Salta al contenuto

Appello di Medici e Professionisti dell’Ospedale di Ayder – College of Health Sciences, Mekelle University

“Sperando contro la speranza!”

Dichiarazione di posizione di medici e altri professionisti sanitari dell’ospedale specializzato completo di Ayder – College of Health Sciences, Mekelle University

Ayder - College of Health Sciences, Mekelle University
Ayder – College of Health Sciences, Mekelle University

Questa è la traduzione del comunicato è stato condiviso il 4 gennaio 2021 dalla Mekelle University via Twitter e riportandolo in maniera integrale sul suo profilo facebook.

Noi, i medici e gli altri professionisti della salute dell’Ayder Comprehensive Specialized Hospital – College of Health Sciences, presso l’Università di Mekelle, ascoltiamo e sperimentiamo in prima persona la sofferenza quotidiana che i nostri pazienti stanno sopportando. Poiché abbiamo solennemente giurato di proteggere e salvare i nostri pazienti dalla sofferenza, il minimo che possiamo fare in giorni difficili come questi è diventare la loro voce e ventilare le loro sofferenze affinché il mondo possa ascoltarle.

La dichiarazione di seguito, quindi, è la voce collettiva di tutti noi che lavoriamo in ospedale e nel college per fare eco alla richiesta dei nostri pazienti che sentiamo ogni giorno negli ultimi sei mesi.
Non abbiamo dubbi che chiunque ascolti o legga questa presa di posizione sarà consapevole del fatto che soddisfare i bisogni di salute di una comunità in contesti con poche risorse come il nostro è un’impresa molto scoraggiante, anche in tempi di pace e stabilità.
A conferma di ciò, desideriamo mettere in prospettiva alcune pietre miliari storiche del nostro collegio:

  • Noi, i medici e gli altri professionisti sanitari dell’ospedale specializzato completo di Ayder – College of Health Sciences, ricordiamo i nostri umili inizi 14 anni fa. Ricordiamo che, a quei tempi, il nostro ospedale da 500 posti letto era rimasto vuoto e inattivo per quasi un decennio a causa della grave carenza di operatori sanitari, strumenti medici e risorse finanziarie.
  • Ricordiamo anche come questo ospedale un tempo vuoto sia cresciuto rapidamente grazie al duro lavoro e alla perseveranza di tutti noi, il sostegno incrollabile dei nostri partner universitari, nazionali e internazionali.

Un ospedale che era appena meglio di un posto di salute di campagna nei primi giorni della sua istituzione, è diventato un centro di riferimento specializzato un decennio dopo che serve un bacino di utenza di 9 milioni di persone dal Tigray, distretti vicini delle regioni di Afar e Amhara.
Non si dimenticherà che il nostro ospedale da tempo serve anche i rifugiati eritrei che soggiornano nei campi nel nord dell’Etiopia. Va anche ricordato che i pazienti eritrei sono stati ben curati nel nostro ospedale durante il breve periodo di normalizzazione delle frontiere tra i nostri due paesi nel 2018.

La visita annuale dei pazienti del nostro ospedale era salita a quasi 300.000 e un tempo venivano somministrati migliaia di importanti interventi chirurgici, parti e un’ampia varietà di interventi e trattamenti.
Abbiamo tutti dato per scontati questi sviluppi positivi ed era consuetudine per noi concentrarci sui progressi futuri piuttosto che soffermarci sui risultati passati.

Tuttavia, pur impreparati mentalmente, ci siamo trovati, in così poco tempo, in una situazione che non avremmo mai considerato possibile nella nostra più sfrenata immaginazione. Come avremmo mai potuto aspettarci di cancellare gli interventi chirurgici per mancanza di liquidi per via endovenosa, farmaci per l’anestesia, o dire ai pazienti o ai loro parenti di trovare liquidi per via endovenosa da qualche parte in città mentre il paziente aveva bisogno di un rapido supporto?

Ma siamo stati costretti a lavorare in un ospedale senza liquidi per via endovenosa, guanti, anche gli antibiotici più comunemente usati, farmaci antidolorifici, farmaci vitali per le donne in travaglio e parto, farmaci per vari tipi di malattie mentali, test di laboratorio di base, e molti altri farmaci essenziali.

  • La disponibilità di farmaci essenziali, che era del 79,3% un paio di anni fa e dell’82% un anno fa, è scesa ora al 17,5%.
  • La disponibilità di esami di laboratorio che era del 93,7% un paio di anni fa e dell’84,2% un anno fa, è scesa ora al 42,1%.

I numeri stanno scendendo rapidamente ogni settimana. L’approvvigionamento di ossigeno al nostro ospedale è diventato molto inaffidabile e ha provocato la morte di pazienti a causa del frequente guasto delle macchine che avrebbero potuto essere facilmente riparate se avessimo ottenuto pezzi di ricambio dal produttore attraverso Addis Abeba a Mekelle, il che ora è completamente impossibile .

