Salta al contenuto

Etiopia, Appello e Giustizia in Tutela dei Diritti Umani in Tigray – Lettera Aperta

Lettera aperta ai membri del gruppo di alto livello dell’UA – Unione Africana

  • SE Uhuru Muigai Kenyatta CGH.
  • SE Capo Olusegun Obasanjo GCFR.
  • SE Dott. Phumzile Mlambo-Ngcuka.
  • Gentili membri del gruppo di alto livello dell’UA,

Scrivo questa lettera per aggiungere la mia voce a coloro che hanno già espresso preoccupazione per la continua violazione dei diritti umani nel Tigray. Queste violazioni includono continue esecuzioni sommarie di civili, rapimento di giovani tigrini, saccheggio e distruzione di proprietà, deliberata continuazione metodica dell’assedio in varie forme e la lenta attuazione dell’Accordo di cessazione permanente delle ostilità (CoHA) firmato a Pretoria il 02 novembre 2022

Invio in copia questa lettera ad altri funzionari competenti.

Come altri, apprezzo molto il vostro continuo impegno per portare la pace nel territorio. Tuttavia, il vostro continuo silenzio di fronte alle apparenti violazioni dell’accordo, comprese le segnalazioni di uccisioni, la continua presenza delle forze amhara ed eritree e quella che sembra essere un’ostruzione sistematica dell’accesso umanitario, rischia di creare confusione riguardo alla vostra precisa posizione. È offensivo leggere la recente dichiarazione di SE Olusegun Obasanjo sul Financial Times secondo cui le forze eritree si sono ritirate al confine eritreo, mentre stanno ancora commettendo vaste atrocità in molte città del Tigray.

Sono passati quasi tre mesi da quando il governo dell’Etiopia e il Tigray People’s Liberation Front (TPLF) hanno firmato il CoHA (l'”accordo di Pretoria”) e le sue dichiarazioni aggiuntive di Nairobi, che insieme formano un accordo per porre fine alla guerra dell’Etiopia contro il Tigray. Le principali promesse contenute nell’accordo sono le seguenti:

  1. Disarmo delle forze tigrine (TDF);
  2. Ritiro simultaneo delle forze di difesa nazionale non etiopi dal Tigray;
  3. Provvedimento alla sicurezza generale e alla protezione dei civili;
  4. Accesso umanitario senza ostacoli, compresa la facilitazione del ritorno e della reintegrazione degli sfollati interni (IDP) e dei rifugiati; e
  5. Misure di rafforzamento della fiducia, compreso il ripristino dei servizi essenziali nella regione del Tigray entro tempi concordati, e l’introduzione e il funzionamento di un meccanismo di monitoraggio, verifica e conformità che segnalerà “casi di violazione” e “informerà le due parti di … adottare misure immediate per rettificare”. Allo stesso tempo, “se la violazione non viene rettificata entro 24 ore, l’UA, attraverso il suo High-Level Panel, convocherà il Comitato Congiunto per risolvere il problema”.

Ritiro delle forze eritree

Ai sensi dell’articolo 3 dell’accordo, il ritiro dell’Eritrea dall’Etiopia è un passo fondamentale verso la fine della guerra nel Tigray. Le forze eritree e amhara non si sono ritirate. Al contrario, è stato riferito che le forze eritree stavano scavando trincee di fortificazione all’interno del Tigray, in particolare vicino ad Adigrat. Dato l’elevato numero di atrocità commesse dalle forze eritree, i ritardi in questo senso sono già costati migliaia di vite. Sarebbe ingenuo aspettarsi che il regime eritreo si ritiri volontariamente, il che a sua volta solleva la questione di cosa esattamente le parti dell’accordo, i mediatori e i sostenitori stiano pianificando di fare per garantire il ritiro immediato e permanente di queste forze ai sensi dell’accordo.

Non sarebbe ragionevole consentire la presenza di media internazionali indipendenti per determinare se le forze amhara ed eritree si sono ritirate e, in caso contrario, perché?

