Salta al contenuto

Punta sull’Eritrea per il ritiro delle sue truppe dal Tigray – #TGHAT

Con la crisi umanitaria nel Tigray che peggiora ogni giorno, le organizzazioni umanitarie e i leader del mondo occidentale (USA, UE, Germania, ecc.) e gli organismi mondiali (G-7, ONU, ecc.) stanno cercando una soluzione fattibile al problema. Divisi tra intraprendere un’azione troppo forte contro l’Etiopia e soddisfare le richieste del popolo del Tigray nella loro sofferenza, devono ancora trovare l’inafferrabile atto di equilibrio. Mentre forniscono l’illusione di una risoluzione imminente, trascurano il fatto che in questa crisi umanitaria il tempo è tutto.

Abiy Afwerki Tigray - Focusing on Eritrea for the withdrawal of its troops from Tigray
Abiy Afwerki Tigray – Focusing on Eritrea for the withdrawal of its troops from Tigray

Purtroppo, i tre responsabili del crimine (leader etiope ENDF, eserciti eritreo ed amhara) stanno sfruttando al massimo il tempo per seguire la loro missione: in primo luogo ritardando il ritiro dell’Eritrea il più possibile; in secondo luogo, conducendo un assalto a tutto tondo in Tigray. Il primo richiede manovre diplomatiche per convincere l’Occidente che stanno rispettando le sue richieste; e la seconda richiede un’azione di guerra e carestia accelerata ed ampia sul terreno di battaglia.

Ciò che è strano nella risposta dell’Occidente fino ad ora è che, anche se fa pressione sull’Etiopia, non sta considerando la variabile Eritrea nel suo intento punitivo, cioè anche quando la questione principale è il ritiro delle sue truppe. Per quanto possa sembrare strano, ha affidato questo compito all’Etiopia, il partner criminale dell’Eritrea. Non c’è dubbio che si dovrebbe fare di più per esercitare pressioni sull’Etiopia affinché soddisfi le richieste dell’Occidente, ma la via più breve per risolvere questa crisi sembra essere attraverso Asmara.

L’Eritrea resta la parte più importante ed indispensabile nella crisi militare e umanitaria nel Tigray, nonché nella più ampia crisi regionale. Quindi, cacciare l’Eritrea dall’alleanza tripartita sarebbe l’inizio della pace non solo in Etiopia, ma anche nella regione.

Allora, dove è andato storto l’Occidente?

L’idea che in qualche modo sarebbe più facile convincere Abiy di Isaias è la premessa errata su cui l’Occidente ha costruito il suo edificio diplomatico. Al contrario, è più facile convincere Isaias a ritirare le sue truppe, se solo sapesse parlare la sua lingua. Abiy risponderebbe alla richiesta dell’Occidente se la minaccia fosse reale. Il problema è che, attraverso i suoi rapporti con l’Occidente negli ultimi 30 anni, è in grado di far percepire quando una tale minaccia sia innocua o fasulla.

Genocidio in soccorso di Abiy e Isaias nella loro fallimentare campagna di guerra

L’Etiopia sembra decisa a non permettere che gli aiuti raggiungano le persone più bisognose del Tigray. Ora che si è reso conto che non può vincere la guerra contro le TDF (Tigray Defense Forces) in maniera celere, ha riposto tutte le sue speranze sul genocidio per ottenere una vittoria. Già nelle fasi iniziali di questo genocidio si è verificata una massiccia pulizia etnica , lo sfollamento di milioni di persone e l’ uccisione di decine di migliaia di civili. La distruzione quasi totale del sistema sanitario è destinata a garantire, come minimo, decine di migliaia di vittime in più. E l’impedire la carestia ha lo scopo di consegnare centinaia di migliaia di vittime in più nella fase finale di quel genocidio.

Tra i nazionalisti etiopi, cooperare con il mondo esterno per alleviare le sofferenze del popolo del Tigray è considerato autodistruttivo. Se anche milioni di persone dovessero morire perché ‘l’Etiopia continui’ (come amano dire i nazionalisti di Abiy e Amhara), allora il popolo del Tigray dovrebbe essere sacrificato – così va la logica contorta della mente genocida che sta tragicamente dominando il discorso nell’Etiopia di oggi. Purtroppo, l’élite etiope sta prendendo confidenza con lo stato della necropoli che stanno costruendo; e la morte e lo sfollamento in proporzioni enormi si stanno normalizzando tra la popolazione generale.