A peggiorare le cose, i blackout elettrici sono diventati più comuni e prolungati a volte per giorni. Non ci sono mezzi di comunicazione all’interno dell’ospedale e fuori. Quindi, dobbiamo camminare e trovare la persona di cui abbiamo bisogno, anche per fare qualcosa di banale.
Noi, il personale dell’ospedale e del college, non abbiamo perso la speranza nonostante l’enorme carico psicologico che dobbiamo affrontare a causa dell’essere testimoni di ciò che sta accadendo ai nostri pazienti su base giornaliera.

Come forse tutti saprete:

  • Non abbiamo ricevuto il nostro meritato stipendio negli ultimi sette mesi, i nostri pagamenti extra per quasi 13 mesi,
  • Non siamo in grado di prelevare qualsiasi somma di denaro che abbiamo avuto in banche governative e private a causa della completa chiusura del servizio bancario
  • Non abbiamo nulla per sfamare le nostre famiglie e noi stessi

Contro ogni previsione, tuttavia, abbiamo continuato a servire i nostri pazienti con qualunque cosa fosse a nostra disposizione!

Abbiamo:

  • cercato di produrre liquidi localmente per pulire le ferite infette,
  • chiedere supporto a uomini d’affari o residenti in città a darci detersivi, sapone, lenzuola e altra biancheria gratuitamente oa credito per poter mantenere in funzione l’ospedale.

Abbiamo utilizzato e stiamo ancora utilizzando farmaci scaduti quando questa è l’unica opzione rimasta. Abbiamo cercato di dare assistenza a chi ha più bisogno e chiedere agli altri di aspettare per sapere che anche coloro che sono in attesa si stanno avvicinando a condizioni di miseria.

Il nostro team di neurochirurgia ha deciso di operare su pazienti con problemi al cervello solo sulla base di esami clinici, senza avere il supporto di TAC e/o RM che da molti mesi non funzionavano perché i pezzi di ricambio non potevano raggiungere la nostra città a causa al blocco completo.

Le forniture che ottenevamo gratuitamente da donatori e partner, nonché da controparti commerciali, non hanno raggiunto il nostro ospedale negli ultimi sei mesi.

Di conseguenza, i bambini che avevano bisogno di interventi di shunt vengono lasciati morire, a quelli con tumori curabili vengono negati i loro diritti e quelli con fratture sono costretti ad aspettare mentre vengono immobilizzati.

Coloro che avrebbero potuto essere salvati facilmente con l’emodialisi stanno morendo. I pazienti che da anni fanno la dialisi nel nostro ospedale sono costretti a morire solo perché i rifornimenti che avrebbero potuto essere portati non possono raggiungerci.

Il mondo è messo alla prova con il COVID19. Aggiungici una guerra a tutti gli effetti su larga scala. Quindi aggiungi un assedio su di esso. Immagina questi tre combinati in una regione povera che lotta per la sopravvivenza anche in tempi di pace e stabilità.

Crediamo fermamente che ci siano persone molto brave là fuori in Etiopia, nel corno d’Arica, in Africa e nel resto del mondo che potrebbero essere i sostenitori dei nostri pazienti, dei nostri professionisti della salute e della nostra gente. Ci chiediamo come il mondo lasci che questa crisi provocata dall’uomo continui senza sosta mentre ha tutte le capacità ei mezzi di cui ha bisogno per fermarla.

Pertanto, chiediamo umilmente e rispettosamente a tutti i professionisti della salute in Etiopia, Africa e nel mondo di essere la voce dei nostri pazienti e di stare con noi nel nostro sforzo per porre fine alla crisi. Chiediamo anche al Ministero della Salute dell’Etiopia, a diverse Nazioni Unite e ad altre organizzazioni internazionali, a tutti gli altri partner locali, ONG e partner internazionali di intervenire e porre fine alla miseria di diversi mesi.

Qualunque sia la causa della guerra, non può essere giusto o etico negare ai pazienti l’assistenza sanitaria salvavita. Né può essere giustificato trattenere completamente un budget ospedaliero per diversi mesi come se non fosse mai responsabilità del governo etiope lasciare che un ospedale svolga le sue attività e fornisca assistenza sanitaria a civili innocenti che necessitano urgentemente di cure.

Noi, persone nel mondo, viviamo su un pianeta minuscolo e i nostri destini sono intrecciati. Sarebbe molto straziante vedere quelli con il potere e la capacità non fare altro che dire ferocemente che sono “preoccupati”, “molto preoccupati” e “gravemente preoccupati”.

È già molto tardi, ma le autorità sanitarie nazionali, continentali e globali, nonché i governi e le organizzazioni responsabili della risoluzione di tali problemi, possono ancora scongiurare una catastrofe.
Abbiamo visto il mondo farlo prima e noi, i tuoi fratelli e sorelle, crediamo e speriamo contro ogni speranza che tu faccia lo stesso anche questa volta.

Saluti,

Medici e altri professionisti della salute dell’ospedale specializzato completo di Ayder – College of Health Sciences, presso l’Università di Mekelle

4 gennaio 2022

Lascia un commento