Salta al contenuto

Oromia, Prove di Attacchi di Droni all’Interno di Aree Civili in Etiopia

Gli osservatori affermano che l’elogio e il sostegno americani apparentemente incondizionati potrebbero aver incoraggiato il primo ministro premio Nobel a eliminare i rivali in patria.

La mattina del 2 novembre, la città etiope di Bila, a circa 300 miglia a ovest della capitale, Addis Abeba, era in fermento mentre la gente andava a fare la spesa e si recava a scuola e al lavoro. In pochi secondi, la scena si è trasformata nel caos, quando le munizioni lanciate dai droni hanno squarciato un trafficato hub di trasporto, uccidendo dozzine di civili.

“Ho visto giovani studenti in uniforme tra i corpi”, ha detto a New Lines un testimone oculare, il cui nome è stato nascosto per motivi di sicurezza .

Mentre i feriti urlavano in agonia, gli astanti in preda al panico sono fuggiti dall’area, temendo un possibile attacco successivo, secondo due testimoni oculari. Nessuno dei due ha detto che c’erano obiettivi militari legittimi nell’area.

“Da quel giorno, le persone qui hanno persino paura della vista degli aerei nel cielo”, ha detto uno dei testimoni oculari.

Negli ultimi tre mesi, dozzine di attacchi come quello di Bila sono diventati una nuova caratteristica di un conflitto in escalation nella regione di Oromia in Etiopia, mentre il governo dispiega una flotta di droni armati per combattere quelli che dice essere ribelli armati. Decine di civili sono stati uccisi in Oromia, la più vasta regione dell’Etiopia, che ospita oltre un terzo dei 120 milioni di abitanti del paese.

I funzionari hanno tenuto la bocca chiusa sull’attacco aereo e ai giornalisti è proibito visitare città controllate dai ribelli come Bila. Eppure resoconti strazianti di ciò che è accaduto a Bila sono finiti sui social media. Un video di due minuti mostra decine di corpi sparsi lungo il ciglio della strada; un uomo si lamenta mentre gli astanti scioccati, parlando in oromo, esaminano i resti dei morti. Il video e le fotografie dell’attacco sono stati condivisi centinaia di migliaia di volte.

New Lines ha geolocalizzato le immagini in un’area centrale della città di Bila, a poche centinaia di metri dal principale terminal degli autobus della città e dal suo municipio. I dintorni catturati nel filmato sembrano coerenti con le descrizioni dei testimoni oculari dell’area colpita dal drone, inclusa la sua vicinanza a una banca e alla chiesa di San Gabriele. L’analisi della clip non ha trovato prove che fosse stata falsificata o manomessa.

 A sinistra, una delle fotografie ampiamente condivise in cui si vedono due corpi (sfocati). Un'ulteriore foto e video della stessa area sono stati utilizzati per individuare la posizione rispetto a quella vista nello screenshot di Google Earth sulla destra.
A sinistra, una delle fotografie ampiamente condivise in cui si vedono due corpi (sfocati). Un’ulteriore foto e video della stessa area sono stati utilizzati per individuare la posizione rispetto a quella vista nello screenshot di Google Earth sulla destra.

Sebbene l’Etiopia sia guidata dal primo ministro premio Nobel per la pace Abiy Ahmed, negli ultimi anni il paese è diventato sinonimo di guerra.

Il conflitto in Oromia ha preceduto la guerra civile nel Tigray

Il conflitto in Oromia ha preceduto la guerra civile nel Tigray, ma la brutalità nel Tigray ha messo in ombra la storia di Oromia. I ricercatori stimano che la guerra nel Tigray abbia provocato oltre mezzo milione di morti. Prima di un accordo di cessate il fuoco che ponesse fine ai combattimenti nel Tigray a novembre, gli esperti avevano espresso il timore che il conflitto potesse portare al genocidio.

Un anno dopo la sua nomina a primo ministro nel 2018, Abiy ha vinto il Nobel per il suo ruolo nel porre fine all’ostilità politica con la vicina Eritrea e nel rilasciare decine di migliaia di prigionieri politici. La mossa ha spinto gli Emirati Arabi Uniti a trasferire miliardi di dollari in Etiopia, che è stata a corto di valuta estera, mentre i legislatori statunitensi su entrambi i lati della navata hanno cantato le lodi di Abiy.

C’era grande attesa anche in casa per Abiy, che è Oromo. Anni di paralisi e rivolte antigovernative innescate in gran parte dai giovani manifestanti Oromo, ampiamente conosciuti come Qeeroo, avevano lasciato il paese instabile e teso.