Allo stesso modo, il governo eritreo non è disposto a ritirarsi dal Tigray senza combattere. È disposto a mettere alla prova la volontà del mondo, in generale, e quella degli Stati Uniti, in particolare, prima di cedere. Anch’essa ha messo tutte le sue uova nello stesso paniere di Abiy. Isaias si rende conto acutamente che un ritiro prematuro dal Tigray sarà l’inizio della sua fine. Avendo scommesso molto in questa guerra, ora ha paura che la stessa Eritrea possa presto trasformarsi in un campo di battaglia. Poiché l ‘”ultima e ultima” offensiva militare del regime di Isaias nel Tigray sembra non portare da nessuna parte, anch’esso conta sul genocidio per ottenere una vittoria.

Mentre il mondo si sta avvicinando e sta approfondendo per ottenere un quadro più ampio della crisi del Tigray, è diventato anche più rumoroso chiedendo il ritiro dell’Eritrea dal Tigray. Almeno su questo punto, sembra emergere un consenso dall’altra parte dell’Atlantico (gli USA di Biden e del segretario Blinken n.d.r.). Ma la pressione crescente sull’Etiopia per imporre un tale ritiro non funziona. E questo è dovuto principalmente alla scarsa comprensione da parte dell’Occidente della natura della bestia genocida con cui hanno a che fare; vale a dire, Abiy.

Finora, la strategia dell’Occidente sembra basarsi su una falsa premessa: su una distinzione tra Abiy e Isaias.

Diverse versioni di questa presunta distinzione sono state condivise: che Isaias ha avuto una cattiva influenza su Abiy, ma che quest’ultimo liberato dall’influenza del primo sarebbe ancora recuperabile; o che Abiy è immaturo nel suo ruolo, ma non come il mostro che la guerra e la crisi umanitaria lo dipingono; o che è un leader relativamente giovane e ancora impressionabile, ma che, con sufficiente pressione, potrebbe ancora tornare ai suoi giorni di riforma; o che ha commesso un errore più volte, ma resta ancora indispensabile per l’unità dell’Etiopia; ecc. Il Premio Nobel per la Pace ha aggiunto un ulteriore livello – quello di un “uomo di pace” – a una confusione già stratificata.

Questa insostenibile distinzione sembra essere invocata sia tra gli analisti dubbiosi, che si sforzano di trovare un punto di vista vendicativo ogni volta che scrivono su Abiy, sia tra quelli sinceri, che sono sconvolti dalla crisi umanitaria nel Tigray.

Il tentativo teso ad umanizzare Abiy è visibile in quasi tutti i rapporti prodotti dall’ICG (International Crisis Group). Legittimando la suddetta distinzione ICG scrive :

“Far uscire le forze eritree potrebbe non essere facile, data l’apparente determinazione del presidente eritreo Isaias Afwerki a schiacciare la leadership del Tigray, ma i partner stranieri dell’Etiopia dovrebbero far mantenere ad Abiy la sua promessa ovvero che queste forze se ne andranno”.

Notate come ad Abiy manca “l’apparente determinazione a schiacciare la leadership del Tigray” nonostante sia stato forte e chiaro sul fatto che fosse la sua massima priorità un certo numero di volte. L’ICG ha bisogno di quella su citata distinzione inventata per rendere plausibile la “promessa” di Abiy.

Inoltre, nei suoi rapporti, la preoccupazione dell’ICG su ciò che potrebbe accadere se le truppe eritree lasciassero il Tigray rimane palpabile come quella di qualsiasi nazionalista etiope, tradendo la sincerità e lo scopo della distinzione tra Abiy e Isaias. In uno dei suoi rapporti, ha suggerito che il governo di Abiy “dovrebbe ridurre [invece del ritiro totale] le presenze delle truppe Amhara ed Eritree e lasciare che gli aiuti fluiscano”.

“dovrebbe ridurre [invece del ritiro totale] le presenze delle truppe Amhara ed Eritree e lasciare che gli aiuti fluiscano”.

Un’altra frase ingannevole che usa nello stesso briefing l’ ICG è sulla posizione del governo ovvero “annullare gli schieramenti eritrei”, suggerendo che dovrebbe essere graduale piuttosto che immediato.