L’articolo 10 dell’accordo afferma semplicemente che «le parti si impegnano a risolvere i problemi delle aree contese in conformità con la costituzione della Repubblica federale democratica d’Etiopia». Qual è la posizione dei mediatori se e quando le forze amhara non si ritireranno entro i loro confini costituzionali? Recenti rapporti sul ritiro delle forze Amhara sono stati liquidati come falsi da molte fonti indipendenti. Il meccanismo di mediazione e monitoraggio, verifica e conformità, incluso nell’accordo, mira a verificare e riferire su questo processo, che se fallisse potrebbe innescare una ricaduta in guerra? Non sarebbe ragionevole consentire la presenza di media internazionali indipendenti per determinare se le forze amhara ed eritree si sono ritirate e, in caso contrario, perché?

Protezione dei civili

Sebbene non siano stati segnalati combattimenti, gli atti ostili non sono cessati. Le forze eritree e amhara, che mantengono il controllo della maggior parte delle aree del Tigray, stanno uccidendo e maltrattando i civili e saccheggiando ciò che rimane. Secondo un recente rapporto, oltre 3.000 civili nel Tigray sono stati uccisi dalla firma dell’accordo. Mentre il fulcro dell’accordo resta il disarmo della Tigrayan Defence Force, le sue altre disposizioni apparentemente vengono trascurate.

Nonostante l’accordo, i civili continuano ad essere uccisi e rapiti. Oltre al numero di morti sopra indicato, la brutalità di questi attacchi ha provocato più di 100 rapimenti in particolare di residenti di Irob e Kunama, minoranze che rischiano l’estinzione a causa delle atrocità delle forze eritree. Sono stati segnalati anche saccheggi e distruzioni di proprietà pubbliche e private da parte delle forze amhara ed eritree. In molte parti dell’Etiopia, i prigionieri sono stati uccisi; molti languiscono ancora nei centri di detenzione, sia ufficiali che informali.

Fornitura di aiuti

Da quando è stato firmato l’accordo, l’accesso umanitario ha mostrato qualche miglioramento. Dall’accordo, l’assistenza umanitaria ora raggiunge parte della popolazione target (il WFP ha richiesto 100 camion al giorno, solo 153 camion sono stati ammessi al 12 gennaio) e un secondo ciclo di distribuzione di cibo iniziato nel 2022 è ora in fase di completamento; in parole povere, ciò significa che i tigrini bisognosi hanno ricevuto solo due mesi di razioni (30 kg di razione alimentare) negli ultimi 13 mesi. Nel corso del 2021 sono stati distribuiti alla popolazione appena due mesi di cibo. I rapporti delle Nazioni Unite e delle ONG e le dichiarazioni pubbliche in merito sono definitivi. Inoltre, non esiste alcun meccanismo per verificare se gli aiuti segnalati al Tigray distribuiti dal governo etiope stiano effettivamente raggiungendo i bisognosi in quello stato.

La distribuzione, a quanto pare, in molti luoghi è ancora ostacolata e rimane subordinata alla volontà del governo etiope, non ai bisogni della popolazione sul campo. I camion degli aiuti hanno subito ritardi e solo un aiuto limitato arriva agli abitanti delle città, soprattutto a quelli che vivono fuori dalle strade principali. I convogli di aiuti e carburante devono affrontare molti ritardi, per lo più burocratici (che includono l’obbligo di presentare una lettera della Commissione etiope per la gestione del rischio di catastrofi), al punto che solo 153 camion sono stati recentemente registrati come arrivati ​​in due settimane. La quantità di aiuto erogata è troppo limitata. Per i bambini che sono stati sottoposti a screening nel Tigray, il 33% soffre di malnutrizione acuta globale (GAM), che è il doppio degli standard internazionali per condizioni critiche e pericolose per la vita. Peggio ancora, il 3.

