Salta al contenuto

Morire di Fame in Tigray Per Aiuti Bloccati dal Governo

In alcune parti della regione etiope del Tigray , le persone ora mangiano solo foglie verdi per giorni. In un centro sanitario la scorsa settimana, una madre e il suo neonato che pesavano solo 1,7 libbre sono morti di fame. In ogni distretto degli oltre 20 in cui lavora un gruppo di aiuto, i residenti sono morti di fame.

Per mesi, le Nazioni Unite hanno avvertito della carestia in questo angolo assediato dell’Etiopia settentrionale, definendola la peggiore crisi alimentare del mondo in un decennio. Ora documenti interni e testimonianze rivelano le prime morti per fame da quando il governo etiope a giugno ha imposto quello che l’ONU chiama “un blocco di aiuti umanitari di fatto”.

La fame forzata è l’ultimo capitolo di un conflitto in cui i tigrini etnici sono stati massacrati, stuprati di gruppo ed espulsi. Mesi dopo che i raccolti sono stati bruciati e le comunità spogliate, è subentrato un nuovo tipo di morte.

“Stai uccidendo le persone”, ha ricordato Hayelom Kebede, l’ex direttore dell’ammiraglia Ayder Referral Hospital del Tigray, di aver detto al ministero della salute dell’Etiopia in una telefonata questo mese. “Hanno detto: ‘Sì, ok, lo inoltreremo al primo ministro.’ Cosa posso fare? piango e basta”.

Ha condiviso con l’Associated Press le foto di alcuni dei 50 bambini che ricevono “cure molto intensive” a causa della malnutrizione, le prime immagini del genere ad emergere dal Tigray da mesi. In uno, un bambino piccolo con occhi allarmati guarda dritto nella telecamera, un sondino nel naso, un amuleto protettivo che giace nell’incavo pronunciato della sua gola.

Le medicine sono quasi finite e il personale ospedaliero non viene pagato da giugno, ha detto Hayelom. Le condizioni altrove per i 6 milioni di abitanti del Tigray sono spesso peggiori.

Il blocco e la fame che ne deriva segnano una nuova fase nella guerra di 10 mesi tra le forze del Tigray e il governo etiope, insieme ai suoi alleati. Ora gli Stati Uniti hanno lanciato un ultimatum: prendere provvedimenti per fermare i combattimenti e lasciare che gli aiuti fluiscano liberamente, o una nuova ondata di sanzioni potrebbe arrivare entro poche settimane.

La guerra è iniziata come una disputa politica tra il primo ministro, il vincitore del premio Nobel per la pace 2019 Abiy Ahmed, e i tigrini che avevano a lungo dominato il governo nazionale repressivo dell’Etiopia. Da novembre, hanno affermato testimoni, le forze etiopi e quelle della vicina Eritrea hanno saccheggiato le fonti di cibo e distrutto i centri sanitari.

A giugno, i combattenti del Tigray hanno ripreso la regione e il governo etiope ha dichiarato un cessate il fuoco, adducendo motivi umanitari. Invece, il governo ha sigillato la regione più che mai, temendo che gli aiuti raggiungano le forze del Tigray.

Più di 350.000 tonnellate di aiuti alimentari sono posizionate in Etiopia, ma molto poco può arrivare nel Tigray. Il governo è così diffidente che agli operatori umanitari che si imbarcano su voli rari per la regione è stato fornito un elenco insolito di oggetti che non possono portare: filo interdentale. Apriscatole. Multivitaminici. Medicinali, anche personali.

L’elenco, ottenuto dall’AP, vietava anche i mezzi per documentare la crisi, compresi hard disk e chiavette. Foto e video del Tigray sono scomparsi dai social media da giugno mentre operatori umanitari e altri, affrontando intense ricerche da parte delle autorità, temono di essere scoperti con loro sui loro dispositivi. Il Tigray è tornato nell’oscurità, senza telecomunicazioni, senza internet, senza servizi bancari e con pochissimi aiuti.