Alex de Waal, che è seriamente preoccupato per gli sviluppi nel Tigray, scrive anche :

“L’obiettivo iniziale di Abiy era ridurre il TPLF a misura, destituirlo. Ma gli obiettivi di guerra dei suoi partner della coalizione sembrano andare molto oltre “.

Nessuna distinzione del genere è mai esistita; Abiy vuole disperatamente ciò che vogliono i suoi compagni criminali: la totale distruzione del Tigray e la pulizia etnica dei Tigray dalle aree annesse ad Amhara. Quando si tratta di Tigray, Abiy ha mostrato le sue tendenze genocide subito dopo essere salito al potere. Il suo odio per tutto ciò che è Tigray o Tigrigno è stato mostrato sin dai suoi primi giorni come Primo Ministro, qualcosa che l’élite di Amhara ha capito rapidamente e si è aggrappata a tale idea. Com’è possibile che gli analisti occidentali che conoscono la regione non riescano a vedere ora ciò che hanno visto i nazionalisti di Amhara fin dall’inizio del gioco?

Sulla base di questa premessa errata, i governi occidentali (in particolare UE e USA) hanno adottato una strategia per creare un cuneo tra Abiy e Isaias. Il loro intero sforzo è stato su come convincere Abiy ad abbandonare Isaias – a sfrattare le truppe eritree dal Tigray – e a lavorare per il ritorno della pace non solo nel Tigray, ma anche nella regione più ampia. Gli Stati Uniti hanno adottato l’approccio più donchisciottesco: ogni volta che non riescono a far passare il loro messaggio, continuano a cambiare il messaggero. In questo modo gli USA sono riusciti a mantenere intatta la loro fede in Abiy.

Ma Abiy non è uno sciocco quando si tratta di mantenere i suoi interessi politici. Sa che il suo destino è ormai irrevocabilmente legato a quello di Isaias; se sparisce il despota di Asmara, lo fa anche lui. Se le truppe eritree si ritirano dal Tigray, sa che l’esercito etiope farà fatica a continuare a combattere a lungo. In un simile scenario, la sua unica scelta sarebbe quella di accontentarsi della pace, che probabilmente richiederebbe le sue eventuali dimissioni. Ma non c’è in lui una tale nobiltà che lo indurrebbe ad abbandonare la sua ambizione per il bene della nazione. L’unico modo in cui potrebbe farlo è se fosse costretto a farlo, o attraverso la sconfitta sul campo di battaglia o attraverso il ritiro forzato dell’Eritrea da parte del mondo esterno.

Quindi, il mondo ha sbagliato l’ordine logico.

Per impossibile, il mondo sta cercando di convincere Abiy ad accettare il ritiro delle truppe eritree dal Tigray. Quello che invece dovrebbe fare è imporre da solo il ritiro delle truppe eritree e poi chiedere ad Abiy di venire al tavolo delle trattative. Cioè, è necessario indebolire Abiy prima che gli venga fatto accettare una tregua. Coloro che propongono un cessate il fuoco ora possono avere la buona volontà dalla loro parte, ma non il buon senso; perché stanno tentando di fare l’impossibile.

Non sorprende quindi che Abiy abbia complottato con Isaias per far sembrare che un tale cuneo esista davvero, cioè come se fosse salvabile .

Conseguenze delle dichiarazioni degli Stati Uniti se non seguite dall’azione pratica

Il presidente Biden non sembra rendersi conto che il suo semplice essere alla Casa Bianca, per non parlare delle sue dichiarazioni, ha conseguenze indirette sulla gente del Tigray. Il motivo principale per cui i due leader – Abiy Ahmed dell’Etiopia e Isaias Afwerki dell’Eritrea – si sono e si stanno affrettando a concludere la guerra nel Tigray è per il cambio di leadership alla Casa Bianca.

Anticipando la mossa dell’amministrazione Biden, Abiy e Isaias hanno finalizzato un’offensiva “ultima e finale” (novembre 2020) che speravano avrebbe sferrato un colpo decisivo a TDF subito dopo che Biden si era trasferito alla Casa Bianca. Con l’espansione della presenza dell’Eritrea, quell’offensiva finale è ora in corso in tutto il Tigray. E poiché l’Eritrea si trova impantanata su tutti i fronti, ha aumentato la sua presenza di decine di migliaia. L’afflusso di soldati dall’Eritrea al Tigray non si è fermato fino ad oggi, con la mobilitazione ed arruolamento di donne, bambini soldato e pensionati eritrei.

