Salta al contenuto

Come il Conflitto in Etiopia Ha Colpito l’Agricoltura Nel Tigray

Questo è la traduzione di un recente articolo scritto e pubblicato dal Professor Jan Nissen, il dottorando Emnet Negash e la ricercatrice Sofia Annys: un approfondimento rivolto all’agricoltura in relazione alla guerra in Tigray ed alle conseguenze per il lavoro degli agricoltori e la sussitenza di tutte le famiglie e le persone coinvolte.

FONTE: https://theconversation.com/how-ethiopias-conflict-has-affected-farming-in-tigray-166229

Davide Tommasin


Da quando sono scoppiati i combattimenti nel novembre 2020 tra il governo regionale del Tigray e l’esercito etiope, il conflitto ha devastato la vita delle persone che vivono nello stato del Tigray. Sono state documentate oltre 9.500 morti civili , molte delle quali non sono state registrate . Inoltre, circa 2 milioni di persone sono state sfollate e almeno 400.000 sono ora in carestia.

 Nel nord dell'Etiopia, i contadini usano comunemente un aratro a un dente trainato da buoi chiamato mahrasha. Foto di: Edwin Remsberg/VWPics/Universal Images Group via Getty Images
Nel nord dell’Etiopia, i contadini usano comunemente un aratro a un dente trainato da buoi chiamato mahrasha. Foto di: Edwin Remsberg/VWPics/Universal Images Group via Getty Images

Situato nella periferia settentrionale dell’Etiopia, circa il 75% dei 5,7 milioni di abitanti del Tigray sono agricoltori. La maggior parte delle persone che vivono lì dipendono dai raccolti locali per sopravvivere. Si prevede che quest’anno ci sarà una domanda ancora maggiore di raccolti locali perché milioni non possono essere raggiunti con gli aiuti e il raccolto dell’anno scorso è in gran parte fallito .

Quindi, abbiamo deciso di sapere qual è lo stato dell’agricoltura nel Tigray. Eravamo preoccupati che, a causa della guerra, l’aratura e la semina potessero non avvenire in tempo o del tutto.

Il periodo di crescita del Tigray è generalmente lungo da 90 a 120 giorni, a seconda delle condizioni meteorologiche nelle diverse aree. Questo si estende da giugno a settembre. La preparazione del terreno (aratura) avviene solitamente tra marzo e luglio.

Abbiamo indagato a distanza sullo stato dell’aratura perché, a causa della guerra, non potevamo essere presenti a terra. I nostri principali strumenti di ricerca erano le immagini satellitari e le comunicazioni telefoniche. Questo studio ha riguardato marzo fino all’inizio di giugno 2021.

Purtroppo, i nostri risultati hanno rivelato una situazione dolorosa in cui gli agricoltori cercano di coltivare, ma hanno perso molti dei loro beni e temono per la loro vita. Le condizioni di guerra hanno reso l’aratura molto impegnativa poiché i buoi, utilizzati per arare i terreni agricoli, sono stati saccheggiati e deliberatamente uccisi. Inoltre, non c’era quasi alcun accesso agli input agricoli come sementi e fertilizzanti, mentre gli attrezzi agricoli sono stati distrutti dai soldati etiopi ed eritrei.

La distruzione mirata della base economica del Tigray, in particolare del settore agricolo, è stata inquadrata come un tentativo deliberato di far morire di fame il Tigray .

Coltivazione nel Tigray

La coltivazione del raccolto nel Tigray ha una lunga storia poiché l’agricoltura stabilizzata è iniziata più di 3000 anni fa. Ciò si riflette nell’elevata diversità delle colture della regione, comprese le colture endemiche, come il famoso cereale tef. Nel complesso, gli agricoltori hanno piccoli appezzamenti (meno di un ettaro in totale). Coltivano principalmente colture di sussistenza su terreni alimentati dalla pioggia e colture da reddito su terreni irrigati in stretti fondi di valli fluviali.

I metodi di coltivazione sono per lo più tradizionali ea basso costo, ma efficaci. Gli aratri trainati da buoi (o mahrasha ) sono ampiamente utilizzati per dissodare il terreno , i semi vengono seminati principalmente a mano e la maggior parte delle colture dipende interamente dalle precipitazioni senza irrigazione supplementare.

Gli agricoltori del Tigray si sono molto modernizzati negli ultimi decenni: usano fertilizzanti minerali e sementi selezionate e la consulenza è fornita principalmente dall’Ufficio dell’Agricoltura.

Nel complesso, abbiamo scoperto che le condizioni delle precipitazioni all’inizio del 2021 erano favorevoli a una normale stagione di semina. Tuttavia, abbiamo confrontato le fotografie a volo d’uccello con le immagini storiche di Google Earth e abbiamo visto che all’inizio di maggio, rispetto agli anni precedenti, erano state arate meno terre coltivate.