Il primo ministro etiope e altri alti funzionari hanno negato che ci sia fame nel Tigray. Il governo ha accusato le forze del Tigray e l’insicurezza di problemi con la consegna degli aiuti. Ha anche accusato i gruppi umanitari di sostenere, persino di armare, i combattenti del Tigray.

La portavoce del primo ministro, Billene Seyoum, non ha detto quando il governo consentirà i servizi di base nella regione. Il governo “ha aperto l’accesso alle rotte degli aiuti riducendo il numero dei posti di blocco da sette a due e creando ponti aerei per i voli umanitari”, ha affermato in una nota. Ma le forniture mediche sul primo volo aereo dell’Unione Europea sono state rimosse durante l’ispezione governativa e tali voli non possono trasportare gli aiuti alimentari su larga scala necessari.

Nel resoconto più ampio finora sul bilancio del blocco, un operatore umanitario ha detto all’AP che si registrano morti per fame in “ogni singolo” distretto degli oltre 20 nel Tigray dove opera un gruppo di aiuti. Il gruppo aveva finito gli aiuti alimentari e il carburante. L’operaio, come altri, ha parlato a condizione di anonimato per paura di ritorsioni.

“Attualmente, ci sono rapporti devastanti provenienti da ogni angolo”, ha scritto il gruppo di aiuto a un donatore ad agosto, secondo i documenti condivisi con l’AP. “Se non si trova una soluzione urgente, perderemo molte persone a causa della fame”.

Ad aprile, anche prima che fosse imposto l’attuale blocco, lo stesso gruppo ha scritto al donatore che “i rapporti di malnutrizione sono dilaganti” e che 22 persone in un sottodistretto erano morte di fame.

“Il colore della pelle delle persone stava cominciando a cambiare a causa della fame; sembravano emaciati con ossa scheletriche sporgenti”, ha scritto il gruppo di soccorso.

Ad agosto, un altro membro dello staff ha visitato una comunità nel Tigray centrale e ha scritto che il numero di persone a rischio di morire di fame stava “aumentando in modo esponenziale” sia nelle aree rurali che in quelle urbane. In alcuni casi, “le persone mangiano solo foglie verdi per giorni”.

Lo staff ha raccontato di aver parlato con una madre che ha affermato che la sua famiglia viveva con cibo preso in prestito da giugno. Nell’ultimo mese avevano mangiato solo pane con sale. Era preoccupata che senza aiuti alimentari nei prossimi giorni sarebbero morti.

“Alla fine, abbiamo smesso di chiederle perché non potevamo tollerare di sentire ulteriori notizie tristi”, ha scritto lo staff. “L’amministratore del (sottodistretto) ci ha anche detto che ci sono molte famiglie che vivono in condizioni simili”.

Almeno 150 persone sono morte di fame ad agosto, anche nei campi per sfollati, ha affermato l’Ufficio per gli affari esteri del Tigray. L’Organizzazione internazionale per le migrazioni, l’agenzia delle Nazioni Unite che sostiene i campi, ha dichiarato: “Purtroppo non siamo in grado di parlare di questo argomento”.

Alcuni servizi igienici nei campi affollati sono traboccanti perché non ci sono soldi per pagare le pulizie, lasciando migliaia di persone vulnerabili a focolai di malattie, ha detto un operatore umanitario in visita. Le persone che mangiavano tre pasti al giorno ora ne mangiano solo uno. I residenti del campo si affidano alla carità delle comunità ospitanti che spesso faticano a nutrirsi.

“La gente è riuscita a cavarsela, ma a malapena”, ha detto l’operatore umanitario. “È peggio della sussistenza, mettiamola così.”

Gli esperti di sicurezza alimentare mesi fa hanno stimato che 400.000 persone nel Tigray affrontano condizioni di carestia, più del resto del mondo messo insieme. Ma il blocco significa che gli esperti non possono raccogliere i dati necessari per fare una dichiarazione formale di carestia.

Una simile dichiarazione sarebbe profondamente imbarazzante per l’Etiopia, che negli anni ’80 ha attirato l’attenzione del mondo con una carestia così grave, guidata anche dal conflitto e dall’incuria del governo, da provocare la morte di circa 1 milione di persone. Da allora, il secondo paese più popoloso dell’Africa è diventato una storia di successo, tirando fuori milioni di persone dalla povertà estrema e sviluppando una delle economie a più rapida crescita del mondo.