È da tanto che il regime di Isaias ha ascoltato l’avvertimento di Biden.

Ma il punto è che questa campagna accelerata, allargata ed estesa sta producendo enormi conseguenze per la gente del Tigray. Oltre alle usuali devastazioni della guerra, le insolite brutalità dei tre eserciti significano massacri quotidiani, migliaia di stupri, incendi di villaggi, saccheggi su larga scala, massicci sfollamenti, ecc. Isaias è un uomo disperato; quindi, il suo approccio ad oggi è cercare di attaccare su tutti i fronti senza alcuna remora, senza tener conto di diritti umani e quant’altro, il TDF (e la gente del Tigray), e tutto questo perché sente che l’amministrazione Biden non lo tollererà a lungo.

Quindi è essenziale capire che per Isaias e Abiy questa è una missione “vivi o muori”. La guerra totale condotta contro il Tigray con il genocidio come obiettivo finale è il desiderio di questi due leader. Qualsiasi misura che l’Occidente prenda in considerazione dovrebbe prendere questo assunto come scontato.

Pulizia etnica accelerata

Un’altra conseguenza non intenzionale è la reazione delle forze Amhara: allarmate dall’avvertimento degli Stati Uniti di ritirarsi dal Tigray, stanno accelerando la loro pulizia etnica a un livello massiccio.

La richiesta del Segretario Blinken che le forze Amhara si trasferiscano dal Tigray è stata fatta con l’obiettivo di fermare la massiccia pulizia etnica che è avvenuta nel Tigray occidentale – centinaia di migliaia di persone – nei quattro mesi dall’inizio della guerra. Tuttavia, proprio quella richiesta è diventata un motivo in più per sfrattare altre decine di migliaia di Tigrini. Questi sfollamenti di massa sono sempre accompagnati da gravi atrocità, non solo con l’intenzione di cacciare i tigrini da quelle zone, ma anche cerfcare di cancellare l’etnia stessa. Lo stupro di massa e il divieto della lingua tigrina hanno lo scopo di porre un ultimo pugnale al cuore all’identità tigrina. Coloro che sono stati sfrattati hanno testimoniato la gioia con cui i nazionalisti amhara li hanno costretti a lasciare le loro case: “Ora vedremo se l’America ti salverà!”

Ma questo non è semplicemente odio vendicativo; c’è un piano ben congegnato dietro di esso. Ciò viene fatto con la collaborazione attiva del governo Abiy, con l’intenzione di creare fatti sul campo . Anche se afferma che l’incorporazione di queste terre (territorio del Tigray) in Amhara non dovrebbe essere fatta con la forza (il che significa che non ha problemi se è fatta con mezzi “legali”), non si è mai opposto alla vera pulizia etnica – nemmeno una parola ! E ora ha creato una commissione per legalizzare alla fine l’annessione forzata. Vale a dire, è con la piena benedizione del governo Abiy che è andata avanti la pulizia etnica.

Avendo ora stabilito i fatti sul terreno attraverso il terrore e i decreti, non c’è dubbio che alla fine il governo di Abiy affermerà che le forze di Amhara non possono essere invitate a ritirarsi perché queste terre si trovano ufficialmente al di fuori del Tigray. Parte del piano è, dopo aver spremuto Tigray a una dimensione gestibile per Abiy, rendere impossibile che si presenti al tavolo delle trattative.

Questi nuovi “fatti sul campo” saranno quindi una precondizione per rendere il Tigray il partito belligerante e un modo sinistro per mantenere viva la teoria del patto tra Abiy ed Isaias. L’ICG ha notoriamente proposto che le controversie sulla terra tra Amhara e Tigray dovrebbero essere valutate da “una commissione federale di confine”, cioè letteralmente dallo stesso Abiy, dal momento che non esiste un organo indipendente che potrebbe giudicare un caso del genere in Etiopia.

Ad ogni modo, ancora una volta, il punto è: se una dichiarazione fatta dalla nazione più forte della terra non è seguita da un’azione, si creano conseguenze indirette per le vittime stesse per le quali la dichiarazione ha lo scopo di aiutare. In caso affermativo, cosa dovrebbe seguire ora, dato il danno già fatto?

