Salta al contenuto

Tigray : Ipotesi di Utilizzo di Armi Chimiche

Esclusivo: gli etiopi subiscono terribili ustioni in sospetti attacchi di fosforo bianco

Esperti di armi hanno detto che le immagini ottenute dal Telegraph mostrano lesioni coerenti con la sostanza chimica.

(articolo di Will Brown e Lucy Kassa per il Telegraph)

 Kisanet Gebremicheal ha solo 13 anni e soffre di un immenso dolore per le ustioni
Kisanet Gebremicheal ha solo 13 anni e soffre di un immenso dolore per le ustioni

I civili nel nord dell’Etiopia hanno subito orribili ustioni coerenti con l’uso del fosforo bianco, un potenziale crimine di guerra, ha pubblicato il Telegraph.

Filmati esclusivi e resoconti di testimoni, vittime portati fuori dalla guerra nel Tigray suggeriscono che gli eserciti etiope ed eritreo potrebbero aver usato potenti armi incendiarie in aree civili.

I principali esperti di armi chimiche hanno affermato che il filmato è coerente con il fosforo bianco, di cui è vietato l’uso contro obiettivi umani ai sensi del diritto internazionale.

Tra le vittime c’è Kisanet Gebremicheal, una ragazza di 13 anni del villaggio di Adi’ayqoro nel Tigray centrale che ha subito ustioni agonizzanti quando la sua casa è stata attaccata il 20 aprile.

“Un’arma pesante ha colpito la casa e il fuoco è caduto dal tetto”, ha detto al telefono tra i singhiozzi. “Mi ha bruciato immediatamente. Aveva odore di polvere da sparo. “

Le riprese scattate in ospedale poco dopo che la signora Gebremicheal è arrivata al centro medico e mostrano la sua pelle scura completamente bruciata dalle braccia, dalle gambe, dal viso e dalle mani: tutto ciò che resta è una pasta bianca e rossa di carne e grasso.

“Oh, il mio cuore. Cos’è questo?’

“Oh, il mio cuore. Oh, che diavolo è questo? Oh mamma, ”geme mentre le infermiere avvolgono il suo corpo bruciato e infetto il più delicatamente possibile. Ma la morfina non funziona più, quindi anche il tocco morbido di sua madre è un’agonia.

Anche il tocco gentile della madre di Kisanet, Genet Asmelash, la lascia in un dolore straziante
Anche il tocco gentile della madre di Kisanet, Genet Asmelash, la lascia in un dolore straziante

Il fosforo bianco è una sostanza chimica che prende fuoco se esposto all’aria e brucia a più di 2.700 gradi Celsius. Come il napalm usato nella guerra del Vietnam, si auto-ossida, il che significa che è quasi impossibile spegnerlo una volta che tocca la pelle umana.

La sostanza chimica incendiaria si trova in una zona grigia legale. Può essere utilizzato legalmente per illuminare il campo di battaglia di notte o per fornire cortine fumogene tattiche. Ma il suo uso contro le persone può essere classificato come un crimine di guerra secondo le Convenzioni di Ginevra delle Nazioni Unite.

“Queste orribili ferite sembrano molto simili alle ferite che ho visto sulle vittime nel nord-est e nel nord-ovest della Siria. Sembrano ferite causate dal fosforo bianco “, ha detto Hamish de Bretton-Gordon, ex comandante del reggimento congiunto chimico, biologico, radiologico e nucleare del Regno Unito.

“Il fosforo bianco è stato utilizzato in Siria come dispositivo incendiario per incendiare città e villaggi e per cacciare i civili fuori dalle aree che l’esercito siriano voleva catturare. È stato molto efficace.

“L’ONU e altri organismi sono stati chiamati a indagare. Ma nessuno lo avrebbe fatto, e nessuno ne ha condannato l’uso perché è molto difficile dimostrare che è stato usato con “intenti” contro le persone “.

