Salta al contenuto

Tigray, L’ Ayder Hospital di Mekellé rimane a corto di forniture mediche nonostante l’accordo di pace // Etiopia

I medici dell’ospedale Ayder Comprehensive Referral Hospital, Mekellé, il più grande nella regione del Tigray devastata dalla guerra, hanno dichiarato ad Addis Standard che “la fornitura di medicinali rimane carente” nonostante l’accordo di pace.

Il dottor Kibrom G/Selassie, amministratore delegato dell’ospedale, che era amministrato dal governo federale prima della guerra, ha detto che stanno ancora aspettando che i medicinali riprendano le cure mediche salvavita.

“Nulla è cambiato anche dopo l’accordo di pace; il governo federale non sta fornendo all’ospedale le medicine tanto necessarie, inclusi i reagenti di laboratorio”, ha affermato il dott. Kibrom.

Ha aggiunto che organizzazioni internazionali come la Croce Rossa e il WFP stanno fornendo forniture mediche, ma è minimo, aggiungendo che in quanto istituzione federale, l’ospedale dovrebbe essere sovvenzionato dal governo federale.

L’ospedale ha twittato lunedì chiedendo aiuto al Ministero federale della sanità e ad altre organizzazioni.

“È noto che il 60-70% delle decisioni critiche nella diagnosi e nel trattamento coinvolge dati di laboratorio quantificabili. Più di due anni dopo la guerra, l’ospedale Ayder non ha ricevuto reagenti di laboratorio”

Secondo il dott. Kibrom, la filiale dell’Etiope Pharmaceutical Supply Agency (EPSA) a Mekelle ha risposto alla richiesta dell’ospedale affermando che il governo federale non ha inviato forniture mediche.

A ottobre, il dottor Kibrom ha dichiarato ad Addis Standard che l’ospedale era sull’orlo del collasso a causa dell’esaurimento dei farmaci essenziali, della mancanza di reagenti di laboratorio e di macchinari difettosi che possono essere mantenuti solo ad Addis Abeba.

La mancanza di farmaci essenziali come medicinali chemioterapici per la cura contro il cancro, gli antibiotici e i reagenti di laboratorio persiste ancora e, considerando le sfide che l’ospedale ha dovuto affrontare durante la guerra, il governo federale dovrebbe dedicarvi un’attenzione particolare, ha affermato il dott. Kibrom.

Il ministero federale della Salute ha tuttavia affermato, in una relazione sullo stato di avanzamento pubblicata a dicembre , che i medicinali e le forniture mediche essenziali sono stati distribuiti nella regione del Tigray, comprese Mekelle e Shire.

Secondo il rapporto, farmaci anti-malaria, insulina per il trattamento del diabete, medicinali per la dialisi renale, farmaci per la tubercolosi, antipertensivi, prodotti per la pianificazione familiare tra gli altri medicinali salvavita oltre 78 milioni di birr sono stati spediti a Mekele attraverso l’Organizzazione mondiale della sanità ( OMS) e il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR).

Inoltre, il ministero ha affermato che 158,3 tonnellate di medicinali essenziali e forniture mediche sono state inviate a Mekele e alle strutture sanitarie vicine da partner internazionali e delle Nazioni Unite e che altre forniture sono state preparate dai servizi di forniture farmaceutiche etiopi.


Approfondimenti:


FONTE: https://addisstandard.com/news-tigrays-biggest-hospital-remains-short-of-medical-supply-despite-peace-deal-pleads-for-laboratory-reagents/

Lascia un commento