Salta al contenuto

Etiopia : Profilazione Etnica Perché del Tigray… Quindi Sospetto

L’Etiopia ha portato migliaia di Tigrini nei centri di detenzione in tutto il paese con l’accusa di essere traditori, spesso trattenendoli per mesi e senza accuse, questo ha scoperto l’AP.

Le detenzioni, principalmente ma non esclusivamente di personale militare, sono un apparente tentativo di epurare le istituzioni statali dei Tigrigni che un tempo li dominavano, mentre il governo entra nel suo sesto mese di combattimenti nella regione del Tigray. Detenuti, famiglie e visitatori hanno parlato di centinaia o anche più di 1.000 persone in almeno nove località individuali, comprese basi militari e un collegio agricolo.

Un dipendente del Tigray della Ethiopian Airlines di proprietà statale, che ha detto di essere fuggito dal paese dopo essere stato rilasciato su cauzione, posa per un ritratto in un luogo non divulgato nell'aprile 2021. "Abbiamo bisogno di te molto male oggi", ha ricordato la polizia federale dicendo come lo hanno portato via da casa senza spiegazioni. Ha detto di aver visto quasi 100 funzionari militari di alto rango durante i suoi due mesi di detenzione terminati nel gennaio 2021
Un dipendente del Tigray della Ethiopian Airlines di proprietà statale, che ha detto di essere fuggito dal paese dopo essere stato rilasciato su cauzione, posa per un ritratto in un luogo non divulgato nell’aprile 2021. “Abbiamo bisogno di te molto male oggi”, ha ricordato la polizia federale dicendo come lo hanno portato via da casa senza spiegazioni. Ha detto di aver visto quasi 100 funzionari militari di alto rango durante i suoi due mesi di detenzione terminati nel gennaio 2021

Il governo del premio Nobel per la pace Abiy Ahmed riconosce di aver rinchiuso un piccolo numero di funzionari militari di alto livello della minoranza del Tigrino. Ma l’AP sta segnalando per la prima volta che le detenzioni hanno una portata molto più ampia e più arbitraria, estendendosi anche a preti e impiegati, a volte con il profilo etnico come unico motivo.

Un detenuto militare ha detto all’AP che è trattenuto con più di 400 altri tigrini e che gli avvocati non sono autorizzati a contattarli. Anche le famiglie non possono visitarli. L’AP non sta usando il suo nome per la sua sicurezza, ma ha visto la sua carta d’identità militare.

“Possono fare quello che vogliono”, ha detto su un telefono di contrabbando. “Potrebbero ucciderci … Siamo nelle loro mani e non abbiamo altra scelta che pregare”.

Secondo le interviste a 15 detenuti e parenti, molti dei militari non erano combattenti ma svolgevano lavori come insegnanti e infermiere, insieme a un avvocato e un visitatore del campo. Sono stati trattenuti anche dipendenti civili di società statali. La detenzione arbitraria dei non combattenti è contro il diritto internazionale, secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa, che ha incontrato i familiari dei detenuti ma ha rifiutato di rispondere alle domande.

Le condizioni variano, ma ad alcuni detenuti viene dato un solo pasto al giorno e si affollano a dozzine in una stanza in soffocanti rifugi metallici, in un momento in cui le infezioni da COVID-19 sono in rapido aumento in Etiopia. Le famiglie temono che i farmaci necessari vengano sospesi. I detenuti e le famiglie rintracciati dall’AP non hanno assistito direttamente a percosse o altri abusi fisici simili, ma quasi tutti hanno chiesto di non essere identificati per paura per le loro vite.

Una volta detenuti, i Tigray spesso finiscono nell’opaco sistema giudiziario militare dell’Etiopia.

Ciò significa che possono perdere il diritto ad avvocati privati ​​e affrontare giudici che, secondo un avvocato, tendono a distribuire la pena massima. Con meno mezzi per contestare la loro detenzione, i detenuti dicono di sentirsi impotenti, il loro destino nelle mani delle persone che li accusano di tradimento.

