Salta al contenuto

Background Press Call di un alto funzionario dell’amministrazione USA sull’Etiopia

FONTE: https://www.whitehouse.gov/briefing-room/press-briefings/2022/01/10/background-press-call-by-a-senior-administration-official-on-ethiopia/

USA Etiopia - Biden Abiy

10 gennaio 2022
Comunicazioni stampa

Via Teleconferenza

15:12 EST

MODERATORE: Grazie mille. E buon pomeriggio a tutti. E grazie per esserti unito alla conferenza stampa dell’NSC sull’Etiopia.

Ricordiamo che questa chiamata sarà in background, attribuita a un “alto funzionario dell’amministrazione” e i contenuti saranno sottoposti a embargo fino alla conclusione della chiamata.

Per la consapevolezza di tutti ma non per la segnalazione: il nostro relatore oggi è [alto funzionario dell’amministrazione].

[Alto funzionario dell’amministrazione], te lo consegniamo ora. E dopo le tue osservazioni, lo apriremo per domande e risposte.

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Ottimo. Grazie mille, [moderatore]. E grazie a tutti per essere presenti.

La crisi in Etiopia è stata molto impegnativa per gli Stati Uniti da prima che questa amministrazione entrasse in carica, ma sicuramente per tutto il nostro mandato fino ad ora.

Ha un certo numero di dimensioni. C’è ovviamente una crisi umanitaria particolarmente acuta.

C’è anche una crisi di sicurezza che ha implicazioni regionali, dato il ruolo e l’influenza degli stati esterni. E qui, vorrei sottolineare, in particolare, il ruolo inutile dell’Eritrea in questo conflitto.

E corre anche il rischio di distrarre gli Stati Uniti da altre priorità regionali, come la lotta contro al-Shabaab.

Volevo chiarire, data la gamma di resoconti che a volte vediamo, come vediamo l’approccio che gli Stati Uniti hanno adottato a questo conflitto sin dal primo giorno. Abbiamo sottolineato a tutte le parti che non esiste una soluzione militare a questo conflitto. Abbiamo messo in guardia contro le atrocità. Abbiamo cercato di facilitare una risoluzione pacifica attraverso il dialogo tra le parti. Non stiamo scegliendo da che parte stare o mettendo il pollice sulla bilancia.

Come penso che molti di voi sappiano, abbiamo inviato un senatore Chris Coons a parlare – in qualità di emissario personale del Presidente – con il Primo Ministro all’inizio del nostro mandato e abbiamo nominato un diplomatico molto anziano, Jeff Feltman, come nostro inviato speciale per aiutare gestire questa crisi.

Questo, ovviamente, è stato anche uno degli obiettivi principali della nostra amministrazione – dal Presidente al Vicepresidente, al Segretario di Stato e in realtà all’intera interagenzia per la sicurezza nazionale – con incontri regolari tra alti funzionari tenuti su questo argomento.

La traiettoria del conflitto è stata un po’ un pendolo, con ciascuna parte che ha avuto momenti di chiaro vantaggio. In questi giorni il Presidente del Consiglio ha iniziato a inviare segnali più positivi: liberazione dei prigionieri, apertura al dialogo e impegni in merito all’accesso umanitario.

Anche la parte tigrina si è impegnata pubblicamente nel dialogo.

D’altra parte, visto quanto visto in passato, è difficile sapere quanto durerà questa fase relativamente costruttiva.

Quindi, lo scopo dell’appello di oggi era davvero quello di rafforzare alcuni dei passi e delle inclinazioni più costruttive che il primo ministro Abiy potrebbe dimostrare, per mettere le relazioni USA-Etiopia su basi costruttive e ribadire dove dobbiamo continuare a vedere progressi – in particolare, l’esercito etiope non entra nel Tigray; fermare gli attacchi aerei, che si sono verificati nei giorni scorsi e per i quali siamo stati piuttosto preoccupati, anche pubblicamente; ampliare l’accesso umanitario a tutte le regioni del paese; e impegnarsi in colloqui di cessate il fuoco.

