Salta al contenuto

Etiopia: Tigray dopo l’accordo di pace

Mekele, la capitale del Tigray, è in rovina economica e gli abitanti sono afflitti dalla fame e dalle malattie. Il recente accordo di pace firmato dal governo federale e dai ribelli del Tigray ha portato speranza.

Prima che la guerra arrivasse nel Tigray , era un rito salutare il mattino alzando lo sguardo verso il cielo azzurro perenne sopra questa provincia settentrionale dell’Etiopia .

Il dottor Kibrom Gebreselassie, direttore generale dell’Ayder Referral Hospital nella capitale Mekele, non ha potuto farlo per due anni.

“Quando uscivi di casa, la prima cosa che facevi era guardare il cielo”, ha detto a DW.

L’ ospedale ha lottato per fornire anche l’assistenza sanitaria di base ai pazienti , ha detto Kibrom.

“Un bel cielo limpido significava morte perché ci aspettavamo droni quel giorno.”

Pazienti all'Ayder Referral Hospital di Mekele, Tigray, nel luglio 2021
Pazienti all’Ayder Referral Hospital di Mekele, Tigray, nel luglio 2021

Residenti segnati e spaventati

Per i medici oberati di lavoro presso la struttura a corto di personale, dice il dottor Kibrom Gebresilase, cieli sereni significavano “loro [l’esercito federale] bombarderanno Mekele e più persone moriranno, rimarranno traumatizzate”.

L’ accordo di pace raggiunto tra il governo federale dell’Etiopia e il Tigray People’s Liberation Front (TPLF) in Sud Africa il 2 novembre 2022, e la successiva tabella di marcia concordata tra i vertici militari delle due parti in Kenya , hanno portato speranza nel Tigray.

I residenti che hanno subito violenze per mano delle forze federali etiopi, dell’esercito eritreo e delle milizie amhara, tuttavia, sono segnati e spaventati.

Il Consiglio delle organizzazioni della società civile dell'Etiopia ha chiesto la piena attuazione dell'accordo di pace
Il Consiglio delle organizzazioni della società civile dell’Etiopia ha chiesto la piena attuazione dell’accordo di pace

“La pace è una precondizione per tutto”

Le linee di comunicazione sono ancora interrotte a Mekele, dove vive il funzionario Solomon Tsige, e nel resto della regione. Solomon ha detto che non riceve uno stipendio da due anni a causa della guerra.

“La pace è una precondizione per tutto”, ha detto a DW. “Sono contento dell’accordo di pace. Ora speriamo di poter riprendere le attività economiche, ristabilire banche, trasporti e altri servizi a beneficio della popolazione”.

Il comandante in capo delle forze di difesa del Tigray (TDF), il generale Tadesse Werede, ha parlato ai giornalisti a Mekele dell’accordo di pace per la prima volta questa settimana. Nelle sue parole, l’accordo è un “percorso per una pace duratura”

Venerdì il Programma alimentare mondiale (WFP) ha affermato che le consegne di aiuti nel Tigray “non soddisfano i bisogni” della regione colpita, anche se un cessate il fuoco prende piede nell’Etiopia settentrionale dilaniata dalla guerra.

Il ripristino delle consegne di aiuti al Tigray è stata una parte fondamentale dell’accordo di pace. Il WFP ha affermato che tutti e quattro i corridoi stradali nel Tigray sono stati riaperti dopo il cessate il fuoco e che i voli umanitari stavano volando verso le principali città.

“Tuttavia, le consegne di assistenza all’interno del Tigray non corrispondono alle esigenze e il WFP ei suoi partner cooperanti hanno urgente bisogno di accedere a tutte le parti della regione”, secondo una dichiarazione dell’agenzia delle Nazioni Unite

Nessun trasporto, internet o servizi bancari

Un gruppo di 72 organizzazioni non governative (ONG) indipendenti con sede nel Tigray sostiene l’accordo di pace tra il governo federale e il TPLF. L’accordo aiuterebbe le vittime della guerra ad accedere agli aiuti umanitari e all’assistenza sanitaria, ha affermato il Consorzio della società civile del Tigray.

“Ci aspettiamo che le due parti mantengano la loro promessa. La nostra gente ha vissuto nel dolore per più di due anni. Crediamo che le divergenze politiche debbano essere risolte attorno a un tavolo. Raggiungere un accordo è una cosa, ma l’accordo dovrebbe essere attuato”, afferma il consorzio. Il direttore esecutivo, Yared Berhe, ha detto ai giornalisti nel Tigray.

“Per quanto riguarda il loro accordo di pace, devono lavorare per la pace, dovrebbero permettere alle persone di vivere in pace”.

Daniel Mekonnen, vice capo della Tigray Investment Commission, ha affermato che uno dei primi passi necessari una volta attuata la pace sarà la ricostruzione delle infrastrutture e delle imprese.

“Non c’è trasporto aereo. Quegli investitori che stavano esportando i loro prodotti e le fabbriche del Tigray Endowment Fund, come Addis Pharmaceuticals e Adwa Textiles, hanno bisogno di trasporto. Molte fabbriche stavano esportando i loro prodotti in diverse parti del mondo”, ha detto a DW .

“Ora è impossibile senza connessioni Internet e le imprese hanno bisogno di servizi bancari. Quelle fabbriche che hanno beneficiato di prestiti bancari sono ora distrutte. Quindi hanno bisogno di un sostegno politico speciale”.

A cura di: Benita van Eyssen


FONTE: https://www.dw.com/en/ethiopia-tigray-after-the-peace-deal/a-63888708

Lascia un commento