuori città, la gente del posto si era abituata al rumore.

“Nessuno è fuggito da Mahbere Dego finché non ha visto i soldati arrivare in città”, ha spiegato Gebre. “I soldati hanno avvistato dei giovani alla periferia della città. I giovani si sono girati per correre in città per avvertire i residenti e i soldati li hanno inseguiti”.

Ha aggiunto: “Li ho visti da lontano e ho anche visto i soldati che li inseguivano, incluso un soldato che stava sparando in aria. Ero spaventato e sono corso a nascondermi nella casa della mia famiglia”.

Gebre ha detto che un certo numero di coloro che erano fuggiti sono stati sorpresi a nascondersi in città e portati via. Altri sono stati trascinati fuori di casa. “Credo che i soldati abbiano notato mia zia sulla nostra porta, quindi sono passati davanti a casa nostra”, ha spiegato. “Se avessero visto degli uomini, avrebbero sfondato la nostra porta e preso me”.

I rapiti furono picchiati e infine portati alla periferia della città, per non essere più visti. I peggiori timori di Gebre furono confermati due mesi dopo, quando emerse il famigerato video del massacro.

Ha stimato che il numero di uomini e ragazzi rapiti da Mahbere Dego fosse di circa 30 e altri testimoni oculari hanno fornito stime simili.

Birikti ha fornito i nomi di due dei membri della sua famiglia tra quelli portati via: il contadino e lavoratore di 34 anni Gebremedhin Gebretsadkan e suo cugino più giovane di 18 anni Kiros Gebremedhin. Birikti ha detto che i due non hanno partecipato alla guerra e che Kiros era uno studente che a volte lavorava con suo cugino maggiore in un’impresa edile che produceva ciottoli e mattoni.

“Erano innocenti e non avevano alcun coinvolgimento con le armi o con alcun gruppo”, ha detto.

Gebreselassie, anche lui originario di Mahbere Dego, ha lasciato la città a febbraio e ha parlato con New Lines da Mekelle. Ha spiegato che i soldati etiopi hanno radunato un secondo gruppo di uomini e ragazzi dai villaggi vicini e li hanno portati verso la stessa posizione sulla scogliera dove erano tenuti gli altri. Ha detto che il numero totale di maschi rapiti ha superato i 70.

“Abbiamo una lista di molti dei loro nomi. Li hanno portati tutti sull’orlo di una scogliera alla periferia della città”, ha detto. “I soldati hanno transennato l’area per impedire a chiunque si avvicinasse”.

L’area descritta da Gebreselassie corrisponde alle aree in cui i prigionieri vengono interrogati prima della loro morte. Bellingcat era tra una miriade di punti vendita investigativi che utilizzavano strumenti open source per geolocalizzare dove sono stati realizzati i video in due luoghi specifici vicino alle scogliere ea circa un miglio fuori città. Una delle posizioni corrispondeva al sito in cui le immagini satellitari hanno catturato il convoglio di veicoli militari vicino a una scogliera che domina un villaggio vicino. Gebreselassie ha identificato questo come il villaggio di Enda Malka.

Nel filmato, i prigionieri sono inizialmente visti vivi, seduti insieme in silenzio. Si sentono soldati etiopi ridere, chiacchierare con nonchalance tra di loro e discutere di un precedente omicidio che potrebbe essere avvenuto fuori dalla telecamera. All’improvviso, si sentono più soldati che abbaiano istruzioni a un soldato in lontananza.

“Abbassalo! Sbarazzarsi di esso. Arrotolalo verso il basso!” Al soldato viene ordinato di sbarazzarsi di un cadavere. Per tutto il tempo, i prigionieri si siedono nelle vicinanze, indifesi.

Sebbene si sentano i soldati interrogarsi sul fatto che i maschi fossero informatori o spie per i ribelli del Tigrino, l’analisi dell’audio agghiacciante sfata qualsiasi idea che le vittime fossero combattenti catturati.