Le persone che vivono in villaggi lontani dalle strade principali (vale a dire, la maggior parte dei tigrini) sono ancora irraggiungibili dai programmi di aiuto, perché la maggior parte della distribuzione è limitata ai residenti oa coloro che arrivano negli insediamenti adiacenti alle strade principali. Le agenzie umanitarie, comprese quelle dell’ONU e delle ONG operanti nel territorio, per la maggior parte non riescono ad attraversare il territorio detenuto dai gruppi armati; questo vale in particolare per il movimento nelle aree sotto il controllo delle forze amhara ed eritree.

Ripristino dei servizi

Sebbene i voli nazionali siano stati riavviati e siano stati ripristinati alcuni collegamenti telefonici, questi servizi sono afflitti da restrizioni di vario genere. Come altri servizi di base, l’accesso al carburante è indicato come “illimitato”, ma questo è tutt’altro che preciso; c’è pochissimo carburante nel Tigray e ci sono lunghe code per acquistare le scarse scorte disponibili. La distribuzione del carburante sembra essere deliberatamente limitata da enti federali e locali.

I servizi bancari sono molto limitati e inaccessibili anche alle agenzie umanitarie, che di conseguenza sono costrette a trasportare denaro per via aerea – e quindi solo la quantità consentita dal governo etiope. Agli individui è consentito un prelievo massimo di 40 USD al giorno dai propri conti, e solo in un numero limitato di filiali.

La libera circolazione è fortemente limitata; il trasporto su strada rimane chiuso e ai tigrini non è consentito uscire dal Tigray; nessuno si è assunto la responsabilità di aver imposto tali restrizioni al movimento fuori dal Tigray per le persone di età superiore ai 18 anni.

Centinaia di migliaia di dipendenti del governo federale e dello stato del Tigray non hanno ricevuto lo stipendio negli ultimi due anni. Incapaci di nutrire le loro famiglie, molti si erano suicidati. Ancora nessuno stipendio è stato pagato.

La libera circolazione è fortemente limitata; il trasporto su strada rimane chiuso e ai tigrini non è consentito uscire dal Tigray; nessuno si è assunto la responsabilità di imporre tali restrizioni al movimento fuori dal Tigray per le persone di età superiore ai 18 anni. Inoltre, ci sono rapporti ben autenticati di tigrini sottoposti a trattamenti disumanizzanti e discriminatori all’aeroporto internazionale di Bole. Questa sofferenza potrebbe essere alleviata semplicemente ponendo fine all’assedio ripristinando i servizi bancari e rimuovendo gli ostacoli alla libera circolazione delle persone e aiutando organizzazioni, merci, servizi e capitali.

Inoltre, il Tigray rimane off limits per i media internazionali e indipendenti.

Meccanismo di monitoraggio e verifica

Abbastanza comprensibilmente, il vostro obiettivo e quello del meccanismo di monitoraggio, verifica e conformità dell’Unione africana (AU-MVCM) è sul disarmo. Ma non sono stati segnalati progressi nell’attuazione di altre componenti dell’accordo, come la prevenzione dell’assassinio e del rapimento di civili e l’affrontare lo status e la condizione degli sfollati interni. Al pubblico, gli osservatori dell’UA sembrano interessati più a verificare il disarmo delle forze del Tigray che a proteggere i civili, anche se il disarmo delle forze del Tigray non garantisce una pace sostenibile.

Ancora più preoccupante è la continua presenza di forze statali e non statali eritree e amhara, nonostante i migliori sforzi per segnalare il loro ritiro. Non dovrebbe sorprendervi che siano la loro stessa presenza e le loro azioni, insieme alla continua negazione burocratica dei servizi di base da parte del governo, a presentare il rischio maggiore non solo per la popolazione civile ma anche per una pace duratura.

L’importanza dell’attuazione dell’accordo difficilmente può essere sopravvalutata. A partire da ora, il successo di COHA dipende più da vaghe speranze di un ripristino della normalità, che da un effettivo progresso verso un dividendo di pace. Se così tante aspettative pubblicizzate non vengono soddisfatte, il risultato è la frustrazione; già le speranze riposte nell’Accordo stanno iniziando a svanire e, in assenza di reali progressi, potrebbero presto essere sostituite dalla disperazione. I segni di questa reazione stanno già emergendo. I guadagni iniziali che ci sono stati sono fragili e fin troppo facilmente reversibili.