Le rivolte avevano forzato la fine di quasi tre decenni di governo autocratico delle élite etniche del Tigray. Abiy aveva promesso agli attivisti Oromo e ai militanti armati in esilio il diritto di tornare a casa senza subire persecuzioni.

Molti hanno accettato l’offerta, compresi i leader dell’Oromo Liberation Front (OLF), che è stata depenalizzata come organizzazione. Nonostante l’accoglienza da eroe nella capitale etiope per il ritorno dei leader e dei combattenti dell’OLF nell’agosto 2018, i colloqui mirati al disarmo e alla reintegrazione dell’OLF come partito politico alla fine hanno raggiunto un vicolo cieco.

All’inizio del 2019, l’ala armata dell’OLF aveva interrotto i legami con la sua leadership politica e aveva ripreso a combattere sotto il nome di Oromo Liberation Army (OLA), con il comandante militare Jaal Marroo come leader. In risposta, Abiy ha lanciato un’offensiva contro l’OLA.

L’ex peacekeeper delle Nazioni Unite iniziò gradualmente a tornare indietro su alcune delle sue riforme più apprezzate. Dall’inizio del 2020, la repressione della stampa indipendente e dell’opposizione politica dell’Etiopia ha portato migliaia di persone dietro le sbarre.

Gli osservatori hanno suggerito che l’elogio e il sostegno americani apparentemente incondizionati potrebbero aver incoraggiato Abiy a eliminare i rivali in casa. Avendo dispiegato i suoi militari per reprimere le rivolte armate in più zone di guerra in tutto il paese, le forze di Abiy hanno compiuto numerose atrocità, tra cui la pulizia etnica e lo stupro armato, con alcuni esperti che hanno espresso il timore che i crimini commessi dalle sue truppe nel Tigray possano costituire un genocidio.

È molto diverso da quanto previsto dal premio Nobel. Dal 2019, i crimini di guerra hanno portato l’Etiopia a subire un congelamento del bilancio dell’Unione europea e la sua rimozione da un lucroso trattato commerciale americano.

Nel Tigray, i combattimenti si sono notevolmente attenuati dopo il cessate il fuoco di novembre. Ma le cose si stanno solo intensificando in Oromia, sede dei combattenti ribelli dell’OLA. Negli ultimi mesi, l’arma preferita di Abiy nell’affrontare l’insurrezione è stato il drone armato.

Acquistato a buon mercato da Iran, Emirati Arabi Uniti e Turchia nel 2021, l’arsenale di aerei senza pilota dell’Etiopia ha ucciso oltre un centinaio di civili nel Tigray durante due settimane nel gennaio di quest’anno, di cui almeno 50 in un campo per sfollati. Ora schierati ancora una volta, i droni hanno esacerbato le sofferenze umane in tutta Oromia, una regione anch’essa devastata dalla siccità e dalla violenza comunitaria.

Inizialmente un’insurrezione su scala minore, i combattimenti in Oromia si sono trasformati negli ultimi tre anni in una guerra di logoramento che ha visto ripetutamente passare di mano atrocità, sfollamento di massa di civili e controllo del territorio. Si stima che migliaia, se non decine di migliaia, abbiano perso la vita.

Impantanati dai combattimenti nel nord dell’Etiopia, le forze governative hanno fatto pochi progressi nell’ovest del paese. Il lancio di una tanto pubblicizzata offensiva “finale” da parte dell’esercito etiope all’inizio di quest’anno non è riuscito a far capitolare i ribelli. Il mese scorso, secondo quanto riferito, i combattenti dell’OLA hanno catturato altre due città nell’Etiopia occidentale, tra cui Mendi, dove hanno saccheggiato banche e rapito funzionari amministrativi.

Sebbene l’aviazione etiope affermi che i suoi bombardamenti su sospette roccaforti dell’OLA hanno avuto luogo dal 2019, fino a poco tempo fa erano relativamente rari. Una recente proliferazione della tecnologia dei droni ha portato a un notevole aumento degli attacchi aerei.

A ottobre, l’Etiopia ha iniziato a intensificare la sua campagna aerea prendendo di mira parti dell’Oromia controllate dai ribelli con attacchi di droni, in risposta all’avanzata dell’OLA nel distretto di Shewa occidentale della regione. Sono i civili, tuttavia, che hanno sopportato il peso maggiore delle vittime legate agli attacchi aerei.

Il 22 ottobre, un attacco di droni ha preso di mira un raduno pubblico in un complesso scolastico fuori dalla città di Ch’obi, 90 miglia a nord-ovest di Addis Abeba. I sopravvissuti lo descrivono come un massacro di civili disarmati.