La risposta è: concentrati sull’Eritrea. Sarebbe una scorciatoia per tutto questo casino.

Perché concentrarsi sull’Eritrea?

Perché il mondo dovrebbe concentrarsi sull’Eritrea? Perché l’Eritrea è il fulcro che tiene tutto insieme, sia nella crisi militare, umanitaria o regionale.

Primo, non c’è modo che il governo Abiy possa sconfiggere le forze del Tigray senza l’aiuto dell’Eritrea poiché rimane la spina dorsale dell’alleanza tripartita. E ora, con decine di migliaia di truppe eritree sparse in tutti gli angoli del Tigray, la dipendenza del governo di Abiy dall’Eritrea è diventata completa. Eppure, anche con tutto questo sostegno, le possibilità di vincere la guerra diminuiscono di giorno in giorno. Quindi, il modo migliore in cui Abiy potrebbe essere persuaso verso il tavolo della pace è solo se vede l’opzione di vincere la guerra come impossibile da raggiungere; e ciò potrebbe essere fatto prima e con certezza, solo se l’Eritrea fosse costretta a ritirarsi dal Tigray.

In secondo luogo, la quota dell’Eritrea nel creare la crisi umanitaria – questo genocidio in corso – nel Tigray è enorme. Vale a dire, è altrettanto indispensabile per creare il disastro umanitario che si sta verificando nel Tigray; infatti, ha aperto la strada a tutte le atrocità usate per generare e facilitare questo genocidio.

Non sorprende che i principali obiettivi delle truppe eritree da distruggere e saccheggiare siano i centri sanitari, le scorte di cibo, i mezzi di sussistenza, le università e le scuole, i luoghi di culto, i siti storici, le fabbriche e le imprese. Nulla viene lasciato al caso: la totalità del Tigray – corpo, mente, spirito, storia, laboriosità, continuità e possesso materiale – viene attaccata. In cinque mesi, questa guerra totale ha ottenuto un successo spettacolarmente orribile e disumano nel creare le condizioni per il genocidio. Già, ci sono 2,5 milioni di sfollati e per 4,5 milioni si ritiene urgente bisogno di aiuti alimentari, una quota enorme di questa tragedia è stata compiuta da truppe eritree. Si stanno già verificando da 50 a 100 morti al giorno a causa della fame , numeri che indicano l’imminente carestia.

L’assurdità della risposta dell’Occidente alla crisi umanitaria senza tener conto del comportamento genocida dell’Eritrea (e degli alleati Amhara) può essere vista nell’aspetto della crisi che si aggrava sempre più, come esemplificato dal crescente numero di sfollati interni. Mentre l’Occidente sta cercando di soddisfare i bisogni degli sfollati e degli indigenti, i tre eserciti stanno facendo del loro meglio per aumentare questi numeri. Con l’esercito eritreo che si sta diffondendo in tutto il Tigray, sta ripetendo tutti gli orrori che ha compiuto nel nord del Tigray. Ultimamente sta diventando più audace: sta bloccando camion carichi di aiuti alimentari raggiungono le aree di destinazione. Diventa un gioco inutile in cui l’Occidente aumenta il suo aiuto mentre l’esercito eritreo fa tutto il possibile per aumentare la miseria, creando così una crisi che necessita di ulteriore aiuto. L’aiuto sempre crescente di USAID segue questo schema.

Ma non è tutto; mentre il mondo è preoccupato per affrontare questa crisi, l’Eritrea sta già pianificando la carestia del prossimo anno. Le truppe eritree uccidono e saccheggiano buoi e asini e distruggono tutti i tipi di attrezzi agricoli (giogo, aratro, ecc.) Ovunque vadano, privando i contadini dei mezzi con cui arare i loro campi. E, ultimamente, sono stati più sfacciati riguardo alle loro intenzioni malvagie: hanno impedito direttamente ai contadini di arare o lavorare nei loro campi, ancora una volta, pensando alla carestia del prossimo anno. Parlare di aiutare questi contadini (come sta facendo l’Occidente) mentre un nemico diabolico disfa ciò che si sta facendo e complotta per disfare il futuro è il massimo dell’assurdità. Primo,quel diabolico nemico dovrà essere rimosso dal territorio del Tigray affinché qualsiasi aiuto possa fare la differenza nelle vite dei Tigray, sia ora che nel prossimo futuro.