I soldati, presunti ufficiali in comando a causa della loro età avanzata, iniziano a interrogare alcuni dei loro prigionieri. Uno degli ufficiali viene visto parlare in una radio di comunicazione.

“Alzarsi! Vieni qui!” uno di loro grida al gruppo di prigionieri seduti. Un uomo visto indossare jeans e una felpa con cappuccio a scacchi rossa e nera rispetta l’ordine. Si alza e si dirige verso il punto in cui si trovano gli ufficiali. Birikti ha confermato che l’uomo è suo parente, Gebremedhin.

Mentre Gebremedhin si avvicina, gli ufficiali in comando rivolgono la loro attenzione a un giovane di corporatura magra, che Birikti identificò come Kiros. Seduto proprio di fronte a loro e con indosso una camicia bianca sbottonata e jeans può essere sentito, appena udibile, dire “18” in amarico, probabilmente dopo un suggerimento per la sua età.

Gli ufficiali si interessano a lui e perquisiscono i suoi vestiti, costringendolo a togliersi la camicia. Non trovano niente. Ma mentre si gira verso la telecamera e viene brevemente visto strizzare gli occhi alla luce del sole, i soldati sembrano aver deciso il suo destino. “Non dobbiamo rilasciare questi”, si sente dire un soldato fuori dalla telecamera.

Apparentemente soddisfatto, un ufficiale fa un cenno a un altro giovane seduto vicino a lui, identificato da più persone con cui ho parlato come il 22enne Hadgu Mewcha, anche lui studente. Vestito con una camicia a righe e drappeggiato con una sciarpa, viene anche perquisito. Secondo Birikti, Hadgu e suo fratello maggiore Mengesha, 35 anni, erano tra quelli strappati dalle loro case dai soldati durante la retata di massa a Mahbere Dego.

Non si ritiene che le vittime siano state tenute prigioniere a lungo. Nelle clip successive, le vittime vengono viste giacere morte o essere spinte verso la scogliera per essere uccise. Si può sentire un soldato che filma la scena esortare un soldato a prendere parte alle uccisioni e ammonire un altro per aver usato troppi proiettili.

Incoraggiando con entusiasmo per le esecuzioni, a un certo punto viene visto passare la telecamera e intervenire personalmente per uccidere coloro che non avevano ancora ceduto alle loro ferite.

“Come puoi vedere, abbiamo disseminato il posto di cadaveri ‘woyane'”, dice, usando un termine dispregiativo per i sostenitori dei combattenti del Tigrino, mentre la telecamera si sposta su un paio di corpi intrisi di sangue.

Dopo che le esecuzioni sono state completate, si vedono soldati che lottano per trascinare i cadaveri oltre la scogliera, probabilmente per nascondere i corpi alla vista. Un soldato osserva che avrebbe dovuto portare carburante per bruciare i corpi.

“Sì, il gas sarebbe stato fantastico!” si sente dire il cameraman. “Lo avremmo fatto [cremandoli] in stile indiano!”

Mentre i segmenti più lunghi delle riprese video sono emersi a marzo, clip aggiuntive emerse a giugno sembrano mostrare gli omicidi di Gebremedhin e di un uomo anziano non identificato. Entrambi vengono mostrati mentre vengono condotti sul bordo di una scogliera prima di essere colpiti più volte da dietro.

Il filmato scioccante e la conseguente copertura mediatica alla fine hanno dimostrato al mondo che era avvenuto un crimine brutale. Ma inizialmente nemmeno i residenti erano a conoscenza della sorte del folto gruppo di rapiti.

Secondo Gebreselassie, l’incertezza ha lasciato i residenti di Mahbere Dego angosciati e alla disperata ricerca di risposte.

