Salta al contenuto

Tigray: Suora Etiope parla degli Stupri Come Arma di Guerra

Lo stupro è usato come arma di guerra in Etiopia, affermano i testimoni

Una suora etiope parla dell’orrore diffuso che lei e i suoi colleghi vedono quotidianamente nella regione fortemente isolata del Tigray.

Migliaia di donne e ragazze sono state prese di mira dalla tattica deliberata di usare lo stupro come arma nella guerra civile scoppiata in Etiopia , secondo testimoni oculari.

Tigray - suora parla di stupro come arma di guerra
Tigray – suora parla di stupro come arma di guerra

In un raro resoconto dall’interno della regione fortemente isolata del Tigray, dove le comunicazioni con il mondo esterno sono state deliberatamente interrotte, una suora etiope ha parlato dell’orrore diffuso che lei ei suoi colleghi vedono quotidianamente da quando è scoppiata una guerra selvaggia sei mesi fa.

“Lo stupro inizia all’età di 8 anni e fino all’età di 72 anni. Molti, molti sono stati violentati. È successo tutto così in fretta ”, ha detto la donna, che non può essere nominata per proteggere la sua sicurezza ma lavora nella regione. “È così diffuso che continuo a vederlo ovunque, a migliaia. Questo stupro è in pubblico, davanti alla famiglia, ai mariti, davanti a tutti. Le loro gambe e le loro mani sono tagliate, tutte allo stesso modo. “

L’area settentrionale dell’Etiopia, che ospita 5,6 milioni di persone, è stata tormentata dalla guerra civile da quando il premio Nobel per la pace, il primo ministro, Abiy Ahmed, ha inviato l’esercito per estromettere il potente governo regionale (TPLF) il 4 novembre. Alle forze si unirono le truppe eritree, alleate del governo di Ahmed, nella lotta contro il TPLF – Fronte di liberazione popolare del Tigray. Il conflitto ha provocato lo sfollamento interno di migliaia di persone e la fuga di oltre 63.000 nelle regioni confinanti del Sudan orientale.

Sfollati in Tigray - abbandonati a se stessi
Sfollati in Tigray – abbandonati a se stessi

“Per noi è così scioccante. Così improvviso. Abbiamo una vita normale, le cose stanno migliorando, centri sanitari, vite e programmi educativi “, ha detto. “Allora, come se in un giorno, c’è una guerra a tutti gli effetti. Negli ultimi tre mesi stiamo cercando di nutrire 25.000 sfollati … alcuni sono a 120 km da Mekelle.“

[Lo stupro sta accadendo] ovunque ci siano truppe eritree o etiopi. Tragico. Ogni singola donna. Non solo una volta. È intenzionale; è intenzionale. Sono sicuro in questo da quello a cui sto assistendo. Circa 70.000 civili sono sotto attacco. Così tanti saccheggi, combattimenti, stupri. Tutti contro i civili. La brutalità, gli omicidi, le molestie.“

Questa regione è stata chiusa. Tagliato fuori da tutto il supporto che le persone meritano. Siamo isolati, soli, trascurati. I giovani sono così spaventati. “

Il conflitto ha gettato ulteriormente la regione in una grave insicurezza alimentare e un deliberato blocco militare del cibo rischia la fame di massa, ha avvertito un recente rapporto della World Peace Foundation . Almeno 5,2 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari.

L’ONU ha confermato che le forze militari stanno impedendo l’accesso umanitario a parti del Tigray e ci sono state segnalazioni di forze militari dall’Eritrea che lavorano con gli etiopi per tagliare le rotte critiche degli aiuti.

Nella prima dichiarazione delle Nazioni Unite che conferma che gli aiuti non arrivavano alle persone, il portavoce del segretario generale, Stéphane Dujarric , ha affermato mercoledì che “i blocchi delle forze militari” avevano impedito agli aiuti umanitari di raggiungere le aree in cui le persone erano più bisognose e che il la situazione era “fluida e imprevedibile”.

“Dei 3 MILIONI di persone destinate a ricevere ripari di emergenza e articoli non alimentari, solo 347.000 persone – cioè circa il 12% – erano state raggiunte dal 3 maggio. Con l’inizio della stagione delle piogge, i nostri colleghi umanitari avvertono che è fondamentale che le agenzie umanitarie possano fornire un rifugio dignitoso minimo per gli sfollati”, afferma il comunicato.

Laetitia Bader, direttrice del Corno d’Africa presso Human Rights Watch, ha affermato che l’interruzione delle comunicazioni in tutta la regione sta ostacolando gli sforzi per documentare ciò che sta accadendo nel Tigray.

“Dall’inizio di questo conflitto, le parti in conflitto si sono prodigate per rendere estremamente difficile documentare in tempo reale le violazioni dei diritti umani e la situazione umanitaria. Nelle ultime tre settimane, con la chiusura di Internet, è diventato impossibile “.

Il capo della commissione per i diritti delle donne al Parlamento europeo, Evelyn Regner, ha chiesto questa settimana che gli autori siano chiamati a rendere conto della diffusa violenza sessuale usata come arma di guerra nel Tigray, dicendo che non si è imparato niente dal genocidio ruandese e dai crimini di guerra in Bosnia-Erzegovina.

“La violenza sessuale contro donne e ragazze è stata usata come arma di guerra per secoli. Sfortunatamente, è ancora così in molti conflitti in tutto il mondo e la guerra civile nel nord dell’Etiopia ne è un altro esempio. Più di 500 donne hanno formalmente denunciato violenze sessuali, ma il bilancio dovrebbe essere molto più alto

ha detto.

“La violenza sessuale e lo stupro devono essere condannati e affrontati dai leader di tutto il mondo, come ha già fatto il presidente Biden. Queste atrocità devono finire e i soldati, così come i loro comandanti, coinvolti in questi atti devono essere condannati “.

Magnus MacFarlane-Barrow, responsabile dell’organizzazione benefica britannica Mary’s Meals, che ha lanciato un appello di emergenza per il Tigray, ha dichiarato:

“Il deterioramento della situazione umanitaria nel Tigray è terrificante. Sarebbe difficile esagerare l’acuta sofferenza delle persone presenti e quanto desolante sia il loro futuro. Il mondo potrebbe essere comprensibilmente distratto dalla pandemia in questo momento, ma sicuramente non possiamo semplicemente voltare le spalle a questa enorme catastrofe umana.”

La suora ha detto al Guardian:

“Tutti nel mondo dovrebbero condannare l’uccisione di civili. Persone che devono lasciare le loro case amate e la violenza sessuale… così tante donne e ragazze violentate.

Vorrei dire al mondo: non devono aspettare un altro secondo. Tutti nel mondo devono agire, devono condannare questo “.

FONTE: https://www.theguardian.com/global-development/2021/may/14/rape-used-as-weapon-war-tigray-ethiopia-witnesses

Lascia un commento