Salta al contenuto

È imminente un colpo di stato in Etiopia?

FONTE: https://www.aei.org/op-eds/is-a-coup-in-ethiopia-imminent/

19 luglio 2021

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed era una volta l’onore della comunità internazionale. Era giovane, parlava il linguaggio della democrazia ed era disposto a invertire la politica di lunga data per porre fine al conflitto di confine con l’Eritrea. Nel 2019, ha portato a casa il Premio Nobel per la pace per i suoi sforzi.

Oggi è un Nobel imbarazzante.

Abiy Ahmed Ali - colpo di stato Etiopia
Abiy Ahmed Ali – Etiopia

Il 18 luglio 2021, il suo ufficio ha rilasciato una dichiarazione con il tipo di incitamento etnico che avrebbe fatto arrossire gli hutu génocidaires del Ruanda: si riferiva ai tigrini etiopi come “il cancro dell’Etiopia” e ha invitato tutti gli etiopi a “rimuovere l’erba invasiva”. Organizzazioni per i diritti umani e giornalisti affermano che sta sistematicamente cercando di far morire di fame la provincia del Tigray e ha iniziato a chiudere o sequestrare attività di proprietà del Tigray. In effetti, questo replica ciò che il defunto dittatore ugandese Idi Amin fece una volta con la popolazione di etnia indiana del suo paese. Sia la guerra che lo sconvolgimento economico interno hanno indebolito la già debole economia dell’Etiopia.

Abiy Ahmed - incitamento odio tenico Tigray
Abiy Ahmed – incitamento odio tenico Tigray

Rashid Abdi, uno degli analisti più perspicaci e perspicaci dell’Africa orientale, ora riporta via Twitter: “Le ambasciate ad Addis [Ababa] stanno preparando piani di emergenza per trasferirsi a Nairobi nel caso in cui la situazione si deteriori nelle prossime settimane. Si temeva il collasso economico e finanziario”. Ha citato un analista secondo cui le prospettive di un colpo di stato interno sono molto alte.

Uno scenario del genere non è inverosimile. Nelle elezioni del mese scorso, secondo quanto riferito, il partito di Abiy ha vinto 410 seggi su 436 . Il Dipartimento di Stato, tuttavia, ha definito l’elezione “difettosa” e gli osservatori delle elezioni internazionali hanno rifiutato apertamente di definire le urne libere ed eque. La maggior parte dell’opposizione resta in carcere. La riconquista da parte delle forze di difesa del Tigray della capitale della provincia del Tigray, Mekelle, dopo che Abiy ha affermato la vittoria, è un imbarazzo che Abiy non può nascondere. Né, anche con lo stretto controllo che il regime di Abiy ha sui media, può nascondere le immagini di migliaia di soldati etiopi che sfilavano per la capitale come prigionieri .

Questo crea una tempesta perfetta per Abiy. Il governo vuole un capro espiatorio per il loro fallimento e i massimi generali potrebbero prendere di mira Abiy anche solo per prevenire il primo ministro che li prende di mira. Né il Tigray è l’unica insurrezione che l’Etiopia deve ora affrontare. Allo stesso tempo, l’ implosione della economia dell’Etiopia significa che Abiy è emorragia il supporto di etiopi ordinari nella capitale e in tutto il paese. Mentre il Birr etiope è ufficialmente 44 per il dollaro USA, viene scambiato nella città di confine tra Etiopia e Somalia di Wajaale a 61 per dollaro, un calo del 38%.

L’arroganza di Abiy nei confronti degli altri leader africani e dell’Unione africana significa che, sebbene nessuno si preoccupi del precedente di un violento rovesciamento, nessuno intercederebbe se i membri dello stesso entourage di Abiy lo mettessero da parte. Il cambio di regime in Etiopia sarà interno e potrebbe probabilmente avvenire nel giro di settimane anziché di anni. Speriamo che la Casa Bianca e il Dipartimento di Stato non siano addormentati al passaggio e che il Pentagono stia già considerando come realizzare un’operazione di evacuazione non combattente per le decine di migliaia di cittadini americani che chiamano l’Etiopia casa.

Lascia un commento