“Questo è sconveniente: donne, bambini e anziani fino a 80 anni sono morti senza una ragione apparente”, ha detto Gutu Deressa, un testimone oculare della carneficina raggiunto una settimana dopo l’attacco. (I nomi di Deressa e di altri testimoni sono stati cambiati per proteggere le loro identità.)

“Finora abbiamo registrato la morte di 86 persone, ma molti sono rimasti feriti e sospetto che il numero sia più alto”.

 Si dice che le immagini diffuse dagli attivisti dell'OLA e di Oromo mostrino i componenti del drone che ha ucciso 86 persone riunite in un villaggio fuori dalla città di Ch'obi il 22 ottobre, secondo i resoconti dei testimoni oculari.
Si dice che le immagini diffuse dagli attivisti dell’OLA e di Oromo mostrino i componenti del drone che ha ucciso 86 persone riunite in un villaggio fuori dalla città di Ch’obi il 22 ottobre, secondo i resoconti dei testimoni oculari.

Gemechu Abdissa, 64 anni, che risiede in una comunità agricola della zona, ha spiegato a New Lines che, il giorno dell’attacco aereo, gli anziani avevano convocato una riunione della comunità per discutere del deterioramento della sicurezza e dei problemi economici.

“Intorno alle 11, i droni hanno iniziato a sorvolarci. Poi le bombe hanno cominciato a esplodere”, ha ricordato Gemechu. “Le persone spaventate hanno iniziato a correre in direzioni diverse, alla disperata ricerca di un riparo di qualsiasi tipo; alcuni si nascondono sotto gli alberi. È stato molto più tardi, molto tempo dopo che le cose si erano calmate, che la gente è tornata per cercare i dispersi e identificare i morti”.

“Abbiamo curato dozzine di civili… compresi alcuni che in seguito sono morti per le ferite riportate”, ha detto un operatore sanitario in una clinica di Ch’obi, che ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza.

“La nostra clinica ha ricevuto da 15 a 20 corpi morti e mutilati”, ha detto l’operatore sanitario, aggiungendo che le vittime hanno riportato ferite comprese ustioni e lacerazioni dovute alle esplosioni.

I funzionari dell’ufficio di sicurezza regionale di Oromia non hanno risposto alle richieste di commento. Finora i funzionari governativi non hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche sul recente aumento dell’attività dei droni in Oromia.

Dall’attacco del 22 ottobre a Ch’obi, sono stati segnalati circa una dozzina di altri attacchi mortali di droni, incluso uno il 9 novembre nella città di Mendi. I residenti raggiunti da New Lines hanno confermato che mentre la serie di attacchi aerei all’inizio di novembre ha coinciso con un’impennata dei combattimenti tra ribelli e forze governative, tra le vittime c’erano bambini che tornavano a casa da scuola.

Secondo il principale partito di opposizione politica della regione, l’Oromo Federalist Congress, tra il 19 e il 23 ottobre centinaia di persone sono morte in quattro diversi attacchi di droni su città e villaggi controllati dai ribelli. periodo di tempo, la BBC ha fissato il bilancio delle vittime a 70.

Una devastante siccità che ha devastato i raccolti in tutta l’Africa orientale ha esacerbato la situazione nella regione. Il Programma alimentare mondiale stima che la siccità abbia lasciato 10 milioni di persone nell’Etiopia occidentale e meridionale bisognose di aiuti alimentari di emergenza. Ad agosto, l’OLA ha proposto un cessate il fuoco a livello regionale per consentire alle agenzie umanitarie di fornire assistenza alimentare alle popolazioni colpite dalla siccità. Il governo non ha risposto all’offerta.

La scarsità di cibo e la violenza in tutta Oromia hanno contribuito al triste record mondiale dell’Etiopia di 5,1 milioni di sfollati interni in un solo anno solare (2021).

La caccia all’uomo dell’esercito etiope per Jaal Marroo e il suo tentativo di pacificare la regione hanno portato alla morte di decine di persone sospettate di affiliazione o simpatia per l’OLA. Entro il 2020, Amnesty International aveva accusato le truppe etiopi e la polizia speciale di Oromia, una forza paramilitare regionale finanziata dal governo, di normalizzare la detenzione di massa, le uccisioni extragiudiziali e la tortura.

“Il prendere di mira i civili nei bombardamenti aerei evidenzia il tipo di tattiche di guerra che il regime [etiope] ha scelto di perseguire”, ha affermato Etana Habte, analista di affari etiopi e assistente professore di storia alla James Madison University in Virginia.