Ora la guerra sta svuotando l’economia e gli stomaci. I tassi di malnutrizione sono vicini al 30% per i bambini di età inferiore ai 5 anni, ha affermato mercoledì il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, e vicino all’80% per le donne incinte e che allattano.

Man mano che la guerra si diffonde, così potrebbe essere la fame. Le forze del Tigray sono entrate nelle regioni limitrofe di Amhara e Afar nelle ultime settimane e alcuni residenti li accusano di compiere atti di rappresaglia, inclusa la chiusura delle vie di rifornimento. Le forze del Tigray lo negano, dicendo che mirano a fare pressione sul governo etiope per revocare il blocco.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite afferma che gli abusi sono stati commessi da tutte le parti, anche se fino ad oggi i resoconti dei testimoni indicano che le atrocità più diffuse sono state contro i civili del Tigray.

C’è poco aiuto in arrivo. L’ONU afferma che ogni giorno almeno 100 camion con cibo e altri rifornimenti devono raggiungere il Tigray per soddisfare i bisogni della gente. Ma dall’8 settembre, meno di 500 erano arrivati ​​da luglio sull’unica strada accessibile nella regione. Non sono state consegnate forniture mediche o carburante al Tigray da più di un mese, affermano gli Stati Uniti, accusando “le molestie del governo” e le decisioni, non i combattimenti.

A metà settembre l’ONU ha pubblicato il primo rapporto del suo genere che mostra in rosso il numero di giorni rimanenti prima che i contanti o il carburante finiscano per importanti attività umanitarie come il trattamento dei più gravemente malnutriti del Tigray. Spesso quel numero era zero.

Alcuni camion che trasportavano aiuti sono stati attaccati e gli autisti intimiditi. Ad agosto, una squadra delle Nazioni Unite che cercava di prelevare personale dal Tigray è stata girata dalla polizia armata che “ha ordinato ai conducenti di guidare significativamente oltre i limiti di velocità mentre li insultava verbalmente, li molestava e li minacciava”, afferma un rapporto delle Nazioni Unite.

Grandi gruppi di aiuto internazionali come Medici Senza Frontiere e il Consiglio Norvegese per i Rifugiati hanno visto sospese le loro operazioni, accusati di diffondere “disinformazione” sulla guerra. Quasi due dozzine di operatori umanitari sono stati uccisi, alcuni mentre distribuivano cibo. Alcuni operatori umanitari sono costretti a razionare il proprio cibo.

“È una realtà quotidiana vedere sofferenze umane, fame”, ha scritto il vescovo cattolico di Adigrat, Abune Tesfaselassie Medhin, in una lettera del 3 settembre, condivisa con l’AP, facendo appello ai partner all’estero per l’aiuto e l’avvertimento di catastrofe in vista.

La necessità di cibo continuerà anche nel prossimo anno, afferma l’ONU, perché i raccolti limitati piantati in mezzo ai combattimenti produrranno probabilmente solo tra un quarto e al massimo la metà del raccolto normale.

Per quanto cupi, i rapporti sulle morti per fame riflettono solo le aree del Tigray che possono essere raggiunte. Un operatore umanitario del Tigray ha sottolineato che la maggior parte delle persone vive o si rifugia in luoghi remoti come le aspre montagne. Altri si trovano in aree inaccessibili al confine con l’ostile Eritrea o nel Tigray occidentale, ora controllati dalle autorità della regione di Amhara che sbarrano la strada al vicino Sudan, una potenziale via per la consegna degli aiuti.

Mentre il cibo e i mezzi per trovarlo si esauriscono, l’operatore umanitario ha detto: “Sono sicuro che le persone che stanno morendo per questa fame provocata dall’uomo sono molto più di questo”.

FONTE: https://apnews.com/article/africa-united-nations-only-on-ap-famine-kenya-ef9fe79cc0cf35917fd190b6e9bd0f46

Lascia un commento