Salta al contenuto

Etiopia: Abiy parlerà? Di Bakri Bazara

Last updated on 21 Maggio 2021

Questa è la traduzione di un articolo scritto da Bakri Bazara e pubblicato su Borkena che è un organo di propaganda della dirigenza Amhara.

Tra le righe è un messaggio diretto rivolto al Premier Abiy: le alte sfere Amhara oggi alleate ed al fianco politico del governo Abiy, sembra stiano preparando il terreno per farsi spazio alla prima occasione.

Purtroppo il pensiero e le parole usate gettano un velo di mistificazione che un lettore poco attento o non conoscitore della situazione attuale in Tigray potrebbe anche prendere per vere: personalmente l’ho voluto pubblicare perchè bisogna conoscere l’avversario e le sue armi: le parole in questo caso sono micidiali.

Personalmente mi dissocio totalmente dal contenuto del seguente articolo. D.T.

“Sebbene Abiy sia colpevole di parte dell’attuale caotica situazione politica in Etiopia, la maggior parte dei problemi politici esistenti sono un’eredità dei governi precedenti”.

Bakri Bazara
Autire: Bakri Bazara

I riflettori sono puntati sul primo ministro, Abiy Ahmed. È stato oggetto di critiche mosse contro di lui dai detrattori interni. Sul piano interno, è stato denunciato per il deterioramento della situazione della sicurezza. Abiy è il capro espiatorio su cui vengono attribuite tutte le colpe degli attuali problemi politici? Sembra di sì, e alcune dei rimproveri sono ingiustificati.

Sebbene Abiy sia colpevole di parte dell’attuale caotica situazione politica in Etiopia, la maggior parte dei problemi politici esistenti sono un’eredità dei governi precedenti.

Una cosa che non dobbiamo dimenticare è che l’Etiopia ha sempre avuto problemi di sicurezza. Storicamente, lo stato è stato sfidato da regioni irrequiete che non erano suscettibili di controllo centrale. A partire da Tewdros che aveva l’ambizione di portare le diverse comunità etniche sotto un unico dominio centrale, tutti i leader che ne seguirono dovettero lottare con sacche di resistenza al governo centrale. Questo è stato il caso di tutti i governi precedenti dai tempi di Tewdros. In precedenza, i signori della guerra si sono dati da fare per sette decenni (Zemane Mesafint) combattendosi per espandere i loro territori e ottenere il potere egemonico. Fino a quando Tewdros non è salito al potere, nessuno di quei signori della guerra è riuscito ad avere un potere egemonico sugli altri.

La seconda cosa che dobbiamo ricordare è che la sicurezza era già compromessa durante la regola EPRDF / TPLF. Allora si stavano verificando scontri etnici e religiosi, la maggior parte dei quali istigati dal TPLF, e ogni volta o ovunque accadessero, praticamente chiudevano un occhio.

È vero che sotto la sorveglianza di Abiy la situazione generale della sicurezza in Etiopia si è deteriorata. I conflitti etnici hanno preso piede, specialmente nelle regioni di Amara, Oromo e Beni-shangul-Gumuz. L’aumento dello sciovinismo etnico e religioso in quelle regioni è scoraggiante. Le atrocità da tutte le parti sono state compiute senza pietà e senza sosta. Non ci sono indicazioni che il caos stia diminuendo o cessando. Purtroppo, quei conflitti etnici e religiosi hanno causato uccisioni di massa di civili innocenti e sfollato molte famiglie che vivono nella zona da generazioni.

Abiye come capo di stato avrebbe potuto fare di più per rafforzare la sicurezza nel paese, ma non l’ha fatto, per qualche motivo. Tuttavia, si ipotizza che Abiye possa essere stato sopraffatto dall’aumento dei problemi che si sono verificati in tutto il paese. Sembra che non abbia i mezzi per affrontare tutti quei problemi.

Ci sono un certo numero di cose che accadono simultaneamente che hanno rappresentato una sfida per lo stato. In primo luogo, c’è la missione di “legge e ordine” nel Tigray, che si sta dimostrando più una campagna contro-insurrezione che uno sforzo di applicazione della legge. Inizialmente pensata per essere un’operazione militare di breve durata, è ora al suo sesto mese e sembra che il conflitto militare con il TPLF difficilmente si fermerà presto. Il governo etiope è deciso a reprimere l’insurrezione nel Tigray e ha portato avanti la missione militare fino a raggiungere l’obiettivo di sconfiggere i ribelli. Per quanto tempo continuerà la controinsurrezione e se sarà completamente annientata, nessuno sa. Nel frattempo, le ramificazioni di questa controinsurrezione sui civili del Tigray si stanno facendo sentire e non c’è fine in vista.