Un tigrino che vive negli Stati Uniti ha detto di poter capire la guerra tra soldati, ma si è opposto alla detenzione di due cugini con ruoli non combattenti nelle comunicazioni e nel mantenimento della pace. Non si è più visto né sentito da novembre.

“Il pericolo è nel loro sangue? Nel loro DNA? ” lei chiese. “Pensavo fossero etiopi.”

Le detenzioni di massa e gli arresti domiciliari sono un’estensione della guerra nella regione del Tigray segnata da massacri, stupri di gruppo, espulsioni e fame forzata, che i testimoni definiscono uno sforzo sistematico per distruggere la minoranza del Tigray di oltre 6 milioni. Le detenzioni sono tanto più eclatanti perché una volta Abiy è stata elogiata per aver rilasciato migliaia di prigionieri politici in un paese noto da tempo per rinchiudere persone ritenute una minaccia.

I Tigray sono ulteriormente presi di mira dai resoconti dei media statali che amplificano la narrativa del governo di perseguire i “criminali” del Tigray e i loro sostenitori. I familiari dei detenuti a volte vengono privati ​​del lavoro, cacciati dagli alloggi militari e soggetti a conti bancari congelati.

I leader del Tigray (TPLF) sono stati importanti nel governo repressivo dell’Etiopia per quasi tre decenni e sono accusati da Abiy e altri di promuovere una politica etnica a volte mortale, ma sono stati messi da parte quando è entrato in carica nel 2018. Dopo che le elezioni nazionali sono state ritardate lo scorso anno, hanno tenuto ciò nonostante il proprio voto nel Tigray e definito illegittimo il governo di Abiy. L’Etiopia ha poi accusato i combattenti del Tigray di aver attaccato una base militare e ha lanciato un’offensiva, scatenando una guerra che ha ucciso migliaia di persone.

Il governo dell’Etiopia è “subito dopo la massima leadership” degli ex governanti del Tigray (TPLF), ha detto all’AP il ministro della diplomazia pubblica presso l’ambasciata del paese in Gran Bretagna, Mekonnen Amare. (quindi occhio per occhio, dente per dente? aggiungo io)

“Quindi non esiste una cosa come la detenzione di massa o l’abuso di massa dei diritti”.

Ma in un video trapelato pubblicato online all’inizio della guerra e verificato dall’AP, un alto funzionario militare ha detto dei Tigrigni:

“Abbiamo dovuto ripulire le nostre viscere. … Anche se ci possono essere brave persone tra loro, non possiamo distinguere i buoni dai cattivi. Per salvare il Paese, abbiamo fatto in modo che fossero esclusi dal lavoro “. Ora le forze di sicurezza erano “completamente etiopi”, il Brig. Il generale Tesfaye Ayalew ha detto in quello che sembrava essere un briefing interno.

L’ufficio del procuratore generale dell’Etiopia, che ha detto che avrebbe istituito una linea diretta per segnalare i profili etnici, non ha risposto alle domande dell’AP, e nemmeno un portavoce militare. Il Dipartimento di Stato americano ha affermato di non poter confermare le segnalazioni di persone detenute nei campi, ma ha notato che ha sospeso la maggior parte dell’assistenza di sicurezza all’Etiopia a causa delle preoccupazioni per la crisi del Tigray.

Un altro Tigrigno che ha parlato con l’AP dalla custodia, la sua voce soffocata su un telefono in prestito, ha detto che è trattenuto senza accuse insieme a più di 30 piloti, tecnici e altro personale militare. Ha detto che le famiglie a volte non hanno idea di dove siano i parenti, e sua madre pensa ancora che stia lavorando, proprio lontano. Dispera giustizia in tribunale militare.

“Se arriva la pace, forse ci rilasceranno”, ha detto. “In caso contrario, non abbiamo futuro. Temo che anche loro possano ucciderci. ” Poi ha chiuso in fretta la chiamata.