“Tutto quello che sapevamo era che erano stati portati alla periferia della città”, ha ricordato Gebreselassie. “Inizialmente avevamo deboli speranze che ci sarebbero stati restituiti. Avevo pensato che se li avessero voluti morti, avrebbero potuto sparargli immediatamente, come hanno fatto i soldati altrove nel Tigray”.

Per settimane, pochi hanno rischiato di avvicinarsi ai soldati etiopi accampati alla periferia di Mahbere Dego, dove i veicoli militari parcheggiati fungevano anche da blocco dai luoghi delle esecuzioni. Ma alla fine, ha detto Birikti, un gruppo di donne non poteva più sopportare il tormento del non sapere.

“Alcune madri della città hanno massacrato il bestiame e sono andate all’accampamento accompagnate da alcuni anziani e hanno offerto un banchetto ai soldati”, ha detto. “Li hanno implorati di rilasciare i prigionieri. Ma gli è stato detto di andarsene”.

Gebreselassie ha confermato il racconto di Birikti e ha aggiunto che i soldati hanno accettato il cibo e hanno cercato di calmare il gruppo dicendo loro che i loro prigionieri erano “impegnati a lavorare” e sarebbero presto tornati a casa.

“Hanno appena giocato con la nostra gente. Immagina di non sapere dove sono i tuoi figli e i tuoi mariti per settimane”.

Gli eventi che ne sarebbero seguiti, confermati dalle persone con cui ho parlato, sarebbero stati strazianti per i residenti della città.

I residenti hanno iniziato a presumere che i loro parenti scomparsi fossero morti quando, nel corso di diversi giorni e settimane, un numero insolitamente elevato di gatti, cani, iene e avvoltoi è stato visto ai margini della città, banchettare con quelle che sembravano essere ossa e altri esseri umani. resti.

“Hanno appreso del destino dei nostri ragazzi nel modo più crudele e umiliante possibile”, ha detto Birikti. “L’omicidio dell’innocente non era abbastanza; i soldati li lasciavano masticati e mangiati”.

“Si sono assicurati che morissero nel modo meno dignitoso possibile. La disumanità non inizia a descrivere questo. Ci hanno persino negato la possibilità di seppellirli adeguatamente”.

Quando la notizia della macabra frenesia alimentare si diffuse in città, i residenti iniziarono ad accettare che non avrebbero mai più rivisto i loro figli, mariti, padri e fratelli.

Dopo che i primi videoclip del massacro di Mahbere Dego sono emersi a marzo, i soldati etiopi hanno iniziato gradualmente a lasciare il loro accampamento sulla scogliera e si sono trasferiti nella città dove avevano sede fuori dalla Sihul Michael High School di Mahbere Dego, a est della città.

Le immagini satellitari del luogo dell’esecuzione scattate il 7 aprile e visualizzate da New Lines mostrano che i veicoli militari presenti nelle precedenti immagini dell’area non erano più lì.

Quando gli abitanti del paese giunsero sul luogo del massacro, trovarono resti scheletrici, vestiti e oggetti personali appartenenti alle vittime. I residenti affermano di aver identificato oltre 30 morti. Tra loro c’erano due fratelli che sono stati identificati dalla loro famiglia solo analizzando i filmati.

Si ritiene che Teklay Gebremedhin, un diacono della chiesa di 31 anni, sia un uomo con una camicia color oliva visto seduto sul retro del folto gruppo di prigionieri mentre gli ufficiali dell’esercito iniziavano a interrogarli e perquisirne alcuni.

Si dice che il corpo di suo fratello maggiore Haile, 38 anni, un professionista della salute pubblica, fosse uno dei tanti visti sparsi dopo l’esecuzione ed è identificato dai suoi vestiti.

La maggior parte delle stime colloca il bilancio delle vittime massacrate sul ciglio della scogliera a meno di 80. Tuttavia, il numero di uomini scomparsi, sulla base di elenchi ampiamente diffusi dagli attivisti dei social media, supera i 100. Samuel, un nativo di Mahbere Dego che si trovava ad Addis Abeba quando abbiamo parlato, abbiamo suggerito che questa discrepanza potrebbe essere dovuta al fatto che alcuni degli uomini elencati come dispersi sono stati uccisi prima dell’esecuzione di massa quando le forze etiopi hanno bombardato i villaggi vicini.

