Salta al contenuto

Intervista a Sean Jones – USAID Etiopia

Sean Jones ha assunto la guida di USAID Etiopia nel luglio del 2019. USAID Etiopia è una delle più grandi missioni USAID in Africa ed è un paese centrale per le iniziative presidenziali che riguardano HIV e AIDS, malaria, sopravvivenza infantile, crescita agricola, sicurezza alimentare e nutrizione, clima cambiamento ed energia. Il portafoglio della missione ha anche un solido programma di istruzione di base e attività che promuovono il buon governo e prevengono i conflitti.

In precedenza, Sean è stato vice amministratore delegato senior nell’Ufficio per la sicurezza alimentare dell’USAID, che guida l’iniziativa Feed the Future del governo degli Stati Uniti.

Ha parlato con Capital del suo progetto futuro e di come la missione sostiene la lotta alla povertà del Paese.

NOTA: Questa è la traduzione di un’intervista apparsa su Capital del Settembre 2019

FONTE: https://www.capitalethiopia.com/interview/talking-reform/

Sean Jones ha assunto la guida di USAID Etiopia nel luglio del 2019
Sean Jones ha assunto la guida di USAID Etiopia nel luglio del 2019

Capital: Quali sono i tuoi programmi durante il tuo soggiorno?

Sean Jones: Credo che USAID sia qui perché abbiamo cose da offrire. L’America vuole amici e partner come l’Etiopia. Le migliori idee, risorse e parte della nostra capacità di aiutare l’Etiopia in questo periodo storico di cui l’Etiopia ha bisogno in questo momento.

In questo momento ci sono molte riforme in corso che sono più focalizzate sui valori e sui sistemi democratici, quindi il nostro sostegno aiuterà l’Etiopia nelle prossime elezioni sostenendo il consiglio elettorale, vogliamo anche sostenere sostanzialmente e l’agenda di riforma economica del governo in linea con i valori americani dobbiamo anche sostenere le persone che hanno bisogno di assistenza alimentare, assistenza umanitaria e risposta alle crisi.

Capital: quali sono i tuoi piani nel settore sanitario?

Sean Jones: C’è un impegno per fermare la diffusione dell’HIV. Vogliamo anche aiutare ad alleviare la tubercolosi e la malaria, vogliamo continuare che, non stiamo cambiando radicalmente, il nostro livello di investimento per mantenere i guadagni che l’Etiopia ha fatto con l’HIV in particolare, i casi sono diminuiti sostanzialmente grazie all’enorme sostegno e impegno del governo etiope per garantire che il carico di lavoro sia ridotto e identificare nuovi casi molto rapidamente lavorando con le popolazioni interessate.

Capitale: qual è lo stato attuale della tubercolosi nel paese?

Sean Jones: Abbiamo firmato un MOU per continuare a lavorare con il Ministero della Salute. Il sistema sanitario è sufficientemente forte ora, quindi stiamo lavorando con le organizzazioni della società civile.

Capital: Puoi parlarci del programma di riforma della giustizia chiamato FITIH?

Sean Jones: Questo programma aiuta a proteggere i diritti dei cittadini e aggiorna il sistema giudiziario. Stiamo lavorando con il Procuratore Generale e il Ministero della Pace per rafforzare il modo in cui si impegna con il pubblico per rivedere le leggi che potrebbero necessitare di aggiornamento e fornire capacità aggiuntive per avvocati, giudici e pubblici ministeri etiopi. Si concentra sulla creazione di capacità e su come implementare tecnicamente la visione dell’Etiopia.

Capital: come stai aiutando il collegio elettorale?

Sean Jones: Al di fuori del National Electoral Board of Ethiopia (NEBE), stiamo aiutando le organizzazioni della società civile e i cittadini a collaborare con NEBE per fornire consigli su come condurre elezioni libere ed eque.

Capital: Pensa che le elezioni si svolgeranno nei tempi previsti?

Sean Jones: È una decisione del governo, ma vogliamo assicurarci che NEBE sia il più forte possibile per le elezioni. C’è molta organizzazione, molte persone, molte cose devono accadere. NEBE è una parte di questo. L’altro è il governo che garantisce la sicurezza.

Capitale: lavori con il settore privato. Puoi parlarci dell’impianto di lavorazione della carne a Jigjiga.

Sean Jones: Ho appena avuto l’opportunità di parlare con il direttore generale, proprietario e fondatore della fabbrica, l’ha chiusa temporaneamente e vuole avere un altro progetto in quella zona per coltivare cibo per il bestiame. In realtà sta aumentando gli investimenti in quell’area in modo da poter avere una fornitura lunga e consistente per la fabbrica, che è un enorme supporto per il paese e sono orgoglioso che gli investitori che lavorano in quella regione stiano investendo ingenti somme. Più in generale, il nostro investimento nel settore privato è molto importante come adesso, abbiamo avuto un coinvolgimento del settore privato per molto tempo, ma non è stato necessariamente forte come potrebbe essere. Un robusto settore privato farà miracoli per la crescita economica.