In secondo luogo, l’ala armata dell’Oromo Liberation Front (OLF), il gruppo militante noto come Shanay, sta causando il caos nella regione di Oromia. Hanno preso di mira le minoranze nella loro regione, principalmente Amaras, compiendo feroci attacchi contro civili innocenti di Amara. Ci sono state uccisioni di massa sistematiche e sgomberi forzati. Questi incidenti sono aumentati negli ultimi tempi, forse a causa della percezione che la Difesa nazionale etiope sia fuori campo e che la sua capacità di combattere due o più ribelli alla volta sia limitata. Shanay potrebbe anche pensare che questo sia un momento opportuno per intensificare i loro attacchi terroristici contro le minoranze civili nella loro regione e le attività militari contro lo stato al fine di sventare le prossime elezioni nazionali.

Avere il monopolio del potere coercitivo – avere il potere di far rispettare le leggi dello stato e garantire la sicurezza dei cittadini – è una funzione sine qua non dello stato. Sfortunatamente, lo Stato non è riuscito a fornire questa funzione di base. Parte delle ragioni per cui lo stato non è in grado di proteggere completamente il paese, senza tenere conto degli antecedenti storici che hanno portato al conflitto etnico, è proprio la debolezza dello stato.

Il partito al potere, il partito della prosperità, è debole. È gravato da problemi interni, principalmente nell’incapacità di Abiye di consolidare il suo potere e portare a bordo tutti o membri di maggioranza del partito dietro la sua visione che sottolinea l’unità dell’Etiopia. Alcuni degli Oromos all’interno del partito della prosperità sono stati più espliciti nel tentativo di soffocare la narrativa di Abiy su ciò che dovrebbe essere l’Etiopia e promuovere la propria narrativa etno-nazionalistica con il sogno di controllare lo stato o l’autonomia attraverso una Federazione a base etnica con possibilità di secede, come previsto dall’attuale costituzione. Finora, la narrazione di Abiy di un’Etiopia unificata che trascende la politica etnica sembra prendere piede e sopraffare la narrativa in competizione di alcuni degli Oromos nel partito della prosperità.Solo il tempo lo dirà se Abiy sarà in grado di portare tutti o la maggior parte degli Oromos del suo gruppo ad allinearsi dietro di lui. Si spera, però, che non vada nella direzione opposta e si allinei con i nazionalisti oromo. Se ciò accadrà, sarà la cosa che spezza il cuore che la maggior parte degli etiopi pregherà non accada.

È molto probabile che le elezioni nazionali si svolgano il 5 giugno. Due dei principali partiti oromo avevano annunciato di non partecipare alle elezioni. È probabile che le elezioni di giugno si terranno senza di loro. È probabile che Abiy vinca e che l’opposizione protesti con veemenza e condanni il processo elettorale come truccato. La maggior parte degli etiopi che vogliono trascendere un ordine politico basato sull’etnia non sarebbero troppo preoccupati per possibili irregolarità nel conteggio dei voti o nel processo elettorale in generale. Vogliono solo vedere Abiye in una posizione di leadership e proteggere il paese dalla disintegrazione. Gli etiopi progressisti hanno ancora fiducia in Abiye, fanno affidamento su di lui per unire il Paese e farli uscire da un ordine politico basato sull’etnia. Ma ancora più importante,sono interessati a vedere Abiye alla guida del potere e usare il potere coercitivo dello Stato per inseguire gruppi armati che hanno compiuto attacchi terroristici contro civili e assicurarli alla giustizia o, se resistono, eliminarli.

Nonostante la mancanza di fiducia in Abiy da parte di alcuni etiopi, che lo vedono come un uomo volubile che lavora di nascosto per responsabilizzare Oromos, gli etiopi progressisti sono disposti a concedergli il beneficio del dubbio e ad attenersi a lui per unire il paese e attuare le riforme necessarie.

Realizzare riforme profonde in uno stato è un compito monumentale e richiede molto tempo e impegno. L’attuale partito al governo, il partito della Prosperità, è fondamentalmente come il vecchio EPRDF, gli apparati del partito sono trincerati e continuano a funzionare negli stessi vecchi modi. La venalità e l’innesto, che erano il segno distintivo dell’EPRDF, sono ancora prevalenti. Le stesse persone che hanno partecipato alla perpetuazione dell’EPRDF e che ne hanno beneficiato sono ancora in giro. La corruzione continua. Alcuni quadri del partito non sono entusiasti delle riforme previste da Abiye. Preferirebbero mantenere lo status quo e prevenire le riforme per continuare le loro pratiche di corruzione e arricchirsi. Le opportunità di lavoro nel governo vengono occupate prevalentemente da Oromos. Le posizioni precedentemente detenute dai Tigray vengono sostituite principalmente da Oromos, proprio come il governo precedente,i lavori vengono distribuiti in base all’etnia piuttosto che al merito. Come è adesso, il partito della prosperità gestisce lo stato in un tipico modo neo-patrimoniale. Un tale governo non è sostenibile e alla fine crollerebbe proprio come ha fatto l’EPRDF / TPLF.

