Salta al contenuto

Tigray : Sanzioni dagli USA di Joe Biden & L’ Etiopia di Abiy Ahmed Ali Non Accetta

Questo che segue sono le dichiarazioni del Presidente americano Joe Biden (ordine esecutivo di sanzioni sui responsabili che stanno perpetrando la guerra genocida in Tigray e la risposta del Premier etiope Abiy Ahmed Ali.

Joe Biden USA - Abiy Ahmed Ali Ethiopia
Joe Biden USA – Abiy Ahmed Ali Ethiopia

🇺🇸 Dichiarazione del presidente Joseph R. Biden, Jr. sull’ordine esecutivo relativo alla crisi in Etiopia

Il conflitto in corso nel nord dell’Etiopia è una tragedia che provoca immense sofferenze umane e minaccia l’unità dello stato etiope. Quasi un milione di persone vive in condizioni simili alla carestia e altri milioni affrontano un’insicurezza alimentare acuta come conseguenza diretta della violenza. Gli operatori umanitari sono stati bloccati, molestati e uccisi. Sono sconvolto dalle notizie di omicidi di massa, stupri e altre violenze sessuali per terrorizzare le popolazioni civili.

Gli Stati Uniti sono determinati a spingere per una risoluzione pacifica di questo conflitto e forniremo pieno sostegno a coloro che stanno guidando gli sforzi di mediazione, compreso l’Alto rappresentante dell’Unione africana per il Corno d’Africa Olusegun Obasanjo. Siamo pienamente d’accordo con i leader delle Nazioni Unite e dell’Unione africana: non esiste una soluzione militare a questa crisi.

Mi unisco ai leader di tutta l’Africa e di tutto il mondo nell’esortare le parti in conflitto a fermare le loro campagne militari nel rispetto dei diritti umani, a consentire l’accesso umanitario senza ostacoli e a venire al tavolo dei negoziati senza precondizioni. Le forze eritree devono ritirarsi dall’Etiopia. Un percorso diverso è possibile, ma i leader devono fare la scelta di perseguirlo.

La mia amministrazione continuerà a premere per un cessate il fuoco negoziato, la fine degli abusi sui civili innocenti e l’accesso umanitario ai bisognosi. L’ordine esecutivo che ho firmato oggi stabilisce un nuovo regime di sanzioni che ci consentirà di prendere di mira i responsabili o i complici del prolungamento del conflitto in Etiopia, dell’ostruzione dell’accesso umanitario o dell’impedimento del cessate il fuoco. Fornisce al Dipartimento del Tesoro l’autorità necessaria per ritenere responsabili coloro che, tra gli altri, nel governo dell’Etiopia, nel governo dell’Eritrea, nel Fronte di liberazione del popolo del Tigray e nel governo regionale di Amhara, continuano a perseguire il conflitto sui negoziati a scapito di il popolo etiope.

Gli Stati Uniti restano impegnati a sostenere il popolo etiope ea rafforzare i legami storici tra i nostri paesi.

Queste sanzioni non sono dirette al popolo dell’Etiopia o dell’Eritrea, ma piuttosto alle persone e alle entità che perpetrano la violenza e provocano un disastro umanitario. Forniamo all’Etiopia più assistenza umanitaria e allo sviluppo rispetto a qualsiasi altro paese a beneficio di tutte le sue regioni. Continueremo a lavorare con i nostri partner per rispondere ai bisogni fondamentali delle popolazioni a rischio in Etiopia e nel grande Corno d’Africa.

FONTE:


🇪🇹 Lettera aperta al presidente Joseph R. Biden Jr.
Egregio Signor Presidente,

Mentre vi scrivo questa lettera aperta, arriva in un momento in cui civili innocenti, tra cui donne, bambini e altri gruppi vulnerabili nelle regioni di Afar e Amhara, sono stati violentemente sfollati, i loro mezzi di sussistenza sono stati distrutti, i loro familiari uccisi e anche le loro proprietà come istituzioni che danno servizi distrutte intenzionalmente dal TPLF.

Questa lettera arriva in un momento in cui i nostri bambini nella regione del Tigray vengono usati come carne da cannone dai resti di un’organizzazione recentemente designata come “terrorista” dalla nostra Camera dei rappresentanti del popolo. Figli di una generazione del dopoguerra che ha nutrito grandi speranze nella possibilità che le loro vite sarebbero state nettamente diverse da quelle dei loro genitori, le cui vite sono state segnate dal terrore della guerra con il regime DERG e da un conflitto transfrontaliero con l’Eritrea in alla fine degli anni ’90 su iniziativa del TPLF.