Per capire meglio perché questo stava accadendo, abbiamo utilizzato 17 interviste telefoniche con testimoni chiave, tutti con una buona esperienza nel settore agricolo del Tigray e con forti reti.

Sfide per l’agricoltura

Sono state fornite diverse ragioni chiave per la mancata preparazione della terra.

In molti casi, i soldati – per lo più citati erano soldati eritrei che erano entrati nel Tigray come alleati delle forze etiopi – non permettevano ai contadini di arare la loro terra. Hanno detto agli agricoltori: “siamo qui a combattere per morire e tu vuoi arare?”

Un’altra ragione era che i giovani, che di solito facevano la maggior parte del lavoro di aratura, se ne andarono per paura di essere uccisi. Alcuni sono diventati combattenti.

Avendo sperimentato atrocità, molti giovani tigrini si sono sentiti in dovere di unire le forze . Un testimone ha detto:

Il numero di giovani che si uniscono alle forze di difesa del Tigray per famiglia può variare in base a ciò che è accaduto nei loro dintorni (in particolare massacri, stupri e distruzioni). In un villaggio che conosco bene, quasi tutti i giovani si sono uniti dopo aver assistito all’uccisione indiscriminata di 13 persone.

Anche se agli agricoltori fosse “consentito” di coltivare, l’assenza di attrezzi agricoli e input è stata spesso citata come una delle principali sfide. Un esperto agrario di Mekelle ha detto che:

La maggior parte dei buoi è stata macellata o saccheggiata da soldati etiopi ed eritrei. I soldati eritrei non solo vietano agli agricoltori di arare, ma hanno anche bruciato e distrutto i loro attrezzi agricoli.

E un membro dello staff dell’Università di Mekelle ha detto che:

Non ci sono input agricoli (sementi e fertilizzanti) disponibili e sono stati prelevati molti buoi (senza i quali l’aratura è impossibile).

Anche chi allevava è cambiato. Gli agricoltori temevano di essere uccisi durante l’aratura. Ci è stato detto che, in alcuni luoghi, durante il giorno, anziani, donne e bambini lavoravano nelle terre. Gli uomini adulti lavoravano di notte e rimanevano nel villaggio durante il giorno perché erano un obiettivo dell’esercito etiope e sostenevano le forze eritree.

Spero ancora, ma…

Gli agricoltori sono in ritardo con la preparazione della terra, ma a giugno la maggior parte delle aree rurali è passata sotto il controllo delle forze del Tigray . Ciò significava che gli agricoltori potevano ricominciare a lavorare sulla loro terra. I mercati rurali, dove gli agricoltori acquistavano o scambiavano semi, prosperavano.

Nonostante le condizioni difficili, nei mesi di giugno e luglio è stato fatto un grande sforzo per preparare i terreni alle colture. Un’analisi delle immagini True Color Composite (combinando le bande rosse, verdi e blu delle immagini satellitari Sentinel ) ha mostrato che, a giugno, la maggior parte dei terreni agricoli era stata coltivata almeno una volta: la quota di terra oscura esposta era simile a quella del 2019 o 2020 .

Ma questo non era uniforme in tutta la regione. Il Tigray occidentale, ad esempio, rimane occupato dalle forze speciali e dalle milizie di Amhara . La maggior parte dei terreni agricoli non è stata coltivata e, nelle immagini satellitari, molti mostrano il tipico colore rossastro del sorgo non raccolto dell’anno scorso.

Abbiamo comunque speranza per molti agricoltori. I sistemi di agricoltura dei piccoli proprietari del Tigray sono resistenti. Dalle interviste, abbiamo appreso che gli agricoltori si sono adattati passando a colture che richiedono una gestione minima e a varietà locali di cereali a crescita rapida. I cereali richiedono meno presenza umana nei campi (rispetto ai pomodori o alle cipolle per esempio), quindi meno rischi per i contadini di incontrare soldati e di essere uccisi.

Tuttavia, per molti l’ultimo cibo che la gente aveva a portata di mano è stato consumato e il prossimo raccolto sarà solo a novembre. E leggiamo che una nuova infestazione di locuste è minacciosa.

Mentre era in una situazione di insicurezza alimentare minima prima della guerra, la maggior parte del Tigray è ora entrata in condizioni di emergenza e carestia. Ciò corrisponde ad almeno due morti per fame ogni 10.000 abitanti al giorno nelle zone colpite dalla carestia.

Con attualmente un magro 10% dell’aiuto alimentare richiesto che arriva nel Tigray , è imperativo che vengano revocati tutti i blocchi di aiuti sul Tigray .

Lascia un commento