Capital: come stai effettivamente aiutando il settore privato?

Sean Jones: In politica stiamo lavorando con i funzionari del governo sulle riforme per aiutare il settore privato. Stiamo lavorando per aiutare gli imprenditori e gli agricoltori ad accedere ai finanziamenti, stiamo anche lavorando con le istituzioni finanziarie in modo che le aziende possano accedere a terra e risorse.

Capital: come sei coinvolto nel settore agricolo?

Sean Jones: Vogliamo aiutare l’Etiopia a fare meno affidamento su fattori esterni per coltivare, produrre e vendere cibo, assicurando al contempo che i raccolti siano sani.

Capital: qual è la tua opinione sui semi ibridi?

Sean Jones: Il governo degli Stati Uniti basa questo sui bisogni del paese, non tutti i paesi desiderano semi ibridi, non tutti i paesi hanno bisogno di semi geneticamente modificati. I nostri programmi funzionano in questo modo, specialmente in Etiopia per cercare di capire di cosa ha veramente bisogno l’Etiopia e fornire quell’assistenza, esperienza in tutto il mondo. Stiamo mobilitando questa esperienza.

Per quanto riguarda l’ibrido o altri tipi di tecnologia delle sementi, crediamo che ogni paese dovrebbe prendere le proprie decisioni in merito a quali tipi di semi, tecnologie e approcci desidera portare al proprio mercato locale.

Capital: Quindi come stai aiutando gli agricoltori a potenziare i loro prodotti?

Sean Jones: Uno sono le varietà di semi. Potrebbero essere semi locali, parassiti che controllano le condizioni meteorologiche e altri parassiti come funghi, o potrebbe essere l’introduzione di semi ibridi che sono al di fuori dell’Etiopia con cui lavoriamo, e quando l’Etiopia sarà pronta, in grado di avere semi prodotti geneticamente o altri tipi di tecnologie di semi lo supportiamo, non stiamo spingendo per farlo in questo momento, vogliamo che gli agricoltori etiopi aiutino ad avere accesso alle varietà di semi.

Capitale: aiuti a creare alcuni negozi di semi e questi negozi vendono solo i tuoi prodotti che provengono direttamente da te. USAID li finanzia?

Sean Jones: Quindi non è esatto. Apprezzo che perché posso aiutare a correggerlo, siamo entrati in società con una società chiamata Dow DuPont che ha cambiato il loro nome in Corteva, quello che abbiamo fatto è stato introdurre decine di migliaia di agricoltori a nuovi prodotti che sono stati legalmente portati da questa società e anche altre società. Non li abbiamo finanziati, questo viene fatto dal settore privato, li abbiamo incoraggiati a utilizzare prodotti migliori.

Capital: non è possibile che diventino dipendenti da determinati fertilizzanti?

Sean Jones: Questo è vero in generale, non è specifico di Corteva, se la tecnologia dei semi ha diritti di brevetto e molta tecnologia dei semi non germina ogni anno, è vero. Penso che sia la decisione degli agricoltori se possono continuare o utilizzare semi locali, anche varietà ibride, dove germinano ogni anno. Possono vedere una maggiore resa di produzione e un più alto tasso di protezione nella loro agricoltura.

Capital: cosa stai facendo per aiutare l’Etiopia nella sua riforma economica?

Sean Jones: Questa è una nuova area nel nostro programma di assistenza in Etiopia, ancora una volta siamo davvero orgogliosi di essere invitati a fornire assistenza al Ministero delle Finanze, al Primo Ministro e alla Banca Centrale. Abbiamo portato un economista molto famoso e firmato un contratto di tre anni e il suo team dall’Università di Harvard per fornire consigli alle persone molto capaci qui, il popolo etiope sta guidando questo sforzo di riforma, è venuto a fornire valutazioni e diagnosi. In particolare è un periodo critico per l’Etiopia e l’economia etiope.

Capital: come possiamo essere sicuri dei loro consigli?

Sean Jones: Non sono venuti e hanno iniziato a offrire consigli per loro; ci sono anche un gruppo di squadre etiopi che viaggiano qui e tornano all’Università di Harvard negli Stati Uniti. Danno consigli considerando prospettive globali e portano alcune delle migliori idee. È una conversazione tra persone davvero brillanti lì ad Addis Abeba che guidano le riforme e persone di Harvard.

Capitale: c’è qualcosa che vuoi aggiungere?

Sean Jones: Abbiamo molti progetti incentrati sull’aiutare il popolo etiope, una cosa dell’USAID è che siamo invitati qui e siamo orgogliosi di essere un partner del popolo e del governo.

Lascia un commento