Mentre il resto dei loro coetanei nel paese prosegue gli studi e la vita, i nostri figli del Tigray sono stati tenuti in ostaggio da un’organizzazione terroristica che ha attaccato lo Stato il 3 novembre 2020 esponendoli a varie vulnerabilità. Mentre l’uso di bambini come soldati e la partecipazione al combattimento attivo è una violazione del diritto internazionale, l’organizzazione terroristica TPLF ha proceduto senza sosta nel condurre la sua aggressione attraverso l’uso di bambini e altri civili. Le grida di donne e bambini nelle regioni di Amhara e Afar, sfollate e sofferenti a causa della duratura spietatezza del TPLF, continuano sotto il silenzio assordante della comunità internazionale.

Sfortunatamente, mentre il mondo intero ha rivolto gli occhi all’Etiopia e al governo per tutte le ragioni sbagliate, non è riuscito a rimproverare apertamente e severamente il gruppo terroristico nello stesso modo in cui ha castigato il mio governo. I molti sforzi che il governo etiope ha intrapreso per stabilizzare la regione e rispondere ai bisogni umanitari in un ambiente ostile creato dal TPLF sono stati continuamente travisati. Negli ultimi mesi si sono accumulate pressioni crescenti e indebite su un paese africano in via di sviluppo, con un potenziale illimitato di prosperità. Questa pressione ingiustificata, caratterizzata da due pesi e due misure, è stata radicata in una distorsione orchestrata di eventi e fatti sul campo per quanto riguarda le operazioni sullo stato di diritto dell’Etiopia nella regione del Tigray. In qualità di amico di lunga data, alleato strategico e partner per la sicurezza, la recente politica degli Stati Uniti contro il mio paese non è solo una sorpresa per la nostra orgogliosa nazione, ma evidentemente supera le preoccupazioni umanitarie.

Per quasi tre decenni, gli etiopi in tutti gli angoli sono stati soggetti a pervasive violazioni dei diritti umani, civili e politici sotto il regime del TPLF. Varie identità sotto la bandiera etiope furono sfruttate da una piccola cricca che si appropriava del potere a beneficio della sua ristretta cerchia a spese di milioni, compresi gli impoveriti della regione del Tigray. La soppressione del dissenso politico, le eclatanti violazioni dei diritti umani, gli sfollamenti, il soffocamento dei diritti democratici e la cattura della macchina e delle istituzioni statali per l’esaltazione di un piccolo gruppo che ha governato un paese di milioni di persone senza alcuna responsabilità per 27 anni è stata accolta con poca o nessuna resistenza di varie nazioni occidentali, compresi gli Stati Uniti.

Il periodo 2015-2018 che ha segnato il risveglio dell’Etiopia, dove il TPLF è stato deposto dal potere in una rivolta popolare, sta raccontando la posizione che milioni di persone in tutto questo grande paese hanno preso contro un’impresa criminale che ha soggiogato gli etiopi all’oppressione e ha privato i cittadini del libero arbitrio. Il track record del TPLF di mettere un gruppo etnico contro l’altro per la propria sopravvivenza politica non si è concluso nel 2018 quando la mia amministrazione ha assunto il timone del potere. Piuttosto è mutato e si è intensificato nella forma, indossando la veste del vittimismo, mentre finanziava elementi di instabilità in tutto il paese.

Ora, la cricca criminale distruttiva, abile nella propaganda e nel rigirare a suo favore i diritti umani internazionali e le macchinazioni della democrazia, grida al lupo mentre non lascia nulla di intentato nella sua missione di distruggere una nazione con più di 3000 anni di storia. Sebbene questa allucinazione non si avvererà, la storia registrerà che il periodo turbolento orchestrato che l’Etiopia sta attraversando in questo momento viene giustificato da alcuni politici occidentali e istituzioni globali con il pretesto di assistenza umanitaria e avanzamento della democrazia.

A dimostrazione dell’aspirazione del mio popolo alla democratizzazione e senza precedenti nella storia moderna dell’Etiopia, quasi 40 milioni di connazionali sono andati a votare il 21 giugno 2021 nel primo tentativo di questo paese di elezioni libere ed eque. Nonostante le numerose sfide e carenze che la sesta elezione nazionale potrebbe aver dovuto affrontare, la risoluta determinazione del popolo etiope per il processo democratico si è manifestata nel suo impegno per un periodo elettorale pacifico.