Così, con il ritiro delle truppe eritree, l’enorme crisi umanitaria generata dall’occupazione eritrea sarebbe giunta al termine. E se fatto in tempo, l’apocalisse del genocidio – almeno, per la portata che hanno in mente i tre criminali – potrebbe anche essere scongiurata. Questo, di per sé, sarebbe un risultato monumentale.

In terzo luogo, la semplice presenza di truppe eritree ovunque nel Tigray e l’orrore genocida che li segue ovunque vadano, è diventato un ulteriore motivo per cui il governo di Addis Abeba non vuole consentire a entità straniere (dalle organizzazioni umanitarie ai giornalisti) l’accesso in Tigray. Finora, le dichiarazioni fuorvianti che il governo Abiy sta inventando non funzionano. Ha vestito le truppe eritree con uniformi militari etiopi, anche se i loro famosi shida (sandali) – senza i quali non possono né combattere né correre – ei loro corpi emaciati continuano a tradirli. Ha persino cercato di nasconderli, spostando interi battaglioni in un gioco a nascondino con giornalisti e operatori umanitari. Questo è uno dei motivi principali per cui pochi aiuti hanno raggiunto le aree occupate dall’Eritrea.

Inoltre, anche se gli aiuti alimentari sono autorizzati a entrare nelle aree occupate dalle truppe eritree (e, in alcuni casi, lo ha già fatto), non significa necessariamente che le persone bisognose li riceveranno. Il mondo può essere certo che gli aiuti che raggiungono le zone più colpite non verranno rubati solo se l’esercito eritreo che saccheggia cronicamente sarà scomparso per sempre.

Così, con il ritiro delle truppe eritree, questo collo di bottiglia che tiene milioni di persone sull’orlo della fame verrebbe completamente cancellato.

E, infine, questa attenzione all’Eritrea dovrebbe avere anche un aspetto a lungo termine, poiché gran parte del problema nella regione è istigato dal suo leader vendicativo, Isaias Afwerki. Da molto tempo Isaias ha scoperto che l’unico modo per rimanere rilevante nella regione è coinvolgere la nazione in molteplici confronti . Una volta, in un articolo del 2009, ho scritto :

“L’unica cosa buona di Isaias è che non è mai stato un nazionalista, ma armato del suo ego gigantesco questa qualità si trasforma in un disastro perché la sua ambizione non conosce confini. Il problema con Isaias è che una volta che si è messo nella camicia di forza nazionalista chiamata “Eritrea”, non è mai riuscito a districarsene. Lui (e ghedli [la rivoluzione]) avevano bisogno di instillare l’ultra-nazionalismo nei suoi seguaci per arrivare dove si trova ora. Una volta raggiunto l’obiettivo dell’indipendenza, quello stesso ultranazionalismo è diventato un ostacolo alla sua insaziabile ambizione di essere il leader più importante del quartiere “.

Con l’arrivo di Abiy, Isaias ha trovato una rara opportunità per uscire da quella camicia di forza nazionalista per essere di nuovo rilevante; qualcosa che alla fine gli è stato negato da Meles Zenawi. Con la guerra del Tigray, si è ritagliato il ruolo più indispensabile per l’esercito eritreo. Ora, sia Abiy che i nazionalisti Amhara dipendono da lui perché i loro sogni morbosi si realizzino. Se è così, è essenziale che al malvagio uomo di Asmara venga negata la rilevanza che cerca attivamente attraverso interminabili scontri e conflitti col vicinato: contro Gibuti, Sudan, Yemen, Etiopia e ora, Tigray. Il ritiro forzato delle truppe eritree dal Tigray sarebbe l’inizio della sua caduta.

Con ciò, la possibilità di inserire il Tigray tra due nemici mortali (Eritrea e Amhara), una posizione che porta con se elementi genocidi da parte della stessa Etiopia, sarebbe finita. Abiy (e l’élite di Amhara) non avrebbero mai tentato di condurre una guerra totale contro il Tigray senza avere l’Eritrea dalla loro parte. Pertanto, qualsiasi tentativo di risoluzione della guerra e della crisi in Tigray che non includa la fine del regime di Isaias, fallirà anche se riuscirà si riuscirà a far raggiungere una tregua temporanea tra Etiopia e Tigray. Gli elementi genocidi saranno sempre presenti per spazzare via il Tigray fin tanto che Governo etiope ed Amhara sanno che l’Eritrea sarà dalla loro parte. È necessaria un’azione il prima possibile.