“Le truppe hanno scaricato armi pesanti nei piccoli villaggi e distrutto case”, ha detto Samuel. “Mio cugino, Woldetensae Kiflemariam, è morto mentre fuggiva verso una foresta insieme a sua moglie e sua figlia. Aveva solo 48 anni”.

Un altro elemento perverso delle atrocità catturate nei video emersi a giugno mostra un soldato etiope che ha partecipato alla carneficina identificando con orgoglio la sua unità militare. Il soldato, la cui identità deve ancora essere confermata, si riferiva a se stesso con il suo apparente soprannome di “Fafy” e dichiarò di appartenere alla 1a Brigata della 25a Divisione dell’esercito etiope. Parte del reggimento di comando orientale dell’esercito etiope, questa divisione è schierata fuori dalla città di Harar, a circa 320 miglia a est di Addis Abeba.

La misura in cui queste prove sono state prese in considerazione nelle conclusioni del rapporto non è chiara. In una dichiarazione rilasciata un paio di mesi prima, ad aprile, l’ambasciata etiope a Londra esortava gli osservatori ad attendere i risultati dell’indagine congiunta UN-EHRC. Eppure il filmato di marzo ha già rivelato molto su quello che è successo a Mahbere Dego. I soldati, compresi i comandanti, sembrano consapevoli di essere filmati e non fanno alcuno sforzo per nascondere i loro volti. Anche se non è chiaro il motivo per cui i soldati hanno documentato le proprie atrocità, in una clip si sente un soldato dire che il video sarebbe un “souvenir”.

Il Magg. Gen. Zewdu Belay dell’esercito etiope, comandante del reggimento orientale che sovrintende alle operazioni di combattimento della 25a divisione, non ha risposto alle richieste di commento sulle atrocità commesse dalle sue truppe. Anche le chiamate e un sms al portavoce dell’esercito Mohammed Tessema sono rimaste senza risposta.

Nei capovolgimenti del campo di battaglia che hanno visto le truppe etiopiche ed eritree ritirarsi dalle zone del territorio del Tigrino che un tempo controllavano, le forze del Tigrino affermano di aver catturato membri della 25a divisione dell’esercito, incluso un soldato che si dice abbia filmato personalmente alcuni degli omicidi. Il presunto complice è stato fatto sfilare davanti alla telecamera, anche se la sua identità deve ancora essere autenticata in modo indipendente.

“Potrebbero esserci più autori sotto la nostra custodia”, ha detto a New Lines Fesseha Tessema, un portavoce affiliato alle forze del Tigray . “Stiamo ancora indagando e prima cercheremo tutta la verità”.

In attesa della verità ci sono anche i sopravvissuti al massacro e i cari delle vittime.

“Il rapporto non ha fatto nemmeno una menzione del massacro”, ha detto Biniam, che, poiché si trova all’estero, è tra una minoranza di nativi della città ad aver visto il rapporto online. “Come persona nata e cresciuta a Mahbere Dego, per me il rapporto è nullo. Sto ancora cercando giustizia e chiedo ancora un’indagine imparziale”.

A metà dicembre, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che ordinava un’ulteriore indagine sugli abusi, che sarebbe stata condotta senza il coinvolgimento dell’EHRC. L’Etiopia si è opposta alla risoluzione e ha dichiarato che non avrebbe collaborato con nessuna nuova indagine delle Nazioni Unite.

Al momento della pubblicazione, le comunicazioni a Mahbere Dego rimangono inattive.


Traduzione in Italiano

FONTE: https://newlinesmag.com/reportage/the-uns-purblind-human-rights-reporting-in-ethiopia/

Lascia un commento