Le stime del numero di detenuti e dei campi variano. Più di 17.000 tigrini erano solo nell’esercito quando è scoppiata la guerra e sono stati arrestati, secondo una stima fornita a un ricercatore da Mulugeta Gebrehiwot Berhe, ex alto funzionario etiope e tigrino che ha fondato l’Istituto per gli studi sulla pace e la sicurezza ad Addis Abeba Università.

Insieme agli almeno nove centri citati da detenuti, famiglie e visitatori, l’AP ha ottenuto tre elenchi separati che ne denunciano molti altri in tutto il paese. Un detenuto scappato da un centro a Mirab Abaya, nel sud dell’Etiopia, ha stimato che più di 1.500 persone sono state trattenute lì da sole.

Un uomo che ha visitato altri due centri ha detto che i detenuti avevano contato 110 persone in uno, per lo più comandanti militari, e 270 nell’altro, molti dei quali commandos e ufficiali dell’aeronautica. Alcuni avevano prestato servizio nell’esercito per più di 30 anni senza alcuna storia di cattiva condotta, ha detto.

Il visitatore ha descritto da 40 a 50 persone che vivono in una stanza fatta di lamiere. I detenuti gli hanno detto che non erano autorizzati a parlare in gruppo, a fare visite ai familiari o a fare telefonate e che non avevano cibo a sufficienza.

“La zona è molto calda, estremamente calda … ..non hanno un bell’aspetto”, ha detto il visitatore, che l’AP non sta identificando ulteriormente per preservare il suo accesso ai centri. Ha detto che i detenuti hanno affermato che le persone sono detenute in almeno 20 luoghi in tutto il paese.

“È spaventoso, sai?” ha detto. “Queste persone servivano il loro paese come personale militare, ma sono state attaccate dal loro stesso governo … Sono state identificate come traditrici dalla comunità, quindi sono seriamente preoccupate per le loro famiglie”.

Anche le loro famiglie sono preoccupate per loro. Un uomo nella capitale, Addis Abeba, ha pianto mentre ha descritto di non aver visto o parlato con suo fratello, uno dello staff delle risorse umane con i militari, per tre mesi. La famiglia di suo fratello è stata sfrattata dagli alloggi militari, ha detto, condividendo le foto dei loro oggetti sparsi all’aperto.

“Stava servendo il suo paese onestamente”, ha detto l’uomo. “La situazione non è buona, non solo per me ma per tutto il popolo del Tigray, per tutti i Tigrigni”.

Un altro detenuto aveva prestato servizio in un paese vicino in missione di mantenimento della pace quando è stato richiamato a casa in Etiopia e sequestrato, ha detto suo figlio. È stato liberato su cauzione e l’AP ha visto il documento del tribunale federale per il suo rilascio. Ma poi è stato mandato in un campo militare, accusato di creare instabilità anche se non si trovava nel paese.

“Ho parlato con lui ieri. Sembrava stressato ”, ha detto suo figlio. “Le persone con i militari gli hanno dato il telefono in segreto. È una persona orgogliosa. È inquietante sentirlo così”.

Suo padre ha perso circa 10 chilogrammi (22 libbre) a causa della mancanza di cibo adeguato, ha detto.

Il trasferimento di persone nel sistema militare dopo essere state rilasciate su cauzione nei tribunali federali è illegale, ha detto un avvocato della capitale, Tadele Gebremedhin, che ha lavorato su più di 75 casi che coinvolgono detenuti tigrini dalla polizia militare e federale. Ha detto che i detenuti in un centro che ha visitato alla periferia della capitale dormono circa 25 in una stanza, ricevono cibo una volta al giorno e sono negate le visite ai familiari.

“Sono innocenti”, ha detto l’avvocato. “L’unica cosa è che sono Tigrigni.”

Anche i civili sono stati trattenuti. Un dipendente della Ethiopian Airlines di proprietà statale ha dichiarato di essere fuggito dal paese dopo essere stato rilasciato su cauzione.