Ciò che serve è un’azione che tenga conto della variabile tempo con cui la carestia indotta dalla guerra inizi.

Tutti i passaggi che il mondo ha svolto finora falliscono il test sulla variabile tempo. Tagliare gli aiuti finanziari, imporre l’embargo sulle armi o altre sanzioni, per quanto dure, non funzioneranno perché Abiy e Isaias credono di poter resistere a qualsiasi “sanzione” loro imposta per alcuni mesi. Credono che il tempo sia tutto ciò di cui hanno bisogno poiché la loro doppia strategia guerra e carestia consenta loro una vittoria. Dopodiché, credono che il mondo non avrebbe altra alternativa che accettare la nuova realtà dei fatti, come al solito dando la priorità alla “stabilità dell’Etiopia” nella regione.

Ma il punto è che, che vincano o meno, un tale tentativo fara pagare un prezzo enorme al popolo del Tigray. Se è così, purtroppo, sono coloro che stanno brandendo il genocidio come un’arma di sottomissione che hanno coscenza del fattore tempo, e quei poteri che sono allarmati ed indignati dal disastro umanitario, l’UE, gli Stati Uniti, l’ONU, il G-7, ecc. sembrano non aver percepito questo tanto importante fattore da tener presente.

Ciò che serve è uno strumento che riesca a sedare la crisi nel più breve tempo possibile. Qualsiasi ritardo da parte di Biden nell’agire comporterebbe una spesa colossale per il popolo del Tigray – come ha già fatto, in una certa misura – che sarà massacrato in proporzioni enormi a causa dei piani strategici e morbosi dei leader di Abiy, Isaias e Amhara.

Gli approcci graduali e incrementali che l’UE e gli Stati Uniti stanno utilizzando per fare pressione sull’Etiopia sono insensibili al tempo e non tengono conto della strategia di guerra e carestia. Così è anche per la strategia e la posizione delle Nazioni Unite: i suoi colli di bottiglia procedurali significano un’azione letale ritardata. Pertanto, è necessario un cambiamento strategico sia nello strumento che nell’ obiettivo dell’azione da intraprendere. L’Occidente (USA o UE o entrambi – NATO) dovrebbe agire unilateralmente per imporre il ritiro delle truppe eritree concentrandosi principalmente sull’Eritrea.

È solo adottando queste due misure che l’Occidente potrebbe essere in grado di realizzare un’azione pratica in modo tempestivo. All’Eritrea dovrebbe essere dato un ultimatum per fare i bagagli e uscire dal Tigray. Anche se i tagli agli aiuti, l’embargo sulle armi e altre sanzioni sia per l’Etiopia che per l’Eritrea sono ben accetti, quest’ultima nazione dovrebbe essere scelta per ulteriori punizioni.

L’Occidente potrebbe iniziare con una no-fly zone imposta all’Eritrea, da estendere al Tigray se l’Etiopia non ottempererà alle richieste del mondo esterno. Una no-fly-zone non sarebbe considerata innocua come le varie forme di sanzioni (non quando si tenga conto del tempo, comunque) e invasiva come un vero e proprio intervento armato. Oltre a dare tregua al popolo del Tigray, sarebbe considerata una mossa seria da seguire da ulteriori azioni se non rispettata.

E come ultima risorsa, c’è un bersaglio accettabile con il minor danno collaterale: lo stesso Isaias Afwerki. Prendere di mira uno dei suoi tanti nascondigli (non devono nemmeno ucciderlo) porterebbe risultati immediati rispetto a qualsiasi altro taglio agli aiuti, embargo sulle armi o sanzioni.

Qualunque sia l’azione intrapresa dall’Occidente, l’attenzione principale dovrebbe essere sull’Eritrea. Questo è l’unico modo in cui il mondo può evitare un genocidio di proporzioni epiche, che potrebbe facilmente superare quello del Ruanda.


FONTE: https://tghat.com/2021/04/25/focusing-on-eritrea-for-the-withdrawal-of-its-troops-from-tigray/

 

 

Lascia un commento