“A causa di questa inerzia, mi aspetto che ogni dittatore e stato canaglia credesse di poter usare queste munizioni orribilmente efficaci impunemente. E questo sembra essere il caso del Tigray”, aggiunge il signor de Bretton Gordon, autore di ‘Chemical Warrior’.

Le immagini arrivano sei mesi dopo che il primo ministro etiope Abiy Ahmed, vincitore del premio Nobel per la pace, e il dittatore totalitario dell’Eritrea Isias Afwerki hanno lanciato una massiccia offensiva per distruggere il TPLF, il potente partito al potere nel Tigray, territorio montuoso dell’Etiopia.

Da novembre, migliaia se non decine di migliaia di persone sono state uccise nel conflitto , che ha spinto gran parte della regione alla carestia. L’accesso limitato per giornalisti e ricercatori sui diritti umani e i blackout periodici delle comunicazioni rendono difficile verificare un’ondata di racconti di crimini di guerra, pulizia etnica e stupri di gruppo emersi dal conflitto.

‘Tutto tranne i miei capelli stava bruciando’

Genet Asmelash, la madre di Kisanet Gebremicheal, dice che le sue due figlie stavano lavorando nella casa di famiglia il 20 aprile quando l’arma pesante è esplosa sopra di loro.

È noto che le truppe eritree impediscono agli aiuti alimentari di raggiungere i civili nell’area del Tigray centrale dove vivono. La sig.ra Asmelash ha detto che non ci sono stati combattimenti nella zona ed era giorno quando la granata ha colpito.

“C’era un cattivo odore, qualcosa che soffoca … qualcosa come un veleno o una sostanza chimica. Era come una nuvola e non riuscivo a vedere la casa. “

C’erano fumo e fuoco dappertutto immediatamente, ha spiegato, aggiungendo che era troppo scioccata per tornare di corsa in casa per salvare le sue figlie.

Vicino al letto d’ospedale della ragazza nella capitale regionale del Tigray, Mekele, giace un’altra vittima: un giovane con orribili ustioni che gli coprono il viso, le mani, le braccia e le gambe. Il diciottenne Yemane Weldemicheal proviene da un’area completamente diversa, un villaggio di nome Adi Woluwo nel Tigray orientale.

“Era il 9 aprile. Ero solo seduto nella mia casa, che è fatta di pietra e fango. Un’arma pesante atterrò improvvisamente nella casa.

“Aveva un odore soffocante. Ha acceso un fuoco all’interno della casa. Immediatamente stavo bruciando. Tutto tranne i miei capelli stava bruciando”, ha detto al Telegraph.

Il signor Weldemicheal dice che sia i soldati eritrei che quelli etiopi avevano il controllo dell’area quando è stato colpito, e non c’erano combattimenti in corso.

Il personale medico afferma di aver visto più bambini vittime e di sospettare che molti altri siano morti per le ferite prima di superare i blocchi stradali militari verso la capitale regionale.

“Questo potrebbe facilmente essere il risultato di una munizione al fosforo bianco. È possibile che munizioni ad alto potenziale esplosivo abbiano causato alcuni incendi. Ma questa sembra più un’arma incendiaria come il fosforo bianco “, ha detto Dan Kaszeta, uno specialista chimico e biologico presso il Royal United Services Institute, un think tank della difesa.

L’Etiopia è firmataria della Convenzione sulle armi chimiche, che vieta l’uso di armi come il gas mostarda, mentre l’Eritrea no. Nessuno dei due paesi ha firmato la Convenzione su alcune armi convenzionali, che vieta l’uso di armi incendiarie come il fosforo bianco sulle persone.

Il Telegraph ha chiesto un commento ai governi etiope ed eritreo. Nessuno dei due ha risposto.

FONTE: https://www.telegraph.co.uk/news/2021/05/23/exclusive-ethiopians-suffer-horrific-burns-suspected-white-phosphorus/

Lascia un commento