Salta al contenuto

Etiopia, Il Museo dell’Olocausto avverte dell’aumento del rischio di genocidio e delle atrocità di massa in Tigray

Il Museo commemorativo dell’Olocausto degli Stati Uniti è profondamente preoccupato per ulteriori crimini contro l’umanità e per un accresciuto rischio di genocidio nella regione del Tigray in Etiopia. La situazione è peggiorata esponenzialmente quando le forze di sicurezza etiopi, supportate dalle forze eritree e dalle forze speciali di Amhara, hanno sequestrato città e paesi chiave mettendo in pericolo i vulnerabili civili del Tigrino.

Come abbiamo avvertito un anno fa, “sono presenti molteplici segnali di avvertimento di un potenziale genocidio contro il popolo del Tigray: segnalazioni di massacri e altre uccisioni mirate di civili tigrini, disumanizzazione e incitamento all’odio, amplificati sui social media, che incoraggiano la violenza contro i membri del gruppo, arresti di massa e detenzioni arbitrarie e possibili punizioni collettive sotto forma di carestia provocata dall’uomo nella regione del Tigray”. Questi rischi sono solo cresciuti e il nostro progetto di allerta precoce ha costantemente classificato l’Etiopia come uno dei primi dieci paesi al mondo a più alto rischio per una nuova insorgenza di uccisioni di massa.

“Le notizie sui colloqui di pace sono un passo positivo, ma è fondamentale ricordare che spesso continuano a essere perpetrate atrocità di massa mentre i negoziati sono in corso. Allo stesso modo, spesso non si riesce a riconoscere che l’invocazione di “combattere una guerra civile” è usata dagli attori per nascondere intenzioni e azioni persecutorie. Sebbene l’attenzione dei responsabili politici sia stata altrove, si dice che quasi mezzo milione di persone siano state uccise o morte a causa della fame forzata. Le donne e le ragazze del Tigri hanno subito violenze sessuali diffuse, tra cui stupri, stupri di gruppo e mutilazioni sessuali”, ha affermato Naomi Kikoler, direttrice del Centro Simon Skjodt per la prevenzione del genocidio dello United States Holocaust Memorial Museum.

Il targeting di base etnica e la commissione di atrocità di massa sono state una strategia intenzionale delle parti del conflitto tra i governi etiope e regionale del Tigrino e i loro alleati iniziato nel novembre 2020. Negli ultimi due anni sono stati perpetrati crimini contro l’umanità e crimini di guerra con impunità. Questi crimini includono omicidio, stupro, violenza sessuale, persecuzione e altri atti disumani. Vi sono prove crescenti di schiavitù sessuale e gravidanza forzata.

Le parti in conflitto devono cessare immediatamente di prendere di mira i civili e cercare una soluzione al conflitto. È necessario compiere ogni sforzo per ridurre la capacità e imporre costi a coloro che commettono atrocità di massa. Ciò include le società di social media, che devono fermare l’incitamento alla violenza e la demonizzazione delle comunità sulle loro piattaforme. È necessario fornire supporto per indagare e documentare i crimini come parte dell’impegno a ritagliarsi un percorso verso la responsabilità per gli autori e la giustizia per le vittime e i sopravvissuti. La commissione di questi crimini di atrocità di massa e l’incapacità di prevenirli o proteggere i civili finora è una macchia sulla nostra coscienza umana.

Un’istituzione federale apartitica, lo United States Holocaust Memorial Museum è il memoriale nazionale americano alle vittime dell’Olocausto dedicato a garantire la permanenza della memoria, della comprensione e della rilevanza dell’Olocausto. Attraverso il potere della storia dell’Olocausto, il Museo sfida i leader e le persone in tutto il mondo a pensare in modo critico al loro ruolo nella società e ad affrontare l’antisemitismo e altre forme di odio, prevenire il genocidio e promuovere la dignità umana. Per ulteriori informazioni, visitare: ushmm.org/ethiopia


FONTE: https://www.ushmm.org/information/press/press-releases/museum-warns-of-heightened-risk-of-genocide-mass-atrocities-in-ethiopia

Lascia un commento