Sullo sfondo di precedenti periodi elettorali in cui la scelta del popolo è stata strappata attraverso processi truccati dall’ex regime, le elezioni del 2021 sono arrivate sulla scia dei processi di riforme democratiche che abbiamo avviato tre anni fa. Il significato delle nostre elezioni del 2021 è nella sua conclusione pacifica, che dimostra la nuova traiettoria dell’Etiopia tra gli avvertimenti globali che le elezioni sarebbero violente.
Con il popolo etiope che ha parlato e affermato la sua fede nel Partito della Prosperità per guidarlo attraverso i prossimi cinque anni in una vittoria schiacciante, il mio Partito e la mia amministrazione con questa responsabilità a portata di mano, sono sempre più determinati a liberare il potenziale per uno sviluppo equo queste terre sono Benedetto con. Siamo ancora più risoluti nel garantire alle nostre persone la dignità, la sicurezza e lo sviluppo che meritano nell’ambito dei mezzi di cui disponiamo e senza soccombere a vari interessi e pressioni in competizione. E lo faremo affrontando le minacce alla democrazia e alla stabilità poste da qualsiasi impresa criminale belligerante.
Sebbene le minacce alla sicurezza nazionale, regionale e globale continuino a essere una componente chiave degli interessi statunitensi in molte parti del mondo, resta senza risposta il motivo per cui la sua amministrazione non ha preso una posizione forte contro il TPLF, la stessa organizzazione che la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha classificato come qualificata come organizzazione terroristica di livello 3 per le loro attività violente negli anni ’80.

Allo stesso modo in cui i vostri predecessori hanno condotto la “guerra al terrore” globale, la mia amministrazione, sostenuta da milioni di etiopi assetati e affamati del loro diritto alla pace, allo sviluppo e alla prosperità, sta conducendo anche la nostra “guerra al terrore” nazionale contro una distruttiva impresa criminale, che rappresenta una minaccia per la stabilità sia nazionale che della regione del Corno. L’Etiopia è rimasta il fedele alleato degli Stati Uniti nella lotta alla minaccia terroristica di Al Shabab nel Corno. Ci aspettiamo che gli Stati Uniti sostengano l’Etiopia mentre un’organizzazione terroristica simile con ostilità verso la regione minaccia di destabilizzare il Corno.
Signor Presidente,

Il popolo americano che ha sostenuto gli interventi globali del governo degli Stati Uniti con il pretesto della democratizzazione avrebbe difficoltà a sapere che una piccola nazione impoverita ma culturalmente, storicamente e naturalmente ricca dell’Africa orientale ha intrapreso il proprio percorso di democratizzazione tre anni fa. Tuttavia, il popolo americano e il resto del mondo occidentale sono fuorviati dai rapporti, dalle narrazioni e dalle distorsioni dei dati di entità globali che molti credono siano stati spinti ad aiutare paesi impoveriti come il mio, eppure negli ultimi mesi hanno dipinto le vittime come oppressori e oppressori come vittime attraverso narrazioni partigiane e reti finanziate. La storia sorride sempre a coloro che hanno difeso la verità. E quindi, sono certo che la verità risplenderà su questa orgogliosa nazione dell’Etiopia!

Molti etiopi e africani hanno guardato con ottimismo alla tua ascesa alla Presidenza all’inizio di quest’anno. Questo ottimismo è stato radicato nella convinzione che una nuova dispensa per le relazioni Africa-USA si materializzerà nel 2021 e che la vostra Presidenza introdurrà il rispetto della sovranità delle nazioni africane e consolidare partenariati basati sulla crescita reciproca e una lettura approfondita del contesto.

Le nazioni africane che si sono liberate dalle catene del colonialismo a partire dagli anni ’50 hanno continuato a resistere alle catene del neocolonialismo che si sta manifestando in vari modi, palesi e occulti. Nonostante sfugga al giogo del colonialismo, l’Etiopia ora lotta con la sua mutazione. In qualità di membro fondatore delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione per l’Unità Africana (ora Unione Africana), l’Etiopia rimane una nazione orgogliosa che, attraverso i suoi figli, figlie e parentela con altre nazioni africane, è determinata ad affrontare le nostre sfide attuali con il resiliente e indomito spirito che definisce questa grande nazione.

Le nazioni in via di sviluppo, come l’Etiopia, si aspettavano che fosse tracciato un nuovo corso nella politica estera degli Stati Uniti, allontanandosi dall’influenza di individui che si sono trincerati nella politica di altre nazioni. Una politica estera che può districarsi dalle decisioni prese sulla base dei politici chiave e delle amicizie di influencer politici con gruppi terroristici belligeranti come il TPLF e le distorsioni narrative delle lobby. Abbiamo visto le conseguenze e le conseguenze di decisioni affrettate e avventate prese da varie amministrazioni statunitensi che hanno lasciato molte popolazioni globali in condizioni più desolate di quanto l’intervento abbia tentato di correggere.

È essenziale sottolineare qui che l’Etiopia non soccomberà alle conseguenze della pressione progettata da individui scontenti per i quali il consolidamento del potere è più importante del benessere di milioni di persone. La nostra identità di etiopi e la nostra identità di africani non permetteranno che ciò avvenga. L’umiliazione che i nostri antenati hanno dovuto affrontare per secoli in tutto il continente non sarà resuscitata in queste terre su cui il verde, i colori dell’indipendenza oro e rosso hanno ispirato molti a lottare con successo per la loro libertà!

Dio benedica l’Etiopia e il suo popolo!

17 settembre 2021

FONTE:

Lascia un commento