Sottopongo all’esame cinque passaggi che potrebbero migliorare la situazione.

In primo luogo, ed essenzialmente, lei, con il sostegno della comunità internazionale, ha l’autorità di esigere che il governo etiopico e il TPLF rispettino l’accordo di Pretoria e garantiscano l’immediato ritiro delle forze eritree e amhara, la protezione dei civili, la disposizione di accesso umanitario senza ostacoli e la fine dell’assedio del Tigray, compresi i servizi bancari e di trasporto senza restrizioni, la revoca delle restrizioni di viaggio per i giovani e l’accesso ai media internazionali indipendenti.

Senza miglioramenti tangibili su queste questioni, affermare che la situazione è a un “punto di non ritorno”, come è stato suggerito, non solo banalizza la sofferenza di milioni di persone, ma rivela anche un malinteso della situazione sul campo. È fondamentale esplorare le misure più appropriate per affrontare direttamente questi problemi di implementazione.

In secondo luogo, è necessario redigere e pubblicare immediatamente una relazione sullo stato di avanzamento dell’attuazione del Deal fino ad oggi.

senza responsabilità per i crimini più atroci nel Tigray e altrove in Etiopia, la guerra e altri crimini di guerra saranno il prezzo pesante che le generazioni future pagheranno per l’accordo odierno dell’élite per conferire l’impunità totale.

In terzo luogo, una pace sostenibile richiederà discussioni politiche sostanziali per affrontare le cause profonde della guerra – in questo caso, la sicurezza contro una minaccia esistenziale per i tigrini – nel rispetto della sovranità statale. È necessario esercitare pressioni sul governo federale e su tutte le altre autorità e gruppi armati in Etiopia, compresi Tigray e Oromia, affinché avviino il dialogo politico.

In quarto luogo, al fine di verificare le affermazioni e le accuse contraddittorie che stanno ora emergendo, dovreste chiedere alle autorità etiopi e tigrine di consentire e facilitare l’accesso ai media internazionali e indipendenti.

In quinto luogo, senza responsabilità per i crimini più atroci nel Tigray e altrove in Etiopia, la guerra e altri crimini di guerra saranno il prezzo pesante che le generazioni future pagheranno per l’accordo odierno dell’élite per conferire l’impunità totale. È necessario incaricare l’UA di adottare le misure necessarie per sostenere il meccanismo di responsabilità regionale o internazionale. Il minimo che si possa fare è fare pressione sul governo etiope affinché consenta alla Commissione internazionale delle Nazioni Unite di esperti in diritti umani sull’Etiopia (ICHREE) e alla Commissione d’inchiesta dell’UA sulla situazione nel Tigray di accedere al Tigray e ad altre parti dell’Etiopia per condurre indagini approfondite su tutti presunte atrocità

Infine, se possibile, dovreste rimanere attivamente coinvolti nel processo fino alla sua completa attuazione, fare tutto ciò che è in vostro potere per costruire sui guadagni ottenuti attraverso l’Accordo ed esplorare con urgenza i percorsi più efficaci per dirigere l’intervento su questi i problemi.

Molto sinceramente,

Mehari Taddele Maru

CC:

  • SE Workneh Gebeyehu, Segretario esecutivo, Autorità intergovernativa per lo sviluppo (IGAD)
  • SE Hanna Tetteh, Inviato Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per il Corno d’Africa
  • SE Michael (Mike) A. Hammer, Inviato speciale degli Stati Uniti per il Corno d’Africa
  • Maggiore Generale Stephen Radin, Meccanismo di monitoraggio, verifica e conformità dell’Unione africana (AU-MVCM)

Mehari Taddele Maru, autore della lettera, è attualmente professore part-time presso la School of Transnational Governance and Migration Policy Center presso l’European University Institute.


FONTE: https://addisstandard.com/open-letter-to-members-of-the-au-high-level-panel/

Lascia un commento