Quindi, vediamo questo come un momento di opportunità se le parti sono disposte e in grado di coglierla. Resta da vedere. E questa finestra non sarà aperta per sempre. Quindi, il nostro obiettivo sarà quello di facilitare ciò nella misura più ampia possibile.

MODERATORE: Ottimo. E con questo, lo apriremo per domande e risposte.

Q Ciao, grazie mille per averlo fatto. La chiamata del presidente Biden ad Abiy oggi si tradurrà in un accesso umanitario al Tigray?

E hai menzionato gli eritrei, quindi ho voluto continuare su questo. Gli eritrei sono tornati, come ha detto il TPLF? E se sì, si tratta di nuovo di un’invasione su vasta scala volta a porre fine al TPLF o di un’incursione limitata? Quali informazioni hai sulla penetrazione delle strutture di sicurezza etiopi da parte degli eritrei? Grazie.

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Ottimo. Grazie. Risponderò a quelli nell’ordine in cui li chiedi.

L’accesso umanitario è stato oggi al centro della discussione tra i due leader. Il presidente Biden è stato molto chiaro, come ho appena spiegato nella lettura, che il pieno accesso umanitario dovrebbe essere ripristinato, senza restrizioni a tutte le regioni del paese. Il Presidente del Consiglio sembrava capire che quella era la richiesta. Ha preso una serie di impegni, anche pubblicamente, per ampliare l’accesso umanitario. E ora spetterà al governo etiope mantenere ciò che si è impegnato a fare.

Ma pensiamo che questo sia ampiamente nell’interesse di tutti gli etiopi e, certamente, della situazione umanitaria.

Per quanto riguarda gli eritriani, come ho indicato nei miei commenti iniziali, il loro ruolo in questa crisi è stato negativo fin dall’inizio. Sapete, non crediamo che abbiano un ruolo costruttivo da svolgere in un conflitto che si sta svolgendo dall’altra parte del loro confine. Non entrerò nelle nostre varie informazioni e altre valutazioni del ruolo che stanno giocando attualmente. Ma basti dire che crediamo ancora che il loro ruolo sia inutile e che dovrebbero, francamente, stare fuori da questo conflitto.

Q Ciao, ecco. Grazie mille per aver risposto a questa chiamata. Parlando di paesi che stanno giocando un ruolo inutile, puoi dirci qual è il — quale messaggio stanno inviando gli Stati Uniti agli Emirati Arabi Uniti e alla Turchia, che sono stati segnalati come supporto — fornendo al governo droni armati al fine di perseguire [sic] il — perseguire la guerra?

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Quindi, non ho intenzione di entrare in conversazioni diplomatiche private che hanno avuto luogo, con un’intera gamma di paesi, tra l’altro, inclusi alcuni dei paesi che confinano con l’Etiopia e altri paesi nella regione più ampia.

Il nostro approccio è stato quello di cercare di allineare tutti gli attori internazionali con una voce in ciò che sta accadendo in Etiopia e con qualsiasi influenza sulla leadership etiope – comprese le parti, tra l’altro, da entrambe le parti – attorno a quello che ho descritto era il nostro obiettivo, ovvero che non esiste una soluzione militare, che esiste solo la pace attraverso il dialogo tra le parti. E in questo momento, ci dovrebbe essere molta energia nel dialogo mirato a un cessate il fuoco che possa cercare di portare questo conflitto in un posto migliore.

Ecco come — quello che comunichiamo in privato alle varie parti, compresa quella che hai citato, ed è anche il nostro messaggio pubblico.

D Salve, [alto funzionario dell’amministrazione]. Grazie per averlo fatto. Mi chiedo come descriveresti il ​​tono dell’incontro, in particolare Abiy Ahmed, e se ha preso impegni per i prossimi passi.