“Abbiamo molto bisogno di te oggi”, ha ricordato le parole della polizia federale mentre lo portavano via da casa senza spiegazioni. Ha detto di aver visto quasi 100 funzionari militari di alto rango durante i suoi due mesi di detenzione, da fine novembre a fine gennaio.

Dozzine di sacerdoti e diaconi del Tigray sono stati detenuti nella capitale, la maggior parte per un mese, secondo Lisanewerk Desta, che guida la biblioteca e il dipartimento dei musei della Chiesa ortodossa etiope. Ha anche detto di aver parlato con un detenuto in un centro vicino ad Harar che ha stimato che più di 2.000 militari siano stati trattenuti lì.

“Non ho parole. Come spiegare questo tipo di odio? ” chiese.

Al di là dei campi, un numero imprecisato di tigrini è agli arresti domiciliari. Un uomo ha descritto come un genitore, un’infermiera militare, sia stato escluso dal lavoro dall’inizio della guerra ed è soggetto al coprifuoco.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato di essere a conoscenza di segnalazioni di detenzioni arbitrarie di tigrini ma di non disporre di stime affidabili “data la mancanza di trasparenza”.

La Commissione etiope per i diritti umani creata dal governo non ha risposto alle domande

La Commissione etiope per i diritti umani creata dal governo non ha risposto alle domande condividendo invece le recenti dichiarazioni sui detenuti del Tigray e sui profili etnici. In una dichiarazione di questa settimana, la commissione ha affermato che il rifiuto di processi equi, visite familiari e cure mediche è “ancora diffuso” in diversi centri di detenzione e che i detenuti spesso non sono in grado di dire alle famiglie dove si trovano.

La commissione ha parlato all’inizio di quest’anno con 21 detenuti in un centro di polizia federale nella capitale, con alcuni che descrivono “lunghi periodi di detenzione preventiva e sono stati sottoposti a insulti, minacce, percosse e ferite fisiche da colpi sparati al momento della loro cattura. . ” Tuttavia, la commissione ha detto che i detenuti erano in buona salute e le condizioni di detenzione soddisfacevano standard accettabili.

I Tigrigni lo contestano.

Nel vicino Sud Sudan, più di una dozzina di membri della missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite si sono rifiutati di imbarcarsi su un volo di ritorno a febbraio quando il loro soggiorno è terminato.

Per i detenuti, non è chiaro cosa accadrà dopo. Due persone hanno detto all’AP che è iniziata una campagna per “rieducarli”, comprese conferenze per promuovere il partito politico di Abiy. Una persona ha detto che il loro cugino aveva seguito l’addestramento e un altro ha detto che al loro parente era stato detto che sarebbe iniziato presto.

Il rischio per il governo è che le detenzioni possano trasformare i tigrini che una volta giurarono la loro fedeltà in oppositori attivi.

Teklebrhan Weldeselassie, un pilota dell’aeronautica militare, ha detto che lui e i suoi colleghi sono stati accusati di essere in contatto con i leader ora fuggitivi del Tigray. È sfuggito agli arresti domiciliari ed è fuggito dall’Etiopia, ma ha detto che i colleghi gli hanno detto che sono tra i 1.000 stimati dei tigrini detenuti vicino al quartier generale dell’aviazione a Debre Zeit.

Scioccato dall’essere sospettato di essere un traditore, è così inorridito dal modo in cui l’Etiopia ha trattato i Tigrini che ora dice che prenderebbe in considerazione l’idea di imbracciare le armi.

Prima, non avevo intenzione di combattere dalla parte del Tigray”, ha detto Teklebrhan. “In questo momento, se ne avrò la possibilità, sì, ovviamente difenderei la mia gente.”

Andrew Drake a Londra ha contribuito.


FONTE: https://apnews.com/article/africa-ethiopia-race-and-ethnicity-health-coronavirus-5f22a5aea128cbd659fbf4f810aac973

 

Lascia un commento