“Poiché l’OLA si è impegnata nella guerriglia e le forze governative non sono ancora state in grado di sconfiggerli, [l’esercito etiope] è apparentemente convinto che colpire la popolazione civile, percepita come sostenitrice e ospite dell’OLA, sia l’approccio migliore. ”

Da parte sua, i ribelli dell’OLA sono stati accusati di una serie di rapimenti e omicidi di funzionari locali, nonché della pianificazione e dell’esecuzione di massacri della minoranza etnica Amhara della regione. Uno dei più noti è avvenuto il 18 giugno di quest’anno, quando sono stati uccisi oltre 300 civili.

Sia l’OLA che il governo etiope negano il coinvolgimento in qualsiasi atrocità, incolpandosi a vicenda quando emergono notizie di uccisioni di massa.

Negli ultimi mesi, le segnalazioni di milizie irregolari provenienti dai vicini Amhara che saccheggiano le città di Oromia e uccidono i residenti sono aumentate con una frequenza allarmante. La Commissione etiope per i diritti umani, sostenuta dallo stato, ha accusato i militanti di aver effettuato raid transfrontalieri che hanno ucciso decine e sfollato fino a 20.000 persone alla fine di agosto. La gente del posto, nel frattempo, afferma che i militanti sono membri di “Fano”, un gruppo di milizie di etnia Amhara che ha precedentemente combattuto a fianco dell’esercito etiope.

Almeno 700.000 persone recentemente sfollate dalle loro case in alcune parti della regione dell’Oromia hanno bisogno di assistenza alimentare, secondo un rapporto dell’UNOCHA pubblicato a novembre, che ha citato “le ostilità in corso nell’Oromia occidentale” come causa dell’esodo.

La verifica delle rivendicazioni e delle domande riconvenzionali di Oromia è spesso complessa, poiché l’insicurezza, le interruzioni delle comunicazioni e le chiusure stradali indotte dalla guerra rendono inaccessibile gran parte della regione. Ai giornalisti è vietato recarsi nelle aree controllate dai ribelli e sono stati puniti per averlo fatto.

Come per la guerra nel Tigray, i giornalisti hanno fatto affidamento su immagini satellitari e filmati trapelati dalla regione per portare alla luce i fatti sulle accuse.

Il filmato geolocalizzato del massacro di Bila è servito a corroborare le crescenti affermazioni degli attivisti per i diritti di Oromo secondo cui anche gli operatori di droni hanno preso di mira indiscriminatamente aree urbane densamente popolate.

“I droni dovrebbero prendere di mira operazioni militari, convogli o strutture di addestramento. Quello di Bila ha preso di mira assolutamente i civili”, ha detto Samuel Bekele, un attivista per i diritti di Oromo e figlio dell’importante politico del partito di opposizione Bekele Gerba, che proviene da Bila.

“Il fatto che sia atterrato vicino a una stazione degli autobus la dice lunga su chi fossero gli obiettivi. Devi essere molto attento a condurre operazioni a terra, figuriamoci da droni senza pilota a migliaia di piedi dal suolo.

Nel frattempo, sono emerse immagini di ciò che il portavoce dell’OLA Odaa Tarbii sostiene essere parti di un drone bomba turco utilizzato nell’attacco di Ch’obi del 22 ottobre. New Lines non ha potuto verificare in modo indipendente l’autenticità delle immagini, ma le ha mostrate ad Amelia Smith, analista della difesa statunitense ed esperta di droni militari, che ha affermato che sembravano mostrare le alette di coda di un MAM-L, un MAM-L di fabbricazione turca a guida laser. bomba.

Smith ha spiegato che i MAM-L sono capaci di una notevole precisione – atterrando entro 45 piedi dal loro bersaglio bloccato – il che renderebbe piccola la probabilità che un colpo sbagliato colpisca bersagli non intenzionali. “È improbabile che un attacco del genere manchi l’obiettivo prefissato e colpisca una folla”, ha detto.

Billene Seyoum, un portavoce di Abiy, non ha risposto a una richiesta via e-mail di commento sulla valutazione e sulle prove di Smith di un attacco di droni contro i civili a Bila.

Mentre le zone di Oromia si avvicinano al quarto anniversario di guerra, i droni potrebbero rivelarsi tragicamente un metodo molto più conveniente per garantire che il massacro continui senza sosta. Per le comunità che si avviano verso il nuovo anno, tagliate fuori da un mondo sempre più abituato alla sofferenza umana lontano dalle coste occidentali, le prospettive appaiono cupe.


Autori:

  • Zecharias Zelalem, giornalista freelance con un focus sul Corno d’Africa e l’Etiopia in particolare
  • Bileh Jelan, giornalista freelance che si occupa di Etiopia, Corno d’Africa e Medio Oriente

FONTE: https://newlinesmag.com/reportage/evidence-of-drone-strikes-against-civilian-areas-in-ethiopia/

Lascia un commento