Salta al contenuto

Etiopia e Eritrea Si Scambiano i Voti – Nuova Federazione

Come predetto da Martin Plaut ormai diverse settimane fa, l’idea di una nuova federazione tra Etiopia ed Eritrea è sempre più concreta.

Eritrea Etiopia - accocrdo per nuova federazione
Abiy Ahmed & Isaias Afwerki – Eritrea Etiopia – accocrdo per nuova federazione

Parlando del Giorno dell’Indipendenza dell’Eritrea, il 24 maggio, Mufti, che è portavoce del Ministero degli Affari Esteri dell’Etiopia, ha detto: “Ogni eritreo, se glielo chiedesse, ammetterebbe di non celebrare il giorno in cui si è separato dall’Etiopia. A loro non piace. Gli etiopi la pensavano allo stesso modo, ha affermato. L’Etiopia e l’Eritrea sono un popolo. “A chi non piacerebbe se si unissero in una federazione?” ha chiesto, cantando le lodi dell’integrazione economica e infrastrutturale seguita dall’integrazione politica. “Dovrebbe essere inevitabile per tutti i paesi della regione.”

Eritrea Etiopia - accocrdo per nuova federazione
Eritrea Etiopia – accocrdo per nuova federazione

A malapena le parole uscirono dalla sua bocca quando una tempesta di condanna scoppiò da tutte le parti. L’Eritrea si sta preparando per il suo 30 ° anniversario come nazione e persino l’ ambasciata degli Stati Uniti è scattata in sua difesa, salutando la sua “lotta per l’indipendenza conquistata a fatica”. Ambasciate eritree e gruppi della diaspora si sono uniti al coro mentre il ministero si è ritirato frettolosamente e l’ambasciatore “si è scusato umilmente”.

Eppure questo passo falso è stato certamente firmato dal ministro degli Esteri, Demeke Mekonnen , che è anche il vice del primo ministro Abiy Ahmed . Tradisce il pensiero più profondo al lavoro ad Addis Abeba e Asmara. Questo era semplicemente un sipario che è andato storto.

Abiy e il presidente Issayas Afewerki hanno già creato il Consiglio del Corno d’Africa di Etiopia, Eritrea e Somalia e stanno cercando di ottenere l’ adesione del Sud Sudan . L’idea è di sostituire l’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD), il primo ente regionale, con un altro più direttamente sotto il loro controllo (AC Vol 62 n. 5, Mescolando il piatto regionale ).

Patto di difesa

Un aspetto dell’idea di unità è in atto di fatto mentre le forze armate eritree approfondiscono la loro penetrazione nel Tigray e sembrano destinate a rimanere. Abiy e Issayas stanno preparando un accordo di difesa in base al quale le truppe eritree ed etiopi possono operare l’una sotto gli ufficiali dell’altra e nei rispettivi paesi. Ciò renderebbe legale la presenza eritrea nel Tigray, frustrando così la richiesta della comunità internazionale di lasciare le truppe di Asmara.

Molti sospettano che le radici dei passi verso l’unità risiedano nelle disposizioni ancora segrete dell’accordo di pace firmato da Abiy e Issayas nel luglio 2018 (AC Vol 59 n. 14, Dall’orlo della guerra al ponte dell’amore ). A quel tempo, Abiy descriveva Addis Abeba come la “casa di Issayas”, mentre la sua controparte diceva che era sciocco “presumere che siamo due persone separate”. Questa sembra molto meno una retorica fiorita ora.

Abiy ha persino dichiarato al World Economic Forum di Davos nel gennaio 2019 che non era necessario avere eserciti diversi in Etiopia, Eritrea e Gibuti . Tutto potrebbe essere condiviso sulla strada per completare l’integrazione, ha detto. Questo è certamente stato a lungo nella lista dei desideri di Issayas. Ha a lungo sognato la federazione e l’ha cresciuta per la prima volta nel 1993. La rimozione della sua bestia nera , il Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF), lo porta a credere che il suo sogno possa diventare realtà.

È in questa luce che gli analisti ora guardano alla creazione di Abiy della sua unità di Guardia Repubblicana e alla ricostruzione dell’aeronautica nel 2018-19. Ha introdotto cambiamenti nell’addestramento per cercare di rimuovere l’influenza dei Tigrini e ha ampliato il reclutamento nel 2019 e nel 2020. L’epurazione dei Tigrini dalle forze armate è accelerata negli ultimi tre anni e comprende anche soldati e polizia. Da quando è iniziata la guerra a novembre, secondo i rapporti, sono stati arrestati circa 20.000 Tigrayans dell’ex forza di difesa nazionale etiope (ENDF) e 7.000 agenti di polizia.

Le defezioni e le detenzioni, che hanno incluso le truppe del Tigrino in servizio nella Missione dell’Unione Africana in Somalia (Amisom) e nelle forze di pace delle Nazioni Unite in Sud Sudan, hanno seriamente danneggiato il morale e le capacità dell’esercito. I piani di Abiy di fondere le “forze speciali” di Amhara e di altre regioni nell’ENDF potrebbero causare ulteriori difficoltà.

Il presidente Mohamed Abdullah Mohamed “Farmajo” si sta dimostrando un anello debole nel grande scontro regionale. È nel mezzo di aspre controversie sulla sua rielezione e ha bisogno dell’aiuto etiope. Con così tante truppe etiopi che sono state ridistribuite nel Tigray dalla Somalia, l’attività della milizia islamista somala Al Shabaab è aumentata, e anche in Etiopia.

Ci sono rapporti non confermati di truppe eritree in arrivo a Mogadiscio per aiutare ad alleviare la carenza di manodopera di Abiy. Con o senza l’Etiopia, sembra che Issayas stia riattivando le sue politiche interventiste degli anni ’90, quando l’Eritrea fu coinvolta in Congo-Kinshasa, Sudan e Ciad, entrò in guerra con lo Yemen e l’Etiopia e compì incursioni a Gibuti. Fino a poco tempo fa un paria, ora invece è un’importante presenza regionale con un partner disponibile e potente.


FONTE: https://www.africa-confidential.com/article/id/13342/Addis_and_Asmara_exchange_vows

 

 

 

Lascia un commento