Le riforme devono essere attuate. Non sarà un compito facile, ma Abiye deve ricevere il supporto necessario per provarci. L’alternativa è abbandonare il paese nelle mani degli oromo-nazionalisti, il cui obiettivo di fondo è il controllo statale, meno quello di uno stato etnico autonomo o di separazione. Il controllo statale da parte degli oromo-nazionalisti è improbabile. Il controllo Oromo dello stato non sarà sicuramente accettabile per la maggior parte degli etiopi. Se per colpo di fortuna gli Oromos riescono a salire al potere attraverso le urne o la canna della pistola, un evento inverosimile, sarà come tornare al TPLF come i governanti, una versione 2.0 TPLF,dove l’élite Oromos avrà il suo turno di sottrarre il tesoro dello stato per l’arricchimento personale e cercare di perpetuare il loro governo il più a lungo possibile attraverso sotterfugi e mettendo un gruppo etnico contro un altro. Questa sarà un’inevitabilità, il dominio intrinseco di un gruppo etnico dominante darà sempre la preferenza al proprio gruppo etnico e lascerà gli altri che vivono ai margini. Sarà il solito stato neo-patrimoniale in cui le risorse dello Stato vengono sfruttate dai funzionari di partito per l’autoarricchimento.

Gli etiopi progressisti, coloro che vogliono liberare il paese dalla politica etnica parrocchiale, si aspettano molto da Abiy una volta eletto. Stanno dando ad Abiye un breve elenco con tre elementi principali. Il primo elemento della lista che amano Abiy è il rafforzamento del suo potere coercitivo e l’impedimento ai gruppi armati di operare liberamente nel paese. Il potere dello Stato dipende dal monopolio del potere coercitivo. Gli etiopi devono essere protetti dai briganti armati e dai terroristi etnici nazionali che vagano in modo incontrollabile nel paese.

Un altro elemento importante nell’elenco è la definizione delle basi della democrazia. Lo stato di diritto e la responsabilità sono elementi essenziali della governance democratica. Lo stato di diritto deve essere obbedito sia dai governati che da coloro che governano e non essere come nel governo precedente in cui lo stato di diritto è infranto da alcuni funzionari del partito. Associato a ciò, non puoi avere uno stato di diritto senza responsabilità. Coloro che dirigono il governo dovrebbero essere responsabili nei confronti del pubblico e trasparenti in tutte le loro azioni. Senza queste due componenti, Stato di diritto e responsabilità, non si può avere uno Stato effettivo.

Un terzo elemento cruciale che deve essere considerato è la costituzione esistente. Ovviamente l’attuale costituzione è problematica. Organizzare il paese secondo linee etniche è la ragione principale per cui il paese è coinvolto in conflitti etnici e religiosi. La costituzione deve essere riformata o riscritta per riflettere un autentico ordine democratico in cui tutti i diritti dei cittadini siano rispettati. Questo non sarà accettato dagli etno-nazionalisti duri, combatteranno con le unghie e con i denti per perpetuare il famigerato federalismo etnico. Ma questo deve essere fatto se la pace e la stabilità sono l’obiettivo della nazione. Se c’è una lezione da imparare da alcune nazioni che hanno sperimentato il federalismo etnico, è che è un deterrente alla convivenza pacifica.C’è un consenso generale da parte di un numero significativo di etiopi sul fatto che la maggior parte dei mali di cui soffre la nazione è dovuta a un ordine politico basato sul federalismo etnico. Per quanto difficile possa essere buttare fuori il federalismo etnico, è una necessità che la nazione deve fare per preservare l’integrità territoriale e l’unità della nazione.

Se Abiy continuerà la visione che ha promesso agli etiopi, una volta assunto la leadership come primo ministro eletto, lo sapremo dopo le elezioni. C’è molta speranza che faccia ciò che è nel migliore interesse dell’intero paese e non giochi nelle mani degli etno-nazionalisti oromo che vogliono dividere il paese in bantustan etnici.

FONTE: https://borkena.com/2021/05/18/ethiopia-abiy-walk-the-talkby-bakri-bazara/

Lascia un commento