FUNZIONARIO AMMINISTRATIVO SENIOR: Quindi, senti, descriverei la conversazione come professionale, seria, sostanziale e, sai, incentrata su questioni. Sapete, e in termini di prossimi passi, penso che abbiamo chiarito, il presidente ha chiarito ciò che il presidente vorrebbe vedere, ovvero, ancora una volta, l’esercito etiope non va nel Tigray; per fermare gli attacchi aerei, compresi — e in particolare quelli che hanno causato la morte di civili; ampliare l’accesso umanitario; e impegnarsi in colloqui diretti per il cessate il fuoco.

Sai, quelli sono i prossimi passi che vorremmo vedere. Ci sono stati alcuni impegni presi, anche pubblicamente, dal Primo Ministro su alcune di queste questioni. E, sai, il nostro punto di vista è che ora dovrebbe andare avanti con questi impegni.

D Sì, grazie per averlo fatto e grazie per aver risposto alle mie domande. Simon Ateba, Today News Africa. Innanzitutto, vorrei sapere chi ha avviato la chiamata di oggi. Era il presidente Biden o il primo ministro Abiy?

E lei ha anche affermato che il Presidente del Consiglio sembrava capire che l’accesso umanitario doveva essere ripristinato. Ma si è impegnato a consentire l’accesso umanitario nel Tigray? E come, sai, (non udibile) che tipo di impegno ha preso?

E il presidente lo ha chiarito: qual è la sua linea rossa in Etiopia? Grazie.

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Quindi, il presidente Biden ha chiesto questa telefonata per i motivi che ho spiegato durante i miei commenti di apertura.

Per quanto riguarda gli impegni presi: sai, è il nostro approccio generale nel leggere questi appelli che non caratterizziamo ciò che ha detto l’altra parte; ci concentriamo principalmente su ciò che il presidente Biden ha comunicato. Quindi, questo è quello che ho fatto qui.

Dirò che è stato abbastanza chiaro dai commenti del presidente Abiy – il primo ministro Abiy che ha compreso l’imperativo di ripristinare l’accesso umanitario. E, ancora una volta, vi rimando ai suoi commenti pubblici al riguardo: impegni pubblici che sono stati presi e al nostro desiderio che vengano attuati. Ma non andrò così lontano da caratterizzare il suo lato della conversazione in modo più dettagliato di così.

D Salve, [alto funzionario dell’amministrazione]. Grazie mille per averlo fatto. Come sapete, l’inviato speciale Feltman è impegnato in queste conversazioni con l’amministrazione Abiy e altre parti da molto tempo. Quindi, mi chiedo solo se potresti aiutarci a caratterizzare – come paragoneresti questi discorsi o lo stato delle conversazioni che stanno accadendo in questo momento con quelli che sono accaduti, risalendo, sai, sei mesi fa – anche solo poche settimane fa ? C’è stato… sai, questo è un riflesso di apprezzabili progressi compiuti? Come definiresti il ​​contesto di tutto questo?

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Grazie, Ali. Quindi, hai menzionato l’inviato speciale Feltman, come ho fatto io. E dovrei notare che, ovviamente, l’inviato speciale Feltman ha raggiunto la fine del suo incarico e lascerà il posto a un nuovo inviato speciale, David Satterfield, che è uno dei nostri diplomatici più esperti – ovviamente, uscendo da una posizione di ambasciatore degli Stati Uniti in Turchia, ma ha ricoperto anche una serie di altri ruoli e sarà molto ben posizionato per portare avanti questo lavoro.

Sai, in termini di dove siamo nel momento attuale, credo che tornerei a quanto ho detto alla fine dei miei commenti: questo potrebbe essere un momento di opportunità, ma solo se le parti sono disposte a sfruttare esso. E, sai, non ho intenzione di uscire allo scoperto e dire che ho molta fiducia che ciò sarà fatto. Penso che sia tutto da vedere.

