Salta al contenuto

L’Eritrea Risponde all’Articolo dell’Ex Inviato Speciale USA nel Corno d’Africa, Jeffrey Feltman

Lettera aperta alla rivista Foreign Affairs

30 dicembre 2022

Il 26 dicembre di questa settimana, il Foreign Affairs Magazine ha pubblicato un articolo intitolato: “La dura strada verso la pace in Etiopia”, dell’ex inviato speciale degli Stati Uniti, Jeffrey Feltman.

Nonostante il titolo fuorviante, le intenzioni implicite e trasparenti di Feltman sono di alimentare una nuova e più ampia guerra nella regione.

Questo non è sorprendente in molti modi. In effetti, quando Feltman è stato nominato inviato speciale degli Stati Uniti presso l’HOA, il suo primo e imbarazzante atto pubblico è stato quello di denigrare ed etichettare in termini molto peggiorativi i suoi potenziali ospiti: i governi e i leader di Eritrea, Etiopia e Somalia. Per lui, i vertici tripartiti tra Eritrea, Etiopia e Somalia erano architetture maligne che rappresentavano, nella sua prospettiva distorta, “una minaccia per la pace e la stabilità regionali”. Lo storico accordo di pace e amicizia tra Eritrea ed Etiopia è stato gettato nella stessa luce negativa.


Approfondimenti sull’accordo di pace Etiopia Eritrea:


Queste dichiarazioni pubbliche provocatorie non potevano essere scrollate di dosso, nemmeno allora, come gaffe diplomatiche che derivavano dalla mancanza di tatto o esperienza. Hanno illustrato, fin dall’inizio, i sinistri obiettivi della sua missione che si riducevano a resuscitare il TPLF con ogni mezzo e attraverso vari sotterfugi.

I sogni irrealizzabili di Feltman sono stati ovviamente completamente frustrati con la scomparsa del TPLF. La sua ira irrazionale è quindi diretta, in questo momento, principalmente contro l’Eritrea.

L’attuale fissazione di Feltman per l’Eritrea è, in effetti, un’ossessione borderline. Nell’articolo che avrebbe dovuto discutere del processo di pace in Etiopia, cita l’Eritrea più di trenta volte e il presidente Isaias Afeworki più di venticinque volte. Cerca volutamente di demonizzare l’Eritrea; è la leadership e la sua gente insistendo costantemente e soprannominando l’Eritrea come il “più grande potenziale spoiler”. Questo è un caso lampante di “la pentola che chiama il bollitore nero”. Nella sua storia, anche prima della sua indipendenza, l’Eritrea è sempre stata coerente e basata sui principi nella promozione della pace e della stabilità regionali; sulla costruzione di meccanismi e modalità per legami reciprocamente vantaggiosi di cooperazione economica regionale; sull’azione regionale concertata e collettiva per combattere e sradicare l’estremismo fondamentalista, ecc.


Approfondimanti sul regime eritreo:


Incapace di controllare le sue frustrazioni, Feltman vira verso atti orribili di estrema caccia alle streghe dell’Eritrea. Sostiene la “solidarietà e l’azione internazionale” per strangolare l’Eritrea. Raccomanda la “reimposizione” della sanzione illecita del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro l’Eritrea e la privazione del suo seggio sovrano presso l’HRC delle Nazioni Unite. Egli istiga i vicini dell’Eritrea nel Corno e nella più ampia regione del Medio Oriente/Golfo a rinunciare ai loro interessi naturali e ad allearsi contro questo piccolo paese. Cerca di fomentare la discordia e il conflitto tra Eritrea ed Etiopia attraverso perfide insinuazioni e congetture.

E nel frattempo, Feltman finge di ignorare le origini e le dinamiche della guerra di insurrezione e della scelta del TPLF; perché la regione è stata immersa in questo pantano in primo luogo. In tal caso, è importante sottolineare nuovamente questi fatti salienti per mettere le cose nella giusta prospettiva:

  • La feroce guerra durata quasi due anni nel nord dell’Etiopia è stata innescata solo e soltanto perché il TPLF ha lanciato attacchi militari massicci, premeditati e coordinati contro tutti i contingenti del Comando Nord nella notte del 3 novembre 2020. Il TPLF ha dispiegato 250.000 miliziani e Forze speciali che aveva addestrato nel corso degli anni per l’operazione che i suoi comandanti hanno soprannominato “blitzkrieg”.
  • Gli obiettivi dichiarati del TPLF nel lanciare la sua spericolata guerra di insurrezione erano di neutralizzare totalmente il comando settentrionale; catturare tutte le sue armi pesanti (che costituivano circa l’80% dell’ordinanza totale dell’EDF) e rovesciare il governo federale.
  • L’annullamento dello storico accordo di pace e amicizia tra Eritrea ed Etiopia e i successivi atti di continua destabilizzazione dell’Eritrea sono stati parte integrante e pronunciata della guerra di insurrezione del TPLF.
  • La guerra di insurrezione del TPLF non si è limitata ai suoi sconsiderati assalti militari nel novembre 2020. Anche quando la prima offensiva è stata sventata e sullo sfondo di successivi cessate il fuoco unilaterali e umanitari dichiarati dal governo federale, il TPLF ha persistito nella sua guerra sforzi per scatenare la seconda offensiva da giugno a settembre nel 2021 e la terza offensiva il 24 agosto di quest’anno. In tutti questi atti, il TPLF ha sequestrato e incanalato l’assistenza umanitaria ei camion del WFP per i suoi sforzi bellici; e, ha arruolato decine di migliaia di bambini soldato come carne da cannone nelle sue costose tattiche di guerra a ondate umane.

Questi fatti illustrano, al di là di ogni ombra di dubbio, che i malvagi obiettivi di Feltman sono distruggere la pace permanente e irreversibile nella nostra regione. La domanda scottante è se si tratti di una sua posizione isolata o di una posizione comune, condivisa, magari con una confezione più sottile, da altri ambienti dell’amministrazione statunitense.

Ambasciata dello Stato dell’Eritrea
Negli Stati Uniti d’America
Washington DC
30 dicembre 2022

 


FONTE: https://shabait.com/2022/12/30/open-letter-to-foreign-affairs-magazine/

Lascia un commento