Questa finestra non sarà aperta per sempre e faremo tutto il possibile per facilitare il progresso continuo. Abbiamo ascoltato alcune dichiarazioni pubbliche da entrambe le parti che sono più costruttive di alcune delle cose che sono state dette in passato. E abbiamo visto almeno l’inizio di alcuni passi in una direzione più costruttiva. Ne ho citati alcuni.

Ma a meno che lo slancio non venga mantenuto, torneremo dove eravamo non molto tempo fa. E quindi, la nostra forte speranza – e lavoreremo per questo – è che colgano questa opportunità. Ma sta davvero alle parti farlo.

Q Grazie per averlo fatto. Avevo una domanda sul patto commerciale AGOA. L’Etiopia ne è stata rimossa all’inizio dell’anno; questa è, in un certo senso, una conseguenza. State prendendo in considerazione qualsiasi altra forma di sanzioni per il futuro se questo slancio, come lo chiamate voi, non va avanti nel modo desiderato?

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Sì, quindi ti rimando a ciò che abbiamo detto pubblicamente su AGOA negli ultimi giorni e settimane, che è: Ovviamente, questo – questo, sai, il programma è stato interrotto per quanto riguarda l’Etiopia perché lo statuto è molto chiari sui loro requisiti e sui criteri che devono essere soddisfatti affinché i paesi possano partecipare, e quelli relativi ai diritti umani, tra le altre cose.

Siamo anche stati abbastanza chiari sul fatto che, se verranno presi provvedimenti più positivi e costruttivi per affrontare le preoccupazioni sollevate dal rappresentante commerciale degli Stati Uniti, saremmo disposti ad avviare un processo di discussione con il governo dell’Etiopia su una revisione fuori ciclo del loro stato. Ma avremmo bisogno di vedere progressi significativamente maggiori sulle preoccupazioni che hanno portato alla risoluzione in primo luogo per percorrere quella strada.

Q Ciao, grazie per averlo fatto. Volevo solo chiederle se può fornire ulteriori dettagli sul viaggio dell’ambasciatore Feltman la scorsa settimana.

E quando… So che hai detto che il suo tempo è finito, ma quando l’ambasciatore Satterfield assumerà ufficialmente il ruolo? E ci sono piani per fargli visitare la regione? Grazie.

UFFICIALE DELL’AMMINISTRAZIONE SENIOR: Quindi, ti rimando al Dipartimento di Stato per i tempi esatti per l’ambasciatore Satterfield, ma prevediamo che non ci vorrà molto.

Il Presidente e il Primo Ministro hanno discusso dell’Ambasciatore Satterfield di fare un viaggio nella regione, sai, subito dopo essere stato completamente a bordo. Ma ancora una volta, niente di programmato ancora, e ti rimanderò al Dipartimento di Stato per stabilirlo.

Per quanto riguarda la visita dell’ambasciatore Feltman, è venuta su richiesta e suggerimento del governo etiope. Ed è stata per molti versi un’anteprima di parte di ciò che è stato detto nell’attuale convocazione, e parte di ciò che il governo etiope e lo stesso Primo Ministro hanno affermato pubblicamente. Quindi, penso che la lettura sostanziale non sarebbe diversa in modo significativo da quella che ho già descritto. E lascerò quelle conversazioni al Dipartimento di Stato per descrivere ulteriormente, se lo desiderano.

MODERATORE: Grazie a tutti. E queste sono tutte le domande per le quali abbiamo tempo oggi.

Ancora una volta, grazie per il nostro oratore per essersi unito. E grazie a tutti voi per esservi uniti alla copertura della chiamata.

Come promemoria delle regole di base: la chiamata è in background, attribuibile a un “alto funzionario dell’amministrazione”.

L’embargo è ora elencato [eliminato], quindi sentiti libero di segnalare il contenuto di questa conversazione.

Lascia un commento